Jump to content
Melius Club

Andrea Sarnella

Amplificatore a valvole?

Recommended Posts

Andrea Sarnella

Alla ricerca del suono più caldo e avvolgente possibile, mi chiedo (e chiedo a voi), se un amplificatore (integrato?) valvolare offrirebbe risultati migliori rispetto al transistor. 

Nel caso, considerato che la stanza da sonorizzare è di circa 25 metri quadri, e i diffusori che sto pensando di acquistare (IL Tesi 661) hanno una sensibilità elevata (92 db), quale sarebbe la potenza in uscita suggerita, considerato anche che gli ascolti avverebbero a volume "condominiale"? 

Esiste qualcosa di valido sotto i mille euro?

Grazie fin d'ora a chi vorrà dire la sua. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

Potresti rivolgerti ad un push pull classe a/b di media potenza. Ad esempio un 40 watt con le el 34. O sull'usato oppure nel nuovo di produzione cinese.

Ad es il Cayin la34

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@ClasseA grazie.

Push pull consigliato anche per ascolto prevalentemente jazz? 

Un classe A puro lo sconsigli per questione di prezzo o per altri motivi? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@Andrea Sarnella 

No assolutamente non lo sconsiglio. Non mi vengono però  in mente opzioni sotto i 1000 euro. Con 92 db e 25 metri quadri forse un ampli in classe a da una manciata di watt potrebbe non essere l'ideale. Col jazz quando il pianista affonda con la mano sinistra sulle note gravi e il contrabbassista ha una cavata potente vi sono momenti con una certa richiesta di energia. Diciamo da 10 - 15 watta a salire? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
cinghio

Xindak con le kt88 il V30 se non erro. Se no guarda in casa unison.. comunque usati con quel budget.

valvolari? Guadagni in naturalezza.. comunque non contano solo i watt ma tutto il circuito e i trasformatori d'uscita. Ci sono delle belle macchine ma aime' costano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@ClasseA be', poi, col tuo nickname, come potresti sconsigliarlo... 😎

Se ho capito bene, un puro classe A potrebbe andare bene anche con potenza inferiore? 

Ad esempio, 20 watt in classe A equivalgono a 40 watt in classe AB? 

E quale il rapporto invece con i watt in classe AB di un ampli a transistor? 

Quello che sto per acquistare ne ha 60x2.

Ho aperto questo post proprio come ultimo momento di riflessione, per fare una scelta di campo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@cinghio che differenze sostanziali tra le EL34 e le LT88 che suggerisci tu? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA
44 minuti fa, cinghio ha scritto:

comunque non contano solo i watt ma tutto il circuito e i trasformatori d'uscita. 

Giusta precisazione. Vale quanto per gli ampli a stato solido: non suonano tutti uguali, anche con lo stesso tipo di valvole. Però esistono tratti comuni di gradevolezza legati alla tecnologia valvolare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA
33 minuti fa, Andrea Sarnella ha scritto:

esempio, 20 watt in classe A equivalgono a 40 watt in classe AB? 

I watt sono sempre watt. Però in classe a la facilità, la prontezza di erogazione, la pienezza del suono li fanno apparire già disponibili fin dalle primissime frazioni di watt e il risultato è che sembrano molto più potenti di quel che sono.

35 minuti fa, Andrea Sarnella ha scritto:

Quello che sto per acquistare ne ha 60x2.

A quale stai pensando?

Share this post


Link to post
Share on other sites
luke_64

Considerando che le Tesi hanno un'efficienza un po' inferiore ai 92 dB dichiarati (sulla prova di AR in ambiente ne misuravano poco più di 86), di sicuro conviene un ampli con una discreta riserva di potenza. Quindi, a meno di spendere cifre rilevanti, la classe A è da scartare.

Nel tuo budget ci sarebbero alcune buone macchine da cercare nell'usato, tipo Cayin A88T o Primaluna Prologue, alle quali darei la precedenza piuttosto di un apparecchio nuovo, ma di classe inferiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@ClasseA Rotel A12, che mi è stato suggerito quale compagno ideale delle Tesi 661

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@luke_64 e invece quali potrebbero essere casse più efficienti,  sempre con suono caldo e avvolgente in grado di integrarsi al meglio con un valvolare? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
luke_64

@Andrea Sarnella la situazione migliore per un valvolare è quando viene accoppiato ad un diffusore con la curva di impedenza più regolare possibile. Le Tesi 661 non esibiscono una curva particolarmente regolare, ma ha un valore sufficientemente alto da renderle abbastanza semplici da accoppiare a qualsiasi ampli valvolare.

Per quanto riguarda l'efficienza invece 86 dB sono nella norma dei bookshelf, perciò non sono certamente i parametri dei diffusori il problema, piuttosto è la dimensione della stanza da sonorizzare.

Cercare dei diffusori più efficienti significa investire più dei 1000 euro a budget. Come marchi mi vengono subito in mente Klipsch, Tannoy, JBL ...  

Se invece sei abituato ad ascoltare a basso volume, allora anche 10 Watt in classe A potrebbero andare bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA
1 ora fa, Andrea Sarnella ha scritto:

Rotel A12

Pensavo parlassi di valvolari. Il Rotel è un integrato stato solido moderno, non dico che non vada bene, ma non ha sonorità calde di sicuro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@ClasseA appunto per quello ho aperto questo post... però vedo che la ricerca non è semplice.

In rete non si trova granché, e poi il nuovo ha prezzi proibitivi.

Nel budget ci sono dei nuovi a marchio cinese ma con 18 o º 25 watt in classe AB, ma mi sembrano davvero pochini... 

Gli stati solidi moderni sono tutti "freddi"?

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@Andrea Sarnella Se lo trovi usato, posso consigliarti un Unison Research Triode 20, ne posseggo uno, eroga circa 30 watt in modalità pentodo e circa 20 in modalità triodo, la reputo una macchina assolutamente valida e dovresti trovarla ad una cifra di poco inferiore ai 1000 euro

Share this post


Link to post
Share on other sites
FedeZappa

Uni dei migliori ascolti che ho fatto con la musica jazz e' stato con le Monitor Audio studio 20 e un integrato Cayin. Davvero emozionante. 

Se puoi innalzare il tuo budget per ampli/casse intorno ai 2.000€, potresti considerare sull'usato il Cayin cs 55a con le KT 88 e le stesse studio 20, oppure considerando il tuo ambiente le più voluminose e importanti studio 50.

Il problema delle studio 50 e' trovarle, a causa della scarsa diffusione dalle nostre parti.

Trovo difficile comprendere, comunque,  come con un valvolare mi siano piaciute così tanto le Studio 20 mentre Stereophile reputa inadatti i valvolari per le 50:

https://www.stereophile.com/content/monitor-audio-studio-50-loudspeaker-review-system

Mah, purtroppo le 50 non le ho mai ascoltate e non posso confermare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
samana

Entro i mille euro si possono trovare ottimi integrati a valvole.

Il Graaf Venticinque, che mi fa compagnia (non e' in vendita), e' 25 watt in classe a.

Un ampli a parer mio incredibile per musicalita' e dunque piacevolezza d'ascolto.

Non ci si faccia ingannare dai pochi watt, vi assicuro che puo' suonare anche forte.

Mi viene in mente anche il Copland cta 401, 30 watt in classe a.

Ma anche il Mastersound 220, o qualche integrato di Synthesis.

Ho avuto il Cayin a55t...  mah...   ad esempio un eventuale paragone col mio attuale Graaf sarebbe impietoso, improponibile..

Giuseppe

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@samana che diffusori gli hai abbinato? 

Quanti mq è l'ambiente? 

Che tipo di musica ascolti in prevalenza? 

Come rende a basso volume? 

Come definiresti il suono, in tre parole?

Scusa la raffica di domande 😇😇😇

Share this post


Link to post
Share on other sites
FedeZappa
4 ore fa, samana ha scritto:

esempio un eventuale paragone col mio attuale Graaf sarebbe impietoso, improponibile..

Giuseppe

Non lo metto in dubbio.

Con quei diffusori però andava benissimo.

Penso che i caratteri (rigorose le MA, morbido ed euforico il Cayin) si compensassero a vicenda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
cinghio

@Andrea Sarnella la EL34 è più lineare.. la KT88 più "grezza" ma con più spinta sotto..

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

prima di coonsigliare un valvolare usato ad uno che entro in questo mndo ci andrei cauto. se il budget è limitato, l'usato è solo apparentemente un toccasana, il rischio di dover rivalvolare la sezione finale è elevato, e s uno non ha pratica non può procedere da se ma deve affidarsi ad un negoziante o ad un laboatorio.

sul classe a nessuno gli ha spiegato che sono ampli calorosi, non come suono, ma come calore prodotto (un vero classe a eroga sempre la massima potenza di targa, quindi a basso volume scalda più che ad alto volme, visto che la potenza che non va ai diffusori viene dissipata sotto forma di calore). un classe a richiede cura nel posizionamento, ha bisogn di aria intorno, d'estate è spesso inaccendibile, se ci sono aimali bambini o anziani ne va tenuto conto. e poi non è affatto vero che 20 watt in classe a sono come 40 ab, se i diffusori scendono sotto gli 8 ohm o il classe a commuta in ab o il class a eroga meno potenza

Share this post


Link to post
Share on other sites
samana

@Andrea Sarnella Cerco di risponderti in ordine...

Gli ho affiancato da principio una coppia di Opera Terza in un ambiente di 18 mq con sorgente Lector 06.t, che dire..  ti ascolti la musica ed al diavolo la curiosità o le fisime di chissà che..  invece poi..

Mi sono poi spostato  in una sala di circa 40 mq.

Nel mentre, date via le Opera, le sostituii, piu' per un eccesso di sentimentalismo che per altro, con le Esb 100 LD, che bassi queste casse, il Graaf non una piega..  pero' poi, con l'andare del tempo e degli ascolti, mi resi conto che la gamma media delle Esb non era raffinatissima, sebbene siano dei diffusori da promuovere.

Il Graaf in questione l'ho affiancato ad una coppia di Proac studio 130, bellissimo suono.. (l'ambiente era quello di un caro amico che lo voleva ascoltare),  certo che se cerchiamo l'impatto ed il punch da mal di stomaco prima che di testa..  no..  bisogna che ci si rivolga altrove.

In ultimo, sempre nella sala di 40 mq, gli ho affiancato le b&w dm4, dietro consiglio di un forumer. Queste, le b&w, non hanno la completezza delle Proac o il basso delle Esb, ma sopperiscono con una naturalezza nell'esporre il messaggio sonoro da prime della classe, mai prima d'ora, mi sono sorpreso a battere il piede senza accorgermene..

Il Graaf a basso volume ti fa sentire tutto, e' piacevolissimo, almeno con i diffusori che gli ho affiancato. Non so come possa comportarsi con casse ostiche.

Il suono in tre parole?

Naturale

musicale

avvolgente

Spero d'esserti stato d'aiuto

Giuseppe

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@cactus_atomo stavo infatti guardando valvolari usati e/o cinesi nuovi da noto sito italiano, perché immagino che vengano venduti già rivalvolati,  laddove necessario. 

Nella mia ignoranza, ero convinto che tutti i valvolari fossero in classe A, invece ce ne sono anche in classe AB? Mi pare di capire che siano più facilmente gestibili per la minore emissione di calore, ma il suono? 

Per ovviare a questo problema, le due ventole del Graaf 25 non sono sufficienti? 

Cosa pensi dei cinesi Xindak e Ming Da, se li conosci? Con questi marchi,  si resta sotto i 1.000 euro anche con 45 watt, a questo punto suppongo in classe AB, giacché non è specificato che siano in classe A.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea Sarnella

@samana grazie mille. 

Il suono che descrivi è proprio quello che vorrei. 

Mi sembra di capire che Graaf 25 possa pilotare bene tutti i tipi di diffusori, purché con elevata sensibilità.

Cosa puoi dirmi del problema "calore", evidenziato da Cactus?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Simo

Oddio, anche un volare in ab sfido a tenerlo acceso un paio d'ore in luglio/agosto di afa senza refrigeranti o venticello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
samana

@Andrea Sarnella Credo che con le Indiana line su citate non ci dovrebbero essere problemi.

Per quanto riguarda il calore, devo qui dire che ascolto il Graaf senza coperchio perche' ho escluso le ventole.

La caloria delle valvole si sente comunque eh, sia che parliamo di classe a o ab.

Ma dove vivo io, di questi tempi, impossibile stare in casa senza ventilatore o condizionatore..  insomma a me non da particolari problemi.

Giuseppe

Share this post


Link to post
Share on other sites
ST1971

confermo quanto detto da samana, ho un graaf gm50 bii in un secondo impianto e scalda in un modo pazzesco, ma questo non causa il minimo problema. Il suono e' caldo e avvolgente come cerchi te, soprattutto le voci ringraziano. Nonostante questo e' molto dettagliato, veloce e capace di una ricostruzione scenica incredibile. Sull'usato il bii lo trovi attorno ai 2500 euro 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

@Andrea Sarnella non credere che un valvolare usato ti venga venduto già rivalvolato,  a meno che questo non sia esplicitamente indicato dal venditore. i grraf li conosco bene, gran bei prodotti, ma dire che pilotano tutto mi pare eccessivo. un valvolare scalda, un valvolare in classe a scalda molto di più, ognuno di noi ha una sua differente sensibilità alla temperatura ma è importante che tu sappia a cosa vai ncontro. Le ventole, per quanto silenziose, le ho semre trovate rumorose, il nostro cervello è bastardo, una volta che individua quel ieve ruore, lo va a cercare inconscamente e te lo sbatte in evidenza. olti valvolari cinesi sono validi, purtroppo la numerosità di marchi e modelli è tale che non è facile dare un giudizio generalista. 

ps le ventole abbassano la temperatura dell'ampli ma nulla possono contro il calore percepito dall'utente

Share this post


Link to post
Share on other sites
ribot

Se non vi dispiace vorrei dare il mio piccolissimo contributo alla discussione.

Per quanto riguarda i valvolari con gli occhia mandorla attenzione  ai trasformatori di uscita. mi è capitato di vedere ed scoltare apparecchi dove il limite dei trafo era fin troppo evidente.

Per quanto riguarda gli apparecchi usati consiglio di rivolgersi ad un rivenditore di fiducia gli acquisti in rete sebbene a prima vista allettanti spesso si rivelano autentiche trappole senza uscita. Per quanto riguarda il calore generato dai tubi be'.... effettivamente é maggiore rispetto a quello dei  finali a stato solido ma quando si ascoltano pochi strumenti e le voci oppure un quartetto d'archi il cuore e le orecchie si scaldano molto di più.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    293893
    Total Topics
    6386027
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy