mozarteum

Nona di Beethoven Furtwangler 1942

Messaggi raccomandati

mozarteum

Che hanno da dire i filologi su questa stratosferica interpretazione?

Beethoven non l’ha scritta cosi’? Peggio per lui

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pasquale SantoiemmaGiacoia

non sono un esperto sono un ascoltatore attento, curioso ma sporadico, tuttavia "dentro" questa del 1942 si sente (almeno io sento) dolore, disperazione e a tratti persino rabbia-rabbiosità.

Non saprei se questi sentimenti (ammesso che davvero ci siano e non siano solo dentro un mio sentire)

non saprei se sono sentimenti aggiunti determinati da una profonda delusione (di e da un "credo") o dal comprendere -improvvisamente- che quel "pazzo"

è più pazzo di quanto Furtwangler avesse messo in preventivo negli anni prima.

Poi, o infine, io non sono capace di ascoltare F senza che mi passi in testa C (Celibidache).


A mia discolpa, per esser annato fori tema... t'appizzo un bellissimo ed oltremodo interessante articolo di Arbasino,

un profondo coccodrillo al Celi: titolo, La musica non è merce.

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1996/10/12/celibidache-la-musica-non-merce.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

articolo lungo e interessante, bella segnalazione, scritto, presumo, in occasione della sua morte

amo celibidache da relativamente poco.

non comprendo pero gli elementi di connessione fra i 2 direttori, se si esclude la circostanza che si succedono alla direzione dei berliner.

due mondi almeno a mio modo di vedere, assai distanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Hector

Articolo interessante, che richiede però una lettura troppo faticosa: si arriva in fondo arrancando, quando ormai la curiosità lascia spazio al fastidio per un critico che si autocelebra, sciorinando un minestrone di collegamenti che sa tanto di dado Knorr. 

In definitiva Arbasino non ci vuol parlare di Celibidache, ma di se stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

stavo rispolverando i miei cd e di F. ho una versione del 52..quella citata la cercherò su tidal

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
6 ore fa, mozarteum ha scritto:

Che hanno da dire i filologi su questa stratosferica interpretazione? 

Beethoven non l’ha scritta cosi’? Peggio per lui 

Non credo che i filologi abbiano mai avuto all'ordine del giorno una tale problematica; la filologia musicale, contro quella che è la vulgata, non ha come fine l'interpretazione musicale "fotocopia" bensì l'esatto contrario.


Credo che il problema più importante per noi sia invece cercare di capire se Beethoven si sia permesso o meno di comporre la sua nona sinfonia senza tener conto di quella che sarebbe stata l'intenzione interpretativa di Furt, quindi con scarsa lungimiranza e poca chiaroveggenza ... :D


A me sembra di ritrovare nell'interpretazione del '42 tutte le "note" della partitura beethoveniana, con dinamiche, agogiche, tempi, ecc, ovviamente "personalizzati", così come fan tutti gli interpreti che cercano la libera interpretazione personale, più o meno geniale e non già "licenziosa", ovvero arbitraria, senza che Beethoven se ne pigli scuorno...


Intendi forse dire che la nona del '42 di Furt sia "licenziosa", difforme all'impianto compositivo, espressivo, estetico, poetico, originario?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum
14 ore fa, analogico_09 ha scritto:

me sembra di ritrovare nell'interpretazione del '42 tutte le "note" della partitura beethoveniana, con dinamiche, agogiche, tempi, ecc, ovviamente "personalizzati", così come fan tutti gli interpreti che cercano la libera interpretazione personale, più o meno geniale e non già "licenziosa", ovvero arbitraria, senza che Beethoven se ne pigli scuorno...

Giusto.

Ma questo si potrebbe dire per qualsiasi altro compositore. Solo che per alcuni scatta la riserva filologica.

Non credo che Beethoven avesse in mente una nona cosi' eppure

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
giorgiovinyl
21 ore fa, mozarteum ha scritto:

Che hanno da dire i filologi su questa stratosferica interpretazione?

Beethoven non l’ha scritta cosi’? Peggio per lui

Penso però che immaginasse un pubblico un po meno... nazista... immagino tra gli spettatori a Berlino nel 1942 baffetto e tanti altri gerarchi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

cio' nulla toglie.

Come nei Maestri cantori di Norimberga Bayreuth 1943: nel finale -impressionante un panegirico dello spirito tedesco in Wagner- Furtwangler lo fa con una tensione che una volta mia moglie venuta a chiedermi se potesse buttare la pasta mi trovo' col braccio alzato😂

17 minuti fa, giorgiovinyl ha scritto:

nel 1942 baffetto

no pare non ci fosse

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
chicco98

@mozarteum si, è effettivamente una esecuzione straordinaria, con un finale ipnotico, isterico, quasi "grottesco". 

Insomma, intrisa di una drammaticità aderente al periodo. Se ci fosse meno distorsione, però, forse un po' si perderebbe quella dolorosa sensazione.   

PS il riferimento è alla famosa registrazione life in occasione del compleanno del "baffetto" che come giustamente hai detto non era presente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09

Stavo pensando che la "discrasia" potrebbe essere nel fatto che mentre Beethoven componeva "pensando all'"inno alla gioia"universale di Schiller

Seid umschlungen, Millionen.
Diesen Kuß der ganzen Welt !
Brüder ! Über'm Sternenzelt

Muß ein lieber Vater wohne
(Abbracciatevi, moltitudini! Questo bacio vada al mondo intero Fratelli, sopra il cielo stellato deve abitare un padre affettuoso)


il  buon Furt fu forse indotto a pensare ad un "inno" intriso più di furore guerresco che di gioia abbracciosa (non credo sia stato facile per lui mantenersi geniale sotto "ricatto".., un artista autentico non può essere nazista per definizione, per via naturale, biologica, molecolare, escluso a priori)
Facile d'altra parte che i nazi, ribaltando la faccenda, identificassero il "padre affettuoso" del testo schilleriano con il "baffetto" malefico che mirava a conquistare il mondo intero per il bene dell'umanità destinata tutta a formare  un coro immenso!  MIllionen di persone, per una megagalattica interpretazione della nona di Beethoven che si sarebbe sentita fin nelle più remote galassie dell'universo in modo che si cominciassero a preparare O Freunde, freunde... tra un po' eZZere pure kakkien fostren!  🤣

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
analogico_09
2 ore fa, mozarteum ha scritto:

una volta mia moglie venuta a chiedermi se potesse buttare la pasta mi trovo' col braccio alzato😂


Fintanto che l'alzabandiera lo fa solo il braccio.., siamo ancora nella norma... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

finita di ascoltare su qobuz in questo istante..ma che brutta registrazione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
aggelos

rientrando nel tema, cosa potrebbe mai dire un filologo in merito a questa esecuzione di male?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.452
    Discussioni Totali
    6.232.448
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us