Vai al contenuto
Melius Club

Biggy

Come avevo previsto, il sacd ...

Messaggi raccomandati

maxnalesso

@angeloklipsch io ho il PD50 ...  mi piacerebbe confrontarlo con il 70 😋

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
angeloklipsch

@leosam È una bellissima macchina. Io l'ho presa a luglio. Tu da Mino?

@maxnalesso Io invito tutto per un ascolto non c'è problema. Se passate in Ancona...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
leosam

@angeloklipsch Io l'ho preso da New Audio.La costruzione è veramente massiccia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salvat

Prezzo approssimativo sui 2.500 Euro.

Salvatore Bianca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
angeloklipsch

@leosam Facci sapere che ti pare. Io venivo dal PD50. Mi ha subito dato grande dinamica

@Salvat io l'ho preso a 1900 nuovo 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salvat

Scusate ma ho postato male, ho fatto confusione; facevo riferimento al nuovo lettore  Technics che legge i CD, i SACD e fa da streamer 

https://www.dday.it/redazione/29239/al-ces-il-primo-network-player-technics-che-legge-i-sacd

Prezzo approssimativo - non ancora ufficiale  (trovato in Rete su qualche Forum) sui 2.500 - 3.000 Euro.

Salvatore Bianca 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
angeloklipsch

@Salvat Pensavo dicessi del Pd70. Hanno lo stesso prezzo allora entrambi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane
6 ore fa, daniele_g ha scritto:

domanda probabilmente stupida: se ho un SACD ibrido e lo ascolto con un lettore che può leggere separatamente i due layer la differenza che sento è tutta dovuta al diverso formato, oppure entrano comunque e inevitabilmente in gioco altri fattori, cioè (nel caso) qualcosa di diverso (circuitazione ? chip di conversione ?) all'interno della stessa macchina, per CD e SACD ? e per poter fare questo ragionamento, il SACD deve essere 'nativo' oppure va bene anche un vecchio CD riversato in DSD a posteriori ?

Ovviamente quando si parla di diversi formati si parla anche di diverse decodifiche. Il processamento di PCM e DSD nelle macchine con chip commerciali è ovviamente differente soprattutto nella parte di filtraggio in uscita. Nelle macchine dove non si usano chip commerciali invece, il percorso del segnale e identico a parte l’iniziale conversione pcm a DSD. Cioè la macchina lavora solo DSD. Se deve riprodurre un 16/44 lo converte in dsd e lo elabora con relativo filtraggio comune. 

Saluti

Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane

@Biggy certo hai avuto coraggio a scrivere un post come il tuo in un forum in cui qualcuno fatica a distinguere un mp3 da un 16/44.

infatti qualcuno già si è agitato.

Saluti

Roberto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
captainsensible

Si vive benissimo anche senza tutti questi formati...

CS

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane

@captainsensible si vive benissimo senza il 99% di ciò che ci circonda se è  per questo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
captainsensible

@rpezzane ma non è vero, perché io senza ascoltare musica decentemente non riesco (decentemente però, ma non aspiro a visioni mistiche).

Sta storia del SACD per me resta un discorso meramente accademico, è meglio questo, è meglio quello, per all'atto pratico diciamocelo, si sta anche bene uguale senza...

Insomma al pari del se è nato prima l'uovo o la gallina, ecco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane
2 minuti fa, captainsensible ha scritto:

non è vero

Non è vero cosa ?

quanti dei beni materiali che possiedi e veramente primario per la tua esistenza ?

se una persona morta 50 anni fa si svegliasse ora direbbe: qui sono tutti scemi...ma non c’entra nulla la musica. Sto parlando in generale come Da mio post

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
captainsensible

@rpezzane se togliessimo il superfluo, forse potremmo fare quasi a meno di lavorare...

Per me l'ascolto della musica è una attività importante, e mi piace farlo anche con la massima qualità che ritengo sia per me accettabile.

Però certi discorsi mi sembrano di accademia, questo volevo dire..

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
rpezzane
11 minuti fa, captainsensible ha scritto:

Per me l'ascolto della musica è una attività importante, e mi piace farlo anche con la massima qualità che ritengo sia per me accettabile.

Concordo pienamente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
densenpf

Complimenti a @Biggy per  il 3d, parlare di sacd di questi tempi e' come parlare della cucitrice Borletti...

due osservazioni volevo aggiungerle.

- innanzitutto bisogna vedere con che cosa vengono letti i sacd. Fino a poco tempo fa' i lettori almeno + commerciali operavano in PCM - DSD - PCM in analogico.

Un buon sacd deve convertire solo in  DSD e uscire in analogico. Stop.

- Sulla qualita' delle registrazioni, dipende sempre da come vengono fatte. Nel rock uno come Hoffman, opera in un modo tutto suo senza utilizzo di dithering, come invece fanno altri. Per questo nei sacd, vi e' moltissima differenzazione sulla qualita' dei prodotti. Si va' dallo scadente all'eccellente.

Certo che un copia e incolla da un pcm magari compresso non porta nessun giovamento.

Senza andar lontano Ricci della Fone' con l'operazione Carosello/Vasco ha fatto un eccellente lavoro da masters originale ( costavano sui 14/15 euro, quindi anche poco)

- La salvezza del sacd finora si traduce in una sola parola. Mercato asiatico.

In Giappone il supporto fisico domina ancora per un buon 70%, in piu' si e' aggiunto quello dei ricconi di Hong Kong, Singapore, e altre citta'.

In questi posti il sacd resiste, ed e' per questo motivo che i costruttori giapponesi sono rimasti gli unici a produrre lettori  sacd. Marantz, Pioneer, Yamaha Esoteric e adesso Technics.

Quindi finche ' resistera' quel mercato, il sacd non morira'.  Stiamo parlando ancora di 400/500 titoli annui. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Minico

@FabioSabbatini penso che hai ragione ma con qualche nota di contorno che mi sento di fare. 

14 ore fa, FabioSabbatini ha scritto:

Controversy continues as whether SACDs sound better than standard CDs but commercially SACDs never caught on and from a high of 1.3 million copies sold in the US in 2003, sales are now less than 100,000 and mainly to a fiercely loyal audiophile audience.

partendo dall'articolo completo della tua citazione che vi invito a leggere per farsi un idea di dove stiamo andando con la riproduzione 

https://www.hiresaudio.online/the-rise-and-fall-of-the-compact-disc/  dico che noi siamo un mercato di "nicchia". Il SACD interessa solo a noi. Noi esauriti audiofili siamo un piccola parte dei fruitori di musica alla maggior parte dei quali del SACD e ancora meno del CD non frega una beata mazza. Il grosso ascolta musica come viene e da qualsiasi sorgente esca e quasi completamente in streaming. Poi  ci siamo noi che NON siamo appassionati di musica ma appassionati ( voglio essere provocatorio) di musica CON l' impianto ( non solo la musica sottolineo) altrimenti ci basterebbe l'iphone. Noi siamo quelli che il SACD probabilmente valuteranno di comprarlo perche si sente meglio , sfrutta il megalettore , il supercavo di alimentazione bla bla bla. 

Fate bene a ribadire di essere possessori di 6000 CD, ma oggi nessuno acquisterebbe 6000 CD. Li avete comprati in passato e accumulati nel  tempo quando era il TOP e perche l'appassionato vuole il supporto fisico da annusare, spolverare sbaciucchiare. Il problema è che verso il futuro le case produttrici vireranno sempre piu verso il guadagno che non sara piu sul supporto fisico ma sullo streaming ( +50% dal 2017 al 2018). e i volumi non giustificheranno la disponibilità di Titoli perche NOI audiofili non giustifichiamo in termini di vendite un tale sviluppo. 

Il marketing è ormai virato dal possesso alla Fruizione. Il possesso lo vogliamo in pochi audiofili e manco tutti. 

 https://www.ziomusic.it/2018/02/26/finisce-lera-del-cd-sony-chiude-lultima-fabbrica-compact-disc/ e sony non è proprio l'ultima arrivata. 

Baci e abbracci

P.S.: mi devo prendere un SACD. mi serve un consiglio. 🙂 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

@Minico 

Grazie, condivido in buona parte

Sarò ancora più provocatorio di te. Molti di noi sono appassionati di impianto e NON di musica. Nessuno è disposto ad ammetterlo. Ma d'altra parte ben pochi ammettono di essere suggestionabili (io si) ecc...

Detto questo la risposta alla domanda se sacd è meglio di cd o no, è nota: non è distinguibile, quindi non può essere migliore.

Detto questo tra i pochi sacd in giro solo una minima percentuale contiene file non passati per pcm.

Detto questo, se il futuro per gonzi che alcuni ci vogliono imporre è mp3qa, lunga vita a dsd e sacd! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alberto75

@FabioSabbatini in teoria io sono sempre stato all'80% impiantofilo...lo ammetto! Poi causa mancanza di dindi al lato pratico ho poco da acquistare e alla fine il rapporto si si è ribaltato facendomi divendare anche un musicofilo, ma questa è un'altra storia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
JUSTINO

Certo che se il SACD è morto come lo era il vinile...allora stiamo tranquilli...

Paradossale come chi si proclama lo scettico,quello che non si fida di niente e di nessuno ma soltanto delle sue esperienze e per questo deve viverla un po' di vita per poterle accumulare...sia invece spessissimo un LUNGIMIRANTE portatore di VERITÀ ASSOLUTE.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
talli
1 ora fa, FabioSabbatini ha scritto:

Detto questo la risposta alla domanda se sacd è meglio di cd o no, è nota: non è distinguibile, quindi non può essere migliore.

quello che mi piace dei guru sono sempre le loro certezze incontrovertibili...stavolta però ti sei dimenticato di citare Archimago ed i blind test

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
jazzandroll

Non si può parlare in modo assoluto, le potenzialità tecniche di un formato non necessariamente coincidono con la qualità sonora, diversamente sarebbe sufficiente acquistare sempre il meglio per avere risultati al top. Un cuoco mediocre anche con ingredienti ineccepibili creerebbe un piatto altrettanto mediocre, diversamente uno chef eccellente anche con ingredienti normali sarebbe in grado di tirar fuori un piatto eccellente, si tratta di sfruttare con sapienza ciò di cui si dispone. Ho parecchi SACD e devo dire che in genere suonano meglio del corrispondente formato PCM - in genere appunto - non sempre...ad esempio ne ho uno cui preferisco nettamente lo strato a risoluzione inferiore, essendo le basse dello strato super molto più leggere, non so perché ma è così che suona.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini
14 minuti fa, talli ha scritto:

certezze incontrovertibili

Macché, solo fatti sperimentali

Quando quelli che indicano esiti diversi prevarranno, ci aggiorniamo

Inoltre consolati, per ora, almeno a chiacchiere ed aneddoti soggettivi STRAVINCETE voi. 

Hands down, pure

14 minuti fa, talli ha scritto:

blind test

Nessuna dimenticanza

Cose ormai stranote

È talmente trita e ritrita la cosa...per affermare che uno più uno fa due hai bisogno che ti spieghi cosa sono le addizioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
talli
32 minuti fa, FabioSabbatini ha scritto:

Inoltre consolati, per ora, almeno a chiacchiere ed aneddoti soggettivi STRAVINCETE voi. 

dammi pure del tu...😜

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
smarmittatore

ho anch'io un multilettore Oppo  DV 983H che uso di tanto in tanto per l' i film, ovviamente legge i SACD, ma..una volta l'ho connesso all'impianto dove ho meccanica e convertitore solo cd, e ha fatto una figura meschina...troppa la differenza a favore del cd.

Questo non sminuisce la superiorità del formato SACD ,ma , se vuoi raggiungere e superare un lettore cd di fascia elevata, sei precluso a poche macchine molto costose...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gici HV

Ma che numeri di vendita fa il SACD? Zero virgola probabilmente. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Minico

@Gici HV 

SACDs never caught on and from a high of 1.3 million copies sold in the US in 2003, sales are now less than 100,000 and mainly to a fiercely loyal audiophile audience.

6 minuti fa, Minico ha scritto:

fiercely loyal audiophile audience.

traduz.: platea ferocemente fedele di audiofili

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Lorenzo67
4 minuti fa, Gici HV ha scritto:

Ma che numeri di vendita fa il SACD? Zero virgola probabilmente. 

E invece le elettroniche audio come le intendiamo noi che numeri di vendita fanno rispetto all'elettronica di consumo? Zero virgola zero zero zero probabilmente 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

l'audio fisico e/o  di qualità è un mercato di nicchia, ma anche le supercar, gli orologi meccanici e la haute couture sono mercati di nicchia, eppure non solo esistono ma si affermano, si espandono e si consolidano. esistono molti più bed and breakfast, ma questo non ha fatto sparire gli hotel 5 stelle. in qualunque settore merceologico esiste il mercato di massa e il mercato di elite, ognuno supporta indirettamente l'altro. fino a che la produzione di sa (o di qualsasi altra cosa) sarà sostenuta da una domanda in grado di produrre reddito, gli sacd ci saranno. che jovanotti o bon jovi vendano più di haydn o di monteverdi, non ha fatto sparir dai caraloghi la creazione o l'orfeo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
FabioSabbatini

7.6 MILIONI di LP venduti in Usa nei primi 6 mesi del 2018

+19%

4.2 milioni di lp in uk in 2018

Ecco un formato che è VIVO e VEGETO, altro che le briciole SACD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.411
    Discussioni Totali
    6.310.868
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy