Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
ClasseA

Albeniz - Suite espanola

Recommended Posts

ClasseA

Non so voi ma io di comprarmi la ventesima edizione dei soliti capolavori degli altrettanto soliti compositori, mi sono anche un po' stufato.

Allora sondo il terreno con qualcosa che è sempre celeberrimo ma se vogliamo un po' fuori dal mainstream classico, passatemi il termine.

Sentite che profumi di cedro spagnolo, che colori, che maestosita', che virtuosismo ( Albeniz fu bambino prodigio e allievo di Listz).

Ma bando alle ciance e ascoltiamoci un pezzo ( Granada) nell'originale per pianoforte

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

Questa è invece una trascrizione per chitarra. Possiamo forse affermare che è uno di quei rari casi in cui la trascrizione è più celebre dell'originale.

Ammirate il superbo Jiulian Bream

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

Adoro le trascrizioni per chitarra di autori e musiche spagnole...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Anch'io noto a volte che si tenda a parlare molto più sepsso dei soliti capolavori musicali e compositori, stessi più ristretti repertori, ho aperto recentemente anche un topic sulle musiche più "insolite" e meno frequentate per spostare un po' l'attenzione su quelle.

Bellissimo Granada di Albeniz!
 

Visto che si parla di musica spagnola, vorrei farla un po' "strana", e postare le danze popolari di Bartok per piano, interpretate dallo stesso autore... Cosa c'entrerà la musica rumena con quella spagnola? C'entra, c'entra.., aguzzando le orecchie...
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Error...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

Sono d'accordo che in parte c'entri Bartok.

A parte il concetto di "scuole nazionali" forse è ancora più significativo quello di etnomusicologia, con il recupero delle arie del folkore contadino magiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

Tra l'altro Albeniz studiò anche a Budapest, e quindi i conti tornano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

@analogico_09 

C'è anche quella di Claudio Villa😝

Share this post


Link to post
Share on other sites
wattpower

quanti ricordi...magnifica coreografia del grande Lee, dove l'arte del "movimento " si fonde perfettamente con la Musica... OVVIAMENTE PER ME !! ... fino al minuto 1.50 con la suite no. 5 Asturias orchestrata ...da Frühbeck de Burgos · New Philharmonia

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

Per gli amanti del genere, qualche segnalazione:

spacer.png

spacer.png

spacer.png

spacer.png

spacer.png

spacer.png

spacer.png

Sono tutti vinili che posseggo ed uno più bello dell'altro...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@oscilloscopio 

Mi fa piacere che apprezzi. L'unica cosa che ho notato è che nel disco decca suonato da Yepes ( ottimo chitarrista con una mano destra eccellente) " The world of spanish guitar" tra i vari autori si legge anche Villa Lobos, il che fa un po' ridere dal momento che Villa Lobos è da considerarsi il più grande compositore brasiliano di musica colta. Ti consiglio se non ce l'hai già un disco con tutti e 12 gli studi di Villa Lobos che il compositore dedicò ad Andres Segovia e che sono uno più bello dell'altro. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
16 ore fa, ClasseA ha scritto:

Sono d'accordo che in parte c'entri Bartok.

A parte il concetto di "scuole nazionali" forse è ancora più significativo quello di etnomusicologia, con il recupero delle arie del folkore contadino magiaro.

Per questo e per la particolarità musicale orientaleggiante che ritroviamo nella succesione ripetuta di cadenze del modalismo spagnolo importanto dai gitani provenienti dall'India occidentale e dai paesi dell'Est nella quarta danza intitolata Buciumeana (Danza del corno) . Un disegno melodico-ritmo e accordale presente anche nel flamenco. Sembra che la usica voglia trovare sfogo in un sommesso Olè!  :)

Non rinuncio all'interpretazione di Bartok, per me l'assoluto musicale, al piano, come nessun altro... e come si percepisce la frase, la dinamica, lo stile, l'espressione.. tutto.., nonostante l'audio d'antan...

Ho segnato il punto di inizio della quarta danza... (2:10)
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Questa versione dell'Amor Brujo di manuel De Falla ha una particolarità, è cantata da Lole Montoya, una bella e brava gitana arabo-andalusa cantaora di flamenco che non ha la voce lirica impostata e che riesce pertanto a restituire il carattere popolare delle "canzoni" presenti nell'opera, con una tale spontaneità e freschezza d'ispirazione ed espressione come nessun altro cantante impostato... Con London S.O. diratta da Jose Miguel Evola.
 



Il CD
R-6302899-1415993621-7984.jpeg.jpg



Presenti nello stesso CD, Lole interpreta anche 5 celebri Canzoni popolari spagnole, e dove lei eccelle è nella trasfigurata, ineffabile Asturiana III... Purtroppo nel tubo non c'è nulla, quindi "ripiego," per chi non conoscesse il canto, sulla Berganza che è sempre la Berganza.., bravissima.., però.., più "professionale".., manca quella metafisica dell'"appartenenza", quell'espressione del sangue e la eco che si perde nelle lontananze delle notti andaluse che non saprei come  spiegare a parole... 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ClasseA ti ringrazio per la segnalazione, provvederò ad ascoltarlo...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Un video molto suggestivo. 1971, dal Ronnie Scott, leggendario jazz club londinese, il giovane John Williams interpreta Asturias (Leyenda), il celebre brano di Albeniz, musica del "fremito", di grande carattere melodico-ritmico, straordinaria mistura di canto popolare e tradizione classica da cui è segnata un po' tutta la musica Iberica: Albeniz, Rodrigo, Falla, Granados, Tarrega...

No entiendo el inglès... :D Cosa dice Williams nella presentazione?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

Ciao Peppe, cerco di venirti in soccorso. Williams dice che Albeniz ha composto diversi pezzi descrittivi di monumenti famosi della Spagna, che sono stati originariamente scritti per il pianoforte e che uno, ma non quello che va ad eseguire (ne dice il nome ma, purtroppo, non riesco a capirlo) era preferito dall'Autore stesso suonato con la chitarra piuttosto che con il piano. Per ultimo, ma questo l'avrai capito da te, annunzia che suonerà Asturias.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Altro autore molto interessante, di spicco nella nuova scuola musicale spagnola del 900, è il sevillano Joaquin Turina che, a contatto con l'impressionismo di Debussy e Ravel ne subì l'influenza.

Ancora oggi la Spagna è molto legata alle sue radici storiche, alla tradizione che viene sempre fatta rivivere strettamente correlata alla "modernità. In questo brano "moderno" per chitarra nel quale ricorrono i cari temi popolareschi ciò si condensa in maniera esemplare
 



Altre suggestioni post-romantiche/impressioniste in questa "albeggiante" Fantasia (Amenecer) egregiamente interpetate dal Trio Talweg, nella quale persistono i temi di danza popolare...
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

@analogico_09 

Il legame con queste radici mi pare evidente:

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@Gabrilupo Lampante, e c'è anche una somiglianza con la Pavane Lacrimae dell'inglese J. Dowland, successivo a de Narvaez, che a sua volta risente del "modo" spagnolo. Quel "modo" così sensuale e "nostalgico", che ha la passione del pugnale, dell'occhiaia e del pianto, che compare di "soppiatto" anche nelle più severe ed ascetiche composizioni sacre del barocco tedesco ante Bach. 
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wattpower

e come non poter ricordare lo spunto di Asturias nella grande variazione sul tema nell'incipit di Spanish Caravan dei FAVOLOSI 🤩 Doors...  chissà perché  ..."Spanish" 🤔😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

@wattpower Grazie. Sembrerà strano ma non la conoscevo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wattpower

@Gabrilupo  😮 ... non è mai troppo tardi 👍😉... o forse sei "troppo" giovane🤔 ...  e io troppo vecchio...😭

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

Non credo...pura ignoranza...a giorni quota 51.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Bel Thread, grazie a tutti i contributori

👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Se si può allargare anche a compositori non spagnoli che hanno creato pagine meravigliose di musica spagnola.., citerei subito Debussy: la favolosa Iberia "Images pour Orchestre" e i due magici "Preludi" intitolati La Puerta del vino e Soireè dand Grenade (si potrebbe tentare un parallelo ideale tra queste musiche del versante "classica", il "Flamenco Scketch" da Kind of Blue di M. Davis, jazz,  e i "modi" flamenchi popolari spagnoli originari ai quali sono quasi sempre ispirate anche le composizioni "classiche" degli autori "autoctoni")

 


 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
4 ore fa, Martin ha scritto:

Bel Thread, grazie a tutti i contributori

Vogliamo la flat tax!|!|!!| ...👨‍🌾

Share this post


Link to post
Share on other sites
smarmittatore

image.png.913f9f039342c61978d0e5582a0c3c34.png ho comprato questo, veramente stupendo e eccellente registrazione

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 31/5/2019 Alle 09:51, Gabrilupo ha scritto:

Ciao Peppe, cerco di venirti in soccorso ... Albeniz ha composto diversi pezzi descrittivi di monumenti famosi della Spagna


Grazie Gabri dell'SOS, ti leggo ora, non conosco i brani descrittivi dei monumenti spagnoli, non credo corrispondano ai 7 pezzi della raccolta "Recuerdos de viaje", bellissimi, composti per pianoforte e anch'essi eseguiti indifferentemente con la chitarra

Questa è l'integrale degli originali con piano
 


 

Un brano, Rumores de la Caleta, interpretato con la chitarra... quasi quasi mi piaccino di più suonati con la chitarra...
9b


Meraviglia anche En la Alhambra
 



 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Il compositore spagnolo Francisco Tarrega scrisse un suggestivo brano nel quale confluiscono i motivi romantici della sua terra insieme a quelli arabi che influenzaronono la musica della penisola iberica durante il lungo e splendido periodo colonizzatore dei morì. A dire il vero mi sembra sentire anche i caratteri della musica popolare napoletana, anch'essa influenzata a suo tempo dai "sarracini"... Mi sembra veder materializzarsi Roberto Murolo con la sua meravigliosa chitarra... Felici meticciati.., quanto grande è quanto piccolo (ma capriccioso) è il mondo! 

Capricho Arabe

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    293988
    Total Topics
    6391058
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy