Jump to content
Melius Club

sandromagni

Distanze tra formati Audio Digitali

Recommended Posts

talli
1 ora fa, FabioSabbatini ha scritto:

Mi riferivo ovviamente al ben noto esperimento

e quindi?: Earl Carlyss of the Juilliard String Quartet criticized the study, saying its methods that were inappropriate for evaluating instrument quality. He said that what makes the older violins better is how they sound to an audience in a concert hall, and that it is irrelevant whether a violinist prefers a certain violin in a hotel room. He felt the test was as valid as comparing a Ford and a Ferrari in a parking lot.

come quasi tutte le tesi che propugni quotidianamente tu, ma ascoltare a mente ed orecchie aperte no? Penso che tu lo sappia che su internet puoi trovare tutto ed il contrario di tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
1 ora fa, talli ha scritto:

Earl Carlyss of the Juilliard String Quart

Porello

Ti credo che rosica

La lingua batte dove il dente duole

Non solo a lui

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@faber_57 Ciao,proprio stamattina ho fatto un test approfondito, stesso file Louder Than Words da The endless river dei Pink Floyd una delle migliori registrazioni di sempre proprio per fugare ogni variabile riguardante la registrazione.

Bene Tidal in Master audio in uscita dal Dragonfly red,Qobuz in 320 mp3 sempre con dragonfly red,subito ho ascoltato l'mp3 una prima volta.

Suono diciamo pulito e piacevole effettivamente stavo stupendomi per la qualità di questo file povero,poi passato il minuto 2 comincio a notare qualcosa di poco piacevole,alti molto pronunciati molto squillanti al limite del fastidioso e suono non so come definirlo esattamente ma mi dava l'impressione di essere poco arioso e claustrofobico.

Faccio partire Tidal in master audio,ovviamente senza modificare nulla a livello di volume,be' mi sono sentita proiettata all'interno della scena sonora,presenza molto maggiore e palco molto più ampio,un suono decisamente più aperto e arioso e soprattutto non erano assolutamente presenti questi alti squillanti e quasi fastidiosi.

Ho rifatto questo confronto almeno 4 volte proprio per capire se era suggestione o impressione o cosa,ma no assolutamente i file suonano decisamente in modo diverso e con netto vantaggio di tidal master.

Bene ho pure fatto il confronto in casa Qobuz fra il 320 mp3 e l'hi res 24/96,be' ragazzi la differenza si sente eccome se si sente non cosi marcata come fra il master tidal e il 320 qobuzz ma a livello di presenza e ariosità e ampienzza l'hiress vince a mani basse e sapete da cosa lo si riconosce facilmente? dagli alti che sono molto meno presenti e molto meno fastidiosi nel file Hiress,qui c'è poco da fare il doppio cieco,qua se non si hanno le orecchie foderate di prosciutto la differenza si nota eccome.

Mi direte saranno 2 diverse curve di equalizzazione?uno dei due provider bara?barano entrambi per abbruttire il 320 e abbellire l'hi ress?probabile e sinceramente non me ne può fregare di meno la mia scielta l'ho fatta,i 10 euro in più al mese ci stanno tutti e si il file hiress tidal o qobuzz che sia rispetto al 320 mp3 è più piacevole all'ascolto o meglio questo lo è nel mio impianto che probabilmente in tutto costa meno di uno dei vostri diffusori 😅

Share this post


Link to post
Share on other sites
faber_57
13 minuti fa, Paola Guidetti ha scritto:

la mia scelta l'ho fatta,

Direi che hai fatto la prova giusta ed hai scelto correttamente.

Sinceramente io non ho mai nemmeno pensato di confrontare files in diverso formato dallo stesso provider: sarei rimasto nel dubbio che pasticciassero. Le prove le ho fatte partendo da un file ad alta definizione e poi ammazzandolo lentamente (formato CD -> formato mp3 320K -> formato mp3 128 K). Ho pure verificato che il livello sonoro in uscita fosse lo stesso (è un passaggio trascurato ma importantissimo). E' così che ho capito che non sento la differenza. Ma probabilmente sentirei esattamente quello che hai sentito tu se facessi la stessa prova.

D'altronde sono anni che discutiamo ferocemente in questo forum sulle abissali differenze tra masterizzazioni diverse degli stessi dischi ed io stesso ho colto (in cieco) differenze ad esempio tra la tetralogia originale (in CD) di Karajan e quella rimasterizzata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani

@ipoci l'ascolto cieco ti dice che a e b Sono diversi e non che a è migliore di b ... Mi riferisco ai violini

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri65

@sandromagni 

😂detronizzato... addirittura. 

Secondo il mio punto di vista, l'umore o stato d'animo ha un importanza fondamentale. 

A me capita, ogni tanto, di sentir suonare male il mio piccolo impianto, di cui sono soddisfatto,magari perché stanco, o demotivato. 

Al contrario , con la giusta ispirazione, mi gusto la musica anche da un semplice MP3. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giemme
1 ora fa, Paola Guidetti ha scritto:

Mi direte saranno 2 diverse curve di equalizzazione?uno dei due provider bara?barano entrambi per abbruttire il 320 e abbellire l'hi ress?probabile e sinceramente non me

Ci sono milioni di brani. Nessuno si prenderebbe mai la briga di equalizzare ogni formato in modo diverso. I file vengono ricavati da dischi digitali o ricevuti già pronti. Gli MQA vengono codificati invece in modo diverso da chi li fornisce e certifica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani

@Giemme si sussurrava che illayer CD di alcuni sacd ibrido fosse deliberatamente compresso per esaltare lo sacd :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giemme
31 minuti fa, stanzani ha scritto:

si sussurrava che illayer CD di alcuni sacd ibrido fosse deliberatamente compresso per esaltare lo sacd :)

Poteva anche essere vero, o forse solo verosimile, ma era un'operazione compiuta dalla casa discografica su quel disco.

Non ha senso invece equalizzare e ricomprimere dei milioni di file, tanto le differenze le faranno i diversi sistemi degli utenti e a volte anche i cavi pitonati da Roberto Cavalli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani

@Giemme forse per fare suonare 'diverso' qualcosa che un semplice test cieco avrebbe smascherato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
Il 11/1/2019 Alle 17:20, Paola Guidetti ha scritto:

Mi direte saranno 2 diverse curve di equalizzazione?uno dei due provider bara?barano entrambi per abbruttire il 320 e abbellire l'hi ress?probabile e sinceramente non me ne può fregare di meno l

DIrei che,  in estrema sintesi,  QUESTO è quello che conta!

Cioè,  se anche in TEORIA il formato mp3 si può confrontare a livello qualitativo col formato cd e addirittura col formato HiRes,  poi risulta che IN PRATICA quello che la rete rende disponibile evidenzia delle differenze,  magari dovute appunto a diverse curve di equalizzazione,  magari no,  ma questo ai fini del risultato finale NON CI INTERESSA: se all'ascolto i vari formati HiRes che ci rendono disponibili Tidal e Qobuz suonano meglio,  allora la scelta è obbligata e sensata: ABBONARSI!

Ciao,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani

Il SACD del sacre di primtemps diretto da jaarvi suona diverso e molto dal layer c'è e dallo streaming tidal.ci fregano con le masterizzazione differenti

Share this post


Link to post
Share on other sites
sandromagni

@gabri65 Certo l'umore e lo stato d'animo hanno una importanza rilevante. Ma è proprio la nostra percezione sensoriale a essere modificata in modo sostanziale dalle nostre credenze e motivazioni. Mica solo nel nostro hobby!. Tornando all'audio, le rimasterizzazioni creano un suono davvero diverso dall'originale, se meglio o peggio va a gusti. A me pare meglio quasi sempre. E allora è facile mischiare le carte per far apparire diversità palpabili tra layer del SACD e tra MQA e non. Giustamente prendendo un file Hi Res e decimandolo alle qualità più basse le differenze palpabili perdono la palpabilità. Ma probabilmente io non sento più differenze tra il suono dei vari formati digitali anche in conseguenza della mia credenza che non ci siano.  Io mi sono "fatto persuaso" come dice Montalbano che Qobuz mi piace, mi piace, mi piace e allora mi sembra che essere passato da Tidal a Qobuz mi faccia sentire meglio, qualunque qualità io ascolti. Mi sembra anche di non notare differenze rilevanti in Qobuz passando ai file Hi Res. Dove voglio arrivare ? A instillare almeno il beneficio del dubbio su cosa ci sembra dalle nostre sensazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293984
    Total Topics
    6390924
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy