Brando88

Nick Drake

Messaggi raccomandati

andpi65
33 minuti fa, Morenik ha scritto:

Mi ricorda Sixto "Sugar Man" Rodriguez,

In cosa te lo ricorda?  a parte il fatto che sia stato rivalutato post mortem...o quasi post morten ? 

perché da parte mia, pur conoscendo Sixto, di analogie con Nick Drake, musicalmente parlando , di altre non ne trovo davvero.

Cosi come  @folkman non eticchetterei Nick Drake come folk inglese.  Mi piacciono sia i Pentangle( soprattutto quando mischiano folk e jazz)  che i loro due chitarristi che hai citato ( direi  più J. Renbourn) ma siamo anni luce distanti da Nick Drake e dalle sue sonorità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Brando88

Sarebbe interessante capire per meglio inquandrare la persona se la morte sia avvenuta per caso, per errore o se sia stato un suicidio.

Questa cosa non è chiara perché ad esempio non è stato reso conto il responso dell'autopsia.

L'antidepressivo usato  (l'amitriptilina)  anche in scheda tecnica non riporta rischio di morte ma se assunta ad alte dosi può dare effetti cardiovascolari seri.

Infatti il corpo è stato ritrovato riverso sul letto in posizione fetale quasi a proteggersi  da un sopraggiunto problema cardiaco (infarto?).

Il suo vecchio produttore propendeva per un errore di dosaggio mentre la sorella è più propensa all'ipotesi di suicidio.

Fatto sta che la sua morte è avvenuta in un periodo di profonda crisi esitenziale in cui aveva chiuso con il mondo e con la sua amata chitarra.

Si era dato ormai per vinto dalle difficoltà della vita.

Forse un po' di colpa l'hanno avuta anche i genitori che lo hanno sempre assecondato e non sono riusciti a scuoterlo dal baratro in cui era sprofondato.

La sua morte è stata una grandissima perdita e da quello che ho capito non c'è un altro cantante con le sue caratteritiche e le sue  qualità.

La sua musica ha un non so che di magico che ti cattura e ti porta lontano con la mente.

Nick sei stato un grande e non dovevi andare via così presto....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
minollo63

Nick era un animo gentile e sensibile, fin troppo. E se questo è stato senza dubbio fondamentale per la sua produzione musicale allo stesso tempo è stato anche un po' il suo limite, in quanto si è venuto a trovare in una situazione troppo grande per lui e alla fine ne è rimasto schiacciato, senza riuscire a reagire in modo appropriato.

Probabilmente se fosse vissuto ai giorni nostri avrebbe trovato un maggior aiuto dall'esterno, ma forse non avrebbe mai scritto certi capolavori (imho).

ciao

Stefano R.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@andpi65 

La musica purtroppo è etichettata nick 

è un cantautore inglese non tipicamente 

folk inglese come per esempio Nic  jones 

ma le radici sono quelle con una fortissima vena malinconica e intimista 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@spersanti276 

Personalmente a me i Beatles non mi piacciono ma è innegabile la loro influenza

a livello mondiale come non si può certo 

paragonare Drake a Bob Dylan che ha contribuito a formare milioni di cantautori

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@minollo63 sono d’accordo con quello che hai scritto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pippo63

io l'ho scoperto casualmente,avevo da poco preso un lettore SACD e a parte la solita classica non c'era in giro un granchè,per cui ho comprato A treasury,non ho ascoltato altro per mesi me ne sono perdutamente innamorato e ho recuperato l'intera discografia tra cui il meraviglioso Pink Moon in vinile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Morenik
14 ore fa, andpi65 ha scritto:

In cosa te lo ricorda?

Due geni incompresi nel loro tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andpi65

@Morenik 👍

La cosa "buffa" di Sixto è che pur essendo passato inosservato in patria conteporaneamente, ed a sua totale insaputa, aveva un nutrito seguito di fans in Sudafrica !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

@Brando88 

Il 6/12/2018 Alle 00:04, Brando88 ha scritto:

Sarebbe interessante capire perché all'epoca non ha sfondato nonostante fosse considerato un genio.

Purtroppo l' essere considerato un genio non è garanzia di successo, fama, soldi e di celebrità , sono decine, forse centinaia, i gruppi o gli autori che non hanno sfondato, nel suo ambito come nel Jazz e in altri generi musicali, anzi, lui ha pubblicato 3 lavori, alcuni musicisti non hanno superato il primo lavoro o neppure quello, e sono scomparsi nel nulla . . . Diciamo che lui, con il suo carattere introverso, la sua difficoltà a rapportarsi con tutti e la quasi impossibilità a salire su un palco, ha avuto problematiche differenti da altri musicisti, e tutto ciò lo ha portato verso l' annichilimento e l 'autodistruzione. 

Altri musicisti sono riusciti a uscire da simili baratri, hanno cambiato vita o si sono riciclati in altri gruppi o situazioni, lui ha subito le sue fragilità che non gli hanno permesso di mantenere un corretto contatto con la realtà , peccato perché alcune sue canzoni sono perle di semplicità e di contemporanea stratificazione musicale . . 

saluti , Dario 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Morenik
9 minuti fa, meridian ha scritto:

Purtroppo l' essere considerato un genio non è garanzia di successo...

Probabilmente pure essi stessi avevano incompreso il loro tempo, poco abili a vendersi, come odiosamente si dice ( ma si fa)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Victrix

@meridian Non minimizzare, ascolta questa da Pink Moon il suo 3º ultimo lavoro.

Per me un fuoriclasse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andpi65
3 ore fa, meridian ha scritto:

Purtroppo l' essere considerato un genio non è garanzia di successo, fama, soldi e di celebrità , sono decine, forse centinaia, i gruppi o gli autori che non hanno sfondato, nel suo ambito come nel Jazz e in altri generi musicali, anzi, lui ha pubblicato 3 lavori, alcuni musicisti non hanno superato il primo lavoro o neppure quello, e sono scomparsi nel nulla . . .

Parole che condivido!

Al punto che penso proprio ci aprirò un 3ad.

Son curioso, di legger lì quelli che ritieni i tuoi "beautiful loner"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

@Victrix 

1 ora fa, Victrix ha scritto:

Non minimizzare

Non era mia intenzione minimizzare, ho i suoi lavori, ho passato un periodo di dipendenza da Drake circa 12-15 anni fa, come molti sono stato folgorato, ma poi scopri altro, musica che ti colpisce di più e che senti più nelle tue corde, senza nulla togliere, brani di qualità , ma non è la complessità il suo punto di forza, e non deve neppure esserlo, ma come detto la musica con cui mi confronto deve essere di altro impatto, energia e complessità, anche se ribadisco che ciò che fa, anzi ha fatto, e fin dove arriva, lo fa bene . . . !!!

saluti , Dario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rimini
On 12/6/2018 at 8:10 PM, folkman said:

se volete proseguire cercate Nic jones , Bert jansch , John Renbourn

Grazie per questi preziosi nomi, potresti indicare qualche album specifico di ogni autore? 

Mi piace molto il folk ed ho avuto la fortuna di conoscere Nick Drake molto presto, alla fine dei '70, grazie ad un amico più grande, appassionato di musica che già lo conosceva e suonava e cantava le sue canzoni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@Rimini

Ciao Rimini , volentieri anche io ho conosciuti nick a metà anni 70 con il disco 

Pink Moon per me è il migliore sicuramente il più semplice e intimista 

Di Bert jansch posso dirti di iniziare con 

il primo omonimo è il secondo Don’t brother me andando più avanti Birthday blues più avanti Avocet è quasi da ultimo

in tarda età The Black Swan , la sua discografia è lunga ne ho presi solo 5 

per me fra i più rappresentativi , John Rembourn per iniziare il primo omonimo e il secondo Another monday , Nic Jones direi Ballad and songs e Penguin eggs .

poi che dire senza scomodare i misconosciuti per ora John Martyn immenso Pentangle , Sandy Denny ,Fotheringay , Richard Thompson , the  Chieftain , Christy Moore , the Waterson ,

Steve Tiltston , Martin Simpson ,Martin  Carthy , Michael Chapman , Roy Harper 

Davy Graham and many others , molti non 

sono propriamente folk ma folk rock ma tutti grandi artisti inglesi che ruotavano il quel circuito

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
contemax

Nick Drake con non c'entra proprio nulla con quei nomi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder
2 ore fa, contemax ha scritto:

Nick Drake con non c'entra proprio nulla con quei nomi!

In parte ... musicalmente, ma dalle emozioni che mi trasmette Sandy Denny io ce la metto a fianco a Nick Drake, e poi se c'è una cosa che non riesco a capire è il fatto di mettere un'etichetta a tutti i costi, ogni artista, che sia cantautore, gruppo, semplicemente interprete ha un suo stile, una sua personalità ben distinta e non necessariamente abbisigna della targhetta.

Un omaggio alla grandissima.

.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gabel

Meravigliosa!!! 👍

Qualche "consiglio sugli acquisti"? Quale/i album consiglieresti per conoscerla meglio? (Vinile, of course!!) ;) 

Thanks!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder
25 minuti fa, gabel ha scritto:

Meravigliosa!!! 👍

Qualche "consiglio sugli acquisti"? Quale/i album consiglieresti per conoscerla meglio? (Vinile, of course!!) ;) 

Thanks!

Andiamo abbondantemente Off Topic e qui fanno i cazziatoni 😂, brevemente, SD sia sola che con i Fairport Convention, Strawbs, Fotheringay caschi sempre in piedi, difficile consigliarti davvero, io sono un fan e mi piace davvero tutto, se proprio devo , ... Sandy, The north star... e con Fotheringay e Fairport Convention (Unhalfbricking).

.

ps sono anch'io un fan di Drake sia chiaro, e che ho consigliato a @Brando88 di scoprirlo, tre dischi, tre autentiche perle ( che per fortuna tutti riconosciamo )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@contemax Ogni artista è una cosa unica 

ho fatto solo un riepilogo di alcuni riferimenti di artisti inglesi che molti non

conoscono ho una enorme collezione di musica inglese conosco Nick Drake da 40 

anni e ti dico che molti ripetono tante cose 

lette dai giornali 

saluti 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@floyder ho diviso la mia collezione per generi solo per trovare meglio i miei 

dischi comunque se leggi i giornali tutte le recenzioni sono divise in generi anche quando compri i dischi sono ordinati per

generi per meglio distinguere .Poi se non ti

piacciono le etichette mettili in ordine alfabetico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Rimini
2 hours ago, floyder said:

e qui fanno i cazziatoni

Fortunatamente qui sono intelligentemente di larghe vedute. Spesso per contestualizzare e/o favorire un approfondimento o una discussione, è necessario fare qualche giro largo.

P.e. apprezzare Nick Drake parlando solo di Nick Drake, sarebbe impossibile e riduttivo. La sua poesia si misura(*) ed infine svetta nel contesto generale.

Anche a distanza di decenni.

P.s.

(*) 'Si misura' è un termine che a lui, probabilmente, non si addice e lo avrebbe fatto inorridire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
floyder

@folkman vedo che hai frainteso, non era nei tuoi confronti, viceversa ti avrei quotato, era un discorso in generale, anche io come te li catalogo in “”generi”” per comodità ma molto sommario, jazz/rock/classica, nella mia catalogazione i Genesis vengono prima di Tim Hecker ... semplicemente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@floyder ok no problem ho letto senza 

riflettere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

Ho avuto in passato anche il cofanetto 

Fruit tree buona registrazione ben fatto

a chi interessa ne vendono uno su Subito

Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

@folkman 

 dico che molti ripetono tante cose 

lette dai giornali  ..............................

e sui libri ad argomento musicale aggiungo io.

questo vale per tutta la musica(purtroppo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andpi65
Il 8/12/2018 Alle 18:27, folkman ha scritto:

poi che dire senza scomodare i misconosciuti per ora John Martyn immenso Pentangle , Sandy Denny ,Fotheringay , Richard Thompson , the  Chieftain , Christy Moore , the Waterson ,

Steve Tiltston , Martin Simpson ,Martin  Carthy , Michael Chapman , Roy Harper 

Davy Graham and many others

Ciao,

 dalla scelta, ottima, direi che il nickname è azzeccato e non casuale ;)

Riguardo ai dischi di Bert jansch e John Renbourn , aggiungerei  alla scelta che hai fatto  :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
folkman

@andpi65 ottimo quel disco 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    290.594
    Discussioni Totali
    6.203.768
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us