Jump to content
Melius Club

Ultima Legione @

Grande TIDAL!! - Master MQA per tutti i cell Android

Recommended Posts

Aretrius62

@Paola Guidetti io è un po' che sto riflettendo su quale delle due abbandonare.  Se parliamo di come sono strutturate (chiaramente credo ti riferisca a Qobuz  e Tidal)  Tidal mi ricorda molto Spotify soprattutto per gli algoritmi che studiano ciò che ascolti e di conseguenza ti "aiuta" nella scelta. Qobuz (la mia sensazione è che musicalmente parlando si senta meglio ) invece offre delle note e una seziona di news migliore in app. Preferisco alla fine Qobuz ma è anche vero che utilizzando Roon (e avendolo pagato profumatamente) sfrutto quotidianamente Tidal. Insomma sta personalissima diatriba di chiara natura Amletica alla fine non mi fa decidere. Ma nel momento in cui Roon integrerà anche l'app francese forse avrò la mia decisione.  I cellulari per la musica li uso di rado avendo diversi dap a disposizione me confermo che mi sono sempre trovato meglio con gli android non fosse altro per lo spippolamento della presa per cuffie di cui ancora non capisco la quantomeno cervellotica scelta di Cupertino (ah già...premere ancora un po' di money dalla nostra tasca forse).  Comunque per il cellulare alla fine preferisco Qobuz...ma specifico che non ho nulla contro MQA anzi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
19 minuti fa, Paola Guidetti ha scritto:

adesso pure tidal su tutti i cellulari Android,io li ho tutti e due e trovo che a livello di app Android tidal é una spanna sopra,per iOS non so.

.

😭😭

.

L' App di Qobuz per Android giá nella versione precedente era cosí cosí...ma attualmente con l'ultimo aggiornamentosia in WiFi che in 4G, con uno streaming perennemente a rilento e continui blocchi, dire che é scandalosamente problematica e inefficiente é veramente dire poco e voglio sperare che risolvano presto tutti questi gap.

.

L' App Android di TIDAL al di lá di gusti e preferenze estetiche, al momento invece la trovo nello streaming assolutamente impeccabile, anche e sopratutto in 4G.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

[riporto anche qui quello che ho scritto ieri sera nell’altro thread gemello, perché purtroppo sono stati accidentalmente aperti due thread sullo stesso argomento]

. . .

Stasera sono uscito fuori a cena con degli amici. Uno di loro aveva un modello di smartphone acquistato recentemente, una marca cinese col nome simile a quello dei cani chiwawa (wawhei, o qualcosa di simile). Quindi Android.

Gli ho chiesto se me lo prestava un attimo e mi faceva installare la app di Tidal, quindi sono entrato col mio profilo di abbonamento, e l’ho collegato alla mia auto.

Sono perciò riuscito a fare una veloce prova di ascolto.

Ho selezionato un album MQA, e lasciato andare due o tre brani.

Poi ho staccato il chiwawa, e ricollegato il mio iPhone 6.

Stessi brani.

La differenza è risultata... inesistente.

Stesso timbro, stessa qualità, stesso tutto.

Si è trattato ovviamente di una prova empirica, ed anche molto veloce, ma ad occhio e croce mi verrebbe da dire che lo smartphone Android non è comunque in grado di veicolare in uscita, via digitale, l’unfold degli MQA.

Ergo, per quanto mi riguarda la novità sarebbe inutile e priva di ogni interesse.


 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro tornando alla domanda "funziona" io ho utilizzato USB Audio Player Plus con un DAC esterno ifi nano iDSD e cavetto OTG con un vecchio tablet Lenovo con Android 4.1.1 e il tutto decodifica MQA via Tidal ben prima dell'arrivo dell'App ufficiale Tidal. 

Quindi mi aspetto che anche l'App Tidal effettui il primo unfold sul telefono/tablet Android e passi un flusso 24/96 al DAC esterno via OTG che effettua l'ultima parte di decodifica.

Ripeto, con USB Audio Playe Plis questo avviene.

Solo su Android però, con iOS e con l'App m-connet non c'è nessun unfold sul telefono e il flusso viene passato via Apple Camera Connection Kit ( adattatore proprietario Apple tipo OTG )  al DAC 24/44 o 24/48. Meglio del 16/44 ma sicuramente non MQA nativo o anche solo dopo il primo  Unfold. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

Scusa, non capisco cosa ci vuoi dire.

L'IFI Nano iDSD, che io sappia, è mqa-compatibile, per cui che tu abbia l'unfold è normalissimo.

Mi sfugge qualche cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro @Cagliostro @Cagliostro

Intendo il primo unfold o core decode , quello che fa passare da 24/48 a 24/96, che viene implementato via SW anche da Roon, Audirvana, Amarra e da Tidal su PC o Mac. 

Questa prima decodifica viene effettuata su Android da USB Audio Playe Plus e da poco anche dall'App Tidal.

Detto ciò se colleghi un DAC tipo nano iDSD potrai ottenere la decodifica  "full" MQA  tramite il DAC, appunto.

Senza il "core decode" SW ifi nano iDSD non decodifica MQA, così come DragonFly RED a altri ancora. Servirebbe un DAC tipo Meridian Explorer 2 o Mytek Liberty o Pro-Ject pre box S2Digital, ovvero un DAC che effettua un full decode via HW ( Firmware).

Inoltre non mi risulta che vi sia un SW in grado di effettuare un full decode MQA come i DAC sopra indicati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

Senti, scusa, ti ringrazio ma te la faccio breve, perché mi interessa UNA cosa sola, e non riesco a trovare nessuno che lo sappia: cosa arriva a un DAC normale (non mqa) quando lo collego via cavo USB ad un device Android?

poi, che su questo il primo unfold o core decode lo faccia la app di Tidal o UAPP, non importa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
5 ore fa, Cagliostro ha scritto:

@Ultima Legione @ 

Novità? 🙂

.

Il cavo USB 3.1 Type C - Type B é gia arrivato a casa, ma io ci rientro solo sabato. Sono curiosissimo anche io di verificare la circostanza.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

allora ieri sera mi è arrivato l'aggiornamento dell app android di Qobuzz finalmente sembra che funzioni decentemente,anche se tuttora preferisco di gran lunga Tidal come app.

Ma in ogni caso se non fosse per la qualità audio che è veramente scandalosa(è molto meglio pure dezeer a parità di file 320)Spotify è assolutamente imbattibile come stabilità,facilità d'uso e soprattutto per la funzione remote che non ti OBBLIGA a dover usare un player di rete o chissà quale altra diavoleria per poter comandare in remoto una fonte di riproduzione,inoltre spotify è oramai integrato in TUTTO,autoradio,ps4,smart tv,mini hifi,amply HT,smartwacht e chi più ne ha più ne metta.

Trovo IMPAGABILE la funzione di spotify di poter comandare da mio smarwatch (samsung s3 frontier) la riproduzione dei brani dello smarphone quando sono in passeggiata o escursione senza dover estrarre di tasca o dalla fascia da braccio.

Io quando spotify si deciderà FINALMENTE a fornire un servizio HiFI con qualità almeno Flac 16/44(di più sinceramente ne posso fare a meno ma se cè ben venga)faccio un bel gesto dell'ombrello a Tidal e Qobuzz che con le loro limitazioni e menate sinceramente mi cominciano un po' a stancare,peccato perché come cataloghi e qualità audio li trovo entrambi veramente notevoli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV
20 minuti fa, Paola Guidetti ha scritto:

Io quando spotify si deciderà FINALMENTE a fornire un servizio HiFI con qualità almeno Flac 16/44(di più sinceramente ne posso fare a meno ma se cè ben venga)faccio un bel gesto dell'ombrello a Tidal e Qobuzz che con le loro limitazioni e menate sinceramente mi cominciano un po' a stancare,peccato perché come cataloghi e qualità audio li trovo entrambi veramente notevoli.

Quotone

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro 

Cosa viene inviato al DAC dipende dal "player" che usi perché il "player" generalmente gestisce il flusso dati in base al DAC e a come lo configuri. E naturalmente in base al tipo di file musicale che vuoi ascoltare. 

Per farla breve ( come dici tu) , se usi USB Audio Playe Plus questo "trasmette" al DAC il flusso "nativo" del file ovvero CD 16/44, FLAC HiRes 24/96 - 24/196 o  DSD64/ DSD128 o altro formato nativo NON codificato MQA, sempre che il DAC sia in grado di gestirli. Però se il file é MQA trasferisce 24/96 perché è in grado di fare la prima decodifica a prescindere dal fatto che il DAC a valle sia in grado di gestire MQA. Naturalmente devi configurare il "player" affinché faccia questa operazione di core decode per MQA.  

Se invece usi un altro "player" che NON é in grado di fare il core decode MQA via SW avrai sempre i formati CD 16/44, FLAC HiRes 24/96 - 24/192 o DSD64/DSD128 per flussi NON MQA di tipo HiRes ma solo 24/44 o 24/48 per i file ( sempre FLAC)  codificati MQA.  Attenzione che in quest'ultimo caso se hai a valle un DAC che  fa il full decode MQA hai ugualmente alla fine della catena un "suono MQA" autenticato . 

Quindi puoi avere tutti i tipi di flussi dati che vuoi in uscita OTG verso un DAC, dipende dal "player" è da come lo configuri : bit perfect, upsampling, MQA core decode,  DSD to PCM, ecc, ecc.

Quindi scegli un "player" universale tipo USB Audio Player Plus, lo puoi scaricare e provare per alcuni giorni, dopo di che acquistarlo e aggiungere l'estensione MQA se sei interessato.

L'ho fatta breve ma non brevissima direi 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro
2 ore fa, Skipperone ha scritto:

Però se il file é MQA trasferisce 24/96 perché è in grado di fare la prima decodifica a prescindere dal fatto che il DAC a valle sia in grado di gestire MQA. Naturalmente devi configurare il "player" affinché faccia questa operazione di core decode per MQA.

Complimenti per lo sfoggio di conoscenza 🙂

Grazie.

Mi interessa però la parte sopra quotata.

La linea sarebbe: smartphone Android (con sopra installato la app di Tidal, o anche UAPP, quindi tutto in grado di compiere il core decode) —> cavo USB (quindi uscita DIGITALE dello smartphone) —> collegamento a sistema audio dell’automobile (con Android Auto, e quindi con controllo al volante di Tidal), e conversione da digitale ad analogico eseguita dal DAC del veicolo (o altro DAC li presente come prodotto aftermarket, come nel mio caso).

Tu dici che al DAC del veicolo arrivano già i 24/96, cioè un flusso post first unfold (fatto dallo smartphone).

Ma sei sicuro?

Lo dici perché hai fatto qualche verifica, o è solo teoria?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@Cagliostro se posso dire la mia con UAPP e l'estensione MQA probabilmente arriva il flusso post unfold,ma tieni conto che UAPP funziona solo Online quindi a meno che tu non abbia un piano dati da 100 giga o più al mese non mi sembra un ipotesi percorribile anche perché un file cosi pesante è molto influenzato dalle oscillazioni di rete quindi ti si rebufferebbe in continuazione,dall'app di tidal quindi file off line,sicuramente ed inequivocabilmente NO,mi piacerebbe sbagliarmi ma ho pochi dubbi in merito se no la CCA riceverebbe da tidal il file mqa.ed è una scelta voluta e ben precisa da tidal e dal consorzio MQA di non permettere di trasferire se non a dac certificati il flusso MQA,se no chi cavolo li comprerebbe i loro dac certificati??

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Paola Guidetti 

Grazie Paola.

Aspettiamo il responso finale, e strumentale, di @Ultima Legione @, ma temo tu abbia ragione.

Comunque non corrisponde al vero che non sia possibile trasferire a dac non certificati il flusso post first unfold. A casa lo riesco a fare benissimo con Roon, che è appunto un player capace di gestire il core decode, per poi inviare al mio DAC (che non è mqa) un flusso “aperto” fino ai 24/96.

Quindi, perché Roon sì, la app desktop di Tidal si, Audirvana sì, e la app mobile di Tidal invece no?

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto75
2 minuti fa, Cagliostro ha scritto:

Quindi, perché Roon sì, la app desktop di Tidal si, Audirvana sì, e la app mobile di Tidal invece no?

perché roon lo paghi e pure caro

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@Cagliostro 

10 minuti fa, Cagliostro ha scritto:

Quindi, perché Roon sì, la app desktop di Tidal si, Audirvana sì, e la app mobile di Tidal invece no?

Molto semplice la cosa!!!

Roon e Audirvana fanno parte del consorzio MQA al quale probabilmente pagheranno pure una polpetta per avere la certificazione e l'esclusiva!

E l'app tidal  per il MASTER è esclusivamente  per PC con  win10 da quello che ho capito e non per mac ma li potrei sbagliarmi,sempre per obbligare ad usare i player certificati.

Basta dare un occhio a sto link per capire che dietro al MQA c'è un business e un cartello ben preciso:

http://www.mqa.co.uk/customer/our-partners

é per questo che sto sempre più stancandomi delle assurde menate di Tidal e delle lacune di Qobuzz e oramai sogno il giorno dell'uscita di Spotify HiFi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro
29 minuti fa, Paola Guidetti ha scritto:

l'app tidal  per il MASTER è esclusivamente  per PC con  win10 da quello che ho capito e non per mac ma li potrei sbagliarmi

Infatti non è così: l’app desktop di Tidal svolge il first unfold sia su Win che su Mac (ho in casa entrambi i sistemi), e lo invia tranquillamente a qualsiasi DAC, quindi non si capisce perché la app mobile della stessa Tidal, su cellulari Android, debba funzionare con un principio diverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@Cagliostro be' perché fino a una settimana fa se volevi il master in mobilità tidal e il consorzio MQA ti obbligavano a comprare un LG V30 (subito,poi ufficiosamente e mai ammesso da tidal perché ci ho scritto lg g7) oppure quell'altro device android sconosciuto.Sono politiche chiaramente protezionistiche e volte a far vendere i prodotti dei marchi che aderiscono al consorzio,questo è proprio chiarissimo,non sapevo che funzionasse anche su MAC mi sembrava di aver letto che subito funzionava solo su win10,be' meglio!

No ferma però questo dell'app win non l'ho mai provato perché il mio dac è certificato MQA quindi se colleghi via usb un pc o un mac ad un DAC non certificato MQA hai comunque un file master 24/96 o superiore in uscita?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro 

UAPP indica iI flusso dei dati in uscita che nel caso di core decode diventa 24/96. 

Questa sera faccio la “prova dello stupido” collegando il tutto al DAC principale che indica la frequenza non ingresso. 

Tidal per Android non l’ho mai usato per cui non saprei. 

Tieni conto che UAPP legge anche file locali HiRes, non escludo che tu possa fare un download da Tidal a casa / ufficio  E poi ascoltare in auto off-Line. 

Comunque un file di un’ora MQA sarà 650 MByte più o meno come un CD. 1 GB sarà 1h e 40’ più o meno. Con un piano telefonico da 30GB sono circa 50h, ovvero 2h e 1/2 al giorno per 20 giorni.  

Questo è uno dei vantaggi del formato MQA ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@Skipperone 

1 minuto fa, Skipperone ha scritto:

Tieni conto che UAPP legge anche file locali HiRes, non escludo che tu possa fare un download da Tidal a casa / ufficio  E poi ascoltare in auto off-Line. 

Lo escludo io,è la prima cosa che ho provato quando ho preso UAPP

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti
5 minuti fa, Skipperone ha scritto:

Comunque un file di un’ora MQA sarà 650 MByte più o meno come un CD. 1 GB sarà 1h e 40’ più o meno

Sinceramente non lo so ma la settimana scorsa ho provato ad ascoltare master a manetta sull'app android per testare come andava nel tragitto casa lavoro che è di circa 45 minuti e mi ha ciucciato mi sembra un paio di giga,non so come sia o come non sia ma con 15 giga di piano dati ho dovuto smettere di andare in streaming sotto rete dati perché mi si è prosciugato il pacchetto in poco o niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

2 ore fa, Paola Guidetti ha scritto:

No ferma però questo dell'app win non l'ho mai provato perché il mio dac è certificato MQA quindi se colleghi via usb un pc o un mac ad un DAC non certificato MQA hai comunque un file master 24/96 o superiore in uscita?

Esattamente.

Se usi la app desktop di Tidal, Win o Mac, e colleghi al computer via USB un dac (che non è mqa), al dac arriva fino a 24/94, ossia hai il core decode (o first unfold).

Comunque ribadisco che TUTTO il mio interesse è rivolto alla possibilità o meno di usufruire in automobile, tramite smartphone Android, del first unfold degli MQA, e quindi di avere in auto i 24/96. Tenendo conto che NESSUN dac di un veicolo, anche aftermarket, può ovviamente essere mqa compatibile.

Del piano dati, e dei relativi costi telefonici, non preoccupatevi: a quello ci penso io. Mi basta sapere se ‘sti cavolo di 24/96 li posso avere o no in macchina, via streaming 😈

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro 

👍 Funziona, appena provato: Android 4.1.1, cavo OTG, App UAPP, cavo USB verso DAC non MQA. Flusso in ingresso al DAC 24/96, così come quello in uscita da Android  ... 😉

Dunque buon ascolto automobilistico ! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

Scusa se ne approfitto: puoi provare anche con la app mobile di Tidal (senza UAPP)?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro 

Per l'App Tidal serve Android 5 minimo, io ho un vecchio tablet Lenovo bloccato alla 4.1.1. 

Sorry ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

Ok, ti ringrazio lo stesso.

Ci siamo quasi.

Aspetto @Ultima Legione @ per la conferma finale anche con l’app mobile di Tidal, e poi andrò subito a comprarmi un nuovo smartphone Android, regalando l’iPhone 6 a mia moglie 😈

L’ideale sarebbe scoprire non solo se funziona anche con quest’ultima, ma pure se viene concesso di scaricare (ovviamente dentro la stessa app di Tidal) gli album MQA, per l’ascolto off line (cosa che con UAPP non è possibile).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@Cagliostro 

ti dirò che ho avuto la tua stessa tentazione: regalare l’iPhone 6 e prendermi un Android per usare Tidal in mobilità, principalmente per i WE in montagna dove in questo periodo il tempo x ascoltare la musica non manca. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Skipperone 

Appunto 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294399
    Total Topics
    6414181
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy