andrea7617

Utilizzo equalizzatore grafico

Messaggi raccomandati

andrea7617

Buongiorno,

al di là delle varie considerazioni, nel vecchio compatto Technics l'ho sempre usato con piacere. Da quando sono passato alle amplificazioni dure e pure ne ho sempre sentito la mancanza ed i controlli di tono non davano la stessa resa. Stavo pensando sull'opportunità di inserire un equalizzatore grafico, tipo il dbx231 che sta attorno ai 150€. Il dubbio che o è che introduca un rumore/fruscio di fondo che le Klipsch renderebbero più evidente. Qualcuno ha esperienza su questo aspetto del fruscio? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

Nessuno sa...???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozi

Ciao, se non ci sono problemi di cavi o alle elettroniche non sentirai nessun rumore o fruscio.

Piuttosto bisognerebbe capire il motivo per il quale senti il bisogno dell' eq.

Per un suono più corposo? In questo caso ci sono problemi o di ambiente o di diffusori che non sono azzeccati. Oltre al posizionamento dell'impianto nella stanza.

L'equalizzatore andrebbe utilizzato in sottrazione, per non "caricare" l'amplificatore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

un equalizzatore fatto bene non da frusio aggiuntivo, a meno i non utilizzarlo pe enfatizzare oltre misura la gamma alta, ma in questo caso è uso improprio. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

@mozi quando avevo l'equalizzatore a disposizione, vero che esagerato, ma i bassi erano a +6 db con il loudness inserito. Preferisco un suo carico in basso, my-fi! Sicuramente la stanza che ho non li aumenta. Comunque meglio che soffra l'ampli piuttosto che io! 🙂 In ogni caso ascolto a volume moderato e alla fine niente andrà mai in crisi in queste condizioni!@cactus_atomo la gamma alta è quella che vorrei attenuare. L'importante è che non si inseriscono fruscii aggiuntivi, ad esempio ho letto che i Behringer analogici (pensavo proprio a questo genere di equalizzatori con i potenziometri e non i digitali) hanno fruscii. Su YouTube ho visto un test noise sul dbx231 che citavo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozi

Ciao, Behringer è l'entry level nel settore pro, non metterei un eq di questa marca in un impianto hi fi.

Lamenti pochi bassi e alti troppo in evidenza, che diffusori hai? Hai già provato ad avvicinare o ad addossare i diffusori alla parete?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

@andrea7617 i bassi a +6 con i loudness inserito. l'ampli poveretto deve erogare in gamma bassa 4 volte la potenza che gli è richiesta dalla sorgente, più il sovraccarico de loudness. facile che ascolti in clipping con onseguent atia di alto. se vuoi piùbassi prrendi un diffuso ch li abbi di suo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

Ho le Klipsch RF5 e le Chario Cygnus. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozi

Ciao, e mancano i bassi con tutti e due i diffusori?

Se la stanza ed il posizionamento dell'impianto sono ok, forse meglio inserire uno e meglio due sub. Potrebbe essere che il suono che desideri sia poco hifi, ma poco importa, alla fine devi essere soddisfatto quando ascolti.

Immagino che l'amplificatore sia adeguato per i diffusori.

Dimenticavo, in certi dischi i bassi ci sono, in altri no ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617
48 minuti fa, mozi ha scritto:

, forse meglio inserire uno e meglio due sub.

Avevo il Chario Hercules ma l'ho venduto. Era esagerato e mi dava fastidio alla visita vedere un bestione che rendeva asimmetrico l'impianto... ognuno ha le sue manie:-))!!! Per me l'ordine visivo va a pari passo con la qualità sonora. Certo, certi dischi hanno bassi, altri meno e così via. Sicuramente la mia equazione di default sarebbe boostata sui bassi ma non in modo esagerato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
redhot104

Proprio ieri parlavo con un mio conoscente, amante dell'alta sensibilità, che sull' impianto 'piccolo' (klipsch la scala, pre ml38 finale ml29) ha inserito un behringer deq2496, in analogico fra pre e finale, per sistemare i problemi di acustica ambientale. Dice (parole sue) che chi sente rumore di fondo o che ul suono venga modificato dal deq, è sordo. Non so, io ce l'ho ma l'ho sempre usato solo in dominio digitale e adesso è staccato, ma mi pareva convinto. 

Questo è un tizio che mastica musica da una vita, ha 4 impianti faraonici, che non ho ancora ascoltato, lo farò presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maxnalesso

@andrea7617 Ciao Andrea,  io sono uno tra i pochi rimasti che sostiene l'utilità dei controlli di tono,  che su alcune incisioni o per ascolti di materiale da youtube sono spesso un toccasana.  Magari puoi utilizzare un prodotto vintage e,  secondo me,  non dovresti avere problemi di fruscio.

Però solo provando potrai verificare ...

Ciao,  Max

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bizio
9 ore fa, andrea7617 ha scritto:

Comunque meglio che soffra l'ampli piuttosto che io!

Sei un grande :)

Hai ragione, ascoltare la musica deve essere un piacere, se non esce come piace a te diventa sofferenza! E poi i pezzi di alluminio e silicio non soffrono... Casomai distorcono o clippano ma, se ascolti a basso volume, il problema non si pone. Negli anni 80 ascoltavamo con ampli giapponesi sfiatati e mosci, gli tiravamo il collo con loudness ed equalizzatori a manetta ma, se non eri sordo e capivi quando stavi esagerando, non rompevi nulla.

Certo che devi avere una stanza ed un posizionamento di casse e punto di ascolto proprio infami. Klipsch e Chario senza bassi... significa che hai una fossa delle marianne che si mangia tutto. Se non hai proprio alcuna possibilità di modificare nulla nel posizionamento, mettiti a cercare con pazienza un eq nel vintage. Si trovano belle macchine Technics, Jvc, Yamaha a prezzi che valgono una prova. Però devi verificare con attenzione che tutti gli slider non abbiano problemi di vecchiaia. Altrimenti uno con i controlli elettronici e ti togli il pensiero. Cerca Technics SH-GE90 o Kenwood GE 7030.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617
2 ore fa, Bizio ha scritto:

pone. Negli anni 80 ascoltavamo con ampli giapponesi sfiatati e mosci, gli tiravamo il collo con loudness

Già, era proprio così. Ora ho qua questo ammasso di ferraglia sfaticata che pensa di non darmi +10 db sui bassi e pretende che sposti le casse od il punto d'ascolto per trovare la soluzione migliore...che lavorino un po' queste elettroniche lazzarone da n-mila watt!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
arturo3358

@andrea7617 Io ho utilizzato/utilizzo il Cabre AF 34 e AS 103 collegato al pre (ext. proc.) senza alcun disturbo e/o ronzio. Può essere utile per le correzioni ambientali dopo aver effettuato una corretta analisi con ad esempio il pacchetto  XTZ Room Analyzer II Pro ...

Il 105 è raro sul mercato dell'usato  mentre il 34 è facilmente reperibile e revisionabile dalla casa madre 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cactus_atomo

e ami la simmetria, prendi due su più piccoli  e settali al meglio, se quel sub dava bassi esagerati o era settato male o era posizionato male. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

Quando riscontrate un suono "diverso" da un ambiente all'altro si può solo ricorrere a qualcosa che vi riporti alle condizioni di prima. Ma se capita il contrario (ovvero che prima eravate soddisfatti), in precedenza non avrete pensato a nulla, figuriamoci analizzare il suono nell'ambiente perché vi piaceva come suonava già così! E lo identificavate come il suono corretto, ma in realtà é una pura situazione di comodo per voi e le vostre orecchie. Ecco il perché del my-fi e non hi-fi! I costruttori ci vanno a nozze con le nostre seghe mentali. Son pronto a scommettere che se riuscite tramite un qualsivoglia strumento di analisi a portare il suono al risultato più lineare possibile...manco vi piacerà!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

sicuramente delle misure mi possono aiutare per vedere quali sono i problemi. Laciamo perdere cavi cavetti e cose che non servono per me a nulla se non spendere i miei soldi.

Ho fatto un'analisi veloce, seppur non affidabile, con app per misura su smartphone e rumore rosa. Evidenziava un calo netto sotto i 100 Hz e poi un incremento dai 1000 ai 5000 Hz. Per quello che vale eh! Ho settato l'eq di Foobar in modo da compensare, così un po' ad cazzum visto che sto facendo anche da balio e un po' di faccende domestiche...già va meglio alle mie orecchie.

In ogni caso se prenderò un equalizzatore mi rivolgerò al mercato attuale, nuovo od usato mint.

@dadox si, le nostre seghe mentali vengono sfruttate a dovere, comunque le abbandono...Quando l'altro giorno ho sentito il palm muting dei Megadeth che non aveva nulla della sua potenza mi sono fatto due domande di dove stavo andando e come stavo ascoltando. Le casse stanno li in quella posizioni per motivi domestici così come il divano e la tele. Si equalizza e si migliora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

@cactus_atomo Sono convinto che casse ed ampli già da soli riescono a darmi quel che cerco, basta sfruttarli di più.

Ricordate i problemi di bassi con le b&w??? Dai di +6 ai bassi con ampli potente e non si cambia ne posizione ne arredo...le casse gestiscono la potenza, l'ampli la eroga e si ascolta bene la musica

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
dadox

@Mister66 Eh, il problema è che passando di moda, le aziende che negli anni passati sfornavano equalizzatori di gran qualitá han tirato i remi in barca. Comprarli usati si va un po' a rischio. Magari Pioneer, Technics, Kenwood e compagnia bella ricominciassero a produrne. Ok, ci sono i Behringer e qualche altro, ma io preferirei di gran lunga i miti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
buranide
Il 10/1/2019 Alle 11:15, andrea7617 ha scritto:

Qualcuno ha esperienza su questo aspetto del fruscio?

Uso il dbx231 per correggere leggermente la risposta in ambiente (cerco di ottenere un risposta piatta nel punto di ascolto), nessun fruscio anche alzando il volume in assenza di segnale, inoltre con il tasto di bypass ti rendi conto al volo delle correzioni apportate... per il costo consigliatissimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

@buranide grazie tante per l'informazione!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
BLACKCIRCLE

Santi controlli di Tono! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magoturi

@Mister66 Io ce l'ho tutt'ora e lo uso raramente in cuffia o col  vinile...in pratica e' ancora nuovo...non introduce rumori ed e' sia grafico che parametrico, comunque, tempo fa in un negozio ho ascoltato le RF5 con un Denon pma 2000RIV cui non mancava proprio nulla e rispondevano bene in direct, con i toni, col loudness...insomma con tutto a seconda del volume d'ascolto...ma le mie RF7 prima serie non hanno mai conosciuto i toni (se non per curiosita'...) ne' col Denon pma 1560 e neppure con l'attuale Sansui au alpha 907dr...un mio collega le ha prese usate come le mie e le usa con soddisfazione con un Sansui aux 901 (regalatogli dal padre che ha dismesso l'impianto), discorso diverso e' stato con l'Haman Kardon HK 6900 che rendeva bene in "direct" soltanto a volume elevato.

SALVO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magoturi

@buranide mai provato ma convince pure a me e poi costa pure poco!

SALVO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
buranide

@magoturi la costruzione è impeccabile e usato con giudizio (piccoli aggiustamenti della curva di risposta rilevata nel punto di ascolto) nel suo funziona, sicuramente l'effetto è maggiore di qualsiasi cambio di cavo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
magoturi

@buranide Concordo pienamente, infatti gli consiglio di prendere questo ed ha anche un apparecchio nuovo e pur sempre rivendibile perdendoci poco...

SALVO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
andrea7617

@magoturi sicuramente il mio ambiente penalizza queste frequenze. Ma essendoci gli strumenti appositi (equalizzatori) mi pare una buona cosa usarli. Non voglio impazzire facendo girare le casse per la stanza, cambiare il punto d'ascolto...troppo da audiofili...

Ho un'altra concezione dell'hi-fi...deve essere al mio servizio e non io al suo.

Poi le RF5 hanno enormi doti e possono digerire anche un +20 db nei bassi!!! Hanno un punch devastante, perché non sfruttarlo?

😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozi
2 minuti fa, andrea7617 ha scritto:

le RF5 hanno enormi doti e possono digerire anche un +20 db nei bassi!!!

Ciao, concordo che l'eq è sicuramente avvertibile più di qualsiasi cavo, e ci mancherebbe!

Tenuto conto che i diffusori possano accettare incrementi di basse frequenze, meglio essere certi che l'amplificatore sia in grado di fare altrettanto bene.

Ecco perché l' equalizzatore andrebbe usato in sottrazione ... pochi bassi? Diminuisco gli alti e viceversa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.622
    Discussioni Totali
    6.238.654
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us