Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
briandinazareth

politica ed economia Trump inetto, incompetente e vanesio.

Recommended Posts

lufranz
51 minuti fa, ferrocsm ha scritto:

Perfetto: questo applicando il tuo metodo sarebbe da segnalare alla moderazione.

Mi sembra che dare dell'imbecille a chi non vota da una certa parte sia ormai una consuetudine in questo forum.

Se ritieni che abbia violato il regolamento segnala pure.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
1 ora fa, lufranz ha scritto:

dal nulla

Mica tanto, con un miliardino di dollari del papà combinavamo qualcosina pure noi due.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
2 minuti fa, Panurge ha scritto:

Mica tanto, con un miliardino di dollari del papà combinavamo qualcosina pure noi due

Può darsi, è possibile, si spera.

Ma tanti (stupidi veri) li avrebbero sperperati o investiti in imprese fallimentari e sarebbero rimasti con le chiappe per terra. Lui il miliardino lo ha moltiplicato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savgal

Non mi pare che vi sia chi ha dato dell'imbecille a Berlusconi, di cui tutto si poteva dire, ma non che fosse stupido.

Quanto al tifo per Trump, continue rotture di co...ni sul fatto che la sinistra pensa alle banche e non al popolo, che la destra grillina e leghista è la lotta del "popolo" contro le élite, e poi si tifa per chi, stando ai numeri  che circolano e che sono dello stesso Congresso USA, ha favorito esclusivamente le odiate élite, mentre i redditi bassi e medio-bassi sono praticamente rimasti immutati. Che sia possibile tassare meno le grandi imprese e i redditi più alti e poi ampliare lo stato sociale è una favola cui possono credere solo coloro che non sono in grado di fare due conti.

https://www.corriere.it/opinioni/17_aprile_27/riforma-fiscale-trump-e66d0736-2aba-11e7-aac7-9deed828925b.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb
2 ore fa, lufranz ha scritto:

possa creare dal nulla un impero economico. 

Ma quando mai...tutto ereditato...vari fallimenti giganteschi... centinaia di milioni da DB...che chissà se li rivedrà

...

Share this post


Link to post
Share on other sites
keres

Dite che oggi è meno ricco di quando eredito' dal paparino?

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum
2 ore fa, Panurge ha scritto:

Mica tanto, con un miliardino di dollari del papà combinavamo qualcosina pure noi due.

Ma vala’ che li mettevi al pizzo

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
14 ore fa, lufranz ha scritto:

li avrebbero sperperati o investiti in imprese fallimentari 

https://www.truenumbers.it/donald-trump-fallimenti/

Dal 1991 ad oggi diverse società controllate dal candidato presidente Donald Trump hanno dichiarato fallimento in ben quattro occasioni. La procedura seguita dagli avvocati di Trump è quella del Chapter 11, la norma americana che consente a una società (distinta quindi dai suoi azionisti e amministratori) di rimanere in attività mentre tenta di ristrutturare i propri debiti. Si può affermare che se il suo patrimonio personale è stato toccato solo marginalmente da questi insuccessi, l’abilità imprenditoriale di cui Trump (nessuno, ad esempio, ha ancora calcolato con precisione quanti soldi ha) si vanta continuamente nei suoi discorsi è meno fondata di quanto si creda.

IL VIZIETTO DEI JUNK BOND

Nel 1991 Donald Trump, che punta a vincere la nomination del partito repubblicano per la Casa Bianca, finanzia la costruzione del casino Taj Mahal di Atlantic City principalmente con junk bond, ma l’intera struttura accumula una mole spaventosa di debiti (secondo il New York Times solo quelli personali di Trump ammontano a 900 milioni di dollari) e il miliardario è costretto a dichiarare bancarotta secondo le procedure del Chapter 11. Per pagare i debiti Trump è costretto a cedere la metà del casinò, i suoi yacht e la sua compagnia aerea.

Passa solamente un anno e per “The Donald” Atlantic City si rivela un altro fiasco: il Trump Plaza Hotel della città del gioco d’azzardo del New Jersey ha perduto oltre 550 milioni di dollari e, come racconta ABC News, il miliardario cede il 49% della struttura a Citibank e ad altri creditori e viene completamente esautorato da qualsiasi ruolo operativo nella struttura.

DONALD TRUMP SFORTUNATO CON I CASINÒ

Nel 2004 sono ancora una volta i casinò a costringere Donald Trump alla procedura da Chapter 11: stavolta si tratta della società Trump Hotels and Casinos Resorts, che ha accumulato 1,8 miliardi di dollari di debiti. L’uomo col parrucchino più chiacchierato d’America deve ridurre il suo pacchetto di azioni al 25% e, secondo Associated Press, si trova anche costretto a iniettare nella società almeno 72 milioni di dollari del suo patrimonio per evitare il disastro.

Nel 2009, infine, la Trump Entertainment Resorts perde 53,1 milioni di dollari e il miliardario deve ricorrere al Chapter 11 per la quarta volta.

IL BELLO DEL “CHAPTER 11”

“Ci sono centinaia di società che ricorrono al Chapter 11, è una procedura comune nel business, – ha dichiarato Trump – io l’ho fatto quattro volte e ho ottenuto dei risultati straordinari. Ho fatto un ottimo lavoro. Ogni persona di cui leggete sulle prime pagine dei giornali economici ha impiegato questa procedura”. In realtà, come mostra una ricerca della CNN, se si fa eccezione per recenti casi celebri come General Motors, Lehman Brothers e la maggior parte delle compagnie aeree statunitensi, negli ultimi 30 anni le società con un miliardo di dollari di capitale e oltre che hanno dichiarato bancarotta e ristrutturato il debito attraverso il Chapter 11 sono meno del 20%. Anche se Donald Trump non ha mai dichiarato personalmente fallimento, i quattro casi dal 1991 al 2009 fanno guadagnare a Donald Trump un posto di rilievo nell’ideale classifica di businessman costretti alla bancarotta e alla ristrutturazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gionzi

Trump se ne è avuto così a male perché gli hanno spiegato cosa volesse dire ciò che era scritto sugli appunti degli inglesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@lufranz sei poco informato.. leggi la vera storia dell’impero di Trump. Ha ereditato praticamente tutto, se non faceva nulla di nulla, oggi sarebbe pure parecchio più ricco... 🙂

Sull’incapacita di comprendere testi più lunghi di 20 righe hanno scritto in molti, specie coloro che collaborano come staff.

se fai una piccola ricerca trovi tutto. In sostanza devono semplificare al massimo dal punto di vista lessicale tutto ciò deve firmare come presidente. 

Quando la materia si fa troppo complessa, lo fanno firmare con un piccolo sotterfugio.

c’é tutto quanto in rete, e la fonte é autorevole, di primissima mano.leggendaria la sua ignoranza in campo di geo- politica e storia.

secondo altre fonti, farebbe pure difficoltà a ricordarsi le capitali dei 50 Stati, per non menzionare la complessa storia americana moderna, guerra di indipendenza e padri fondatori, per intenderci.

è un classico esempio di politico (!) di pancia e basso ventre, bugiardo fino nel midollo ( circa diecimila bugie censite ad oggi) misogino, rancoroso, umorale e grossolano. Perfetto per i tempi che corrono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paranoid.Android

Semi OT. Ricordo alcuni anni fa una sua Intervista al David letterman show dove ammetteva di avere pagato mazzette per costruire a NY e che quello era/è l andazzo generale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
jj@66

@lufranz

Ora però che non passi da illuminato sennò siamo all’iperbole: è uno strumento in mano alle lobbies, faceva comodo ed è lì a rappresentarli e a tutelare i loro interessi che coincidono con i suoi, il suo percorso finanziario è stato messo sotto la lente di ingrandimento da svariati anni e di sicuro ha fatto più danni che utili, se poi per partito preso vogliamo dire che è un grandissimo manager e un politico raffinato, per cui affidargli le redini del mondo è cosa buona e giusta non mi trovi d’accordo, ma giustamente il mio parere vale come il tuo per cui ognuno rimarrà della propria opiinione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
keres

Le redini del mondo da un po' si stanno spostando ad est.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
58 minuti fa, keres ha scritto:

Le redini del mondo da un po' si stanno spostando ad est

Mah, finché il padrone non fa vedere il bastone (35% delle spese militari del mondo non si sostengono per divertimento)

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
1 ora fa, jj@66 ha scritto:

se poi per partito preso vogliamo dire che è un grandissimo manager e un politico raffinato

Veramente io avrei scritto che è probabile che sia meno idiota di quello che ci vogliono far credere, e stop.

Il resto, grandissimo manager e politico raffinato, lo avrà sicuramente scritto qualcun altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

è che ci si ostina a voler misurare questi qui con il metro dell' ottimo impiegato del catasto. non arrivi li chiedendo permesso o finendo

i compiti a casa, ci vogliono altre qualità, anche se non tutte adatte a finire tra i santi, e di sicuro tanto pelo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob

@lufranz 

4 ore fa, lufranz ha scritto:

Veramente io avrei scritto che è probabile che sia meno idiota di quello che ci vogliono far credere

Concordo!  Premesso che non ho nessuna simpatia o stima per il personaggio...

-

la situazione mi ricorda il 1980, tale e quale con Reagan..: attore scrauso di B-movies, rozzo cow-boy, ignorante, incompetente ecc.

L'unico (ma proprio l'unico)  che lo difendeva era Montanelli dalle colonne del Giornale, che naturalmente per le "anime illuminate dal sol dell'avvenire" dei nostri intellettuali di allora era un "fascistone".

Poi e'stato il presidente che ha cambiato il mondo e ancora adesso uno dei piu'amati: ha sconfitto il comunismo senza una goccia di sangue, ha risollevato l'america e rilanciato il suo ruolo nel mondo; sempre sommerso dalle piu' aspre critiche e odiato dall' "intellighenzia"

-

Con questo NON voglio paragonare Trump con Reagan...solo dire che bisognerebbe aspettare, non giudicare "a pelle", prima di condannare senza appello...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savgal

Reagan e Trump non sono paragonabili. Non ricordo un solo momento in cui Reagan esibisse la vanità di cui fa continuamente sfoggio Trump. Poi, Reagan non faceva leva sui messaggi negativi per incrementare il suo consenso, cosa che invece utilizza continuamente Trump.

Infine, i sostenitori di Salvini, quelli del "popolo" contro le élite, che osannano un rappresentante di quella élite, fa sorgere il dubbio che tanto "popolo" costoro non sono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 7/7/2019 Alle 18:27, keres ha scritto:

Non so, ha poche qualità o nessuna se volete, mi pare però esagerato che un bimbo di tre anni incapace di comprendere un testo di 20 righe possa diventare presidente degli Stati uniti.



Non voglio paragonarlo a lui.., ma Al Capone, il pontefice massimo della mafia di allora, il terrore di Chigago che gestiva cose molto complesse, quando lo beccarono per evasione fiscale e in carcere gli fecero il test, aveva un quoziente d'intelligenza di un adolescente... Mai dire mai.., anche se il cervello di un bimbo di tre anni è esagerato, anzi è un evidente paradosso per rendere l'idea...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 7/7/2019 Alle 20:46, gpb ha scritto:

Immagino tu sia del mestiere...se è così mi conforta perché avevo fatto la stessa diagnosi, da incompetente, già 3 anni fa...


Mi dichiaro anch'io incompetente

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
15 ore fa, alexis ha scritto:

è un classico esempio di politico (!) di pancia e basso ventre, bugiardo fino nel midollo ( circa diecimila bugie censite ad oggi) misogino, rancoroso, umorale e grossolano. Perfetto per i tempi che corrono.

Fosse vero e non dubito che le fonti che citi siano attendibili (a parte il fatto che è agevole accorgersene da soli...)potrei pensare e dire che chi vota 'sta gente è fatto della stessa pasta? Piuttosto mi sorprende che chi vota 'sta gente qua si vergogna a dirlo apertamente (mi ricorda i tempi della DC.., vinceva sempre e non trovavi  mai un votante che lo ammettesse manco a pagarlo... il partito si autovotava in segreto...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
briandinazareth
9 ore fa, dariob ha scritto:

Poi e'stato il presidente che ha cambiato il mondo e ancora adesso uno dei piu'amati: ha sconfitto il comunismo senza una goccia di sangue, ha risollevato l'america e rilanciato il suo ruolo nel mondo; sempre sommerso dalle piu' aspre critiche e odiato dall' "intellighenzia"

una visione veramente estrema di reagan. e no, non è stato lui a sconfiggere il comunismo ;) e non ha neppure risollevato l'america...

Share this post


Link to post
Share on other sites
nullo
4 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

non è stato lui a sconfiggere il comunismo

In effetti è troppo per un uomo solo

un po' come chi crede che Trump faccia tutto da solo e sia un cretino che si muova a caso in totale libertà... che però ha del cu**

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
26 minuti fa, briandinazareth ha scritto:

non ha neppure risollevato l'america...

La politica economica di Reagan è molto molto distante dalle farneticazione Trumpiane in economia, detassazione delle Corporate a parte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferrocsm

Io credo che ce ne sia per l'asino e per chi lo mena: Trump sarà quel che sarà, ma gli inglesi non è che con sta Brexit ci abbiano fatto una gran bella figura e anche la retromarcia di Corbyn di queste ore dopo che il suo partito lo ha convinto a chiedere un nuovo referendum per uscire o no dalla UE lo sta a dimostrare.   

Share this post


Link to post
Share on other sites
keres

@analogico_09 Capisco che una rapa completa possa ottenere posti di rilievo, ad esempio il più tordo del liceo che frequentavo l'ho ritrovato 12 anni dopo responsabile amministrativo di un ospedale, un altro del mio paese mezzo cecato, vedeva davvero malissimo nonostate le lenti a contatto, con l'intelligenza di un canarino, nato oltretutto povero, è riuscito a crearsi un mezzo impero, ma per diventare presidente USA devo supporre almeno 95 di QI sia il minimo necessario.

Secondo voi qual è il QI di trump?

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
38 minuti fa, keres ha scritto:

Secondo voi qual è il QI di trump?

100 miliardi di dollari... 🤑

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
46 minuti fa, keres ha scritto:

Secondo voi qual è il QI di trump?

quello che gli è bastato per arrivare fin li bombandosi prima ivana poi marla ed infine melania.

anche col qi come in tutto c'è quantità e c'è quello che serve.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Per bombare quei soggetti basta il q.i. necessario a strisciare le carte di credito. Che però devono essere ben alimentate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    296168
    Total Topics
    6493600
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy