Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
mom

buona tavola La mozzarella Brexit che sogna di spodestare quella nostrana!

Recommended Posts

buranide
1 ora fa, oscilloscopio ha scritto:

Anche il Cren veneto... 

mai come il kren triestin...

Share this post


Link to post
Share on other sites
buranide
1 ora fa, melos62 ha scritto:

 vorrei sapere se l'avete mai assaggiata una mozzarella di bufala di Battipaglia

si, sul posto e prodotta molto meno di 8 ore prima, mai mangiato mozzarella migliore, a Cesare quel che è di Cesare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@buranide Quello triestino non lo sò...ma mi basta il veneto, solo ad annusarlo mi piangono gli occhi e si libera il naso...😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
buranide
2 minuti fa, oscilloscopio ha scritto:

Quello triestino non lo sò...

Fidati, basta guardarlo da lontano... 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

Tornando alla mozzarella di bufala, la migliore che ho mangiato è quella del caseificio Vannulo a Capaccio in provincia di Salerno

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
2 ore fa, GianGastone ha scritto:

 Ma anchi si,

Sulla Vallelata ci bevi il Tavernello rosso o quello bianco?

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

@Gionzi due Talisker 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
2 ore fa, stefanino ha scritto:

Un bel bicchiere di latte in freezer a -18 per 36 ore

Poi lo togli e lo bevi

Non riesco a spiegarmi  😞

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62
11 minuti fa, appecundria ha scritto:

due Talisker

Ne vedo tre versioni, se non sbaglio, però il mio preferito tra quelli in vista è l'ardbeg corryvreckan che alterno con l'uigeadail. Il lagavulin è una certezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
38 minuti fa, appecundria ha scritto:

Sulla Vallelata ci bevi il Tavernello rosso o quello bianco?

Taurasi

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

@GianGastone pessimo abbinamento.  Il tannino del Taurasi mal si addice al polistirolo espanso della mozzarella industriale . Prova con la gassosa Arnone...

Ps: con la mozzarella meglio le bollicine,  come un Asprinio di Aversa, in mancanza va bene lo champagne, o una buona Lacrima Christi , un Biancolella d'ischia o un verdicchio di iesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
16 ore fa, tappodiferro ha scritto:

La mozzarella non so,

prova una mozzarella fresca refrigerata e poi la stessa mozzarella non refrigerata

la differenza e' abbastanza evidente

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
14 ore fa, appecundria ha scritto:

Non riesco a spiegarmi 

puo' essere

ma la chimica e la fisica aiutano a capire che il latte congelato e' una cosa diversa da quello fresco

Share this post


Link to post
Share on other sites
flamenko

L’italian sounding vale 60 mld, bene stop prodotti tarocchi all’Anuga

Con i prodotti italian sounding che hanno raggiunto il valore di 60 miliardi nel mondo occorre difendere con la trasparenza dell’informazione, dalle etichette alle fiere, un patrimonio nazionale dell’Italia sotto attacco dell’agropirateria internazionale. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il ritiro di decine di prodotti italiani fasulli all’Anuga la più grande fiera del mondo dedicata al food a Colonia, dopo la denuncia di Federalimentare.

La presenza di prodotti come Pasta Ciao, passata Tomatino o Parmigiano tarocco rappresenta – accusa Coldiretti – un inaccettabile danno all’immagine del Made in Italy a tavola, poiché non solo rubano mercato e posti di lavoro a tutta la filiera agroalimentare italiana, ma ingannano i consumatori di tutto il mondo.

All’estero, dove – precisa la Coldiretti – le esportazioni di prodotti agroalimentari tricolori potrebbero triplicare se venisse uno stop alla contraffazione alimentare internazionale, sono falsi quasi due prodotti alimentari di tipo italiano su tre. In testa alla classifica dei prodotti più taroccati ci sono i formaggi a denominazione di origine Dop a partire dal Parmigiano Reggiano e dal Grana Padano, ma anche il Provolone, il Gorgonzola, il Pecorino Romano, l’Asiago o la Fontina. Poi ci sono i salumi più prestigiosi dal Parma al San Daniele che spesso “clonati”, ma anche gli extravergini di oliva e le conserve.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Van Katten

Scheckter ? Me lo ricordo, è sudafricano, quindi anche la mozzarella di origine che più a sud non si può le suona a quella campana. Mi sa che ha ragione il pirla belga che ce l'ha con Conte e anche gli altri  forumisti che sostiengono gli italiani facciano schifo (vedi thread del burattino)

O forse NO ?!

😉😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pasquale SantoiemmaGiacoia
2 ore fa, flamenko ha scritto:

La presenza di prodotti come Pasta Ciao, passata Tomatino


...azz Coldiretti!

A mio parere se un potenziale cliente di alimentari, in un Paese non Italia, è così facilmente ingannabile

che bastano quelle due etichette di fantasia (legalissime)... per confonderlo...

significa che il prodotto italiano (in quell'estero) non ha avuto adeguata

promozione attiva. L' "Azienda Italia" non ha speso abbastanza in quel luogo,

non ha investito "sul posto" nella direzione di chiarire inequivocabilmente,

ciò che è Italia, fatto in Italia, ora in vendita su quel

lontanissimo scaffale all'estero. 

Senza parlar poi che produrre cibo non è come produrre un'autovettura di "ferro e plastica".

Se ne vendo per 100 volte m'amplio lo stabilimento, faccio altri siti produttivi di auto, plastiche ecc...


Se invece vendessimo all'estero cibo, fra 10 anni, in quantità 20-50-100 volte oggi...

Come faremmo? Con quale materie italiane, qui in Italia?  

o con quelle che dovremmo importare dalla Cina come già

avviene oggi solo per il pomodoro concentrato che ci manca

e in Cine ne hanno a josa?


Quindi il prodotto alimentare "di firma", tutto italiano, persino nell'incarto,

dovrebbe esser venduto all'estero SOLO "a peso d'oro". Prodotto e vanduto promosso come ESCLUSIVO!

Non deve aumentare la quantità in futuro, deve aumentare il prezzo, decuplicato,

che si paga per della qualità TUTTA italiana.


La qualità si paga e si deve far pagare a carissimo prezzo all'estero. 

Estero, oggi, per chiarire, non è più Europa

bensì è più Cina, Giappone, Canada, Stati Uniti, Russia & stati Emiri ... ...



e qui siamo ai pastori che versano il latte per il pecorino perché quel latte glielo pagano da fame...

latte sardo utile per produrre il 97% di pecorino che è venduto SOLO IN ITALIA e quando quel poco che rimane

e che va all'estero pure lo svendono quel formaggio "non reggiano"...

vendono e svendono senza promozione senza criterio, basta che sia venduto...

che poi basta un'etichetta formay provolum di giugn e settembr, affianch... che "coldiretti"

e il ministro di agricoltura e turismo (si, ha anche turismo!)

si "cagano addosso" dalla paura che giungerà allo scaffale...

...eppoi nun semo manco tutelati dai tarocchi!

m'andovè la maga jurop che dovrebbe legge tutte le carte

e pure l'etichette?

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
17 ore fa, appecundria ha scritto:

magnati il formaggio ammuffito con ripieno di cozze viola! Ti spetta, è il tuo destino, mangia e stai zitto.

No. Devi fare la mozzarella

Vi giuro che, anche se non sono pilota di F1 come il nostro Jodie, in tavernetta faccio una Guinnes che è migliore di quella di Dublino... 

17 ore fa, appecundria ha scritto:

due Talisker 🙂

Deux Bruno, deux... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
26 minuti fa, Pasquale SantoiemmaGiacoia ha scritto:

significa che il prodotto italiano (in quell'estero) non ha avuto adeguata

promozione attiva.

non siamo gli unici

il french sounding nei vini esiste 

Noi per primi abbiamo bevuto e venduto per decenni degli spumantizzati dove il magico "Champenoise" occupava due terzi della etichetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
4 ore fa, stefanino ha scritto:

ma la chimica e la fisica aiutano a capire che il latte congelato e' una cosa diversa da quello fresco

Che è esattamente ciò che io dico 🙂

aggiungo che preferisco il "latte giusto congelato" al "latte sbagliato fresco" ove non sia disponibile il "latte giusto fresco".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    292479
    Total Topics
    6326011
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy