Jump to content
Melius Club

briandinazareth

cronaca e costume la legittima difesa e l'omicidio volontario.

Recommended Posts

briandinazareth
1 minuto fa, Paolo 62 ha scritto:

Ci sono Stati soprattutto americani dove è perfettamente legale.

sparare ad un ladro in fuga? direi proprio di no...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Nella maggior parte degli stati USA le leggi sono ispirate ai principi detti dello "Stand your ground" e/o della  "Castle doctrine".  

Tagliando con l'accetta potremmo dire che  in entrambi  i casi l'atto che giustifica l'uso delle armi è la semplice violazione dei confini legali "Castle doctrine" o arbitrariamente posti, se non in conflitto con l'interesse legale di altri. "Stand your ground". 

Banalizzando ulteriormente si può dire che in caso è sufficiente che il ladro venga attinto dal proiettile quando è ancora nella proprietà, e nell'altro non è nemmeno necessario. (automobile o uso legale dello spazio pubblico) 

In entrambi i casi è necessario il princpio della minaccia, vera o percepita, per cui anche nella "Castle doctrine" se non posso sparare al ladro in fuga una volta che è uscito dalla proprietà, posso però farlo quando si sta avvicinando se le sue intenzioni aggressive sono evidenti o intendono apparire come tali (questo punto entra in gioco quando usano armi finte o scariche, o persino fanno il gesto di estrarre un arma) 

Molto americanamente, l'aggressore che viola i confini fisici o "morali" (mi minaccia) compie la prima mossa e l'aggredito ha diritto alla seconda che può essere anche lo sparo. 

Gli stati più cautelativi applicano il principio del "Duty to retreat". In pratica l'aggredito ha il dovere di tentare la fuga o di mettersi al riparo, purchè questo non lo esponga ad ulteriori pericoli o non faciliti il compito dell'aggressore. 

In tutti i casi vi è ampio margine dei giudicanti nel valutare l'effettività della minaccia. Potremmo dire quindi che la vera discriminante è il "mood" delle giurie,  comunque in un quadro dove l'uso della forza anche letale contro ingiusta aggressione è un diritto costituzionale inemendabile. (Gli stati non possono quindi  legiferare contro) 

Detto questo, le zone più tranquille degli USA, quelle considerate popolate da angioletti, hanno dati di criminalità di fronte ai quali le più calde zone italiane appaiono dilettantesche. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Quando parliamo di USA dobbiamo considerare tutto il pacchetto, compreso il pazzo che una volta al mese fa una strage nella scuola

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo 62

@wow E' sempre successo. Non solo da loro è più facile comprare armi (e una volta lo era ancora di più) ma da loro è come una "moda" se di moda si può parlare tanto che anche con controlli sui precedenti penali e psichiatrici dei compratori di armi succedono lo stesso. Certo che se i civili non avessero armi non succederebbero, ma in compenso aumenterebbero le aggressioni come sta accadendo in Inghilterra dove hanno ritirato le pistole di grosso calibro ai civili. Perché in America le cose vadano così è cosa complicata da analizzare ma tendo a pensare che sia una società "malata" con gravi problemi sociali irrisolti. Non so come funzioni la psichiatria da quelle parti ma se uno psicopatico anche se povero non riceve cure adeguate prima o poi combinerà qualcosa di brutto. Se anche gli si toglie la pistola userà un coltello o una mazza di baseball ma se si è messo in testa che il mondo gli ha fatto un torto e che deve vendicarsi lo farà.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
1 ora fa, Paolo 62 ha scritto:

Non ho scritto che sia lecito sparare alle spalle di un ladro in fuga ma in America un intruso che entri in una casa di notte rischia grosso come specificato qui:

articolo pieno di imprecisioni ma comunque stiamo parlando di altro: se la cosa è confermata parliamo di un tizio che ha sparato per strada da un balcone.

neppure in alabama...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo 62

Chiaro che non è legittima difesa quella, ma l'intrusione di due o più aggressori è una situazione estremamente critica perché possono facilmente immobilizzare il proprietario e picchiarlo o torturarlo. Se non si riesce a fuggire non resta che difendersi. Per quanto riguarda la legislazione americana si dovrebbe studiare la legge di ogni Stato, il che non si può fare in un articolo di giornale. In alcuni esiste l'elenco dei reati da cui ci si può difendere con le armi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 11/6/2019 Alle 15:22, mozarteum ha scritto:

Sono reazioni esasperate dalla scarsa efficacia della giustizia togata. Se e’ vero che aveva subito non so quanti colpi in tabaccheria si e’ sentito preso in giro dallo stato e ha fatto Grande Torino.

io lo capisco, anche se -qualora i fatti stiano in questo modo- rispondera’ di omicidio volontario

In tante cose la giustizia, lo stato, le istituzioni, sono assenti, inefficaci, in tante piccole grandi cose, ma i primi a non auspicare che il popolo brandisca il bastone o il forcone per fare la guerra di vendetta, visto che la giustizia, lo stato, le istituzioni sono assenti, sono quelli che  temono l'eversione popolare e auspicano lo sceriffato privato...  Il vero sceriffo coraggioso sarebbe colui che se la prende con chi si assenta troppo, non sparando alle spalle a una persona non in grado di mettere a repentaglio la vita di chi diventa invece il suo derubato assasino. Ci sono tanti modi di rubare in "doppiopetto"... i peggiori.
Io non capisco su nessun piano quello che si prefigura, o potrebbe prefigurasi se le cose stessero in tal modo, come una sceriffata (che non c'entra molto con la storia di Gran Torino) che si conclude con un omicidio volontario che non si giutifica con nessun meccanismo di difesa, nè legittima, nè illegittima, perché, già detto da altri, non esiste proprio una dinamica di difesa da una minaccia di violenza alla persona.
 

Il 11/6/2019 Alle 15:22, mozarteum ha scritto:

p.s. La storia dei 49 milioni non fa presa sull’elettorato memore delle ruberie - dirette e indirette- dei partiti tradizionali dal dopoguerra ad oggi: cavallo perdente, bisogna puntare su altro


Non farà più presa tra la gente abituata alle ruberie di stato, abituata a "rubare" in vari modi a sua volta, non farà perdere voti al populismo che sa ben cavalcare l'onda della persuazione mediatica che si insinua nelle maglie allargate di una democrazia in difficoltà, sempre più incolta e rampante sul nulla.., ma la questione etico-morale, civile, di civiltà, di umanesimo, dove la giustizia non può forse arrivare, resta tutta e a totale disdoro di una siffatta colpevole "società" di magnaccioni che mentre s'ingozzano con il denaro pubblico con gli altri fanno i moralisti ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Non scordiamo il principio delle "cose chiare dette chiaramente": Un ministro che dice "Io sto con gli aggrediti", cinque parole compresi articolo e preposizione, è davvero duro da demolire dialetticamente.  Questo dal pdv della comunicazione e della sua efficacia, a prescindere da come la pensi io. (Non possiedo armi e non ho intenzione di procurarmene alcuna) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Per demolirle certe affermazioni, basterebbe opporre a un dialettica becera una dialettica saggia.., ma il problema che la dialettica becera vince non per le sue dubbie virtù, ma perché non c'è nessuna dialettica saggia da contrapporre ad essa che sia altrettanto facilmente consumabile...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Questo " io sto con …………….." onnipresente mi fa pensare ad un imprinting infantile

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
10 ore fa, Martin ha scritto:

Un ministro che dice "Io sto con gli aggrediti", cinque parole compresi articolo e preposizione, è davvero duro da demolire dialetticamente.

è vero, in uno schema infantile e senza alcuna riflessione, quello nel quale stiamo vivendo.

anche in questo forum, che sicuramente è sopra la media come livello culturale, si è letto "stai con i ladri" di fronte alla perplessità espresse su un tizio che spara in strada dal balcone per colpire un ladro in fuga...



 

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico
Il 12/6/2019 Alle 13:34, etnatom ha scritto:

dimenticando che lo stesso fu aperto dalla Lega di Maroni.

la lega di Maroni e Bossi non c'entra niente coi fascisti di questa lega salviniana.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin
49 minutes ago, Panurge said:

onnipresente mi fa pensare ad un imprinting infantile

E' cosi'. Si tratta di una comunicazione "broadcast" che deve tirare minugia, nemmeno pallettoni, sul pubblico vasto. Un noto precedente in politica era quello di un ricco signore milanese che cosi' indottrinava i suoi: "Rivolgetevi agli elettori come fareste con un bambino di nove anni, e nemmeno dei piu' svegli".

L'acting decisonale del target consiste nel mettere una x su una scheda in frazioni di secondo, non c'e' nemmeno il tempo di "immersione visiva" come nei percorsi forzati dell'ipermercato. Il risultato si conta a numeri. La comunicazione aggiusta quindi il tiro su questo obiettivo

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico
56 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

per colpire un ladro in fuga...

lo dici come se descrivessi una verginella circuita e abbandonata.

Un ladro è un LADRO e se va a rubare qualsiasi cosa va bene come punizione.

Dobbiamo tenerceli i ladri? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
2 minuti fa, adriatico ha scritto:

Un ladro è un LADRO e se va a rubare qualsiasi cosa va bene come punizione.

vale per tutti i ladri e chiunque può decidere e applicare la pena?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

@adriaticoSei pre-Hammurabi quando fai così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
Adesso, Panurge ha scritto:

Sei pre-Hammurabi

hammurabi era un noto buonista... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico

esatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
selby998

@adriatico Hai visto "Ladri di biciclette" ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico

😜

giovane-pescatore-euforico-che-pesca-un-pesce-12526848.thumb.jpg.d26abbe1f272689aac399f3de2ab6cf4.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
lampo65
28 minuti fa, selby998 ha scritto:

visto "Ladri di biciclette" ?

Già, come premessa ci starebbe proprio, prima di avventurarsi in discussioni. Non con adriatico che sostanzialmente ci percula.:D

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico

Share this post


Link to post
Share on other sites
SonicYouthMilano

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293987
    Total Topics
    6391052
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy