maurodg65

cronaca e costume Briatore: Nathan Falco lo istruisco io, no all’Università.

Messaggi raccomandati

maverick
1 ora fa, stefanino ha scritto:

per critiicarlo bisognerebbe almeno avere creato una azienda che dia qualche posto di lavoro cosa che , nella generalita' dei casi di coloro che lo criticano a prescindere, non e'

Anche no.

Mi permetto di non apprezzarlo, anche se ha magari 1000 volte il mio conto in banca, e io non ho 2000 dipendenti.

Nella vita non esiste solo il portafoglio e "quanti dipendenti si hanno", contano tante altre cose.

Se poi qualcuno non è d'accordo ..me ne faccio una ragione, senza spostare di un millimetro le mie convinzioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

http://iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2016/09/30/news/l-ultima-di-briatore-i-miei-camerieri-da-16-000-euro-al-mese-1.14178595

L’ultima di Briatore: i miei camerieri da 16.000 euro al mese

A Matrix il fondatore del Twiga dà spettacolo: "Tanto guadagnano di mance, a cui va aggiunto lo stipendio". Un dipendente: «Se avessimo così tanti soldi andremmo in Ferrari». Dalla Versilia alla Puglia, ha incendiato l’estate di polemiche di Stefano Taglione

di Stefano Taglione30 settembre 2016

Flavio Briatore

Le sue entrate a gamba tesa fanno sempre discutere. L’ultima, in ordine cronologico, risale a una decina di giorni fa: «I sardi vogliono fare i pastori e il turismo non sanno cos’è». Otranto, 19 settembre: la frase è stata pronunciata di fronte a politici e imprenditori del sud, che certo non l’hanno presa bene visto che, nella stessa occasione, si sono sentiti dire che i loro «alberghetti non servono», in quanto «i ricchi vogliono hotel di lusso sul mare». Ma due anni fa sotto i suoi attacchi era finita pure la Versilia. Attraverso un tweet indirizzato alla polizia municipale di Pietrasanta. «È inaccettabile l’invasione di ambulanti sulle spiagge, nessuno ci tutela, dove sono i vigili... solo se alzi un po’ la musica arrivano».

Flavio Briatore, 66 anni, è senza dubbio un personaggio che fa discutere. È amato e odiato allo stesso tempo. Patron di locali extra-lusso e alla moda – come il Twiga di Marina di Pietrasanta, il Billionaire a Porto Cervo, ma non solo – non nasce in una famiglia ricca. I genitori erano insegnanti, maestri di scuola elementare. E lui ha passato l’infanzia a Montaldo di Mondovì, nel Cuneese, mangiando «latte e castagne tutti i giorni – ha detto l’anno scorso in un’intervista al Corriere della Sera – e la carne una volta a settimana».

Eppure, oggi, è talmente ricco che probabilmente non sa neanche quanti soldi ha. Dopo diverse avventure lavorative e imprenditoriali – dal maestro di sci all’agente discografico – Briatore si è distinto in Formula 1 come abile scout e stratega, diventando noto al grande pubblico. Ha scoperto uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, Michael Schumacher, ingaggiandolo nel ’91 dalla Jordan, mentre nel 2005 e nel 2006 ha continuato a vincere nel mondo delle monoposto con lo spagnolo Fernando Alonso, su Renault. Circondato sempre da bellissime donne dello spettacolo – da Heidi Klum a Naomi Campbell, da Eva Herzigova a Vanessa Kelly – è da tempo sposato con l’altrettanto bella (e celebre) modella e showgirl Elisabetta Gregoraci, da cui ha avuto un figlio, Nathan Falco.

Oggi, Briatore, della ricchezza è uno dei più accaniti portabandiera. Quest’estate ha consigliato ai suoi “colleghi” di «lasciare l’Italia, diventata la patria dell’invidia sociale», dopo le critiche rivolte dal web alla moglie di Paolo Bonolis, finita nel tritacarne di Internet dopo aver pubblicato sui social network una foto che ritraeva la famiglia in viaggio su un aereo privato. «Ci sono persone che spendono 10-20mila euro al giorno quando sono in vacanza – ha dichiarato invece, lo scorso 19 settembre, durante l’incontro pubblico dal titolo “Prospettive a Mezzogiorno” organizzato a Otranto – ma a questi turisti non bastano cascine e masserie, prati e scogliere: vogliono hotel extra-lusso, porti per i loro yacht e tanto divertimento».

Ma il milionario di origini piemontesi, nel tempo diventato anche un acuto polemista, è rimasto il solito imprenditore di successo. Con un cuore d’oro, visto che dopo il terremoto del Centro Italia ha donato, insieme ad alcuni amici, 500mila euro in contanti. Patron del Billionaire di Porto Cervo e di un resort cinque stelle in Kenya, dal nulla ha creato anche il Twiga – già presente a Marina di Pietrasanta, Dubai e Montecarlo – il beach club che la prossima estate verrà inaugurato a Otranto e fra qualche settimana a Londra. E proprio sui suoi locali si è soffermato mercoledì sera, intervistato dal giornalista Nicola Porro durante la trasmissione Matrix, in onda su Canale 5. «Un cameriere del Twiga, parlo di uno chef de rang che gestisce i tavoli, ha uno stipendio base di 2.500 euro e una media di mance di 4.000 euro alla settimana». Un’affermazione che ha lasciato tutti un po’ interdetti. A cominciare dallo stesso Porro. «Sono 16.000 euro al mese...», fa i conti il giornalista. «Sicuro», risponde Briatore. E applausi a non finire.

Ma a quale Twiga si riferiva Briatore? Forse a Montecarlo, non a Marina di Pietrasanta, dove attualmente – è quanto emerge da fonti del posto – forse mance del genere si raggiungono a fine stagione. Un lavoratore stagionale – da noi contattato ieri – non sapeva dell’ospitata in tv del suo datore di lavoro ed è rimasto spiazzato dalle parole. «Se lo ha detto lui – ci dice al telefono – sarà vero, ma le mance mi sembrano un po’ alte. Se così fosse, vedrei tutti i camerieri venire al lavoro in Ferrari. E vi assicuro che non è così». Che poi, anche se fosse, visto il passato di Briatore in Renault sarebbe quasi un autogol. Meglio presentarsi a bordo di una Mégane.

LE SUE FRASI PER TRE POLEMICHE DELL'ESTATE

"I sardi? Vogliono fare i pastori". «La Sardegna ha posti straordinari. Il problema è che i sardi vogliono fare i pastori e che il turismo non sanno cos’è». Lo ha detto Flavio Briatore – lo scorso 19 settembre – durante un dibattito pubblico, intitolato “Prospettive a Mezzogiorno”, tenutosi a Otranto. «Hanno un’isola e non lo sanno – ha rincarato l’imprenditore, rivolto agli amministratori – pensano che la gente arrivi per caso. La gente arriva o via mare o via aerea: sono due monopoli, per cui fanno i prezzi che vogliono».

"Basta ambulanti in spiaggia, voglio i vigili". «È inaccettabile l’invasione di ambulanti sulle spiagge, nessuno ci tutela, dove sono i vigili... solo se alzi un po’ la musica arrivano». Con un tweet, nel giugno del 2014, Briatore ha scatenato un polverone anche in Versilia, lamentandosi degli ambulanti in spiaggia. Una frase che aveva suscitato molto clamore e che aveva provocato la risposta – in difesa di Pietrasanta – dell’allora sindaco Domenico Lombardi.

"Trump? Per The Apprentice si è ispirato a me". «Penso di essere il primo che lo ha portato in Europa. Abbiamo fatto un weekend insieme in primavera per la moda. Da allora ci siamo sempre visti due o tre volte all’anno. E quando ha portato il programma “The Apprentice”

in Italia ha pensato a me». In un’intervista a “La Stampa” pubblicata lo scorso 25 maggio, Flavio Briatore ha rivelato di essere un grande amico di Donald Trump, il candidato repubblicano per la Casa Bianca. «Donald è un provocatore, ma se si mette in testa una cosa...». 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2015/02/18/news/flavio-briatore-39-milioni-intestati-alla-cuoca-1.200165

Flavio Briatore: 39 milioni intestati alla cuoca

Un ingente patrimonio intestato a sua insaputa a una dpendente della società che si occupa del catering della Renault in Formula Uno

18 febbraio 2015

image.jpg

Flavio Briatore

La ragazza da 39 milioni di dollari, secondo la banca svizzera Hsbc, dovrebbe abitare 
in un condominio di periferia, in una viuzza a cinquanta metri dalla tangenziale ovest 
di Brescia. Ma tra gli inquilini del civico 20 nessuno conosce Barbara F.: «Mai sentita nominare». Per trovare il suo cognome sul campanello bisogna spostarsi al numero 10: negli archivi della Hsbc c’era l'indirizzo sbagliato. Strano che la banca non abbia mai avuto bisogno di spedire qualche carta a una cliente da 39 milioni e 794 mila dollari.
La casa della famiglia F. è un modesto appartamento in una palazzina degli anni '70. 
Il lusso non abita qui. Driiin. Dal balcone del secondo piano s'affaccia una signora che non ha nulla da nascondere: «Sì, sono la madre di Barbara, salga pure». In sala, mentre lei prepara un caffè, il padre di Barbara, piantato come una quercia a capotavola, è ancora indignato e scandalizzato: «Mia figlia non c’entra niente, magari avessimo avuto tutti quei soldi. Il problema è che Barbara ha lavorato per Flavio Briatore, faceva la cuoca per il catering della Renault in Formula Uno. Quando è stata chiamata dalla Guardia di Finanza, l’ho accompagnata io: è saltato fuori che hanno usato il suo nome, le hanno intestato quel conto svizzero senza dirle niente. Adesso sembra quasi uno scherzo, ma allora eravamo disperati: io non ci ho dormito per un mese».

La madre sta già chiamando la figlia dal telefono fisso che troneggia tra i soprammobili, accanto a una foto di Barbara con la tuta del team di Briatore. La milionaria a sua insaputa arriva trafelata dopo pochi minuti, portando con sé gli atti che provano 
la sua innocenza. Mingherlina, Barbara ha 36 anni e sorride imbarazzata: «In pratica 
mi avevano intestato un conto svizzero senza dirmelo... Per fortuna la Finanza è stata brava e ha capito tutto».

L'interrogatorio, condotto dal maresciallo capo Michele Travaglio, è del 14 ottobre 2010. Alla fine la Gdf certifica che Barbara F., in realtà, 
è stata semplice dipendente, dal 2005 al 2006, della società "Formula FB Business Limited", controllata all ’ 80 per cento da Flavio Briatore e per il 20 dal manager Michel Bruno: la classica offshore anti-tasse delle Isole Vergini. «Io avevo solo una carta 
di credito per fare la spesa, con un massimale di 14 mila euro, e ovviamente dovevo presentare tutti i giustificativi. Nella banca svizzera non ci sono mai andata: facevo 
la cuoca e basta. Guadagnavo 1.100 euro a gran premio, che non significa al mese. Che tutti quei milioni fossero intestati proprio a me, l'ho saputo solo dalla Finanza. Non riuscivo a crederci: la banca mi aveva messo in cima a tutti, Briatore e i manager figuravano sotto di me».

La verifica fiscale si è chiusa «senza alcuna contestazione», perché 
il conto svizzero è risultato «non riconducibile a Barbara F.». Scagionata da ogni accusa, la cuoca bresciana è stata invece verbalizzata come parte lesa in una denuncia contro ignoti: «Per ragioni non note a questo ufficio», segnala la Gdf alla Procura, «il conto svizzero è stato acceso e movimentato utilizzando fraudolentemente i suoi dati anagrafici».

Oggi Barbara F. è senza lavoro e fa la bambinaia a ore. Briatore e i suoi fiscalisti si sono mai scusati con lei? «No». Nemmeno quando è uscita la lista Falciani? «Mai».

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino
19 minuti fa, maverick ha scritto:

Mi permetto di non apprezzarlo, anche se ha magari 1000 volte il mio conto in banca, e io non ho 2000 dipendenti.

tra apprezzare e disprezzare (vedi post precedenti) o accusare di reati non appurati c'e' una certa diferenza

Anche nelle possibili conseguenze

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Tremiamo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65
5 minuti fa, stefanino ha scritto:

accusare di reati non appurati c'e' una certa diferenza

Anche nelle possibili conseguenze

Guarda, ho letto un po’ di articoli sul personaggio oggetto del thread, ammetto che non conoscevo il background lavorativo di Briatore, mi sono fermato dopo aver postato i primi due articoli perché sul resto è meglio sorvolare, ognuno è libero di scegliersi i riferimenti professionali che preferisce e che lo qualificano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin

Nell'articolo di Travaglio si afferma che Briatore sarebbe ragioniere. Altra letteratura afferma tuttavia il suo essere geometra. 

La questione pare trascurabile, ma rischia di minare alla base le teste di ponte ideologiche di questa koinè...  

🤔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Questo o quello per me pari sono ma direi geometra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

Senza considerare che alla fine Briatore l’imprenditore lo fa meglio fuori dall’Italia, almeno a leggere il suo curriculum, chissà perché?  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

ha una idea dei ricchi molto bauscia.

A Salisburgo d'estate vengono gli azionisti di Porsche, BMW, banchieri e finanzieri da tutto il mondo ecc. credo multipli di Briatore. Alcuni li conosco per via di quelle conoscenze internazionali che li si fanno fra frequentatori abituali e grazie a un' amica libanese grande organizzatrice e tessitrice di relazioni (il miracolo della musica e' che un ceo commenti alla pari un concerto con un commesso di Feltrinelli in un gruppo di conoscenti nel foyer, ne sono testimone. ditemi voi in quale altro posto sarebbe possibile)

Mai visto e sentito ganassa di questo livello. Mentre a sentire lui, o si e' ricchi come dice lui o si e' out: in cio' mi pare personaggio sgradevole

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
°Guru°
4 ore fa, Gionzi ha scritto:

Orietta Berti ha chiamato suo figlio "Otis", come un ascensore

Non credo sia in onore di una marca di ascensori, però...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BEST-GROOVE
3 ore fa, Martin ha scritto:

Altra letteratura afferma tuttavia il suo essere geometra. 


altra letteratura afferma di essere stato agli inizi un manovratore di gru e di ruspe.image.png.111eba8b739994c89a74701580ff4d73.png

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Joker

Ma la domanda più interessante per noi è : ma Briatore che impianto HiFi possiede? 🤣🤣🤣

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica
15 minuti fa, Joker ha scritto:

ma Briatore che impianto HiFi possiede

Non mi pare che abbia mai messo la fedeltà nei suoi valori primari. Alta o bassa che fosse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Joker

@LaVoceElettrica si ma scherzavo, non prendere la domanda troppo sul serio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica
2 minuti fa, Joker ha scritto:

si ma scherzavo, non prendere la domanda troppo sul serio

Scherzavo anch'io. Naomi Campbell, Heidi Klum, Elisabetta Gregoraci...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Joker

@LaVoceElettrica per lui quelle sono l’alta Fedeltà 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.613
    Discussioni Totali
    6.238.250
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us