Jump to content
Melius Club

Ultima Legione @

Grande TIDAL!! - Master MQA per tutti i cell Android

Recommended Posts

maxnalesso

Scusate l'ignoranza in materia,  ma volevo avere delle conferme:

1) da un cellulare Android (io ho Samsung A5) l'uscita usb (quella che si usa anche per caricare) veicola un segnale digitale a qualsiasi risoluzione?

2) quale è la migliore App da utilizzare per essere certi di far passare il flusso digitale senza che sia compromesso (es. usando Qobuz)

3) uscendo poi dal cell Android,  se entro con cavettino Usb in un dac hires (con 24/96 o addirittura dsd) poi ascolto il file ad alta risoluzione?

Penso che,  se fossero 3 risposte affermative,  l'unica limitazione sarebbe la ricezione del segnale in wifi rispetto ad uno streamer fisso da collegare ad un cavo ethernet

Grazie,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
Skipperone

@maxnalesso 

Tre sì, il WiFi basta e avanza, va bene anche il 3G se non hai problemi di costo sul traffico dati. 

Se leggi i miei interventi nelle pagine precedenti trovi i dettagli del caso. 

Buoni ascolti !  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@maxnalesso 

Ma quale sarebbe il tuo scopo, utilizzare il cellulare Android in mobilità o in casa collegandolo ad un dac?

Perché nel primo caso ne abbiamo parlato fin’ora, ergo non credo ci sia molto altro da aggiungere; nel secondo caso non credo che uno smartphone sia la “fonte” più idonea da utilizzare; anzi, forse è proprio la più scomoda.

Quanto invece alla tua domanda 1): credo di sì, gli Android dovrebbero tutti poter veicolare in uscita (digitale) files hi rez.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@Skipperone  Grazie,  ma hai consigli sull'App da utilizzare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@Cagliostro In casa,  collegata ad un dac:  NON VOGLIO utilizzare pc,  al limite dovrei prendermi uno streamer fisso:  quanto può costare un prodotto base già di buona qualità?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@maxnalesso 

Che tu non voglia utilizzare il pc per ascoltare musica è cosa buona e giusta.

Io la considero addirittura una roba da cavernicoli, ma che resti tra noi 🤫 😜

Però, suvvia, utilizzare il cellulare..., con tutti i buoni prodotti che ci sono in giro... 9_9

Capisco un utilizzo mobile dello smartphone, ma in casa eviterei.

Quanto allo streaming, che sarebbe appunto una buona idea, “quanto può costare un prodotto base?” temo sia una domanda mal posta.

Dicci piuttosto che budget hai, e com’è fatto il resto del tuo impianto, e vedrai che ti pioveranno addosso consigli a catinelle.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@Cagliostro 

8 ore fa, Cagliostro ha scritto:

Però, suvvia, utilizzare il cellulare..., con tutti i buoni prodotti che ci sono in giro...

Ecco, dai:  consigliamene un paio entro i 500 euro,  così comincio a farmi una idea.

Il cellulare mi sembrava la via più comoda,  anche perhè non ho la più pallida idea (non ho fatto prove in tal senso) se il risultato sonoro finale dipenda anche dallo streamer e relativa App.. mi parrebbe una cosa alquanto strana,  visto che devono solo veicolare un flusso digitale al convertitore,  che facendo appunto la CONVERSIONE D/A,  è il punto focale della qualità sonora.

Per quanto riguarda l'impianto,  i 16 bit li ascolto con il Wadia X32 (difficile fare meglio) e piloto le mie fide Magneplanar 1.7 con un pre+finale Mitsubishi che, se lo facessero ora,  per come è costruito e per come suona,  potrebbe tranquillamente costare 4/5 stipendi 😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro
6 ore fa, maxnalesso ha scritto:

Ecco, dai:  consigliamene un paio entro i 500 euro,  così comincio a farmi una idea

Se i 500 euro rappresentano un limite invalicabile, non avresti tanta scelta.

Io andrei su qualcosa di sicuro e già collaudato, puntando quindi al nuovo Blue Sound Node2i: https://afdigitale.it/bluesound-generation-2i-multi-room/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
Il 16/1/2019 Alle 23:30, Cagliostro ha scritto:

Novità? 🙂

.

......prove in corso!!!😁😁

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
centurione

@Ultima Legione @ ciao 

come vanno le prove 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

😄😄

.

Per aver troppo peccato nella vita non posso purtroppo aspirare alla santitá 😇😇, ma chi mi conosce sá che sono incapace di qualunque angheria.

.

Anche se sono nuovamente in viaggio per lavoro, sono comunque riuscito a mettere nel mio bagaglio il DAC e il cavo USB.

.

Funziona tutto troppo bene e non dovrebbe essere cosí.

.

Che il decoder software MQA integrata nell'App Android (al pari di quella desktop per PC) gestisca pienamente l'uscita audio della cuffia, era giá ovvio e scontato.

.

Che riesca a instradare perfettamente lo streaming digitale di Tidal Master verso la porta USB-C del mio HUAWEI Nova Plus e a riprodurlo sul DAC, é stata una magnifica e bellissima conferma (anche se il telefono continua a vederlo come un generico dispositivo da alimentare !!!).

.

Ma che la cuffia attaccata all'uscita del DAC, nel riprodurre i Master MQA, suoni cosí macroscopicamente meglio rispetto all'uscita audio dello smartphone, tanto da indurmi il sospetto che oltre alla scontata e ovvia bontá dell'uscita analogica del DAC rispetto a quella del telefono (che comunque nel Nova Plus é di assoluta eccellenza), possa addirittura riuscire svolgere completamente l'unfolding gestendo pienamente il Core MQA, é il dubbio amletico che stó cercando di chiarire perché cosí non dovrebbe proprio essere, stante che Android non puó (o perlomeno non dovrebbe) consentire il riconoscimento di un DAC MQA attaccato ad una sua porta USB.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro
25 minuti fa, Ultima Legione @ ha scritto:

... perché cosí non dovrebbe proprio essere, stante che Android non puó (o perlomeno non dovrebbe) consentire il riconoscimento di un DAC MQA attaccato ad una sua porta USB.

Scusa, e perché no?

O sono io che non capisco?: stai dicendo che il tuo chiwawa Android veicola via USB il first unfold degli MQA al DAC esterno, e che questo (essendo un DAC mqa compatibile) poi svolge il full unfold?

E che c'è di così strano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

Lo strano é (forse sbagliandomi clamorosamente) che l'App Android di TIDAL al pari dell'applicazione desktop per PC, se non sá e/o non ha certezza di inviare lo streaming ad un DAC con Core MQA, svolge con la decodifica software il primo unfolding MQA e (in teoria) dovrebbe "sparare fuori" lo streaming 24bit/96KHz senza quindi permette l'unfolding completo a livello hardware.

.

Invece per come sento clamorosamente bene e meglio i brani (al di lá di ogni ragionevole suggetione é la medesima sensazione che ho avuto anche nel setup audio di casa con le delicate informazioni di ambienza e di soundstage che non si apprezzano in cuffia), sembrerebbe avvenire proprio questo e non riesco a trovarne una ragionevole spiegazione.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Ultima Legione @ 

Senti, scusa, ti lascio alle tue suggestioni che già vanno un po' oltre ciò che interessa a me, e a tutti gli altri che non hanno un DAC mqa.

Sorvoliamo quindi un attimo su cosa succede DOPO l'intervento del DAC, e raccontaci un po' meglio cosa trasferisce uno smartphone Android ad un DAC non mqa compatibile.

Ci arriva o no a 'sto benedetto DAC un segnale post first unfold a max 24/96?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

Assolutamente si !!

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Ultima Legione @ 

Vabbè, dai, raccontaci 😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Ultima Legione @ 

Ah!, e non trascurare di dirci se il sistema funziona o meno anche off line.

In più, se hai provato in auto, lo hai fatto anche con Android Auto?

Sul computer di bordo del veicolo vengono in qualche modo evidenziati gli album Masters?

Thank's 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

👍 ..Appena ritorno sul patrio suolo prove a gó gó!! 😀😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti

@Ultima Legione @ scusa ma non ho capito 2 cose,la prova l nai fatta con l app ufficiale di tidal?

e il tuo dac indica con un led o un display l esatta frequnza riprodotta?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Felis

Funziona così e sempre in modo molto fumoso su ciò che viene perso nella compressione.

11017mqa1c.jpg11017mqa1a.jpg

"I dispositivi di riproduzione MQA commerciali richiedono il pagamento di una royalty a MQA Ltd per unità venduta. Sulla base delle informazioni di Auralic, produttore di streamer audio wireless Audiophile, Meridian Audio vieta l'uscita digitale di MQA scompattato in qualsiasi formato digitale, consentendo solo di inviare i dati decompressi ad un DAC compatibile con MQA integrato e di emettere in uscita analogica. Alcuni sostengono che questo sia parte del processo DRM, che consente di autenticare un file MQA e di decodificare la piena qualità del segnale solo su apparecchiature con licenza commerciale."

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Felis 

Non mi sembra una novità.

Che ci voglia un dac mqa per il full unfold, cioè quello hardware, è cosa risaputa.

Qui si stava però cercando di approfondire un particolare aspetto del first unfold, cioè quello software (lo stesso eseguito dalla app desktop di Tidal, da Roon, da Amarra, da Audirvana, etc...), e da poco anche implementato in tutti i devices Android, tramite la app mobile di Tidal.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Felis

@Cagliostro Mi pare chiaro che se il file è a 24/192, con il solo supporto software arrivi al massino a 24/96. Erro?

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@Felis Lo schema è chiarissimo,   quindi non erri ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Felis 

Confermo che non erri.

Il supporto software può al massimo arrivare fino ai 24/96; per andare oltre è necessario anche un supporto hardware (il "chippettino" Meridian infilato in un DAC mqa compatibile).

Cosa che però per gli ascolti in mobilità ritengo sia completamente inutile, perché tanto sia in cuffia che in auto i 24/192 in primis non credo sia possibile apprezzarli, e in secundis sarebbe comunque impossibile sfruttarli: non esiste infatti nessun DAC per veicoli, sia fornito dalla Casa automobilistica con l'impianto audio di serie sia presente in prodotti aftermarket, che possa oggi gestire i 24/192 (ad esempio, io ho in auto lo strepitoso Audison Bit One HD https://it.audison.eu/products/bit-one-hd/ che è un prodotto allo stato dell'arte, il cui DAC interno converte fino ai 24/96).

Per cui il first unfold basta e avanza (e adesso forse si capisce meglio perché mi interessa così tanto tutta 'sta storia 😉)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paola Guidetti
5 ore fa, Cagliostro ha scritto:

ad esempio, io ho in auto lo strepitoso Audison Bit One HD https://it.audison.eu/products/bit-one-hd/ che è un prodotto allo stato dell'arte, il cui DAC interno converte fino ai 24/96).

cosa costa sto mostro?è integrato nel sound sistem della tua auto o è un sistema completo che sostituisce il soud sistem di serie?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@Paola Guidetti 

Be', costa come una ottima autoradio aftermarket, ma è il top del top attualmente in commercio; soprattutto dopo l'aggiornamento FIR http://www.elettromedia.com/press_uploads/bitOneHD-FIR-Firmware.pdf

Ovviamente non è un prodotto fornito di serie da una Casa automobilistica, ma installato aftermarket (insieme a tutto il resto dell'impianto audio che, anche quello, e ancora più ovviamente, NON è quello di serie 😎)

Share this post


Link to post
Share on other sites
lupoal

@Ultima Legione @ ... temo di esserm perso l'informazione, quale dac stai usando con il telefono?

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297509
    Total Topics
    6549613
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy