E88CC

Ma se in fase di mastering usano apparechi e cavi normali, come fa l'hi-end a migliorare un segnale?

Messaggi raccomandati

E88CC

...diciamo cavi buoni, ma non hiend, convertitori buoni ma non hiend, e quindi un qualcosa nella bontà del segnale puó andar perso, come fanno gli apparecchi ultra hi-end a ricreare qualcosa gia perduto alla fonte?

 

Di studi ne ho girati, ho visto cavi Proel, Klotz, Reference, qualche Apogee Wyde Eye, ma niente che costi più di pochi euro.

Ho visto convertitori Apogee, RME, Lavry, etc, spesso con alimentazioni switching e cavi di alimentazione da 1mmq, a volte anche meno.

 

Al limite si puó sentire con la stessa qualità degli apparecchi usati in fase di recording e di mastering in studio, non credo che gli apparati hiend ricostruiscano il segnale, tantomeno che possano migliorarlo, se un qualcosa non c'è non c'è, o no?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lamberto7276

@E88CC magari fossero i cavi e i convertitori in fase di mastering  ad essere mediocri , per quanto riguarda la discografia diciamo commerciale e proprio la superficialità di come fanno e dove fanno le registrazioni, l'ultimo dei problemi che si pongono e proprio  la qualità tecnica dei master che stanno facendo,  lo dimostra il fatto che applicano una  compressione dinamica assurda  sui  dischi . Poi ci sono le piccole etichette audiofile  tipo la fone ,be li   invece il discorso cambia radicalmente , mentre scrivo sto ascoltando Petra magoni e Ferruccio Spinetti  (little wonder) su vinile fone  un altro mondo  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@Cano 

Quindi mi stai dicendo che posso registrare con una Soundblaster che non fa differenza, l'importante è ascoltare al meglio il file che ottengo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
1 minuto fa, E88CC ha scritto:

Quindi mi stai dicendo che posso registrare con una Soundblaster che non fa differenza

Certo che fa differenza 

Ma che ci puoi fare? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

@E88CC tieni conto che ad ogni passaggio qualcosa perdi 

Lo scopo è quello di perdere il meno possibile 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@Cano 

Appunto, nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC
5 minuti fa, Cano ha scritto:

 il problema è un altro 

Quello che viene fatto in studio non ha alcuna importanza 

L'importante è far suonare al meglio quello che c'è sul disco 

E se sul disco c'è poco? L'impianto "di livello" lo migliora?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
Adesso, E88CC ha scritto:

se sul disco c'è poco? L'impianto "di livello" lo migliora?

No...però lo peggiora meno 

Poi può anche essere che evidenzi maggiormente i difetti...se proprio è uno schifo 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@Cano 

Insomma volevo capire se è come avere una Ferrari 458 Scuderia e metterci acqua mista a benzina nel serbatoio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magicaroma

Mah, io mi contenterei di capire il senso di certi thread

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@magicaroma 

Non è difficile, trattasi di domanda.

Prova a rileggere...

Oppure prova ad ascoltare gli U2 con un impianto da 100000 euro e dimmi se si sentono meglio che con uno da 4000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano

@E88CC ti poni problemi inutili 

Lo scopo deve essere quello di riprodurre al meglio quello che hai 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo
1 minuto fa, E88CC ha scritto:

Oppure prova ad ascoltare gli U2 con un impianto da 100000 euro e dimmi se si sentono meglio che con uno da 4000

gli u2 si sentono male comunque, sembrano registrati con i piedi, qualcosa di più comlso e senti la differena tra un impianto da 4000 e uno da 10.000

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cano
2 minuti fa, E88CC ha scritto:

Oppure prova ad ascoltare gli U2 con un impianto da 100000 euro e dimmi se si sentono meglio che con uno da 4000

Gli impianti da 100k euro non suonano tutti uguali 

Se ascoltassi gli u2 con un sistema atc attivo come le atc scm300 forse ti renderesti conto che gli u2 prima non li avevi mai ascoltati davvero 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@cactus_atomo 

Quindi con certi impianti si è "limitati" ad ascoltare solo un certo tipo di software...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ClasseA

@E88CC 

Credo che ci sia proprio un errore nel quesito del thread.

Non si tratta di migliorare ma di conservare un segnale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@ClasseA 

Che se gia scarso di suo sempre scarso sarà...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

@E88CC non mettermi in bocca quello che non ho detto. c'è musica registrata oggettivamente male, che potrà suonare "meno peggio" ma mai davvero bene, c'è musica registrata bene che viene valorizzata se ascoltata su un impianto adeguato. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magicaroma

@E88CC boh, a me non sembra una domanda da appassionato di riproduzione audio; mi sembra più una cosa del tipo “ma se ci sono chilometri di filo elettrico dalla centrale al contatore, come fa un impianto a suonare meglio con un cavo di alimentazione aiende?”

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Jazzlover

Quello che è registrato male, si ascolta male e un impianto da 100K non lo migliora, anzi, più l'impianto è di qualità, più i difetti della registrazione saranno evidenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@magicaroma 

be' se senti differenze trattasi di equalizzazione, o no?

Che piaccia o meno è cosi, no?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ClasseA

@E88CC 

Che ci siano registrazioni più o meno riuscite mi sembra abbastanza chiaro ( anche se quelle cosiddette inascoltabili a mio avviso non esistono). È altrettanto chiaro però che molte registrazioni considerate non buone su di un impianto, ascoltate su altro impianto diventano molto gradevoli. Evidentemente perché trattasi di impianto migliore. Molto spesso il problema non risiede nella registrazione ma nell'impianto che la riproduce! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ClasseA
4 minuti fa, Jazzlover ha scritto:

più l'impianto è di qualità, più i difetti della registrazione saranno evidenti.

 Ecco questo per me è un luogo comune erroneo dell'hifi. Un buon impianto non dovrebbe evidenziare i difetti. Un impianto non è un microscopio!

Di solito quello che dici succede quando c'è un modo innaturale ed eccessivo di porgere il dettaglio, con la musicalità che va a farsi benedire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
1 ora fa, E88CC ha scritto:

diciamo cavi buoni, ma non hiend, convertitori buoni ma non hiend

...ma perché, quelli hiend non sono buoni?

Cioè, non solo costano un botto ma neppure sono buoni?

Se è così, basta evitarli e il possibile problema è risolto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

@ClasseA 

Allora mi piacerebbe capire come mai alle fiere e nei negozi si ascolta sempre e solo la solita musica.

Solite etichette soliti artisti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxnalesso

In linea di massima il quesito ha una sua logica,  ovvero come fa un impianto a "riprodurre" meglio di quanto si ha registrato ...

Ma se parti da un assunto diverso,  il discorso cambia,  ovvero:  registrare e riprodurre sono 2 "eventi" diversi e non così strettamente correlati a livello di qualità.

Un solo esempio:  se registro la mia voce anche con un walkman da 4 soldi, e poi la riproduco con un walkman,  con un impiantino ht da 1000 euro,  con un megaimpianto ad alta efficienza,  otterrò 3 risultati completamente diversi,  ed io sentirò più veritiera la voce dell'ultimo impianto.

Spero di aver fatto capire il mio punto di vista

Ciao, Max

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
E88CC

Come sulle rimasterizzazioni di certi SACD Audiphile, ammesso che si sia riusciti a reperire il master(cosa assai difficile) come fanno a migliorare una registrazione di 40 anni fa?

Trattasi di riequalizzazione...se un qualcosa non c'è  non lo si puó creare, altrimenti sarebbe un artefatto...sbaglio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ClasseA
4 minuti fa, E88CC ha scritto:

ascolta sempre e solo la solita musica.

Solite etichette soliti artisti...

Su questo ti do ragione.

È chiaro che messaggi semplici, ad es. una chitarra e un tamburello sono molto più facili da riprodurre rispetto ad un concerto per pianoforte e orchestra.

Sono politiche sbagliate di chi cura l'allestimento delle salette. Ma di per sé non dimostra niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
extermination
16 minuti fa, maxnalesso ha scritto:

Un solo esempio:  se registro la mia voce

...parti " male"!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

  • Statistiche forum

    290.403
    Discussioni Totali
    6.195.325
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us