Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
stanzani

Musica sinfonica dal vivo

Recommended Posts

stanzani

@Titian no non credo. 125 ms e' il tempo di integrazione ovvero viene riportato il valor medio integrato della pressione in quell'intervallo. un po come la risposta in frequenza misurata da un rta a 1/3 di ottava

Share this post


Link to post
Share on other sites
QUELEDSASOL

Boh...?

Non si fa' prima a dire che con la musica Sinfonica i conetti non c'entrano un bel nulla.

😏

Share this post


Link to post
Share on other sites
grisulea
11 minuti fa, stanzani ha scritto:

un po come la risposta in frequenza misurata da un rta a 1/3 di ottava

Credo sia un ottimo esempio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Titian

https://www.nti-audio.com/de/service/wissen/was-bedeuten-die-begriffe-fast-slow-impulse-zeitgewichtung

fatevi poi la traduzione. Ho anche altri siti che lo spiegano nello stesso modo.

PS: scusate avete anche ragione. Nel fast, slow e Impulse viene prima calcolata la pressione media del periodo. Ed è anche chiaro che lo visualizza dopo il periodo (dopo averlo calcolato) e rimane visualizzato fino al calcolo del prossimo periodo. Bisogna tuttavia sapere che quando lapressione media del prossimo periodo cala nettamente non viene visualizzato la pressione media del nuovo periodo ma una decadenza massima a dipendenza se è fast slow o impulse. Ma questo non c'entra nel discorso di var vedere il massimo effettivo. Questo lo si può far vedere con la funzione Peak, quello che ho usato. Anche se il fast visualizzerebbe la pressione effettiva sarebbe impossibile vedere il peak visto cheogni 0.125 secondi cambia la visualizzazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
faber_57

Tanto per chiarire, da Fonometria di Angelo Farina.

NOME    VALORE
Slow = 1s
Fast = 125ms
Impulse (livelli crescenti) = 35ms
Impulse (livelli decrescenti) = 1,5s
Peak = 20us
Tramite apposito comando esterno riusciamo ad impostare le costanti di tempo di misura. Queste vanno a determinare la rapidità con la quale lo strumento è in grado di seguire le fluttuazioni effettive del segnale. Per consentire diverse possibilità di analisi sono state normalizzate quattro costanti di tempo : fast, slow, impulse (costanti tempo esponenziali) e peak.
Le prime tre costanti di tempo si dicono esponenziali; infatti il valore del livello che viene fornito in un istante,è in realtà un valore determinato dall’andamento passato del livello che condiziona il risultato presente con un “peso” che decresce esponenzialmente all’aumentare della distanza temporale, fino (al limite) a non influire per niente, per tempi estremamente remoti. Il valore tipico delle costanti di tempo è la distanza temporale per cui l’abbattimento esponenziale della memoria si dimezza, ovvero il livello corrispondente viene attenuato di 20dB e poi utilizzato, in somma energetica, per fornire il valore presente.
Con la costante fast lo strumento riesce a fornire una risposta abbastanza rapida. Con la costante slow lo strumento fornisce una risposta più lenta e non è in grado di seguire le oscillazione come con la costante Fast. I valori massimi con la costante di tempo Slow sono più bassi di quelli ottenuti con la costante Fast, mentre i valori minimi sono più alti.
Con la  costante impulse lo strumento risponde rapidamente con un tempo di salita di 35ms (ovvero dello stesso ordine di grandezza di quella dell’orecchio umano) fornendo il valore efficace del valore massimo dell’onda. Tale costante ha però un tempo di decadimento molto lungo (1.5s), in modo da consentire una corretta lettura del livello raggiunto. La costante Impulse viene utilizzata soltanto per la verifica dei rumori con componenti impulsive con le modalità e nei casi previsti dalla legislazione vigente. La costante peak, per contro, ha un tempo di salita di 20us e viene usata soprattutto negli ambienti di lavoro per rilevare i valori di picco di suoni impulsivi con durata più breve del tempo di risposta dell’orecchio. Questi suoni, in effetti, poiché sono in grado di attraversare tutti i sistemi di difesa dell’orecchio, possono arrivare direttamente alle cellule ciliari dell’orecchio interno, provocando danni irreversibili sullo stesso. Non a caso esistono specifiche normative che vanno ad imporre dei limiti per i valori di picco (130-140 dB).

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani

La misura di cui il post di apertura la ho eseguita in modalità peak

Share this post


Link to post
Share on other sites
QUELEDSASOL

@stanzani Modalità...fast.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    293860
    Total Topics
    6384350
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy