Vai al contenuto
Melius Club

Giovanni68

La presea di terra nelle elettroniche

Messaggi raccomandati

Giovanni68

Allora, 

cominciamo dai sintomi, a volte tocco il preamplificatore (Che ha una presa elettrica bipolare senza terra per l'alimentazione ed una presa di terra sul telaio che, ovviamente (...) non ho collegato da nessuna parte) e sento un lieve ronzio che sembra un ritorno di massa nonostante io indossi quasi sempre del sandali con suola gommata. 

Mi chiedo quale si risolva il problema visto che ormai tutte le elettroniche moderne sembrano non avere più il collegamento per una terra "esterna".

Tanti anni fa quando ancora mi dilettavo con la passione per le trasmissioni radio amatoriali un collega radioamatore mi prestò un ricetrasmettitore a valvole che già allora era vecchio, mi raccomandò di fare attenzione perché potevano esserci ritorni di massa, la prima volta che lo accesi e lo toccai mi si rizzarono i capelli, gli collegai una bella treccia di 4mm che poi posizionai con una fascetta metallica sul primo tubo dell'acqua raggiungibile e risolsi il problema ma resituii lo Yaesu FT101Z dopo pochissimo causa lo spavento!

Buon fine settimana a tutti

Giovanni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

domanda stupida, ma il tuo impianto elettrico ha la terra? io ho sentito una lieve dispersione di corrente, diciamo un qualcosa di mlto simile a quello chee descrivi, quando avevo l'impianto elettrico senza terra, meso l'impiato a norma tutto ok

le apparecchiature moderne prive di terra (essenzialmente cdp e pre) sono quelle a doppio isolamento, dovrebbero avere un simolo specifico sul telaio (un doppio quadrato)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Si si, parte dell'impianto è stata fatta recentemente e c'è un bel paletto di terra conficcato nel suolo e le prese dell'impianto sono raggiunte dal cavo di terra.

In effetti mi pare solo il preampli avere il dado cui fissare il cavo di terra, sul resto delle elettroniche non ce ne è perché, come dici tu, hanno il doppio isolamento (lettore cd e finali di potenza seppur anche loro datati ma non quanto il pre).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Nerodavola62
56 minuti fa, Giovanni68 ha scritto:

Yaesu FT101Z

Caspita, che bello però lo YAESU 😍

Tornando o.t., presumo che il dado di terra del PRE sia relativo all'ingresso phono...

Quali vantaggi/utilità potrebbe avere eventualmente collegarlo a terra...non ho invece idea.

mauro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
19 minuti fa, Giovanni68 ha scritto:

n effetti mi pare solo il preampli avere il dado cui fissare il cavo di terra,

Penso che quello non sia l'attacco della terra (che non esiste più nella forma di una vite sul pannello), ma quello della massa per il giradischi; il problema è che tutti usano il termine inglese "Ground" (terra) abbreviato in GND anche per le masse, dato che il vocabolario inglese non distingue fra massa e terra nell'elettronica di consumo ;).

Verifica se anche il pre è a doppio isolamento perché, se non lo è, qualcuno prima di te gli ha montato una spina che non va bene.
 

59 minuti fa, Giovanni68 ha scritto:

gli collegai una bella treccia di 4mm che poi posizionai con una fascetta metallica sul primo tubo dell'acqua raggiungibile

Mamma mia...  da evitare! ⚡

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Avete ragione, ho fatto confusione, ho dato uno sguardo fugace dietro al pre e ho confuso l'alloggiamento del fusibile per una presa di terra mentre c'è solo quella dedicata al giradischi.

Il problema rimane però, ci deve essere qualcosa nella catena che fa un ritorno di terra se quando tocco il telaio del pre sento il lieve ronzio, generalmente ascolto con accesi il pre, il finale ed il DAC collegato al computer, un portatile nella fattispecie, fosse quest'ultimo a creare problemi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

I computer sono spesso responsabili di disturbi (perfino quando non sono collegati allo stereo!).

Tutti i tuoi apparecchi sono a doppio isolamento? Probabile che il PC non lo sia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Dopo provo a vedere che succede con e senza il computer collegati, per la verità c'è talmente una foresta di cavi e radiofrequenza che sarebbe a dir poco utopistico sperare che non ci siano ronzii, all'inizio che presi il finale valvolare pensavo addirittura avere qualche problema, un ronzio intermittente su un canale, poi passai i cavi di potenza lontani dal groviglio degli altri cavi e tutto andò a posto ma ancora ce ne è di radiofrequenza che vaga nei paraggi infatti pensavo schermare lo schermabile ma da dove cominciare? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pippo87

@Giovanni68 io incomincerei ad utilizzare cavi schermati sulle alimentazioni, senza farsi venire paturnie audiofile, attenzione con schermo collegato solo lato schuko. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Si @Pippo87 magari per il lettore CD e per il finale visto che sono gli unici ad avere la vaschetta IEC, intanto ho verificato che il ronzio appare solo quando tocco il potenziometro del volume 🤔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76

@Giovanni68 Alcune elettroniche a doppio isolamento presentano questa caratteristica... da me lo fanno DAC, pre e finale.

Molte volte si risolve del tutto o quasi girando la spina a muro di questi apparecchi, ma dipende molto anche dalle apparecchiature ad essi collegate (ad esempio pre phono, giradischi, sub attivi...); insomma, un ruolo fondamentale lo giocano le masse dei vari collegamenti di segnale. 

Più il sistema è complesso, più difficile è evitare del quello strano "vvvv" sui telai.

Io ad esempio riesco a ridurlo sensibilmente, ma non a farlo scomparire del tutto, soprattutto da quando ho inserito il sub e il finale separato.

Anch'io ho l'impianto elettrico a norma... e tra l'altro mi è capitato di sentire la stessa vibrazione su un piccolo all in one Yamaha in un centro commerciale vicino casa... credo pertanto non sia pericoloso, almeno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76

@Giovanni68 per curiosità, di che elettroniche si tratta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Il pre è un Audio Research SP9, il lettore CD un Sony X505ES e il finale un Aeron AP890 per ora sostituito dall'Adcom GFA535 nel mentre prendo le valvole nuove per l'Aeron.

Quasi quasi mi cimento con un cavo di alimentazione di quelli di TNT-Audio, magari il Merlino o il Triple Twist, se trovo una Schuko adeguata faccio l'esperimento.

Buona domenica  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76

@Giovanni68 Non credo dipenda dai cavi di alimentazione... anche io ho tre WireWorld Stratus, pertanto schermati e fatti a regola d'arte, ma la vibrazione è presente esattamente come con i cavi normali. 

Piuttosto, prima di fare qualsiasi cosa e spendere pure soldi e tempo, ti consiglio di girare le spine nelle prese a muro e/o multiprese... prova a costo zero, che potrebbe essere risolutiva o comunque utile. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

Ma siamo sicuri che i finali di potenza possano avere un doppio telaio e quindi non necessitare di una terra sul cavo di alimentazione . . . ?? Non ne rammento di modelli così fatti, e forse neppure di pre, mentre le sorgenti spesso hanno il doppio rettangolo e solo due pin di ingresso del cavo di alimentazione . . . Il pre AR SP 9 non credo possa viaggiare senza terra a meno di modifiche fatte da qualcuno, inoltre ha un cordone di alimentazione che esce dal telaio, quindi ci deve essere qualche motivo diverso per il fatto che senti delle dispersioni  . . . 

saluti , Dario 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
7 minuti fa, meridian ha scritto:

Ma siamo sicuri che i finali di potenza possano avere un doppio telaio e quindi non necessitare di una terra sul cavo di alimentazione . . . ??

Sembra strano anche a me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci

Questo dovrebbe essere il pannello posteriore dell'SP9. Nessuna traccia del segno dei due quadrati inscritti uno nell'altro, che indica il doppio isolamento.


1594692-audio-research-sp9-sp9-hybird-preamplifier.thumb.jpg.ad10fcda5491eee2bcf9e4cf0ddcbedd.jpg


Stessa cosa per l'ADCOM:

639321-adcom_gfa_535_ii_power_amp.thumb.jpg.0b0867d56f251ca161373feb41624698.jpg


Nati entrambi prima della normativa sulle classi d'isolamento?

Giovanni68, guarda se nel manuale dell'AR dice di collegare la vite GND alla terra (mi sembrerebbe strano, ma potrebbe essere).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paolo 62

@Giovanni68 Quando tocchi il preamplificatore prendi la scossetta o quella che senti è una vibrazione? C'è anche ad apparecchio spento? Se hai un tester prova a misurare per sapere se c'è tensione sulla carcassa del preamplificatore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
corrado
1 ora fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:

Sembra strano anche a me.

perché? Quale sarebbe il problema nel fare un finale a doppio isolamento? Chiedo perché non lo sò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
angeloklipsch

@Giovanni68 Pensa che nel mio impianto elettrico a norma recentemente rinnovato con messa a terra. Per l'impianto HiFi ho una linea elettrica dedicata, ma quando ho acceso il giradischi e accendo la cappa ventilata della cucina, messa su un altra linea ho un TONF sulle casse. Sapete cosa può essere? Ovviamente ora evito di accendere la cappa con il giradischi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paolo 62

Si può benissimo costruire un finale a dopio isolamento. Se senti rumore quando accendi la cappa è perché i disturbi riescono a raggiungere anche la linea dell'impianto. Ci vuole un filtro antidisturbo sull'impianto o sulla cappa. Un elettricista può consigliarti il tipo più adatto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

Lo SP9 l'ho preso usato e ha una spina tripolare quindi presumo una terra esserci ma la cosa strana è che ho ruotato la spina nella multipresa (so che fa più effetto cosi che chiamarla ciabatta 😉 ) e il ronzio sembrava essere sparito ma sarebbe stato strano dal momento che qui da noi la corrente non ha fase e neutro ma due fasi, ora ho tolto le scarpe e ho fatto un'altra prova (non è per provare a stordire il pre con la puzza dei piedi!), se tocco i potenziometri di volume e balance si sente un lieve ronzio (che aumenta ruotando la manopola del volume) ma se li stringo più vigorosamente il ronzio sparisce 🤔

Bah, fa niente, in settimana vorrei ordinare il cavo e connettori per farmi cavi di segnale per il DAC (che ora è collegato al pre con un volgarissimo cavetto rosso-nero di almeno 30 anni) e magari prendo anche 4-5 metri di cavo tripolare schermato e due Schuko e ne faccio cavi per il finale e per il lettore CD, incominciamo a schermare un po' di radiofrequenza, per la terra non saprei dove metter mano, so che c'è sull'impianto perché quando mi sono trasferito dove vivo ora ne ho rifatto gran parte insieme ad un amico elettricista e poi ho continuato io sostituendo il vecchio cavo rigido con roba da 2,5mm e la terra arriva ovunque sulla parte di impianto rifatto (che credo essere la quasi totalità).

Buona serata a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanni68

@Fabio Cottatellucci Il finale in uso ora è un Adcom GFA 535 come da foto in questo link mentre il valvolare (che aspetta valvole nuove) è questo, il problema ronzio si presenta con entrambi, dite che gli gioverebbe a prescindere un cavo di alimentazione migliore di quelli da PC?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

@corrado 

2 ore fa, corrado ha scritto:

perché? Quale sarebbe il problema nel fare un finale a doppio isolamento? Chiedo perché non lo sò.

perché fare uno chassis a doppio isolamento credo che determini delle scelte di un doppio guscio, chiuso e isolato dall' esterno, che forse ha un senso su un finale in classe d o simili, che scaldano zero, ma ce lo vedi su un ampli a ss che scalda e deve dissipare , o anche di più su un valvolare . . . ?? Diventa molto complicato e credo non valga la pena, per cui ci si limita a farlo con la corretta presenza di un' alimentazione con linea di terra . . . Almeno, questa la mia impressione, ma non costruisco elettroniche , per cui attendiamo magari la testimonianza di qualche Industry . . . 

Qui puoi leggere qualcosa . . . https://it.wikipedia.org/wiki/Classi_di_isolamento

saluti , Dario 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
buranide
8 minuti fa, meridian ha scritto:

fare uno chassis a doppio isolamento credo che determini delle scelte di un doppio guscio, chiuso e isolato dall' esterno,

ma neanche per sogno, il doppio isolamento viene implementato con ttasformatori costruiti in modo che sia impossibile che l'alta tensione si trasmetta al circuito di bassa tensione in caso di rottura dell'isolante della parte ad alta tensione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maui_76
3 ore fa, Fabio Cottatellucci ha scritto:
3 ore fa, meridian ha scritto:

Ma siamo sicuri che i finali di potenza possano avere un doppio telaio e quindi non necessitare di una terra sul cavo di alimentazione . . . ??

Sembra strano anche a me.

Sì, ne fanno... anche il mio lo è 

---

rb1552mkII_back_0.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

@buranide 

46 minuti fa, buranide ha scritto:
58 minuti fa, meridian ha scritto:

fare uno chassis a doppio isolamento credo che determini delle scelte di un doppio guscio, chiuso e isolato dall' esterno,

ma neanche per sogno, il doppio isolamento viene implementato con ttasformatori

perché neanche per sogno ??  Mica tutti gli apparecchi sono dotati di trasformatori . . E il link sopra qualcosa dice . . .

saluti , Dario 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paolo 62

Gli amplificatori il trasformatore di alimentazione ce l'hanno eccome. In un apparecchio a doppio isolamento o ad isolamento rinforzato si deve garantire la sicurezza anche senza messa a terra della carcassa metallica dell'apparecchio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
buranide
1 minuto fa, meridian ha scritto:

Mica tutti gli apparecchi sono dotati di trasformatori .

Ok, se non è trasformatore è una psu switching (con trasformatori molto piccoli che lavorano a frequenze molto piú alte dei 50hz di rete), ma la sostanza non cambia, viene isolata la parte ad alta tensione in modo che sia impossibile che venga a contatto con il resto del telaio in caso di guasti...ps il link di sopra da solo le definizioni normative delle classi di isolamento elettrico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meridian

@buranide  Va bene, prendo atto, ma che il discorso del doppio isolamento non sia comunissimo sui finali mi sembra anche indicativo di scelte in funzione della tipologia di apparecchiatura e sue caratteristiche, tra le sorgenti, per esempio, è molto più diffusa, qualche motivo ci sarà . . . 

saluti , Dario 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.309
    Discussioni Totali
    6.305.555
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy