Jump to content
Melius Club

andrea7617

Magneplanar - consiglio se si può fare

Recommended Posts

andrea7617
2 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

Mi pare corretto però sottolineare questo aspetto nei confronti di un utente che non le conosce ama il rock, così quando riuscirà ad ascoltarle prtenderàdi sentire anche il rock oltre al jazz al femminile. poi deciderà lui 

Mi sono scritto una tracklist per valutare se, nonostante i commenti per la maggior parte positivi, possono andare bene con i miei ascolti. Può succedere di tutto, anche Klipsch teoricamente è adatta al rock ma a me infastidivano proprio con quel genere, anzi, con il rock davano il peggio.

1 ora fa, Bohemien ha scritto:

Nel caso specifico le magneplanar, che ho posseduto, con molti dischi diventano intollerabili.

no buono, no buono questo!!!!

52 minuti fa, pino ha scritto:

Acquistane una coppia recente e non piccola (almeno 50 x 180 )

Pino, hai una stanza in più a casa tua? Te lo chiedo perché sarebbe per me...già le 1.6 (e socie) sono al limite come dimensioni, se vado oltre vengo sbattuto fuori di casa!!!!🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea7617
26 minuti fa, paolosances ha scritto:

ma  il meglio della riproduzione musicale la si ottiene con le voci,chitarra,al limite il pianoforte.

E la riproduzione della batteria??? A me sinceramente piacciono le percussioni che si sentono anche col corpo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
pino

@andrea7617 Se le 'pompi' con ampli correntosi,l'impatto te lo restituiscono,ma gli accorci la vita.

Comunque auguri.

Ci farai sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Umby1

Pino,scusa ma da dove viene fuori che le magneplanar  sono più affidabili delle martin Logan?

io ho avuto due coppie di magneplanar e tre coppie di martin logan,non tornerei assolutamente indietro.

le martin logan sanno essere versatili,le magneplanar no.

una Martin logan dopo 5/8 anni cambi il pannello e sono come nuove.una magneplanar è molto più complicata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bibo01
5 hours ago, bluenote said:

Qualitativamente come e' l'ampli ? Vedo che e' molto potente, 500watt su 8ohm e 900 su 4ohm.

Hai avuto modo di fare confronti nel tuo impianto ?

Confrontato con Pass Labs e Bryston. Ho preferito il Magtech, preciso, potente, naturale... che dopo anni non ha mai perso un colpo, solo la rottura della scatoletta di un fusibile per mia colpa.

Inizialmente, ne avevo due con cui biamplificavo delle 3.6.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bohemien
8 ore fa, andrea7617 ha scritto:

E la riproduzione della batteria??? A me sinceramente piacciono le percussioni che si sentono anche col corpo...

...puoi sempre darti delle bacchettate sui ginocchi mentre ascolti...😎

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

Io penso che il più grosso problema dell' audiofilo-tipo sia di ordine filosofico.

Cioè, da un lato si ripete il solito mantra della riproduzione che deve essere il più possibile fedele alla realtà (e sarebbe ora di farla finita con questa stupidaggine), dall' altro si e' prontissimi ad accettare, giustificare, e addirittura promuovere qualsiasi lacuna del proprio sistema in nome di un innamoramento che quasi sempre è insensato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

Nel caso specifico, è molto semplice:  anche solo pensare di utilizzare diffusori di questo tipo per ascoltare rock non ha senso.       Ma vedo che tanto è inutile ...   Continuo a leggere di gente che è convinta di ascoltare bene il metal con cassettine da stand amplificate con 10 watt a valvole........

Ma allora mi chiedo di che stiamo parlando.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

@andrea7617 cerca su youtube "Sina drums" e prova a riprodurre con le Magneplanar; prova successivamente con altri diffusori. 

Troverai , penso, una evidente differenza. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@paolosances   @andrea7617  La grossa differenza è tra magneplanar grandine magneplanar piccole, come lo era tra le apogee scintilla e le caliper.  Non e possibile pensare che le piccole riproducano correttamente a volumi accettabili le frequenze dal mediobasso in giu che comportano escursioni del diaframma notevoli.  Mentre per le grandi, l’escursione sinriduce all’aumento della superfice e dunque non hanno problemi, ma necssitqno di ambienti grandissimi per rifasare ul segnale posteriore.  Dunque le piccole sono dei grossi compromessi mentre le grandi sono dei piccoli compromessi.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea7617

@stel1963 

7 minuti fa, stel1963 ha scritto:

ma necssitqno di ambienti grandissimi per rifasare ul segnale posteriore.  

Il mio ambiente non è grande ed andrebbero ad 1m dalla parete di fondo (che è a libreria semipiena...) Stanza come dicevo 3,9 x 5,5m alta 2,4 e distanza punto ascolto 2,5 m...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Umby1

Cambia la scelta del diffusore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

@stel1963 MG 3A, nel mio caso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea7617

@Umby1 

Quando ho venduto le Klipsch mi sono fatto una lista dei diffusori che mi sarebbe piaciuto avere, tutti molto diversi tra loro:

- JBL 4312 o 4307

- Dynaudio Contour 1.3 o Focus 1.4/1.6

- Proac Studio 100

- Harbeth C7ES2

- Magneplanar

Non ho fretta, il mio impianto mi soddisfa. Questa nuova coppia di diffusori è un di più, tanto per divertimento

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
2 minuti fa, andrea7617 ha scritto:

l mio ambiente non è grande ed andrebbero ad 1m dalla parete di fondo (che è a libreria semipiena...) Stanza come dicevo 3,9 x 5,5m alta 2,4 e distanza punto ascolto 2,5 m...

 @andrea7617    ciao Andrea. Per anni ho svolto come mestiere il consulente e installatore su pannelli, magneplanar e apogee. Non ho esperienza con le piccole attuali però. Ma ti dico subito che se pensi a modelli un poco più grandini, non hai la stanza necessaria, a meno di disporle nell'altro senso. Le "bimbe" hanno bisogno di tanta aria dietro, ed un metro lo vedo un poco corto. In più una libreria dietro, mentre è ideale per le casse chiuse o reflex, non aiuta per niente le maggies, anzi, loro avrebbero bisogno di una bella parete liscia dietro e di una libreria dietro all'ascoltatore. Se puoi pensare che hai a disposizione entrambi gli orientamenti, per lungo e per largo, ti consiglierei di provare. Avevo un cliente a torino con le Duetta ed un ambiente come il tuo, e si sentivano da dio, dopo averle portate ad un metro e ottanta dalla parete di fondo ed averle amplificate prima con conrad johnson poi con mark levinson.  da un  altro cliente nella stessa situazione erano sul lato lungo, con circa 1,60 mt di aria dietro, alimentate con prefinale audioresearch, il divano contro la parete. MA li, e lui lo sapeva, erano al limite e la riproduzione delle mediobasse non era ottimale ed era legata ad un punto preciso, segnato sul pavimento con lo scotch di carta. erano anche orientate verso l'ascoltatore, cosa che di solito non facevo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Umby1

Ascolterei se fossi in te le Jbl e dynaudio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@paolosances Le amo! Le adoro!! per me è stata sia la scoperta delle maggies medioformato (ossia più piccole delle timpany) sia la mia cassa preferita sia la maggie più naturale e con i bassi più naturali che abbia avuto o sentito. Tante altre, tra maggie e apogee, erano e sono state meglio su alcuni parametri, ma la coerenza della MG3A e la chitarra di Marck Knopfer e le percussioni  in private investigations che ho sntito su quelle non mi sono mai più ricapitate. Scolpita nell'aria, con le dita visibili che toccano le corde e la vibrazione che si espande, e con le percussioni che esplodono ai lati di fianco a lui facendoti tremare la pancia e strinandoti i capelli. Le successive erano un pelo più rifinite sugli altissimi e scendevano ancora più giù, ma non avevano quel realismo totale e quella coerenza. Al confronto diretto sembravano piatte...

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
3 minuti fa, Umby1 ha scritto:

Ascolterei se fossi in te le Jbl e dynaudio.

anche io in un ambiente così piccolo! Le dynaudio sopratutto assomigliano molto al meglio delle maggies, senza le problematiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

@stel1963 grazie, proverò con il brano che hai suggerito!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo

Il brutto è che Andrea ha gusti difficili da inquadrare. Ok le Mag. Per ascolti a bassi volumi, ma poi la batteria sentita di pancia, le klipsh che non apprezza...

Difficile consigliare, l'unica è buttarsi digerirle e decidere.

Secondo me neanche un ascolto da qualcuno basterebbe, li per li non possono non piacere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@Simo diciamo che starebbe cercando un diffusore che coniughi i pregi delle Magneplanar con quelli delle ATC 

Piuttosto complicato a questi prezzi  :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
mauriziox60

lasciandomi trasportare dal mio gusto e orecchio, gli consiglierei di ascoltare le PMC. Suono completamente diverso dalle maggies, ma per me validissimo e bello

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@mauriziox60 però se non ho capito male ha un finale da una trentina di watt 

Sono pochi per le Pmc 

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea7617

@Simo 

4 minuti fa, Simo ha scritto:

Il brutto è che Andrea ha gusti difficili da inquadrare. Ok le Mag. Per ascolti a bassi volumi, ma poi la batteria sentita di pancia, le klipsh che non apprezza...

Ma no, dai, nulla di particolare nei gusti!!!

Vero, ascolto a bassi volumi. In mancanza del loudness ho sopperito con un equalizzatore che esalta di circa 3db i bassi attorno agli 80-100 Hz.

Il suono mi appaga, sia usando Unico 100 che Aleph con il pre Zen (suono più "denso" con il pre e finale)

Klipsch, no davvero, non fanno per me. Sarà colpa della stanza, delle amplificazioni ma degli alti così taglienti ed un suono "semplificato" non mi sono alla fine piaciuti. All'inizio ne ero però entusiasta delle RF5...

Ascolto a bassi volumi ma quando alzo un po', diciamo display dell'Unico ad 1.0, il suono è ben percepibile anche con il corpo. Si tratta comunque di volumi bassi

Share this post


Link to post
Share on other sites
mauriziox60

@Cano  ma sono pochi pure per le maggies

Share this post


Link to post
Share on other sites
andrea7617

@Cano @mauriziox60 Ho anche Unico 100

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@andrea7617 allora potresti provare ad ascoltare PMC ed ATC 

Share this post


Link to post
Share on other sites
mauriziox60

@andrea7617  👍

In ogni caso, bisogna provare

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@iBan69 martin logan e magneplanar suonano molto diverse, e ogni logan è un mondo a se, ci sono quelle, poche e costose, elettrostatiche a gamma intera, e quelle ibride, i pannelli elettrostatici sono veloci, difficile integrare un woofer che tanto veloce non può essere. sono poi differenti i posizionamenti e soprattutto le amplificazioni, le magneplanar sono un carico puramente resistivo a 4 ohm, la potenza richiesta dipende dalla spl desiderata, ma sono un carico facile a differenza degli elettrostatici che possono avere impedenze bassissime, capaci di mettere in crisi tanti ampli. poi le magneplanar non richiedono il cavo di alimentazione e se le logan son costruite bene è altrettanto vero che il costo dei pannelli iin caso di guasto è andato alle stelle, un rischio prenderle usate

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294273
    Total Topics
    6409052
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy