Vai al contenuto
Melius Club

oscilloscopio

Le canzoni italiane degli anni '30 e '40

Messaggi raccomandati

oscilloscopio

@Pasquale SantoiemmaGiacoia 😂 Bellissima...i cantanti napoletani oltre ad essere molto bravi hanno un'ironia "istintiva" impagabile...

Ci sarebbe da aprire un thread anche su di loro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Questa è davvero una rarità, e che rarità!

na sera e' maggio è del 1937.
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Dea Garbaccio...altra grande interprete della canzone italiana dell'epoca, con un brano molto popolare..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

@Pasquale SantoiemmaGiacoia Proprio rara...non sapevo nemmeno che il grande Eduardo avesse inciso canzoni..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Frovalta

Se piace il genere swing-non sense-demenziale, venendo ai giorni nostri, sono imperdibili le recenti uscite dell'orchestra Marescalchi e delle Sorelle Marinetti (che, ulteriore sberleffo in un ambito già parecchio sopra le righe, sono tre uomini...😎). Notare che dietro entrambe queste formazioni c'è lo stesso animatore, il Maestro Christian Schmitz.

Da segnalare poi il, purtroppo ormai introvabile, album "Che ritmo", di Beppe Starnazza (alias Freak Antoni) e i vortici, prodotti ed arrangiati da Pasquale Minieri. Uscito nel 1981, lo acquistai subito: posso sbagliarmi, ma come gli artisti di 50 anni prima con i loro brani non sense facevano la fronda al regime, Freak Antoni con i suoi cazzeggi la faceva alle menate cantautorali allora in voga... 😯

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
23 ore fa, rock56 ha scritto:

...che ricordi! Pure io l'avevo!

"Balocchi e profumi" l'avevo cantata da Tajoli sempre in 78gg (odeon label colore blu) nel retro c'era "fili d'oro".


Era fantastica, tutta colorata, con gli stemmi delle città italiane raffigurate sulla corona del "tetto" della giostrina.., mia madre la comprò alla Rinascente di Napoli.

Ispirato alla canzone Balocchi e Profumi, nel '53 fu realizzato il film omonimo con la regia di Natale Montillo che vidi alla Sala Umberto del paese mio; un melodrammone strappalacrime su una madre egoista.., la scena della bambina in balia del temporale notturno che rincorereva la madre mi sconvolse tanto fu forte l'immedesimazione (benchè mia madre fosse molto più virtuosa e presente con me... le paure infantili ... :D ) me la ricordo ancora abbastanza  nitidamente...

Questa la trama del film...

Clara Florani è stata abbandonata dal marito, Lorenzo, partito senza dar notizie di sé; è madre di una bimba, Corallina. Un giorno Clara incontra in treno il gioielliere Raimondo Muzzi, che s'innamora di lei e cerca di convincerla a rifarsi al suo fianco una vita. Intanto il marito, Lorenzo, che essendosi innamorato di una bella avventuriera, l'ha seguita in Spagna, viene da questa messo alla porta e attraversa una grave crisi, durante la quale sfiora il suicidio. La sera in cui Clara ha deciso di cedere alle insistenze di Raimondo e di uscire con lui, Corallina la rincorre fin sulla porta di casa mentre imperversa un terribile temporale. Tornando indietro in preda a tristi presentimenti, Clara trova la bimba svenuta in un rigagnolo. Corallina muore, la madre impazzisce. Lorenzo ritorna e tra le sue braccia Clara riacquista la ragione, mentre dal cielo Corallina sorride felice.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

In America fu Benny Goodman il "re" dello swing.., in Italia avebbimo Alberto Rabagliati, "re" de noantri dello swing, fox & beguine... :D

Battute a parte era forte Rabagliati.. quando canta Rabagliati fa così...
 


Da non perdere questo video.., ci sono alcuni tra i più bei baci cinematografici della storia...
 




 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Ma anche il maestro Cinico Angelini fu di spicco.., e a dispetto del nome di battesimo anche romantico... Bellissima questa canzone romantico-surreale cantata da Ernesto Bonino "A Zonzo" (ricordate Gli Angeli Volanti film con Sanlio e Ollio.., con Sordi che doppia Ollio che canta questa stessa canzone...)

C'è un bel commento di un utente del tubo che vorrei riportare...

Una canzone del 1942. Mentre scoppiava l'inferno, mentre gli uomini raggiungevano il peggio e interi popoli venivano sterminati, c'era chi ascoltando questa canzone sognava un tempo in cui tutto sarebbe cambiato...


Vado a Zonzo,

me ne vo di quà e di lá,

vado libero come un passero

e sento l'anima ebbra di felicità.
 

Esilarante questo "siparietto" musical di S. & O.
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Di gran pregio anche l'Orchestra Barzizza con la celeberrima canzone del motivetto che mi piace tanto e che fa dudu-dudu dudu-dudu-dudu-du.
 


Fu fatto anche il famodo Carosello ...
 


 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Sicuramente gli americani si ispirarono alla nostra "walking in the rain" dal musical "tutte donne" (1941) cantata dal Trio Lescano per la realizzazione del loro "singing in the rain" (1952)... 
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
musicaando

canzone  che mi  ha  sempre affascinato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

@analogico_09 Giusta osservazione ed ottima selezione dei brani Peppe...vedo che anche anche con la musica italiana dell'epoca sei "agguerrito"...👍

@musicaando Cantata dalla voce di Lina Termini è veramente affascinante...😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

Certo che la canzonetta del '41 "la famiglia canterina" un po' fa pensare

al fatto che da almeno 3 anni, dal '38 le leggi razziali proibivano la radio

(requisendo le radio) alle famiglie ebraiche
 

.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Altro bravo tenore dell'epoca che cantava anche canzoni...

ed anche Tito Schipa non era da meno...(avete visto il film "C'era una volta in America"?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
bungalow bill

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Adesso ripescano queste canzoni anche per la pubblicità...🤗

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Un bel duetto di Turchetti con la Garbaccio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rock56
6 ore fa, analogico_09 ha scritto:

Esilarante questo "siparietto" musical di S. & O.

Cantata dal Grande A.Sordi...

Di questa ho anche il CD😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Tempi strani.., bisognava "sognare" per sopravvivere, c'era chi non poteva ascoltare la radio e chi invece chiedeva per favore di abbassarla...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Juju

Complimenti per il thread, e` davvero molto interessante! Anche io colleziono 78, ma ho solo jazz delle origini e qualcosa di rock anni '50, ho un Elvis, un Beatles filippino, Sinatra, qualche rock surf strumentale e qualche folk/country, di italiano solo un paio di Buscaglione visto che ormai vivo all'estero da molti anni... Anche alcuni blues, ma niente di troppo raro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

@Juju Come già scritto anche qui in Italia, trovare 78 interessanti è sempre più difficile, fino ad una decina di anni fà si pescava ancora bene, adesso si trova soprattutto materiale di fine anni '40 inizio '50, ma le serie interessanti (Cetra IT, Parlophone GP e via discorrendo sono sempre più rare).  Buscaglione in 78 è interessante perché mi pare abbia stampato solo tre o quattro 78 (tre sono sicuro perché li ho) poi è passato al microsolco. Per quanto riguarda il Jazz molto spesso si trovano incisioni che non sono state riversate su vinile, quindi hanno una loro valenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia
2 ore fa, Juju ha scritto:

Anche alcuni blues


a proposito di blues...

ci sarebbe Scettico blues, canzone-cantata di Gino Franzi intorno al '20.

Franzi fu anche in qualche modo ispiratore di Ettore Petrolini ...

Come da video qui al fondo, interessante escursus

della canzone scettica "alla Franzi", dal 1900 in poi...

...Tra le due guerre mondiali.


(Franzi ispirò in Petrolini quel suo personaggio "ascetico" di un qual Gastone...

Gastone... sì quello che raccontandosi in frac e farfallino e guantino bianco

così sussurrava al pubblico presentandosi...


Il mio nome è Gastone

ma la mia mamma mi chiama Tone

così risparmia il gas).
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica
Il 3/1/2019 Alle 13:43, analogico_09 ha scritto:

Ma anche il maestro Cinico Angelini fu di spicco.., e a dispetto del nome di battesimo anche romantico...

Era il cognome: si chiamava Angelo Cinico.

Che in questo modo suonava anche peggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Anche Oscar Carboni era un interprete molto in voga all'epoca..

Alla fine degli anni '20 Bixio scrisse per Gabrè questo grande successo dell'epoca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oscilloscopio

Il "Quartetto Cetra" nacque in realtà come quartetto maschile, composto da E. De Angelis, G.Giacobetti, I. Jacomelli, E. Gentile, la voce femminile di Lucia Mannucci, arrivò solo nel 1947 quando De Angelis lasciò la band.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
clapat71

Io ho tutta una raccolta "ereditata" in cd che era uscita in edicola e secondo me molte canzoni di quegli anni non hanno nulla da invidiare al "great american songbook", il problema per cui si fa fatica ad attualizzarlo come fanno costantemente gli anglosassoni (vedi anche solo Bublé) sono i testi, scritti in un italiano ormai desueto (invecchiato molto peggio delle liriche inglesi). Probabilmente se si avesse il coraggio di riscriverli mantenendo le melodie ci sarebbe un vero e proprio tesoro a cui attingere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.319
    Discussioni Totali
    6.306.664
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy