Jump to content
Melius Club

Aletto

Tidal vs Spotify e altri: il punto sui migliori servizi streaming

Recommended Posts

Aletto

Buongiorno a tutti cari amici, apro una discussione trita e ritrita ma forse non sviscerata fino in fondo. L’occasione viene dal fatto che sto  provando il mese gratuito di Tidal in questi giorni e, ovviamente, il confronto per me è con Spotify. Premesso che uso Spotify da tre anni e che da due sono premium, ho creato playlist di migliaia di brani e conosco abbastanza bene il suo funzionamento, ora mi trovo a fare paragoni con Tidal. L’interfaccia mi sembra migliore su Spotify, ma probabilmente è solo un discorso di familiarità, diverso e molto interessante è invece il confronto sulla qualità del suono.

Ho cercato e trovato - in alcuni casi con fatica - gli stessi brani conosciuti e apprezzati su Spotify in Tidal e sono alcuni giorni che testo la cosa.

Interessante considerazione, utilizzo come tester anche moglie e figlio, costringendoli ogni tanto ad ascolti in concentrazione sul medesimo brano preso una volta da Spotify e una da Tidal: sorpresa non esiste giudizio unanime, non sempre riescono a carpire la differenza confondendo le due sorgenti. Orecchie poco allenate? Non saprei, potrebbe anche essere, ma confesso che anche io a volte sono in difficoltà.

Ascolto direttamente con rispettive app installate su un iPad collegato con un AVR Denon.

Si sente molto bene in entrambi i casi; mi accorgo che molte volte Tidal sembra avere un maggior dettaglio, una ricostruzione e precisione della scena più ampia, ma sono sfumature che emergono iniziando a salire “molto” sulla manopola, a livelli umani si fa una certa fatica a distinguere.

Questa la mia modesta impressione per ora, vorrei sentire la vostra magari anche su altri servizi, e avere consigli su cosa davvero per voi conviene scegliere per avere una effettiva “differenza”, un upgrade di qualità che giustifichi la spesa aggiuntiva.

Un salutone a tutti e buon we.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Classico70

@Aletto Buongiorno a te. Non sapevo di questa promozione Tidal, ho letto che per un mese è completamente gratuita.

Fammi capire meglio come la ascolti, voglio provare anche io.

Non ho Premium su Sporify, credo che questo influisca ancora di più sulla qualità, vero?

comunque oggi pomeriggio mi iscrivo su Tidal e faccio qualche ascolto  poi relazioni qui.

Buon we anche a te.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aletto

@Classico70 ciao e grazie della risposta. Allora per quanto riguarda il mio modo di ascolto ti dico che il Denon ha una sua app che, una volta scaricata su un device - io c’e l’ho su un iPad e su uno smartphone Samsung- ti consente un controllo molto completo della macchina. Arrivo a settare di tutto, dai ritardi audio, dal volume differenziato per i vari canali, c’è un equalizzatore, un algoritmo di restorer degli streaming, ecc, ecc. Dalla App Denon si può impostare come sorgente HEOS music, altra app che è sviluppata insieme ai Denon per avere una Max compatibilità, dalla quale puoi fare tante cose interessanti - per esempio creare e gestire diversi diffusori in varie zone di casa - diffusori collegati in Wi-Fi al router. Ora da Heos si possono lanciare vari servizi di streaming fra cui Spotify e Tidal che interagiscono direttamente con l’AVR.

Spotify in effetti non ne avrebbe bisogno perché è direttamente predisposta sul Denon, ovvero dalla app Spotify dialoghi direttamente con il Denon, Tidal invece non ha questa possibilità e devi passare attraverso HEOS.

Poi mando il tutto in giro per casa, oppure mi limito ai due diffusori principali in modalità pure direct.

Resto in attesa delle tue impressioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@Aletto ciao, innanzitutto ti chiedo se stai ascoltando la versione Hifi di Tidal e se riesci a leggere gli MqA (o comunque 16/44).

Ho usato per anni iTunes, poi Spotify e infine da più di uno, Tidal Hifi, oggi attraverso uno streamer Pioneer N50AE nel mio impianto principale. 

Non ci sono dubbi che la qualità di Tidal, sia superiore a Spotify, il discorso è come lo utilizzi? Se lo usi con uno smartphone/iPad devi essere sicuro  della risoluzione con cui lo stai ascoltando.

Se sei alla ricerca della qualità sonora, solo Tidal, Qobuz e  Deezer, ti danno l’alta risoluzione nello streaming, ma devi essere attrezzato per usufruirne. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aletto

@iBan69 Grazie caro. Allora su Spotify sono alla massima possibile che è - a quanto mi risulta - di 320 kB.

Su Tidal sono su Hi-fi. Mi dovresti dire sulla app di Tidal dove si deve andare per trovare riferimenti relativi alla risoluzione, ovvero se si può e deve fare qualcosa oltre che essere settati ed entrati in modalità Tidal hi-fi. Grazie 1000.

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@Aletto sulla app. di Tidal (io ho un iPhone) la risoluzione massima è hifi (16/44) ma non la Master (MqA) perché iOS, non lo permette. Sul computer, invece puoi trasmettere in qualità Master  e ovviamente anche su uno streamer, che abbia la decodifica MqA.

Ti mando questo link di whathifi, che ti spiega un po’ di cose ...

https://www.whathifi.com/advice/25-tidal-tips-tricks-and-features

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@Aletto ti segnalo anche questa precedente discussione su Melius sull’argomento. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
selby998

Sono abbonato da qualche mese a Spotify e recentemente ho fruito del periodo di prova gratuita di Qobuz versione Hifi. I confronti effettuati mi hanno portato alle stesse conclusioni riferite da Aletto per Tidal: con mia grande sorpresa non ho riscontrato differenze significative, e comunque mai tali da indirizzare la mia eventuale preferenza univocamente a Qobuz. Di conseguenza ho concluso il periodo di prova e sono tornato a Spotify che oltretutto per praticità di utilizzo e funzionalità è sicuramente superiore. A titolo informativo utilizzo un notebook dedicato, dac Ifi Audio Micro idsd con uisb3 e Nano Galvanic, ampli e cuffia stax.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aletto

@selby998 buon pomeriggio. Sto cercando di capire se c’è qualcosa che sbaglio nei settaggi di Tidal. Sappiamo che il formato hi-fi di Tidal viaggia con circa 1411 kB contro, per es. i 320 kB di Spotify (premium). Il formato hi-fi di Tidal viaggia come Flac, ovvero qualità tipo cd, file non compressi assai più pesanti da scaricare e gestire. Potrebbe esserci qualche problema a livello di download e di gestione dei file, forse la mia rete non è sempre così performante per godere appieno del Flac di Tidal.

Altra (delicata) questione potrebbe derivare dagli algoritmi ( misteriosi) di restorer di Denon. Dico misteriosi perché, interpellando persone esperte, ingegneri informatici, non è sempre chiarissima la modalità con cui questi algoritmi lavorano, su quali formati intervengono e come cercano di “riempire” il vuoto di informazioni dei formati compressi tipo Ogg Vorbis di Spotify.

Io settando il Denon su restorer Max sento dei miglioramenti che non saprei poi esattamente decodificare, ma tant’e.

Intanto continuo a provare.

Nota: La biblioteca di Tidal è più “farraginosa” di quella di Spotify, a mio avviso, ma alla fine i brani si trovano (sulla classica appare più debole). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

Scusate, che la ricerca con Spotify sia migliore di quella con Tidal, mi trovate d’accordo, ma resto alquanto perplesso  sul fatto che che non percepiate la qualità superiore di Tidal in Hifi e soprattutto in Master, nell’ascolto. 

Si tratta di file a qualità CD 16/44 o superiore contro file compressi 320Kb! 

Boh? 🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites
selby998

La perplessità è stata anche la mia per l'esito del confronto Spotify / Qobuz hifi. Di sicuro non mi sono accanito per giorni con test a/b, e d'altra parte mi aspettavo che la differenza qualitativa venisse fuori con immediatezza inequivocabile, così non è stato. Boh !

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

Cerco di riassumere,  visto che in questi ultimi 2 mesi mi sono informato:

SPOTIFY:  mp3 a 320k --> sonicamente il peggiore

TIDAL Hifi:  qualità cd 16/44 con possibilità di ascolti migliori con i file codificati MQA (un specie di HiRes) --> qualità ottima a detta di tutti

QOBUZ: qualità cd 16/44 + moltissimi file ORIGINALI in HiRes 24/96 (o 24/88):  sulla carta,  la migliore qualità sonora disponibile

IDAGIO: solo musica classica in qualità cd 16/44:  ideale per chi ascolta solo classica e vuole spendere solo 10euro/mese,  ma senza HiRes

Share this post


Link to post
Share on other sites
il Marietto
36 minuti fa, maxnalesso ha scritto:

TIDAL Hifi:  qualità cd 16/44 con possibilità di ascolti migliori con i file codificati MQA (un specie di HiRes) --> qualità ottima a detta di tutti

Tanto per dare una info in più, quando un album è segnalato Master , mi viene letto in 24/88,2 o 24/96 

non ho mqa e non so manco cosa sia...

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@il Marietto esatto, la qualità Master, ha una risoluzione ancora maggiore di quella Hifi, al pari di Qobuz hiRes. 

MqA,  è essenzialmente una tecnologia che “impacchetta” file audio di qualità hi-res in un formato con dimensioni accettabili per permetterne la fruizione tramite streaming (o download), senza per questo sacrificare la qualità come avviene di solito con la compressione audio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mister x

@iBan69 secondo alcuni esperti del settore audio (tecnici del suono) la differenza tra un mp3 320 kbps ben fatto e un wav (non compresso) é inudibile persino attraverso diffusori monitor professionali. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@mister x Può anche essere... ognuno valuti con le proprie orecchie,  non c'è via di scampo ... 🤓

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

AH,  inoltre:  di certo è meglio un'ottima registrazione in formato mp3 320 rispetto ad una pessima a 24/96 o DSD ...  dura la realtà,  purtroppo ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aletto

@iBan69 Buongiorno. Volevo innanzitutto esprimere il mio pensiero in modo chiaro, non ho assolutamente preconcetti su altri gestori che non siamo Spotify e non ho alcun interesse a difendere quest’ultima. Nel mio procedere lento ma costante verso la liquida ero molto curioso di provare cosa significasse esattamente qualità superiore. Leggendo in giro e ascoltando il giudizio di alcuni amici mi sono fatto l’idea che se da un lato Spotify resta la più fruibile e quella con il maggior numero di titoli, sul fronte della qualità audio i vari competitors gli erano nettamente superiori e per questo motivo ero molto curioso di provare. Per quanto riguarda Tidal ammetto che i 20 euro al mese in più mi davano da pensare e quindi ho aspettato il mese di prova, arrivato questo mi sono iscritto. Questa la genesi.

Ora mi aspettavo un cambiamento di “grosse” proporzioni, una sorta di passaggio sull’altra sponda della qualità musicale, un fiorire di dettagli, di frequenze, di presenza complessiva che mi avrebbero rimesso a pace con il mondo...invece tutto ciò non è avvenuto.

Ascoltando Tidal in qualità hi-fi, ovvero a leggere le loro indicazioni, con formati non compressi in formato Flac ( lasciamo stare per ora i file MqA) con codifica 16/ 44.1 sull’istante non ho apprezzato differenze sostanziali. Poi procedendo con calma e in modo sistematico e confrontando stessi brani presi su Spotify e su Tidal, facendo molta attenzione, concentrandomi su ciò che ascoltavo, alzando il volume, ecc. Ecc. effettivamente ho percepito una differenza a favore di Tidal. Ma, almeno nel mio caso, si tratta di differenze assolutamente di fino, di dettagli, di sfumature che ad un orecchio audiofilo allenato risaltano. Vi assicuro che  facendo alcun test al buio fra amici e parenti che sono stati da me ho avuto delle risposte “sparpagliate”, assolutamente non univoche, dove molti non sono riusciti ad individuare la differenza e hanno detto che gli sembrava meglio l’una o l’altra sorgente.

Di fronte a questi primi risultati mi è venuta voglia di confrontarmi con un popolo esperto e preparato, ovvero gli amici di Melius, per avere altre indicazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

@maxnalesso Questo è sacrosanto ! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

Nessuno ha menzionato Deezer. Io prima di passare a Tidal lo usavo nella versione mp3 e lo trovavo molto pratico .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Classico70

Allora, fatto. Mi sono iscritto a Tidal nel mese di prova. Sto familiarizzando con la gestione. Per ora mi sembra che la qualità di Tidal Hi fi sia leggermente superiore a Spotify. Trovo poco friendly il front desktop di gestione.

Al momento dunque, fra i big abbiamo:

Spotify 

Tidal

Soundcloud

Apple music

Deezer

Moodmix

Qobuz

Napster

Google play music

Share this post


Link to post
Share on other sites
franz159

@Aletto Nel paragone Spotify / Tidal, io trovo il primo leggeremnet più eufonico ed un pochino più "piacione", leggermente più smussato, un po' meno arioso e dettagliato di Tidal, il che fa sì che a volte (dipende anche dal brano e dalla registrazione) sia preferibile uno o l'altro, dipende anche molto da come si è abituati. Concordo che non si sta parlando di differenze dal giorno alla notte, perlomeno nella mia esperienza.
 

Da un mesetto sono poi passato a Qobuz (sempre in qualità CD ed a prezzo analogo di Tidal HiFi) e lo trovo dal punto di vista della resa sonora, sostanzialmente comparabile a Tidal, ma lo preferisco diciamo per linea "editoriale" e tipologia di musica promossa.


MQA, nonostante una curiosità iniziale, è per me "rinunciabile".
Informandosi un po' si riesce a capire in maniera inequivocabile sia che si tratti di un formato "lossy" sia che potenzialmente permetterrebe un controllo alla fonte assimilabile al DRM.
Ma - a prescindere da questo - all'ascolto alla fin fine è diciamo al più comparabile allo high-res tradizionale, con il vantaggo del risparmio di banda, che però ormai non è più una reale esigenza.  Pertanto ho deciso che non ho nessun reale beneficio a pagare un "extra" per disporre di MQA, formato che peraltro mi legherebbe a Tidal (nel senso che Tidal è di fatto l'unica sorgente MQA disponibile).

Share this post


Link to post
Share on other sites
glucar

Se un riversamento non è stato fatto come si deve, non c'è 24/96 che tenga. Sarà sempre di qualità mediocre. Quello che manca non si può aggiungere con 24/96. È il motivo per cui molte volte un mp3 suona meglio di un 24/96. E quindi qualche incisione sarà migliore in hi-res o mqa, altre in mp3.

Sempre e solo la mia opinione, nessuna verità assoluta (che nel nostro hobby non esiste😎)

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@mister x ma ascolti con le orecchi degli esperti ... o con le tue? 

Nel mio impianto sento una chiara differenza tra un file da 320kb e un file hi-res, non c’è paragone. Dettaglio, ricostruzione scenica, estensione dinamica , sono superiori.

In questi anni ho provato diverse soluzioni di streaming, e la migliore l’ho trovata con Tidal Hifi. 

MqA, invece non mi convince pienamente... ma, visto che è comunque in dotazione a Tidal Hifi... non me ne faccio un problema.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

be', a parità di qualità di registrazione, ovviamente.

Non possiamo prendere un bel file 320 e uno pessimo 24/96, e poi dire che è meglio il primo ... non si fanno così i confronti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum

Esatto

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

@Aletto complimenti per la guida di presentazione! 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Classico70

@Aletto Sempre molto preciso. Complimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
franz159

@Aletto fermo restando che il tupo post riassuntivo #27 è davvero utilissimo (Melius dato), hai lasciato fuori volutamente le "alte risoluzioni" ossia MQA che è compreso nella versione Tidal-Hifi (a 20€/mese) e Hi-Res Flac fino a 24/192 nella versione Qobuz Studio (25€/mese)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294418
    Total Topics
    6415153
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy