Jump to content
Melius Club

Belial

JBL 4429 e Copland CTA 405A

Recommended Posts

Belial

Ė da un po che non scrivo qui sopra, volevo un consiglio in merito all’accoppiamento JBL e Valvole.

So che i diffusori JBL serie Studio Monitor gradiscono amplificazioni “Muscolose” (correggetemi se sbaglio), ma in barba a tutto questo le ho provate con un Copland CTA405A e ho avuto davvero un ottima impressione.

Vengo sempre dallo Yamaha A/S1100 e quindi già il Copland sarebbe un ottimo upgrade come amplificatore di per se, ma come accoppiata con JBL? Avrei intenzione di sentirlo anche con delle 4319.

Qualsiasi consiglio in merito ad altre amplificazioni ė ben accetto, purchė si mantenga un budget intorno ai 3000/3500.

grazie a tutti 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
bear_1

...ecco la risposta: "Potenza amplificatore consigliata: 200 watt RMS Risposta in frequenza: 35Hz 40kHz (6dB) Impedenza nominale: 6 ohm Sensibilità: 92dB (2,83V/1m) ... poi suonano anche con 50 W ...anche una Ferrari può andare a 50 all'ora in città...🤨

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

@bear_1 certo certo 😆 condivido pienamente, ma essendo in un condominio, diciamo che le ascolterei a volumi moderati e mi chiedevo se, nonostante la richiesta della cassa, potesse offrire qualitativamente un ottimo ascolto a tali volumi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

Che poi anche qui la risposta sembra scontata ma la domanda era più un “quali alternative suggerireste?”

Share this post


Link to post
Share on other sites
bear_1

... io suggerirei per buoni ascolti in  condominio...di tenere l'ottimo amplificatore e di trovare casse con 96...98 dB di efficenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Belial Io  provai  a casa mia le 4319,  sia a a valvole che a ss.

Premesso che conosco bene le JBL,  i  35 watt di EL 84  del Beard le facevano suonare deliziosamente,  ma erano insufficienti.

Per suonare,  suonavano;   ma non si compra una JBL per sottoamplificarla.

Con il Nakamichi PA 5  tiravano fuori quello sanno dare,  ma meritano certamente un ampli piu'  raffinato.

Tieni presente che molti spesso fanno un ragionamento sbagliato:   ascolto in condominio,  non posso alzare il volume piu'  di tanto,  mi bastano dieci watt per canale.

Non e'  cosi';   l'amplificazione "giusta" e'  quella che ti consente di gestire sempre in scioltezza i diffusori,  seguendo senza fatica i picchi dinamici, e  con una buona dose di raffinatezza.

Se ho a disposizione 200 watt per canale mica devo per forza spremere al massimo l'amplificatore.

Io penso che con il tuo budget puoi trovare certamente il partner giusto.     

Share this post


Link to post
Share on other sites
lp62

Con le jbl ci vogliono i muscoli anche a basso volume, altrimenti i woofer restano al palo.

Con le 4319 usavo mark levinson 27 e forse il 23 sarebbe stato ancora più in palla. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

Un Audio Analogue Maestro Anniversary? Come ce lo vedreste?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

@bear_1 cosa mi suggeriresti per un buon ascolto di rock anni 70/80? Con puntate anche su altri generi ovviamente, ma principalmente rock.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

@eduardo chiarissimo grazie ...se hai qualche suggerimento dal lato amplificazione con il mio budget dimmi pure.

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@bear_1 sono 95db con due watt 98 con 4w, 101 con 8w  ,104con 16watt e gia sei diventato sordo... 107 con 32w
4xKT120 x un valvolare e' un bel mostro... senza calcolare le capacita di overload e cioe' di suonarti quasi come un cento a ss
provale anche con la presa a 4ohm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

@garian1 dovrebbero essere 6 ohm le JBL...con la presa a 4? Se mi puoi spiegare come mai faresti questa scelta...

Comunque l’ho provato con il Copland e il risultato mi è piaciuto, non ho fatto l’immediato confronto con il Maestro Anniversary o con il mio ma effettivamente (senza farsi trascinare dal fascino della valvola) sembra che sia la risposta giusta per smorzare un po la tromba e dare quel minimo di morbidezza al suono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo
1 ora fa, garian1 ha scritto:

sono 95db con due watt 98 con 4w, 101 con 8w  ,104con 16watt e gia sei diventato sordo... 107 con 32w

Certo,  e'  proprio cosi' semplice....

Basta comprare un amplificatore da 16 watt per canale per un diffusore con sensibilita'  di 92 db e,  volendo,  sfiori la sordita'   😂

Non  scriviamo sempre le solite cazzate,  per favore;   soprattutto se parliamo di qualcosa che non abbiamo provato.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
luglio2

@Belial Buongiorno a tutti; hai ascoltato casse ed ampli?

Ti sono piaciuti? Questa è la prova migliore

Antonio

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@garian1 Senti,  io non leggo;  io ascolto e poi,  eventualmente,  parlo e scrivo.

Riproporre le solite tabelline trite e ritrite non significa niente.

Quei valori  sono solo teorici;  non tengono conto del  tipo di ambiente in cui ascolti,  delle dimensioni dell'ambiente,  della distanza a cui ascolti,  e di altri  "dettagli". 

Io a casa mia  ascolto alle volte al limite delle possibilita'  della mia amplificazione (prima di evidente clipping):  130 watt per canale  (e dispongo di biamplificazione passiva)  su diffusori di 95 db.

Se non ti dico altro,  cosa significa ?      Che ho i timpani completamente sfondati ?  

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

Il problema e'  sempre il solito:  gli interventi senza sapere neanche di cosa si stia parlando.

Se fosse ancora vivo Cartesio,  direbbe  "scribo,  ergo sum". 

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@garian1 Grazie per avermi messo in guardia;  evidentemente in  45  anni  di ascolti non avevo capito ancora niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@eduardo da come parli mi sembra evidente

Tinnitus significa aver un phon acceso dentro il cervello 24 ore al giorno x il resto della vita se ti e' chiaro !

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@garian1 Ahhh,  adesso ho capito  perche'  mi suda  di continuo il cervello !   

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@eduardo sei grandicello non fare  l'infantile ,non scherzare sulla sofferenza delle persone

Share this post


Link to post
Share on other sites
walge

La presa a 4 ohm potrebbe essere la soluzione ottimale dato che in quel caso l'ampli avrebbe una minore impedenza di uscita e quindi il fattore di smorzamento un po' più alto e quindi il woofer in teoria è più controllato.

Al netto di come l'ambiente risponde ovviamente.

Walter

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@garian1  Soffri tanto ?     Mi dispiace ...  

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@eduardo  sono l'uomo piu felice del mondo ...sorry

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@Belial l'impedenza dichiarata non e' mai reale  e per sua natura variabile con la frequenza ,
se fosse realmente da 6 e lo colleghi al 4  non cambia molto . perdi un filo di watt ma guadagni in controllo ed abbassi la distorsione, tu prova ..
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Belial

@garian1 @walge Proverò presto, grazie mille.

Le proverò anche con un SS tipo Puccini o Maestro

Share this post


Link to post
Share on other sites
bear_1

@garian1 ..."ecco la risposta: "Potenza amplificatore consigliata: 200 watt RMS Risposta in frequenza: 35Hz 40kHz (6dB) Impedenza nominale: 6 ohm Sensibilità: 92dB (2,83V/1m)" ...ma hai letto quello che ho scritto...? Ho fatto copia e incolla dalle specifiche delle casse... vuoi che i progettisti delle JBL non capiscano una mazza? Comunque concordo con " eduardo";  ci sono molti parametri da valutare  oltre alle solite tabelline e comunque io consiglierei di seguire i consigli di chi produce  casse acustiche...Poi se uno vuole usare ampli con 10 ... 20 W...  faccia pure,  le casse per suonare suonano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ruxperienced

@garian1 Va da sé che livelli eccessivi di SPL possono causare, specialmente per esposizioni prolungate, danni anche permanenti all'apparato auditivo. Nondimeno, ferma restando la valenza di fondo dei binomi "Livello-Esposizione" proposti nelle tabelle a corredo dei dettami normativi e della letteratura tecnica nell'ambito della medicina otologica, nel campo della riproduzione audio l'applicazione delle medesime non deve ritenersi così immediata.

Se dai dati di targa, in termini di massima potenza d'uscita d'un amplificatore, questi lascerebbero presumere un valore più che sufficiente a causare un danno all'udito, in realtà vanno tenute presenti diversi aspetti:

  •  Intanto i dati dichiarati si riferiscono a condizioni standard, ossia di massima potenza d'uscita continua su un determinato carico (normalmente 8 ohm) ad un massimo livello di distorsione ammissibile (diciamo il 2% di THD). Sappiamo invece tutti che l'impedenza d'un diffusore reale, come giustamente ribadisci, è funzione della frequenza, così come lo è lo sfasamento tensione-corrente ai suoi capi. Trattasi dunque d'un carico complesso che è bene venga pilotato, in tutte le condizioni d'utilizzo reale, da un amplificatore che disponga di una riserva dinamica (direi almeno 15 - meglio 20 dB) sufficiente a far fronte all'evoluzione del segnale musicale frequenza per frequenza e, nel dominio del tempo, istante per istante.
  • Lo stesso segnale musicale è dunque tutt'altro che stazionario ed all'ascoltatore, almeno in linea di principio (conosciamo tutti le problematiche connesse alla compressione dei segnali che affligge in maniera più o meno pesante ogni incisione), un supporto audio se ben registrato e riprodotto può presentare escursioni dinamiche di una 80-ina di dB (il dato è ovviamente molto più che ottimistico ma, ribadisco, si ragiona in linea di principio) rispetto al rumore di fondo di un ambiente d'ascolto sufficientemente silenzioso.
  • Nelle summenzionate condizioni un buon amplificatore audio, correttamente progettato, e scelto in funzione dell'ambiente (ad esempio più o meno assorbente) e del sistema di diffusione, deve esser in grado di riproporre anche quei transitori di breve periodo di intensità notevolmente superiore (anche 18-20 dBspl che rappresentano appunto l'"headroom") al massimo livello nominale senza per questo entrare in crisi, saturare o "clippare" che dir si voglia.

Sulla base di queste considerazioni, volutamente semplificate all'osso, possiamo facilmente dedurre che volendosi garantire ascolti di qualità anche a livelli tutt'altro che parossistici, se di norma arriviamo ad utilizzare 6-8 Wrms/ch al max per il 90% del tempo, ciò non significa che, ad es. su un pieno orchestrale, la potenza "indistorta" necessaria non quadruplichi o, addirittura sestuplichi attestandosi su 40 - 50 Wrms/ch. Considerando, infine, un giusto margine di sicurezza di altri 3 - 6 dBspl ecco che facilmente si giunge a tagliare il traguardo dei 100-200 Wrms/ch.

Share this post


Link to post
Share on other sites
garian1

@ruxperienced ciao, mediamente si ascolta intorno ai 90/95 e si tiene una riserva dinamica di circa 10 db



Agli altri dico ci sono generazioni che avevano ampli da 35watt con diffusori poco efficenti come avranno fatto ? da ragazzino il 100w era raro... il primo 33 che comprai fu back in black nell 80 pura goduria nel thorens con la stenton ed i 35w con 3vie woofer da 25cm..nel 90 cominciai a costruire diffusori e mi godei un bel 600w con un beyma da 15 in carico simmetrico la 1812 telarc ti schiaffeggiava ... ora ascolto allo stesso volume del 250w con un 8watt a tubi con 93db

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297036
    Total Topics
    6529885
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy