Jump to content
Melius Club

Xabaras

cultura generale La prima immagine di un buco nero

Recommended Posts

bost

@Robbie @Xabaras ...allora, l'universo non è "uniforme, un po' come quegli impasti con cui fanno i panettoni, quando si maneggiano si formano delle bolle che scoppiano, buchi insomma. Nell'universo questi buchi non sono necessariamente nella "parete esterna" ( ammesso che esista). Quando si formano questi buchi, è un po' come se si forasse un pallone: quello che è all'interno fuoriesce. Nel nostro caso , l'enorme energia dell'universo va verso il "nulla" verso qualcosa che ( almeno nella nostra cognizione) " non esiste". Quindi va verso questo buco dove non c'è ne spazio ne tempo , niente. E semplicemente scompare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gionzi
Il 11/4/2019 Alle 11:24, bost ha scritto:

io non ho ancora capito : il buco nero è un a sfera? Cioè ci si può girare attorno, oppure è "un foro " sulla parete dell'universo?

Per simmetria deve essere un oggetto almeno tridimensionale.

Non può attrarre su un asse più che su un altro, es. attrarre in orizzontale e non in verticale.

La cosa bella è che la forza con cui il buco nero ti attrae è la stessa con cui tu attrai il buco nero 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

un concetto astratto e metafisico... come i buchi nell'emmental.. e altri simili...

pur delineando un concetto di assenza, si pagano in genere a caro prezzo...

😂🤗😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Il buco nero di solito è provocato da un tempo di riverberazione troppo basso,   si può provare a chiuderlo con un appropriato toe-in dei diffusori. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Felis

Il buco nero infrastrumentale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
Il 10/4/2019 Alle 19:05, GianGastone ha scritto:

A cosa serve un buco nero?

I buchi neri supermassivi contribuiscono in modo importante alla forma e all'evoluzione delle galassie

Inoltre, oltre il 99% dell'informazione dell'universo è contenuta sulla superficie dell'evento orizzonte

Inoltre, il buco nero è il punto di giunzione tra meccanica quantistica e gravità

I buchi neri si nutrono non di materia, ma del futuro

Inoltre, il buco può essere studiato come modello dell'intero universo, le due realtà in esso contenute nelle sue DUE singolarità, entrambe reali, entrambe vere... e cioè il Giangastone (solo come esempio) spalmato per l'eternità sull'evento orizzonte (perché per noi osservatori esterni nulla entra mai in un buco nero) e il Giangastone tranquillamente entrato senza problemi (infatti lui è entrato...dal suo punto di vista), fanno pensare ad una possibile natura duale dell'universo. Duale, con una realtà tridimensionale (noi) proiettata da una realtà bidimensionale (noi) situata su un evento orizzonte. In sostanza, Giangastone, tu e i tuoi condensatori e cavi e tortellini, sareste in realtà un ologramma. Come tutto del resto.

In sostanza, I buchi neri non mangiano informazione, Hawking aveva toppato e lo ha riconosciuto

A richiesta invio riferimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

Gia' lo sono un ologramma.

Tortellino no, cappelletti, solidi. Massa superiore al buco nero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost
3 ore fa, FabioSabbatini ha scritto:

I buchi neri supermassivi contribuiscono in modo importante alla forma e all'evoluzione delle galassie

Inoltre, oltre il 99% dell'informazione dell'universo è contenuta sulla superficie dell'evento orizzonte

Inoltre, il buco nero è il punto di giunzione tra meccanica quantistica e gravità

I buchi neri si nutrono non di materia, ma del futuro

Inoltre, il buco può essere studiato come modello dell'intero universo, le due realtà in esso contenute nelle sue DUE singolarità, entrambe reali, entrambe vere... e cioè il Giangastone (solo come esempio) spalmato per l'eternità sull'evento orizzonte (perché per noi osservatori esterni nulla entra mai in un buco nero) e il Giangastone tranquillamente entrato senza problemi (infatti lui è entrato...dal suo punto di vista), fanno pensare ad una possibile natura duale dell'universo. Duale, con una realtà tridimensionale (noi) proiettata da una realtà bidimensionale (noi) situata su un evento orizzonte. In sostanza, Giangastone, tu e i tuoi condensatori e cavi e tortellini, sareste in realtà un ologramma. Come tutto del resto.

In sostanza, I buchi neri non mangiano informazione, Hawking aveva toppato e lo ha riconosciuto

A richiesta invio riferimenti.

@FabioSabbatini ...capito niente...mi sa che non prenderò il Nobel, Dylan stia pure a casa...😶

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
8 minuti fa, bost ha scritto:

Dylan stia pure a casa...

be'...mo' vole pure il Nobel per la fisica?

Trattandosi del Sommo Maestro, io je lo darebbe pure...

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
Il 11/4/2019 Alle 12:11, Xabaras ha scritto:

 Mah, credo sia meglio questo per approfondire. 

6020555_337312.jpg

Eccezionale divulgatore e scenziato, Hawking ha avuto il grande merito di porre la domanda giusta

Ma è arrivato alla risposta sbagliata 

La risposta giusta (ammesso dopo trenta anni di battaglia intellettuale dallo stesso Hawking), è qui:

https://www.amazon.it/dp/B00FOR2J76/ref=dp-kindle-redirect?_encoding=UTF8&btkr=1

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum
7 ore fa, FabioSabbatini ha scritto:

buchi neri supermassivi contribuiscono in modo importante alla forma e all'evoluzione delle galassie

Inoltre, oltre il 99% dell'informazione dell'universo è contenuta sulla superficie dell'evento orizzonte

Inoltre, il buco nero è il punto di giunzione tra meccanica quantistica e gravità

I buchi neri si nutrono non di materia, ma del futuro

Inoltre, il buco può essere studiato come modello dell'intero universo, le due realtà in esso contenute nelle sue DUE singolarità, entrambe reali, entrambe vere... e cioè il Giangastone (solo come esempio) spalmato per l'eternità sull'evento orizzonte (perché per noi osservatori esterni nulla entra mai in un buco nero) e il Giangastone tranquillamente entrato senza problemi (infatti lui è entrato...dal suo punto di vista), fanno pensare ad una possibile natura duale dell'universo. Duale, con una realtà tridimensionale (noi) proiettata da una realtà bidimensionale (noi) situata su un evento orizzonte. In sostanza, Giangastone, tu e i tuoi condensatori e cavi e tortellini, sareste in realtà un ologramma. Come tutto del resto.

In sostanza, I buchi neri non mangiano informazione, Hawking aveva toppato e lo ha riconosciuto

A richiesta invio riferimenti.

Chiarissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
tigre

Io seguo spesso questo personaggio per argomenti di fisica

Share this post


Link to post
Share on other sites
tomminno
Il 10/4/2019 Alle 17:07, Robbie ha scritto:

Cinque anni di attesa e gli è venuta mossa

Si vede che il sensore non è Sony, non si vedono i dettagli delle zone in ombra 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
newton

@FabioSabbatini Stai bono, che se ritorna il professore di fisica ti cazzia 'natra volta

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

see, se ha letto un po' di tread qui in giro è scappato a gambe levate.

vabbè che se però è effettivamente anche un audiofilo come ha detto

tanto bene non deve stare neanche lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
luckyjopc

Zichichi ha detto che della foto del buco ce ne possiamo fregare. Non ha tutti i torti, esistevano già simulazioni identiche. Inoltre non è  una foto di qualcosa che se fossimo li vedremmo ma la restituzione grafica di radiazioni che non possiamo vedere con la nostra vista

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@luckyjopc 

Onde radio. Non le vediamo manco un po' infatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
Il 12/4/2019 Alle 13:49, bost ha scritto:

Nel nostro caso , l'enorme energia dell'universo va verso il "nulla" verso qualcosa che ( almeno nella nostra cognizione) " non esiste". Quindi va verso questo buco dove non c'è ne spazio ne tempo , niente. E semplicemente scompare...

No

Tutto sbagliato

L'universo è sostanzialmente uniforme e piatto. Almeno fino a dove siamo riusciti a misurare non è né de sitter né anti de sitter (curvatura positiva o negativa)

Inoltre non scompare nemmeno un bit. Nemmeno uno.

Inoltre nei buchi neri c'è sia lo spazio che il tempo. 

Infine il nulla, inteso come assenza assoluta di materia ed energia, non esiste. Non può esistere. Anche nel vuoto assoluto vengono continuamente create le cosiddette "particelle virtuali". Che possono anche essere promosse a particelle intere. Fatti sperimentali dimostrati.

Per quello che si può dire oggi l'universo finirà probabilmente con il big rip. È l'energia del vuoto che ha di fatto già vinto la sua battaglia con la gravità.

Dentro di noi si crea vuoto in continuazione ma siamo fortunati a vivere in una zona dello spaziotempo in cui ancora prevale la gravità.

Godiamocela...durerà ancora per pochi miliardi di anni.

Poi so' cavoli amari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

che dureranno un' eternità, specie verso la fine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@audio2 

Un tempo per noi inconcepibilmente lungo

E saranno proprio i buchi neri l'ultima cosa a resistere

Alla lunga evaporeranno anche loro 

E ogni particella elementare si allontanerà dalla sua più vicina ad una "velocità apparente" di molto superiore a quella della luce.

Cosa che già avviene tra corpi celesti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 10/4/2019 Alle 16:41, Xabaras ha scritto:

La massa di questo buco nero è all'incirca 6,5 miliardi di volte quella del nostro sole, Eccolo:

Pazzesco.., la più fervida immaginazione umana si perde.., fonde.., impazzisce.., altro che le montagne della follia di Lovecraft.. affascinante e nello stesso tempo angosciante, spaventovo.., rimanga pure dove si trova.., ha ragione Panurge... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
11 ore fa, newton ha scritto:

Stai bono

Se si tratta di imparare qualcosa che a me piace e interessa sono non solo pronto ma felice

Se si tratta di convincermi che l'intervista a Jurgen Reis non era, soprattutto, marketing in particolar modo diretto ad "audiofili-molto-ben-disposti-a-credere-a-tutto-cio'-che-gli-viene-raccontato-dal-guru-di-turno", non basterà tutta la meccanica quantistica di questo mondo, temo

Ma giustamente ognuno crede a ciò che vuole.

A te evidentemente basta molto meno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Su National Geografic (sky) , in questo periodo, stanno mandando una serie intitolata La Trama dell'Universo, curata dal fisico Brian Greene (che peraltro ha scritto anche alcuni saggi di divulgazione) che penso abbia capacità divulgative davvero eccezionali. La serie è incentrata proprio sui temi di cui parlava @FabioSabbatini in questi ultimi interventi. Per me che non sono un fisico teorico, sono state davvero illuminanti le puntate sull'illusione del tempo, sui multiversi e la materia oscura. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@wow 

Conosco Brian Greene, visto molti video

Ce ne sono tanti bravi (e tantissimi ridicoli e sensazionalistici...tipo guru hiend che sparano slogan alla moda per chi se li vuole bere...), ma se posso consigliarti un canale, prova questo: pbs spacetime

https://www.youtube.com/channel/UC7_gcs09iThXybpVgjHZ_7g

Tra gli italiani citerei il simpatico curiuss

https://www.youtube.com/channel/UC5fmXZRQS-6xa2kCbCQds8g

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
18 minuti fa, wow ha scritto:

sull'illusione del tempo

...e della gravità...'nzomma qui è tutta n'illusione...manco stessimo ad ascolta' i cavazzi aiende...😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
22 minuti fa, wow ha scritto:

sull'illusione del tempo, sui multiversi e la materia oscura. 

Il bello di queste cose...un po' come il calcio e l'aiende è che si può, entro certi limiti ovvio, sostenete le tesi più bislacche.

Spesso magari dopo decenni vengono confermate da esperimenti.

Multiverso: artificio matematico necessario altrimenti non si spiega come una cosa DEBBA essere PRECISA alla 122ma cifra dopo la virgola. Se così non fosse questo universo non potrebbe esistere. In effetti la coincidenza pare un po' ...diciamo...improbabile.

Ma anche 'sto multiverso me pare un po' strano

Materia oscura: non penso sia un grosso mistero, prima o poi salterà fuori

Energia oscura: questa sì che è affascinante. La creazione continua e CRESCENTE di spazio, dove prima non c'era e per di più associata ad una energia disgregante, mi incuriosisce parecchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
35 minuti fa, FabioSabbatini ha scritto:

effetti la coincidenza pare un po' ...diciamo...improbabile.

Se non sbaglio la conclusione di Greene è più o meno "è così perché esistiamo"... :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost
13 ore fa, FabioSabbatini ha scritto:

Infine il nulla, inteso come assenza assoluta di materia ed energia, non esiste. Non può esistere. Anche nel vuoto assoluto vengono continuamente create le cosiddette "particelle virtuali".

@FabioSabbatini vero, ma io quel "il nulla" intendevo non il "vuoto", ma qualcosa che non esiste proprio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
flamenko

Gli entusiasti potrebbero spiegarlo a zichichi per favore?🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    292552
    Total Topics
    6328925
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy