Vai al contenuto
Melius Club

bluesman74

cronaca e costume New Zealand burning

Messaggi raccomandati

bluesman74

https://www.repubblica.it/esteri/2019/03/15/news/nuova_zelanda_attacco_in_un_moschea_decine_di_morti-221589586/

Gravissimo fatto di sangue in una nazione apparentemente tranquilla. Il nome di Traini su un caricatore... 

Un fatto di sangue ispirato dai cattivi maestri che diffondono odio razziale? Secondo me si... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Schelefetris

chiunque promuova o eserciti violenza non è (o non è solo) un cattivo maestro ma un pezzo di sterco umano cilindrico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

lo si capisce dalla valanga di commenti sui social che, quando non appoggiano i terroristi come successe con traini tentano il benaltrismo.

ormai questa forma di odio idiota è parte dello spirito dei tempi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone

Bisogna dire che i zelandesi discendono da una schitta di assassini e ladroni, cosa vuoi che salti fuori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
LaVoceElettrica
23 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Bisogna dire che i zelandesi discendono da una schitta di assassini e ladroni, cosa vuoi che salti fuori?

Trovo questo intervento un tantino gratuito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
24 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Bisogna dire che i zelandesi discendono da una schitta di assassini e ladroni, cosa vuoi che salti fuori?

parlavamo di razzismo e luoghi comuni?


😂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin

Brutta faccenda. Purtroppo si tratta di una sceneggiatura scritta da tempo: Non fosse altro che per banali ragioni statistiche, era infatti illusorio sperare che nessuno in nessun luogo applicasse mai una versione personale del  nemo me impune lacessit.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
kauko

prima o poi doveva accadere, stupisce che avvenga in un paese 'periferico' dall'apparenza tranquilla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
1 minute ago, kauko said:

stupisce che avvenga in un paese 'periferico' dall'apparenza tranquilla.

Pure nel caso Breivik. Forse certi paesi "troppo" tranquilli mantengono la guardia bassa su questi pericoli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
20 minuti fa, kauko ha scritto:

prima o poi doveva accadere, stupisce che avvenga in un paese 'periferico' dall'apparenza tranquilla.

è già accaduto e riaccadrà, ci sono persone disturbate in giro che non vedono l'ora di trovare un alibi virtuoso alla propria voglia di sangue.

i razzisti soffiano sul fuoco per ottenere consenso e il risultato è scontato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
kauko

certo, ma posso capire che un caso del genere avvenga in un paese in cui il conflitto è bello caldo, invece a quanto pare in Nuova Zelanda non ci sono partiti di una destra aggressiva seguiti al punto da creare un clima che invogli il passaggio all'azione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge

Lo stragista è australiano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabio Cottatellucci
54 minuti fa, Martin ha scritto:

Forse certi paesi "troppo" tranquilli mantengono la guardia bassa su questi pericoli.

Troppo tranquilli e/o abitati da popolazioni atomizzate (nessuno parla con nessuno), tipicamente di derivazione inglese o nordeuropea quindi, nei quali il disagio mentale individuale può crescere come vuole (nel nome di quella che loro chiamano privacy ma che è invece puro menefreghismo, nessuno si cura del fatto che dalla casetta accanto arrivino i discorsi di Hitler a tutto volume o che un poveraccio si stia per suicidare per la solitudine).  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
Adesso, kauko ha scritto:

certo, ma posso capire che un caso del genere avvenga in un paese in cui il conflitto è bello caldo, invece a quanto pare in Nuova Zelanda non ci sono partiti di una destra aggressiva seguiti al punto da creare un clima che invogli il passaggio all'azione.

è statisticamente rilevante che l'ostilità verso gli stranieri è maggiore dove ce ne sono di meno e, paradossalmente, dove ci sono meno problemi di convivenza.

nelle grandi città con il maggior numero di stranieri è raro vincano gli xenofobi, nei piccoli paesi molto più frequente. la lega non sfonda a milano e torino, mentre nelle valli spopola.

orban stravince con questa propaganda in una realtà con pochissimi stranieri.

ci sono delle ragioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
camaro71

in meta del continente africano avviene la stessa cosa nei confronti dei cristiani ma se ne parla molto meno.

ciò ovviamente non giustifica questa orrenda mattanza

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
7 minutes ago, Fabio Cottatellucci said:

il disagio mentale individuale può crescere come vuole (nel nome di quella che loro chiamano privacy ma che è invece puro menefreghismo, nessuno si cura del fatto che dalla casetta accanto arrivino i discorsi di Hitler a tutto volume o che un poveraccio si stia per suicidare per la solitudine).  

Non conosco direttamente la Nuova Zelanda, ma per quanto riguarda la Scandinavia purtroppo c'è molto di vero in quanto dici.  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
kauko
20 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

ci sono delle ragioni.

certo, nelle grandi città probabilmente c'è maggiore abitudine alla convivenza e alla diversità, non solo come etnie ma anche come idee e come caratteri vari e assortiti, oltre a un più elevato livello di istruzione e di apertura mentale dovuto a una maggiore mobilità, immagino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Martin
14 minutes ago, briandinazareth said:

è statisticamente rilevante che l'ostilità verso gli stranieri è maggiore dove ce ne sono di meno

 Tempo fa un conoscente addentro in queste cose  mi disse dell'esistenza di una "soglia critica" che, facendo una media tra diversi autori, si colloca tra l' 8 ed il 15%.

Al di sotto il "problema stranieri" non assumerebbe caratteristiche di autostentamento, mentre oltre detta soglia comincerebbe a prendere piede l'accettazione e il superamento del "problema".  Detto modello fa riferimento ad una "società occidentale" senza sottostanti conflitti dormienti su base etnica e/o religiosa, e ad una condizione di integrazione degli "stranieri".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Panurge
18 minuti fa, camaro71 ha scritto:

in meta del continente africano avviene la stessa cosa nei confronti dei cristiani

Avviene in un contesto di scontro millenario e mai cessato tra etnie e di estrema violenza diffusa, in un paese "normale" fa più impressione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Una volta, con una mia amica viennese feci un giro in macchina nei paesi e centri della provincia austriaca. Alla mia osservazione “quanto sono puliti e ordinati questi posti” disse: politness outside, madness inside. 

Almeno i piemontesi cucinano bene

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mozarteum

Gesto assurdo e controproducente perche’ se la si mette sulla violenza religiosa le si busca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
vizegraf
18 minuti fa, mozarteum ha scritto:

Almeno i piemontesi cucinano bene

Ciapa su @Panurge 😁

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GianGastone
1 ora fa, Panurge ha scritto:

Lo stragista è australiano.

Anche gli australiani hanno ascendenze criminali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orsettopeloso

Ho visto il video integrale della mattanza, c'è da avere i brividi. Sembra un videogame sparatutto all'inizio, poi ci si rende conto che le vittime sono vere. Se avete lo stomaco debole, evitate di vederlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
1 ora fa, Martin ha scritto:

Tempo fa un conoscente addentro in queste cose  mi disse dell'esistenza di una "soglia critica" che, facendo una media tra diversi autori, si colloca tra l' 8 ed il 15%.

Al di sotto il "problema stranieri" non assumerebbe caratteristiche di autostentamento, mentre oltre detta soglia comincerebbe a prendere piede l'accettazione e il superamento del "problema".  Detto modello fa riferimento ad una "società occidentale" senza sottostanti conflitti dormienti su base etnica e/o religiosa, e ad una condizione di integrazione degli "stranieri".

concordo, anche se penso che le percentuali, per quello che possiamo vedere in europa, siano inferiori.

 

11 minuti fa, orsettopeloso ha scritto:

Ho visto il video integrale della mattanza, c'è da avere i brividi. Sembra un videogame sparatutto all'inizio, poi ci si rende conto che le vittime sono vere. Se avete lo stomaco debole, evitate di vederlo.

non ci penso neanche, non per stomaco debole ma perché la spettacolarizzazione è quello che cercava questo terrorista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Otto von Ubert Steiner
2 ore fa, Panurge ha scritto:

Lo stragista è australiano

E in Australia se non hai anche i peli pettinati, non entri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Savgal

Un aspetto curioso del fatto è che il soggetto australiano ha cercato di giustificare il gesto con l'invasione a danno dei bianchi. Di conseguenze gli aborigeni australiani dovrebbero sterminare i biachi che hanno invaso ed occupato con le armi la loro terra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth
40 minuti fa, Savgal ha scritto:

Un aspetto curioso del fatto è che il soggetto australiano ha cercato di giustificare il gesto con l'invasione a danno dei bianchi. Di conseguenze gli aborigeni australiani dovrebbero sterminare i biachi che hanno invaso ed occupato con le armi la loro terra.

fino ad arrivare alle poche migliaia di uomini preistorici che hanno cominciato ad invadere il mondo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mom

Homo homini lupus. Non è stato il primo, non sarà l’ultimo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
briandinazareth

"L'unico estremismo che merita di essere attenzionato è quello islamico"
 

Non volevo crederci...

questo il commento del nostro ministro.

un'affermazione simile come commento a questa strage esplicita molto chiaramente chi abbiamo di fronte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

  • Statistiche forum

    293.330
    Discussioni Totali
    6.307.374
    Messaggi Totali

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×

Informazione Importante

Privacy Policy