Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
Redcor

Watts e ampere negli amplificatori

Recommended Posts

Redcor

Il wattaggio è l'informazione più diffusa quando si parla di amplificazioni, ma a me pare, se ben ricordo, di avere sentito in più di una occasione che l'elemento da tenere sott'occhio per capire se un apparecchio è in grado di pilotare come si deve i diffusori, essere l'amperaggio, che più alto è meglio sarà. Ora una domanda, quanti ampere dovrebbe erogare un buon amplificatore?

Mi spiegate come mai gli ampere non vengono menzionati quasi mai dai costruttori di elettroniche?

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

watt e ampere non sono unita di misura indipendenti. Il primo misura la potenza ma è frutto di un calcolo matematico che lega resistenza a corrente (gli ampere): P=R*I*I ovvero resistenza (in ohm) per il quadrato della corrente (I). da qui si capisce che se un ampli eroga 50 w continui su 8 ohm la corrente sarà di 2,5A

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@Redcor Più che l'amperaggio in assoluto che come scrive @giangi68 è il risultato di una semplice formula matematica, conta la velocità e precisione con cui l'amplificatore è in grado di erogare la corrente, passando per esempio da un adagio ad un pieno orchestrale. Il dato tecnico a cui far riferimento, quando dichiarato dal costruttore è il "fattore di smorzamento" o "damping factor", più è alto questo valore più l'amplificatore risulta un buon pilota. Questo non significa obbligatoriamente che un amplificatore con un fattore di smorzamento alto, si abbini perfettamente a qualsiasi diffusore, poichè ci sono altri fattori che intervengono (ad esempio la rotazione di fase), ma è quantomeno un indicatore che può dare un'idea di massima.

@giangi68

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

un buon finale , discretamente pensato , NON dovrebbe averci tutti questi problemi o destare simili preoccupazioni

la velocitò di un finale dipende , primo dalla circuitazione , secondo dai limiti o tagli o filtri presenti , terzo dalle compensazioni che , alla fine , sono limitazioni , grosso modo .

x restare nel tecnico .

ma nemmeno tanto , perché poi , all'ascolto , tutte queste scekte circuitali si sentono 

Chiaro che un finale alimnetato a 20 VCC eroga quella potenza , ma si può fare abbastanza lavorando sulla sezione finale e sulla capacità di erogare corrente e , nei limiti , nella velocità di erogazione

e tutte queste scelte ,  ribadisco , poi si sentono eccome , gli esempi , almeno , dicono cos'

Share this post


Link to post
Share on other sites
ernesto62

Però è altrettanto vero che non tutti gli appassionati sono così eruditi sull'elettronica come constato a chi è intervenuto, così come me che non ne.mastico troppo ed è già tanto che ormai riesco a capire per lo.meno la bontà di un prodotto a naso guardandolo dentro. Detto questo , per chi come noi ne sappiamo poco di formule e di elettronica, anche io noto come una certa enfasi degli stessi costruttori a dichiarerare ai 4 venti  le doti di  corrente ,o li pubblicizzano come forti erogatori  di corrente a volte anche indicandone i numeri  . Per esempio io  ho un NAD audiovideo e ricordo  che la pubblicità vantava i suoi 45 ampere di  picco . O per esempio anche un Jeff Rowland Model One si sottolineava i suoi 50 ampere di picco come un biglietto da visita . Quindi dite che soffermarsi su questi dati sugli ampere è giusto o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Forest

Secondo me penso che serva corrente e watts in giusta proporzione.

Viste le caratteristiche non comuni dei finali HEGEL H20 ne ho acquistati 2 e collegati in biamplificazione verticale! 

200W + 200W in 8 ohms - Corrente 130A e (Fattore di smorzamento=Damping factor) più di 1000.

Posso confermare che sprigionano un suono molto naturale e allo stesso tempo musicale.

Allego collegamento al sito ufficiale   
https://www.hegel.com/products/power/h20
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ernesto62 Sicuramente avere un dato relativo alla corrente erogata è da tenere in considerazione, ma purtroppo non basta da solo a classificare un amplificatore. Ad esempio i dati relativi agli amplificatori di @Forest sono indicativi di amplificatori veloci e correntosi, ma questo non ti dà la certezza che si sposino perfettamente a qualsiasi diffusore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Forest

Trovo che nel mio caso si sposano perfettamente!

In quanto i diffusori che ho sono molto impegnativi ed è per questo motivo che ne ho acquistati 2 finali stereo.

Sicuramente c'è ne sono di migliori! ma a che prezzo? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

i dati dichiarati , in hifi ed hiend , spesso , possono fuorviare , ma fuorviare perché possono essere - interpretati -   

200 watt in sé significano SOLO 200 watt : alimento lo stadio finale a 60 vcc  ed ho circa 200 watt e più , circa 230

il cubo di Carver , esempio , ne erogava oltre 400 e pesava 4 o 5 chili .................. ma era protetto elettronicamente ed una protezione elettronica - trancia - o - limita - dolcemente  , cioè da X Ampere ad Y Ampere  la erogazione 

stesso schema o quasi , del finale Hitachi con 250 watt e schema simile del finale Spectral DMA 80 , sui 130 watt : ebbene , il DMA da SEMPRE la sensazione di suonare - più forte - , meglio , milgiore gammma bassa etc etc , tutto meglio , eppure 130 VS 250 watt .

Sono le limitazioni , compensazioni , filtri , e dimensionamento della alimentazione che fanno la differenza , al ns orecchio 

Contemporanamente trafo grosso ed alimnetazione con tanto filtraggio non sono la ricetta perfetta , anzi , anche no 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@Forest Vuol dire che hai trovato la giusta sinergia fra ampli e diffusori e ne sono contento.

@domenico80 Infatti, come scrivevo i dati di targa non sono in grado da soli di classificare un amplificatore, ci sono molte varianti che incidono ed è il motivo per cui è sempre meglio ascoltare che acquistare solo con i datasheet.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jakob1965

Un idea di come si comporti un ampli penso le diano le curve carico limite dove si vede il dato volt e ampere a definire l'ambito di lavoro dell'ampli in funzione del carico - se non sbaglio puramente resistivo. Poi AR ad esempio ci affianca le TRITIM per vedere il comportamento con carico resistivo, induttivo e capacitivo

130 ampere mi sembrano un poco troppi ad occhio - sono correnti che ammazzano un bue 

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68
2 minuti fa, jakob1965 ha scritto:

130 ampere mi sembrano un poco troppi ad occhio

no dai scherzi 🤪

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

@jakob1965 quelle correnti da saldatrici ad arco 🤣

CS

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80
22 minuti fa, jakob1965 ha scritto:

130 ampere mi sembrano un poco troppi ad occhio

ma non ne dichiarano 15 ?

ad ogni modo , quanto segue , da copia ed incolla , mi sembra alhamarico antico

< Output stage: 20 pcs 15A 200W high speed, Ultra low distortion bipolar transistors >

... high speed, Ultra low distortion bipolar transistors ...

che mai significherà ?

io penserei SUBITO ad uno slew rate di , che ne so , 800 volt microsecondo , o 1000 ... 🤔

il mio baracchino viaggia sui 600

Share this post


Link to post
Share on other sites
jakob1965

@domenico80    600 volt/microsec  è tanto - mi pare spectral ha questi slew rate alti - di solito sono 10 volte meno

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

si , è tanto 

infatti il mio trabiccolo è un misto tra Goldmund , Norma , e Spectral , e , se mi è permesso , migliorato - abbastanza -  che , poi , cosa significa ? Posso anche dirlo e spiegare 

Ad ogni modo simili - exploit - sono facili da ottenere , basta averci una ottima circuitazione , affidabile , robusta , ben dimensionata , non limitarla , sempre che stia assieme senza tagli , non averci compensazioni ed accoppiare , se se ne è capaci , tutto in DC , robetta , 😉

se uno schema permette certe prestazioni , perché limitarlo ? fatico a capire 

chiaro che se hai uno schema bolso , allora DEVI limitarlo e compensarlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

@domenico80 lo slew rate lo hai ipotizzato, o misurato ?

CS

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

misurato !

non io , chiaro , non saprei dove iniziare 

senza cap parallelato all'ingresso , a massa di segnale , si può salire ancora , ma , va bene così : è un 220 pico 

a 200 KHZ , duecento chilohertz , la quadra è perfetta e la si tira con una serie di regolazioni ad hoc , RV 1  C - var 1

in uscita , anche con un 220 pico tra i morsetti , non fa una piega , non ti dico nemmeno con 0,47 micro

sta roba con sti finali e questi chip , niente soliti ammenicoli

little terrier.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

@domenico80 chi ha fatto quello schema si è divertito 

Quanto costa l'ora di ingegneria da quelle parti ?

😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

semo tutti noi , io penso 🤔 e gli altri eseguono 😏

ogni tanto capita di inciampare in qualcosa di performante e , tra i chip smd dual matchati da Vishay ed i mosfet finali a chassis , roba da 170 A , spinge da far paura , coem si dice , pugno di ferro in un guanto non di ferro ? 🤨

Il pre è ancora meglio

Ah , stadi finali di potenza anche loro completamente stabilizzati con i mosfet a chassis , con quello che costano quelle fetenzie dei cap screw

PS 

si è divertito ? che intendi !

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

Si è divertito ad "arzigogolarlo", tipo disegnare le due linee in parallelo e cose del genere...

Comunque mi sembra feedbackato forte...

Cs

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

non sono in parallelo , ho solo merlingato lo schema 

ti piacciono i D Skottky sulle linee ?

anche se su una stabilizzata non sono male

considera che si tratta di tre schede a sandwich , segnake poi , sopra , stabilizzatore IN e pre driver e sopra stabilizzatore stadio finale

stadio finale fissato con una barra al dissipatore e cablato in aria , senza stampato : interessante

lo schema è ad alta controreazione , come appunto Goldmund e Spectral

Assai diverso il pre , a bassissima controreazione , un buon ottimo matrimonio x arrivare ad un integrato assai interessante

Il finale si può anche alimnetare tranquillamnete a + e - 60 VCC stabilizzati , roba da oltre 220 watt canale

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

@domenico80 Gli shottky mi sembrano un po' una esagerazione. Fluttua parecchio la tensione sui rails?

Cs

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

no .

I diodi sono una precauzione , forse e ccessiva , x i diversi assorbimenti dei vari stadi , anche se tra ingresso , emitter e secondo differenziale gli assorbimenti sono irrrisori e simili

si è cercato di massimizzare gli isolamenti tra i vari stadi senza dover alimentare separatamente il solo stadio di ingresso , come invece fatto nel pre

male non fanno

Share this post


Link to post
Share on other sites
captainsensible

@domenico80 lo so che lo scopo è quello, ma visto che gli stadi sono tutti differenziali...

CS

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

ma, sai , 2 o 4 UF5408 in più o in meno non fanno differenza , tranne porre attenzione alla pCB

almeno si è fatto tutto quanto , riteniamo , possibile e disponibile per una alimnetazione come si deve

x lo stadio di IN si poteva abbassare la tensione e ridurla con un 317 x figure di rumore etc , ma si incasinava lo stampato e , come impedenze , cambiava ben poco essendo le linee brevi , circa 2 centimetri in più od in meno

ci facciamo troppe pippe ? 🤔

però , a sentirlo , sembrerebbe proprio il contrario

ah , la differenza con o senza UF nessuna la ha sentita 🤨 e nemmeno con lo LM x l'ingresso 🙄 , mi sa che un po' sordi li siamo 😏

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80
16 ore fa, ernesto62 ha scritto:

Però è altrettanto vero che non tutti gli appassionati sono così eruditi sull'elettronica come constato a chi è intervenuto, così come me che non ne.mastico troppo ed è già tanto che ormai riesco a capire per lo.meno la bontà di un prodotto a naso guardandolo dentro. Detto questo , per chi come noi ne sappiamo poco di formule e di elettronica, anche io noto come una certa enfasi degli stessi costruttori a dichiarerare ai 4 venti  le doti di  corrente ,o li pubblicizzano come forti erogatori  di corrente a volte anche indicandone i numeri 

l'hifi ed ancor di più la hiend dove è tutto vero ed il contrario del vero pure , è terreno sgombro da qualsiasi tecnicismo , anzi , li definirei off limits alla tecnica .

paragonando , sarebbe come se la Levante V6 biturbo Ferrari benza dichiarasse 38 km/litro il mondo dei motori ed in genere , si sganascerebbe 

in hiend , invece , si guarda con sospetto se , esempio , una Levante dichiarasse 8 km/litro 

ecco perché i forum potrebbero dire qualcosa in più sulle elettroniche hifi/hiend , almeno aiutare chi ne mastica poco

chiaro che se poi mi innamoro dell'Ongaku da 65k€ e lo compro , okay , ci sta , i gusti non si discutono , MAI 😘

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox
17 ore fa, Forest ha scritto:

Viste le caratteristiche non comuni dei finali HEGEL H20 ne ho acquistati 2 e collegati in biamplificazione verticale! 

200W + 200W in 8 ohms - Corrente 130A e (Fattore di smorzamento=Damping factor) più di 1000.

Un DF troppo alto non è eccessivo? Ai fini della fatica d’ascolto intendo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenico80

ma il fattore di smorzamento è legato / corrisponde , dipendentemente dal suo valore , alla fatica di ascolto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rolesium

Conta molto anche capacita' dei condensatori .. piu' picofarad hai piu' hai energia da usare nei transienti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    292551
    Total Topics
    6328915
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy