Jump to content
Melius Club

Xabaras

cultura generale La prima immagine di un buco nero

Recommended Posts

Xabaras

Abbiamo la prima immagine di un buco nero, quello che si trova al centro della galassia M87, o per meglio dire del suo orizzonte degli eventi, a 55 milioni di anni luce di distanza. La cosa è stata resa possibile grazie al programma Event Horizon Telescope, iniziativa che ha visto coinvolti gli otto telescopi più potenti disponibili, utilizzati all'unisono per raggiungere questo obiettivo. Una grande conquista che potrà permetterci di capire un po' meglio come funzionano queste singolarità cosmiche ed ha dimostrato, per la prima volta, che possono essere studiati con le osservazioni astronomiche. La massa di questo buco nero è all'incirca 6,5 miliardi di volte quella del nostro sole, Eccolo:

buco2c.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

una cosa meravigliosa ed emozionante. 



 

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth

l'ingegno umano, quel potere che si ottiene generazione dopo generazione e con la collaborazione estesa.

questo è un risultato incredibile, uno dei più grandi traguardi della conoscenza che abbiamo mai raggiunto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gionzi

Altra cosa fantastica: essendo per nostra fortuna lontanissimo, è stato necessario dotarsi di un "obiettivo" adeguato. credo sia in grado di fotografare un capello a 100 km. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Xabaras
8 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

questo è un risultato incredibile, uno dei più grandi traguardi della conoscenza che abbiamo mai raggiunto.

Esattamente, un risultato ritenuto quasi impossibile solo fino a qualche anno fa. Pensare a cosa c'è in gioco, la conoscenza di cosa succede all'interno di un buco nero, poterlo osservare, pensare di poterlo studiare con l'osservazione anche a questa distanza enorme è una cosa che deve entusiasmare. Alla fine credo che il vero scopo dell'umanità sia quello di studiare, osservare e comprendere l'universo, noi siamo lo strumento che l'universo ha creato per conoscere se stesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
crosby

potrebbe risolvere il problema dell'immondizia al posto dell'inceneritore via tutto dentro il buco😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

credo che la cosa piu'n importante sia la forma dell'orizzonte degli eventi

se pensiamo a una singolarita' che induce una attrazione tale da trattenere anche la luce (e talmente forte da fermare anche il tempo)

viene logico e conseguente pensare che l'orizzonte degli eventi sia una bella sfera

E invece e' oblungo. Forte eh?

Mi sa che del libro della fisica siamo ancora alla prefazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
20 minutes ago, stefanino said:

viene logico e conseguente pensare che l'orizzonte degli eventi sia una bella sfera

E invece e' oblungo. Forte eh?

Non è detto ma credo tu lo sappia già. La materia che orbitando precipita verso il buco nero, potrebbe avere dei 'nodi' di materia che potrebbero dare questa impressione nel momento in cui rilasciano energia. Difficile dire senza altri elementi se veramente sia di forma oblunga o se l'effetto dipenda da altri fattori.

Comunque, immagine sensazionale e se pensiamo a quello che sta avvenendo li, da far venire i brividi. (Ma gli finiremo poco distate 😏)

Share this post


Link to post
Share on other sites
mattia.ds

Meraviglioso ed emozionante !!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
maverick
6 minuti fa, Rimini ha scritto:

Comunque, immagine sensazionale e se pensiamo a quello che sta avvenendo li, da far venire i brividi.

Già.

E se pensiamo alle distanze in gioco, e alla teoria, ormai consolidata e incontrovertibile di un big-bang,  dove tutta questa massa era concentrata in un punto, ... viene il mal di testa, e ci conferma una volta di più quanto siamo piccoli e insignificanti, .. e quanto dobbiamo ancora scoprire sul funzionamento dell'universo.

Entusiasmante è dir poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
1 minuto fa, Rimini ha scritto:

potrebbe avere dei 'nodi' di materia

il "potrebbe" mi da una conferma

del libro di fisca siamo alle prime peginette di introduzione

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
19 minuti fa, Rimini ha scritto:

Comunque, immagine sensazionale e se pensiamo a quello che sta avvenendo li,

quello che stava avvenendo li 55 milioni di anni fa...questa e' una cosa affascinante: guardi il cielo e , di fatto, viaggi nel passato

Intrigante vero?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo

Non tanto dissimile da come viene rappresentato nei film 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rimini
33 minutes ago, stefanino said:

del libro di fisca siamo alle prime peginette di introduzione

Magari, io sono ancora alla copertina 😂

Comunque, se ricordo bene, la materia in rotazione dovrebbe esse più simile ad un toroide che ad una sfera

Share this post


Link to post
Share on other sites
Robbie

Riporto il bello scritto di Daniele Gasparri, un mio ex compagno di classe, ora astronomo divulgatore, ricercatore all'osservatorio permanente nel deserto dell'Atacama in Cile:

Nell’ombra del mostro: Ecco la foto del secolo.
Una rete di 10 radiotelescopi sparsi in tutto il mondo, puntati verso una galassia gigante, chiamata M87, nell’ammasso della Vergine, a più di 50 milioni di anni luce di distanza. 
40 Paesi coinvolti, collaborando per un obiettivo comune, senza frontiere né barriere. 
60 ore di osservazione nel 2017 e altrettante nel 2018, sincronizzate con precisissimi orologi atomici, in modo da creare un unico telescopio con un diametro equivalente al diametro della Terra (12700 km!), chiamato Event Horizon Telescope.
Circa 10 petabyte di dati, equivalenti a 10 mila terabyte, inviati via trasporto aereo (non esiste una rete tanto veloce per scambiarseli virtualmente) e analizzati dai migliori super computer del Pianeta. Quasi due anni per elaborarli al meglio delle nostre possibilità, da parte di centinaia di astronomi di tutto il mondo.

Quest’immagine è una pietra miliare nella nostra conoscenza dell’Universo, trasformando una predizione matematica fatta da un certo Albert Einstein 104 anni fa in realtà. 
Per più di un secolo si è speculato sull’esistenza dei buchi neri, di questi mostri tanto poderosi che riescono a piegare lo spazio a piacimento e a intrappolare dentro il loro orizzonte degli eventi qualsiasi cosa, inclusa la luce. 
Ora tutti i dubbi sono risolti, perché i buchi neri esistono davvero e questa è la loro ombra: il confine tra il nostro universo e quello del buco nero. Una barriera immateriale, ma reale, che può essere attraversata in una sola direzione e che porta nell’oscurità completa, in un mondo che non comunica con il nostro Universo.

Probabilmente non tutti riescono a capire il significato scientifico di questa immagine, ma spero che tutti possano apprezzare l’importanza dell’impresa che come umanità siamo riusciti a compiere. Un’importanza tutta umana, che unisce la scienza sotto un’unica bandiera, che testimonia gli obiettivi incredibili che come specie possiamo raggiungere se solo decidiamo di collaborare per un obiettivo comune.

Oggi questa collaborazione ci ha portato a “scattare” una foto di un oggetto che possiede la massa di 6.5 miliardi di soli, posto a 53 milioni di anni luce di distanza, le cui dimensioni apparenti sono quelle di un moscerino visto alla distanza di migliaia di chilometri. Domani, chissà, questa collaborazione potrà risolvere tutti i problemi che affliggono la nostra resistenza. Non è un sogno, è realtà.

Attraverso la scienza possiamo soddisfare la nostra sete di conoscenza, innata nell’essere umano, ma grazie alla scienza possiamo anche trovare una fonte di ispirazione straordinaria per migliorarci come specie: unita, in un unico, fragile, pianeta che dobbiamo rispettare e proteggere, per noi e per i nostri figli. I problemi che abbiamo sono solo una eccitante sfida posta di fronte a noi dalla Natura, che ci chiama all'appello come un'unica specie. E come unica specie dobbiamo rispondere. Solo così ci potremo assicurare un brillante futuro.

EDIT: aggiungo una breve spiegazione della foto. L'anello luminoso che si osserva è composto da gas estremamente caldo (miliardi di gradi) che sta cadendo dentro il buco nero centrale. Quando si avvicina alla regione chiamata orizzonte degli eventi, il gas sembra scomparire, perché qui la forza di gravità è talmente forte da trattenere anche la luce. Da questo momento in poi, nulla possiamo sapere di quello che succede dentro. Il buco oscuro rappresenta proprio questa regione del buco nero, dove la gravità non lascia passare più neanche a luce. Il gas continua a esistere ed è probabilmente ancora più caldo e brillante ma noi non possiamo più vederlo. E' proprio questo buco oscuro al centro dell'immagine la prova che stiamo osservando un buco nero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

A cosa serve un buco nero?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris
2 ore fa, Xabaras ha scritto:

Esattamente, un risultato ritenuto quasi impossibile solo fino a qualche anno fa

questo rende ancora più sontuoso il lavoro dei teorici del passato, Einstein tra i pochi.

PS noi però abbiamo in realtà un'immagine di questo buco nero come era 55 milioni di anni fa circa... chissà cosa ha fatto nel frattempo :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gionzi
32 minuti fa, GianGastone ha scritto:

A cosa serve un buco nero?

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Qualcosa mi dice che questa discussione deraglierà ;)

Comunque qualche mese fa ho visto un documentario su un canale sky che spiegava la teoria della relatività e tutta la questione di queste singolarità in un modo eccezionale e per nulla banale. Purtroppo non sono più riuscito a ribeccarlo... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
xalessio

Mi spiace solo che il mitico Stephen Hawking non sia vissuto abbastanza per vederlo. Gli mancava poco.

La radiazione porta proprio il suo nome.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
4 ore fa, Rimini ha scritto:

la materia in rotazione dovrebbe esse più simile ad un toroide che ad una sfera

vero ma in un buco nero la materia non ha dimensione quindi dovrebbe rimanere una sfera.

A parte questo una cosa curiosa

Nel buco nero il tempo e' fermo

Ma il buco nero evapora nel tempo

Difficile comprendere (per chi vive in 3 dimensioni + una) come questo possa accadere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Roberto M
6 ore fa, briandinazareth ha scritto:

questo è un risultato incredibile

Non capisco tutto questo fervore ed entusiasmo per la prima foto di un buco nero. 
Da un pezzo avevo fotografato "la linea dell’orizzonte degli eventi che nessuno aveva mai visto, lì dove spazio e tempo si accartocciano e tutto ciò che ne valica il limite viene risucchiato e dal quale nemmeno la luce può emergere….. un soggetto che è una assenza,  una struttura   dalla quale non arrivano fotoni, …. nessuna forma di luce".

46C64B00-911B-4664-8F11-C7B604F5B348.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Eccallá, la prima associazione che Roberto riesce a fare al buco nero è "e il PD" 

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

dai su credo che questa sia abbastanza simpatica anche per un "aficionados" 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Interessante l'articolo riportato da @Robbie al #18. Non oso pensare alla quantità di cervello che c'è dietro questi radiotelescopi puntati a ricevere segnali di una piccolezza che non riusciamo nemmeno a immaginare, e della successiva elaborazione che dopo aver reso coerenti i dati, li ha correlati sino a sintetizzare l'immagine ! 

La prossima vita studio. Promesso. 

😐

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico
7 ore fa, Panurge ha scritto:

Aiutiamolo a casa sua.

🤣😂👏

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bizio

Che meraviglia... Sono appassionato di astronomia ma, dal momento che non ho studiato, riesco a malapena ad intuire la portata dello studio e dell'impegno necessario ad ottenere questi risultati. L'immagine del buco nero mi entusiasma e al tempo stesso mi fa sprofondare in una sorta di angoscia, consapevole del fatto che il mondo nel quale viviamo, ci affanniamo, combattiamo e ci uccidiamo è il NULLA rispetto a quello che c'è lì fuori. E sicuramente saremo estinti ben prima di aver messo il naso della conoscenza nei misteri dell'universo. Siamo l'equivalente della cellula di muco di uno starnuto e ne abbiamo la stessa consapevolezza. Nonostante migliaia di anni di evoluzione, siamo ancora nella sala di attesa della conoscenza ed abbiamo un numero così alto che non entreremo mai. 

Ammiro incondizionatamente gli scienziati che arrivano a tali traguardi, perché studiare tutta la vita con la certezza di non poter arrivare a meta (perché dentro di se lo scienziato ha tale consapevolezza) immagino porti con se una frustrazione enorme. Complimenti a chi ci convive e nonostante tutto esulta e si esalta per aver percorso e traguardato questo millimetro di maratona. Chapeau.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    295556
    Total Topics
    6469842
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy