Jump to content
Melius Club

ulmerino

Restauro B&W 801 prima serie

Recommended Posts

ulmerino

@redhot104 io sono qua', un po' di tempo per riprendere fiato e poi puoi portarle da me in officina😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Oggi ho ultimato il montaggio dei diffusori, mancano solo la costruzione dei supporti e una bella lucidata ai mobili...ho cambiato anche i cablaggi dello spinotto della testa dei medioalti, e frenato tutti i filetti delle viti e bulloni con una goccia di Bostik. Collegati i diffusori all'impiantino da "battaglia", sono rimasto di sasso, tanta e' la trasparenza l'estensione il dettaglio e al tempo stesso la setosita' e la mancanza di fatica d'ascolto propria di questo diffusore, il carattere e la personalita' sono quelle originali, ma ogni parametro e' di un ordine di grandezza superiore. Nessuna traccia di quella gommosita' e lentezza sui bassi, ma nettezza e velocita' negli attacchi, profondita' e articolazione, senza nessuna coda. Chiunque con un po' di dimestichezza con il fai-da.te , il tester e il saldatore, e una conoscenza di base di elettronica, puo' cimentarsi con questi lavori. Non ho inventato nulla, ho solo reso piu' attuale e eliminato tutti i "colli di bottiglia" che non permettevano a questo stupendo diffusore di esprimersi al meglio (colli di bottiglia dettati anche dall'estrazione professionale e da scelte figlie del proprio tempo, nonche' dai componenti passivi dell'epoca...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

20190125_162225_resized.jpg

20190125_162301_resized.jpg

20190125_165059_resized.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

I primi vagiti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

Apppppperoooo  sei stato veloce!!!!  Ci avrei messo come minimo 3 mesi mi fossi messo a rimetterle a nuovo...ed invece son 6 anni che ci sto provando e non le ho ancora finite 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@BEST-GROOVE 3 ore al giorno circa per 7 giorni (sabato e domenica esclusi...) da' i suoi frutti...😉

in due o tre giorni dovrei ultimare i supporti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
1 minuto fa, ulmerino ha scritto:

3 ore al giorno circa per 7 giorni (sabato e domenica esclusi...) da' i suoi frutti.



esticaxxi...avessi io tutto quel tempo avrei già aperto impresa. 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Il lavoro mi lascia sempre una mezza giornata libera...turni da 8 ore...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE

  con cosa le hai amplificate per la prova?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@BEST-GROOVE con monnezza pura...😂...un integrato HT Pioneer da un centinaio di watt e un lettore cd del Pleistocene sempre Pioneer...e' lo stereo da battaglia, lo uso per provare i diffusori, chassis pieni di bozze , esteticamente pieni di graffi, all'ampli manca la manopola del volume (ha il telecomando fortunatamente...), ma fanno il loro dovere come muli...il lettore cd e' del 1987 e legge ancora di tutto...se suonano bene con loro vanno meglio con tutto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
landrupp

Ma woofer e mid in kevlar sono gli stessi delle dm6?

Share this post


Link to post
Share on other sites
madero

Certo mi fai venire voglia di aggiornare le mie vecchie thiel. E' un tarlo che ho da parecchio tempo, cablaggi e condensatori

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@landrupp no, sono dello stesso materiale.il midrange delle dm6 e' stato il primo in kevlar, ed e' piu' grande (15cm?), il mid delle 801 e' da 13cm, e il woofer e' da 30cm circa in luogo dei 25 delle dm6...correggimi se sbaglio sulle misure...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@madero che modello? il lavoro si puo' fare su qualsiasi diffusore...

Share this post


Link to post
Share on other sites
madero

cs3.5, comprate usate, avranno i loro anni

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Ho avuto anche stavolta (infatti non e' la prima volta...), la conferma che utilizzando cablaggi particolari, spesso peggiora le cose... Le differenze di struttura di un cavo sono ben udibili (attorcigliato, di piccola sezione, di grossa sezione con i cavi distanziati e paralleli ecc...), raramente con il materiale (argento e rame si sente la differenza, quasi sempre a scapito dell'argento...), ma non ho mai sentito un cavo che apportasse tale peggioramento al suono (SU QUESTO DIFFUSORE) come il VDH cs122.La costruzione sembra classica, non so' di che materiale sia il conduttore, ma il suo inserimento come cablaggio all'interno delle 801 mi ha lasciato perplesso...ho messo un Audison sui collegamenti tra morsetti e cross e tra cross e altoparlanti, e un normale cavo industriale piu' sottile flessibile e lavorabile tra lo spinotto della testa e mid e tweeter acquistati in un comunissimo negozio di materiale elettrico della mia zona...sicuramente la tipologia del filtro e il progetto globale del diffusore mal tollera alcuni tipi di cavi...voglio pensare questo...anche se, provato qualche anno fa su una coppia di Jbl L300 davano il medesimo risultato...suono chiuso in alto e poco esteso in basso, opaco...na' fetecchia praticamente...credo che tutti quegli spezzoni vadano nella differenziata, se qualcuno li vuole li do' in regalo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@madero diffusori molto belli e tra i miei preferiti di thiel...ancora non c'era il suono dettagliatissimo si, ma molto freddo e asettico delle thiel moderne...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@landrupp prossimamente stesso tutorial per una bellissima coppia di gloriose Type A prima serie...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
landrupp

@ulmerino ottimo, lo leggerò con piacere...😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sandroliga

Buongiorno ieri Ulmerino mi ha mandato il video con i primi vagiti delle 801 rinate! Che dire!non credevo che l’Iphone Potesse suonare così bene😄😄mai sentite così aperte e con il basso che seguisse la musica così controllato😟😟anche la scelta dei cavi interni mai sembra azzeccata😲🤗il dubbio mi rimane per il resto dei cavi di segnale che uso di interconnessione  Van de Hul 102 mk3😲🤔🤔🤔 ho già una coppia in arrivo di Kimber Cable Hero hb. Qualcuno puo’aiutarmi nella scelta?

comunque Ulmerino si è rilevato oltre misura grande professionista nonché appasionato 

Share this post


Link to post
Share on other sites
password

@Sandroliga Sono ottimi i cavi di interconnessione di Am@zon, sono economici e ben fatti. Comunque per i cavi c' è una sezione apposita,  qui è vietato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
M.B.

Complimenti a ulmerino per il lavoro svolto!

Ho avuto per diversi anni una coppia di 801F, acquistata nuova alla loro epoca, e in effetti il loro suono era esattamente come descritto. Anche con amplificazioni mostruose (Sae, ML, etc) la gamma bassa non ne voleva sapere di suonare. Alla fine le vendetti per tenermi le DM6 mkII, che ancora oggi ho e che trovo (con tutti i loro limiti) superiori in termini di pura musicalità.

P.S. In seguito ho avuto la versione 801 Matrix S3 su supporti dedicati Solidsteel SS801 (rigorosamente senza la loro equalizzazione elettronica). Per me, la migliore 801 mai prodotta!

Share this post


Link to post
Share on other sites
M.B.
11 ore fa, ulmerino ha scritto:

prossimamente stesso tutorial per una bellissima coppia di gloriose Type A prima serie...😉

Bellissimi diffusori!

Li conosco bene, anche se alla prima versione preferisco la versione ultima "improved".

Inoltre, per diversi anni ho avuto gli Snell Type B-Minor e devo dire che pochi altri diffusori mi hanno emozionato come loro!!! Peccato averli dovuti vendere a causa della loro criticità nell'inserimento nel mio ambiente (35mq): woofer laterali (da 30cm) e tweeter posteriore richiedevano distanze dalle pareti inusitate...

P.S. Il crossover delle mie B-minor era realizzato con ottima componentistica di serie. Anche dufay non avrebbe nulla da ridire, una volta tanto...😋 Dovresti partire bene...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@M.B. diciamo che le dm6 non erano figlie di estrazione professionale come monitor da studio, e questo ha evitato scelte che potessero "castrarle", cosa che invece e' avvenuto per le 801 prima serie...una volta eliminate tutte le soluzioni adottate per "preservarle" da distorsione (apoc) e i vari filtri (subsonico, filtro passa basso sul tweeter , stampato invetronite con piste troppo sottili...) e equipaggiate anche solo con condensatori moderni e "dignitosi", non c'e' partita con la dm6...il progetto 801 e' superiore sotto tutti i punti di vista, dalla forma del mobile (tweeter esterno, teste in fibercrete, ancgoli tagliati a 45 per eliminare diffrazioni, cabinet sepatati per ogni altoparlante), agli altoparlanti...e comunque,anche le Dm6 "rinfrescate" potrebbero dire la loro anche oggi. Quello che si nota, in tutti i diffusori a cui ho cambiato i condensatori, e' l'annullamento di un "velo" che copre un po' tutte le frequenze, il suono e' piu' chiaro e trasparente, e gli attacchi sono netti e definiti, senza code di sorta.L' equilibrio timbrico rimane inalterato, ma e' la risoluzione generale che aumenta, e non di poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

Bellissime le B minor, come scrissi anche sul thread dedicato alle type A, diffusori di altissimo livello ( a casa del mio amico Peppe, si fecero preferire ad una coppia di b&w 800 Nautilus ), ma critici da posizionare a causa del wooferone da 30 laterale.

Il crossover e' molto accurato e utilizza buoni componenti per essere un prodotto commerciale.

Le Snell type A sono tutte eccezionali, le aIIIi sono forse piu' neutre, ma a mio parere piu' impersonali...la gamma media della prima e seconda serie (pur con tutte le caratterizzazioni) e' inarrivabile secondo me...ovvio che si parla di sfumature su oggetti al di la del bene e del male...

Share this post


Link to post
Share on other sites
landrupp

@ulmerino sbaglio o la serie 3 mi pare la più ostica da "ambientare" ma - se ci si riesce - è la migliore per resa di tutte le type A? 

PS: ma tu per "rinfrescare le dm6" cosa intendi? Le mie sono state ricablate e (credo) anche ricappate di recente (non da me)...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@landrupp la serie 3 esige piu' spazio dietro per permettere al tweeter posteriore di lavorare bene, e la parete dovrebbe essere riflettente, l'estensione in basso se ben posizionata e' da applausi, ma c'e' qualcosa nel suono generale che mi fa preferire la prima serie, lo trovo piu' piacevole, sicuramente piu' ruffiana ed eufonica... Per molti e' un difetto, oggettivamente parlando la AIIIi e' la piu' completa e neutra di tutte, con una ricostruzione scenica accuratissima...vuole ambienti di cubatura piu' grandi rispetto alle altre, e una bella parete libera dove andranno messi i diffusori, lontano dai muri laterali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
qzndq3

@ulmerinoMi stai facendo venire l'appetito, ho ricablato le mie AR90, i condensatori alla misura risultano decenti (capacità ed ESR) e non li ho sostituiti... quasi quasi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    292529
    Total Topics
    6328077
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy