Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
landmarq

50° WOODSTOCK - Il box definitivo

Recommended Posts

landmarq

Per il 50° anniversario di Woodstock, il 2 agosto verrà pubblicato quello che viene annunciato come il box definitivo sulla manifestazione: 38 CD, 432 canzoni, 36 ore di musica (con le performance complete di Grateful Dead, The Band, Creedence CR, Who e CSNY tra gli altri), il bluray del film, il libro "Woodstock" curato da Michael Lang, organizzatore della manifestazione, il programma originale, poster, le foto di Henry Ditz e chissà cos'altro. Saranno solo 1969 copie numerate, prezzo oltre i 1.000 euro (ma sono previste anche edizioni da 10 o da 3 cd, e da 5 lp).
Essendo oltre la metà del materiale incluso nel cofanetto annunciato come inedito, se ne deduce che a Woodstock, in realtà, non hanno mai smesso di suonare. 🙂

thumbnail_woodstock_deluxebox_productshot_wide2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56

Grande momento per la musica e grande evento , di quel concerto ho il Triplo Album in vinile ( quello con la copertina con i due tizi con la coperta...) , non so se ci sia tutto o solo il meglio, questa nuova edizione mi sembra ben fatta ma forse un po' cara 🙄

Share this post


Link to post
Share on other sites
landmarq

@max56 a quanto pare tutto, in un triplo, proprio non ci stava 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
SerG

Io di Woodstock, avendo il triplo vinile, il doppio vinile, la riedizione con 5 vinili, i vari cofanetti in CD, qualcosa in DVD e forse anche in Blu-ray, mi chiedo: Ma se certi brani e artisti non li hanno messi in tutto quel popò di roba che ho, ci sarà un motivo, o no 🙄 ? 

P.S.: Non dico che questa nuova uscita non mi intrighi, ma a quel prezzo ... se la possono tenere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost

io ho il cofanetto, quello con la pelle scamosciata con le frange alla David Crosby, penso possa bastare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56

be', sicuramente nel triplo o nel doppio ( quello con il bambino in copertina ? ) immagino che non ci sta tutto il concerto, penso però che nella maggior parte dei casi "possa bastare" , poi siamo di tante idee e gusti , certo che 1000 euro per 38 cd non mi sembrano un affare !

( anche se ci sono i vari gadget e libretti ecc ecc)

io ho il cofanetto, quello con la pelle scamosciata con le frange alla David Crosby

qual è ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
contemax

Sarà piatto o...

Io scommetto piattissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
landmarq

Sarei curioso di sentirlo almeno una volta, come del resto una volta l'hanno sentito coloro che erano presenti. Così, per avere un'idea di quello che è stato quell'evento storico nella sua interezza. Poi, è chiaro, tra ascoltarlo su cd ed esserci stati davvero passa tutta la differenza del mondo anche se, come diceva Claudio Rocchi, se uno si ricorda gli anni 60 e 70, vuol dire che non li ha vissuti veramente.
Resta un prodotto destinato ai collezionisti e agli speculatori, che tra qualche anno spereranno di guadagnarci qualcosa. Gli storici troveranno altre strade per ascoltarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost
16 ore fa, landmarq ha scritto:

Resta un prodotto destinato ai collezionisti

magari più avanti usciranno edizioni economiche. Però attualmente ci sono ancora ( non moltissimi e sempre meno) "figli di Woodstock",ecco prima che spariscano sarebbe stato meglio accontentarle loro e far uscire prodotti economici ma di grande vendita.  Che poi ai "figli di sferaebbasta" non frega niente. Il cofanetto milionario poteva aspettare.Sempre che non sia dedicato ai pochi irriducibili orfani di Woodstock rimasti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
max56

@bost grazie, ma sono dvd , io pensavo Lp ( o c'è anche in LP ? )

Share this post


Link to post
Share on other sites
landmarq

@bost in effetti direi che le 1.969 copie numerate corrispondono abbastanza bene a quel tuo "non moltissimi e sempre meno" figli di Woodstock

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
21 ore fa, landmarq ha scritto:

come diceva Claudio Rocchi, se uno si ricorda gli anni 60 e 70, vuol dire che non li ha vissuti veramente

😀😀👏👏

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
21 ore fa, contemax ha scritto:

Sarà piatto o...

Io scommetto piattissimo

Conte, però se sottilizzi sulla dinamica o sulla qualità della registrazione pure del Woodstock...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 12/6/2019 Alle 17:47, landmarq ha scritto:

Saranno solo 1969 copie numerate, prezzo oltre i 1.000 euro (ma sono previste anche edizioni da 10 o da 3 cd, e da 5 lp).

Come le confezioni di pelati al supermercato...

, ampia scelta per il consumatore... 9_9

Ma se a Woodstock accorsero circa un milione di persone (forse meno ma comunque tante), togliendo quelli che nel frattempo sono già caduti nelle battaglie della vita, con 1969 copie numerate ci accontenti solo quelli che erano finti hippies invero figli di papà in trasferta per una botta di vita scaccia noia. Oggi, potendo ancora permetterselo, acquistando questa mercendaglieria gli ex figli dei fiori secchi potranno seguitare a vivere il loro sogno di plastica. 😅Tutti questi commerci discografici che si alternano senza soluzione di continuità non c'entrano nulla con la musica che viene presa a pretesto per prostituirla. Ste cose si possono fare con i prodotti prosaici della vita ordinaria non già con le cose dell'arte, della poesia, del sensibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
landmarq

@analogico_09 Ancora una volta la discriminante è il prezzo: in linea di principio, io non sarei contrario all'apertura democratica degli archivi, alla distribuzione al "popolo" dei documenti dell'epoca in modo che chiunque, volendo, possa consultare, scandagliare, ricostruire percorsi personali, tracciare nuovi itinerari che partono necessariamente da lontane radici. Ma a quel prezzo passa la voglia e quel poco di poesia che è rimasta sotto la polvere

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@landmarq  Ci vorrebbero più "politiche" culturali e meno speculazioni commerciali per sostenere e promuovere la fruizione musicale, artistica in generle, allargata a tutti, diritto di tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    294273
    Total Topics
    6409052
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy