Otto von Ubert Steiner

cronaca e costume L’autobus è senza freni

Messaggi raccomandati

Otto von Ubert Steiner

Non è revisionato, cade a pezzi perdendo anche il cambio e la trasmissione, ma i vertici di Autostrade devono finire in galera.  Capisco il dolore dei parenti, capisco anche il pretendere una testa a tutti i costi, ma che almeno sia la testa giusta. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maverick

Perfettamente d'accordo  ..l'ho detto anche nell'altro thread.

Ma è lo stesso concetto che c'è alla base delle strade "killer" ..e altre perle che vediamo ogni giorno...

I parenti "un po' " li capisco , ..il resto no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

bisognera’ leggere la motivazione.

anche a me pare una sentenza giusta. Il fatto poi che siano stati condannati se non sbaglio alcuni funzionari e tecnici periferici di autostrade rende quest’ultima civilmente responsabile in solido per il risarcimento del danno dovuto ai parenti delle vittime.

in solido vuol dire che in caso di incapienza della ditta dell’autobus (probabile) autostrade anticipa anche la quota risarcitoria -presumibilmente la piu’ alta- che incombe sulla ditta, salvo rivalersi (si fa per dire) su essa.

Giusto escludere i vertici se il posizionamento di barriera inidonea non sia dipeso da fatti e atti riconducibili alla sfera di responsabilita’ di vertice (ad es. taglio investimento sicurezza, circolari interne ecc.)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lampo65
2 ore fa, mozarteum ha scritto:

fatto poi che siano stati condannati se non sbaglio alcuni funzionari e tecnici periferici di autostrade rende quest’ultima civilmente responsabile in solido per il risarcimento del danno dovuto ai parenti delle vittime

Non l'avevano spiegata bene gli avvocati, altrimenti sembrano un po esagerate le scene viste ieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Non so se il principio della responsabilita’ solidale valga anche nel caso in cui gli obbligati principali - qui la ditta del pulman- siano falliti.

se cosi’ fosse i creditori, merce’ il vincolo di solidarieta’, godrebbero d’un vantaggio rispetto agli altri creditori fallimentari in deroga al principio di “par condicio”.

e’ vero che soddisferebbero il proprio credito per l’intero presso l’obbligato in solido che non e’ un fallito, ma questo obbligato in solido avrebbe poi la posizione di mero chirografario nell’azione di regresso verso il fallimento e non prenderebbe certo indietro l’intero anticipato.

Mi suona strano che il principio di solidarieta’ possa spingersi a sacrificare cosi’ tanto la posizione del coobligato solvente, ma

non e’ mia materia percio’ chiedo lumi ai civilisti e fallimentaristi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria
5 ore fa, Otto von Ubert Steiner ha scritto:

Non è revisionato

Purtroppo era revisionato, la funzionaria che ha firmato ha preso 8 anni.

E questo per me è moralmente gravissimo perché lo Stato (sia pure nella persona di un suo pubblico ufficiale) ha tradito la fiducia del cittadino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bazza
5 ore fa, Otto von Ubert Steiner ha scritto:

Non è revisionato, cade a pezzi perdendo anche il cambio e la trasmissione...

Ne parlavo stamattina con la mia compagna, pure a me pare una forzatura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria

Il processo ha messo in luce la incredibile concatenazione di fatti che ha portato alla tragedia, principalmente omissioni. I vertici di Autostrade sono gli unici a non aver omesso alcun atto dovuto, secondo il giudice. Avrebbero potuto compiere anche un atto non dovuto, è vero, ma non sono state esibite prove che i funzionari locali avessero scalato il problema.

I fatti.

L'autobus ha più di un milione di chilometri. Per la revisione necessita di 15mila euro di lavori che non vengono fatti.

La funzionaria rilascia ugualmente il certificato (lei ha negato, dice che quel giorno non era in servizio e uno sconosciuto ha beggiato al posto suo, il giudice non le ha creduto).

Quel tratto autostradale è caratterizzato da lunghissime discese, le barriere non sono l'ultimo tipo ma rientrano in quelle ammissibili dal contratto di manutenzione. La società non è tenuta a aggiornare quel tipo di barriera ma oggettivamente non avrebbero retto all'urto di un mezzo pesante lanciato.

I responsabili del tronco non segnalano il potenziale pericolo e non invitano la società ad intervenire in deroga alle regole standard.

L'autista abituale, proprietario del mezzo, quel giorno ha da fare e affida la guida del mezzo a suo fratello.

Il mezzo imbocca le prime discese perdendo pezzi, i passeggeri invitano l'autista a fermarsi. Lui rifiuta, dice che non sta bene e ha fretta di rientrare. Sulla discesa fatale l'autista perde conoscenza, l'autobus privo di controllo scarta a destra, travolgendo la barriera.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria

Si è sostenuto che l'incidente è avvenuto perché l'autista ha perso conoscenza, quindi sarebbe avvenuto anche in assenza delle precedenti omissioni e che l'unica possibilità di evitare la tragedia erano le barriere di ultimo tipo che Autostrade non ha messo.

La sentenza la conoscete, il giudice ha condannato tutti tranne i vertici di Autostrade. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin

Le barriere installate erano conformi alla norma tecnica per tipologia, installazione e stato di manutenzione ? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maurodg65

Di Maio è una persona squallida, indegno di ricoprire un ruolo istituzionale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
siebrand
1 ora fa, maurodg65 ha scritto:

Di Maio è una persona squallida, indegno di ricoprire un ruolo istituzionale.

Concordo.

In più è un gran ignorante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tomminno
4 ore fa, appecundria ha scritto:

Purtroppo era revisionato, la funzionaria che ha firmato ha preso 8 anni

Ma la revisione serve veramente a qualcosa? 

Una volta che le luci funzionano, le gomme hanno sufficiente battistrada, le sospensioni e freni sono a posto, altro non c'è da controllare. Se il motore cade a pezzi non mi pare condizione riscontrabile durante la revisione. Anche perché che fai lo smonti e rimonti? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Aries

@tomminno Infatti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
buranide
1 ora fa, tomminno ha scritto:

Ma la revisione serve veramente a qualcosa?  

Se fatta con criterio a qualcosa serve, in questo caso sembra che la revisione sua stata un pó 'addomesticata', mica si danno 8 anni a chi fa le cose in regola...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria

@Martin pare di sì ma parte degli ancoraggi erano corrosi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria

“L’autobus Volvo, condotto da Ciro Lametta, si approccia al Viadotto Acqualonga dopo aver percorso in condizioni di rilevante inefficienza del sistema frenante, un tratto di circa 880 metri. In questa drammatica discesa l’autobus ha impegnato, soprattutto nella fase finale, l’esistente corsia di emergenza, giungendo all’ingresso del viadotto con l’asse longitudinale del veicolo pressocchè parallelo alla linea marginale laterale ed all’asse stradale”.

“Il mezzo, fino a quel momento, sempre a contatto con gli elementi marginali di destra della strada, collide con la barriera New Jersey in calcestruzzo. La geometria e la cinematica di questa prima collisione sono definite anche da un velocità non superiore a circa 115 km/h”.

“Dal primo urto con la barriera esce ad una velocità di circa 109 km/h”, con la quale inizia la serie di collisione con diverse auto. “L’autobus – si legge ancora nella perizia – ha descritto una traiettoria piuttosto regolare, di ampia curvatura, che lo ho portato da urtare definitivamente con la barriera ad una velcoità di circa 89 km/h”.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
On 1/13/2019 at 3:31 AM, schaudy said:

almeno alla motorizzazione dove andavo io

 In questa frase potrebbe esserci la chiave del tutto.  In passato mi occupavo marignalmete di revisione di mezzi speciali, che l'azienda affidava ad una agenzia esterna. La mia parte era quella di programmare con l'agenzia il periodo di fermo dei mezzi durante il quale si svolgevano le revisioni. 

Stranamente l'ufficio mctc prescelto dal fornitore non era mai quello più vicino e comodo, usava sempre gli stessi tre, quale che fossero la provenienza dei mezzi e i tempi di viaggio a/r necessari...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

mah insomma per quello che ho letto l'albero di trasmissione si e' staccato dal gruppo cambio 

immagino che i frenomotore sia scomparso e con lui la possibilità anche di mantenetere in traiettoria il mezzo (che per quanto ho capito sxi e' trovato in "fille " in pena discesa)

Comunque non capisco bene perche' autostrade avrebbe dovuto essere condannata se (ripeto se) i sistemi di contenimento dei mezzi sono quelli previsti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf

A mio parere il tentativo di coinvolgere la concessionaria è solo ed esclusivamente legato alla consapevolezza di non poter ottenere dalla ditta di Autotrasporti alcun risarcimento, cosa invece ottenibile dalla concessionaria stessa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria
1 ora fa, stefanino ha scritto:

Comunque non capisco bene perche' autostrade avrebbe dovuto essere condannata 

L'accusa puntava sugli ancoraggi corrosi.

La difesa sosteneva che invece era nei limiti. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
1 hour ago, vizegraf said:

A mio parere il tentativo di coinvolgere la concessionaria è solo ed esclusivamente legato alla consapevolezza di non poter ottenere dalla ditta di Autotrasporti alcun risarcimento,

Esatto, più corresponsabili si tirano dentro, maggiore à la probabilità teorica di vedersi risarciti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

@appecundria 

OK chiaro ma immagino che siano state fatte perizie per capire se erano corrose e se la corrosione le rendeva meno sicure di quanto previsto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
appecundria

@stefanino a quanto ne so, tutte le tre perizie parlano di evidente corrosione ma la superperizia ordinata dal giudice aggiunge chiaramente che, con una migliore manutenzione degli ancoraggi corrosi, la barriera avrebbe resistito certamente. 

Forse per questo sono stati condannati i funzionari di Autostrade. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paolo 62

1): mezzi troppo vecchi non devono essere autorizzati a circolare perché anche se superano la revisione non si sa quanto "tengono": esiste la fatica del metallo e i punti di ancoraggio di motore, cambio e sospensioni sono continuamente sollecitati e possono cedere. 2): l'autista non sentendosi bene DOVEVA assolutamente fermarsi e riposare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
maverick
38 minuti fa, Paolo 62 ha scritto:

1): mezzi troppo vecchi non devono essere autorizzati a circolare perché anche se superano la revisione non si sa quanto "tengono": esiste la fatica del metallo e i punti di ancoraggio di motore, cambio e sospensioni sono continuamente sollecitati e possono cedere. 2): l'autista non sentendosi bene DOVEVA assolutamente fermarsi e riposare.

1) ovviamente sono d'accordo, ... ma poi quando si fa un provvedimento che bene o male "taglia la testa al toro" con una data precisa saltano fuori tutte le associazioni di categoria che "non si può imporre la sostituzione dei veicoli" .. " ci sono veicoli che anche se datati sono perfetti", .. e via discorrendo, e allora non se ne esce.

Il motivo delle revisioni cosi' ravvicinate è stato anche quello, .. ma evidentemente neppure quello basta.

2) questo vale in generale, .. ovviamente, .. e non si può che essere d'accordo, .. ma credo che il problema della perdita di controllo del veicolo sia stato di tipo meccanico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Paolo 62

Al post 8 si dice che l'autobus ha cominciato a perdere pezzi, che i passeggeri hanno chiesto all'autista di fermarsi e lui non l'ha fatto: cosa devo dire? Incidente evitabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
stefanino

dalla ricostruzione video direi che perso il pezzo l'autobus era condannato

No freno motore no freno pneumatico, in discesa e pure bello carico.

.

in quelle condizioni ci sta che  abbia fatto finta di non voler ascoltare i passeggeri

(dato che non poteva rallentare o faceva finta di non sentire oppure avrebbe dovuto dire la verita' creando il panico quindi avendo maggiori garanzie di un disastro)

.

Sulla revisione: attenzione che quel mezzo forse e' andato alla revisione ma la revisione non e' stata fatta come Dio comanda (o forse non e' proprio stata fatta)

I pneumatici diversi sullo stesso assale sono li a provarlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    291.592
    Discussioni Totali
    6.237.315
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club: la nuova casa di Videohifi.com
Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con sede legale e operativa nell’Incubatore certificato Campania NewSteel in Napoli via Coroglio 57/d e codice fiscale 07710391215.

Powered by K-Tribes.

Follow us