Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
briandinazareth

politica ed economia Trump inetto, incompetente e vanesio.

Recommended Posts

dariob

@nullo Oddio, era un iperbole, e'chiaro che io non posso sapere VERAMENTE di tutto il team chi influiva di piu', se c'era qualcuno che lo manovrava ecc.

Quello che so e'quello che diceva pubblicamente, quello che veniva approvato, e gli effetti che aveva sullo svolgersi degli eventi.

-

@briandinazareth Non solo con una prova di forza (scudo stellare, euromissili, riarmo) ha accellerato il fallimento del comunismo, ha riarmato con effetti che si sono visti 3 anni dopo la fine del mandato con la guerra del golfo, con armi che allora sembravano da fantascienza, ma SOPRATTUTTO ha cambiato, insieme alla Tatcher la direzione del vento.

Che' fino allora soffiava a sinistra, poi e' girato a destra con il rilancio del concetto di mondo libero, imprenditoria privata ecc.

-

A proposito sarebbe interessante discutere su una cosa che qualche volta ho letto in giro, e cioe' : "e' la persona che ricopre la carica" oppure "e' la carica, il ruolo che influenza e modifica il comportamento della persona".

Io propenderei per la seconda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Si, ma hanno anche dato il via alla paranoia finanziaria che ha portato al 2008 e oltre.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
22 ore fa, dariob ha scritto:

ha sconfitto il comunismo senza una goccia di sangue

 Il post stalinismo, e non già il comunismo, si sconfisse da solo.., ci penso Gorbaciov... Reagan non passerà alla storia, alla storia dei grandi uomini della terra, per questa faccenda ma per l'"edonismo reganiano" che fa rima con attoruncolo legnoso di serie B sopravvalutato nella questione caduta dell'Unione Sovietica implosa su se stessa...

Poi avrà fatto cose buone con conseguenze meno positive.., tra lucette e ombreggiature.., insomma una figura più di scena (attoriale.., quella che tanto piace agli americani del "sogno") che di spessore politico, umanistico... Così pare a me.., poi ognuno ha il suo pensiero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob
34 minuti fa, analogico_09 ha scritto:

attoruncolo legnoso di serie B sopravvalutato nella questione caduta dell'Unione Sovietica implosa su se stessa...

Stai ripetendo le stesse cose che dicevano giornalisti e maitre a penser di allora.(Bellissimo pezzo di Gil Scott-Heron intitolato B-Movie).

Peccato che, se fosse stato per loro, era meglio essere colonizzati dai russi piuttosto che dagli americani...

Ve lo ricordate il " meglio rossi che morti" a proposito degli euromissili?

1000 volte meglio Breznev di Reagan.

Poi... dopo!, ...nessuno era mai stato comunista. (neanche Veltroni...:era "Kennedyano"😀).

-

Comunque credo che la grandezza di un uomo politico si misuri anche dall'essere al posto giusto al momento giusto...e agire di conseguenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb
10 ore fa, analogico_09 ha scritto:

comunismo, si sconfisse da solo.., ci penso Gorbaciov

Il comunismo fu sconfitto dai suoi debiti verso le banche occidentali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
56 minuti fa, gpb ha scritto:

Il comunismo fu sconfitto dai suoi debiti verso le banche occidentali...

Fallito, la fine che rischiamo di fare noi a seguire certi soggetti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
11 ore fa, dariob ha scritto:

Stai ripetendo le stesse cose che dicevano giornalisti e maitre a penser di allora.(Bellissimo pezzo di Gil Scott-Heron intitolato B-Movie). 

Ma come corri.., da una mia personale osservazione su Reagan mi attibuisci cose su aspetti altri che non puoi sapere se mi riguardino o meno sui quali non mi sono espresso... Di "maitre a penser" ce ne erano allora di ogni specie e colore, anche di maitre a non penser se mi è consentito parafrasare...
 

11 ore fa, dariob ha scritto:

Peccato che, se fosse stato per loro, era meglio essere colonizzati dai russi piuttosto che dagli americani... 
Poi... dopo!, ...nessuno era mai stato comunista. (neanche Veltroni...:era "Kennedyano"


Ad esempio la mia passion predominante ai tempi non era quella di essere colonizzati dal russo post staliniano o dall'ammerikano del sogno reaganiano.., perché per me su quel territorio come te movevi te movievi te movevi male, come cadere dalla padella alla brace. Sarà stato suppongo tuo il dilemma, non il mio, io aspiravo al dominio della Bellezza... 😎

Mai smisi di essere idealmente comunista, mai rinnegato, a tutt'oggi, e non mi parlare di Veltroni che già da come (s)"parla" di cinema mi fa venire l'orticaria..
.
 

11 ore fa, dariob ha scritto:

Comunque credo che la grandezza di un uomo politico si misuri anche dall'essere al posto giusto al momento giusto...e agire di conseguenza. 


Si.., giusto l'uomo della provvidenza... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
2 ore fa, gpb ha scritto:
12 ore fa, analogico_09 ha scritto:

comunismo, si sconfisse da solo.., ci penso Gorbaciov

Il comunismo fu sconfitto dai suoi debiti verso le banche occidentali... 

La mia frase intera era: Il post stalinismo, e non già il comunismo, si sconfisse da solo... ;)

Secondo me uno dei più gravi errori che fece la Russia del dopoguerra fu quello di non produrre o importare le mercendaglierie americane allora di gran moda.., simboli/segni del "comando" imperialistico americano non solo sul resto del mondo "atlantico".., cosa che incentivò i giovani alleprati degli stati europei ad andare nei paesi dell'est forniti di jeans, calze di nylon, t-hirt istoriate e altri oggetti ambiti dai giovani di quelle nazioni della sfera sovietica che pagavano a caro prezzo la merce e cambiavano il dollaro con una montagna di moneta locale (con la quale se non la spendevi in loco poi la usvi in bagno...).
Da qui iniziò una prosaica, lenta ma determinante disaffezione giovanilistica (che presto diventò adulta) all'"ideale"... Il capitalismo con i suoi simboli fatti entrare a mo' di cavallo di troia dentro le mura che cingevano l'Est aveva vinto! 🤓

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob
3 ore fa, analogico_09 ha scritto:

Mai smisi di essere idealmente comunista

L'ho sempre sospettato in questi anni, ma ti voglio bene lo stesso!!🤣

-

Per quanto riguarda la differenza fra post-stalinismo e comunismo non ti chiedo niente perche' ci hanno provato talmente in tanti, da Berlinguer in giu' ... Occhetto ...ecc. che temo che il problema sia irrisolvibile.

-

Hasta la victoria siempre! (si scherza eh.)

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
36 minuti fa, dariob ha scritto:

 Hasta la victoria siempre! (si scherza eh.)

No no, diciamolo pure sul serio! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob

Pero' dai, quel post sulle calze di nylon e le t-shirt non e' da te.

Quelli stavano in prigione;   non e'che le t-shirt e le calze gli risolvessero granche'.

Magari un pezzo di filetto invece della solita verza😁.

-

I "segni del comando" americano erano anche il rocke il blues, e il jazz, che e' il motivo per cui noi siamo qui (e che loro non potevano neanche ascoltare).

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
5 ore fa, analogico_09 ha scritto:

Da qui iniziò una prosaica, lenta ma determinante disaffezione giovanilistica (che presto diventò adulta) all'"ideale"... Il capitalismo con i suoi simboli fatti entrare a mo' di cavallo di troia dentro le mura che cingevano l'Est aveva vinto! 🤓

Facevano una vita di m***a, non gli mancava l’essenziale ma non avevano nulla di quello che alla fine da un senso alla vita, all’uomo non può bastare mangiare, lavorare ed avere un tetto sopra la testa, alla fine senza sogni, senza speranze, senza ambizioni resta solo aspettare la morte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@dariob era per l'appunto provocatorio... Sono post estivi... Manco morto sarei andato a vivere nella Russia stalinista.., però.., @maurodg65 se approfondissimo un po' il capitalismo, ne uscirebbero delle belle mica tanto confortanti.., a volte il più pulito ci ha la rogna... discorso complesso...Il rock non commerciale, quello dei bianchi che avevano del "nero" ideale nel sangue era anche contestazione dei "segni del comando" ammerikani, mentre il jazz (anche un po' padre del rock) è la musica degli afroamericani, di quel "popolo del blues" che veniva (e viene ancora in vario modo) schiacciato

dal feroce " segno del comando" ammerikano... L'asse spirituale degli Usa e' la cultura nera.. senza quella sarebbe solo ammerika dello sceriffato, locale e  mondiale..

Non mi pare, davvero non rivordo, che nella Russia di allora fosse vietato il jazz.., di sicuro era osteggiato edulcorato dal "puzzone" (che al solito si lasciava facilmente imbrogliare.., gli facevano ascoltare  un foxtrot derivato dal jazz alla "Maramao perché sei morto" che lui pensava fosse tarantella... 😁), il quale, ironia della sorte, mise al mondo il figlio Romano che diventerà un buon pianista jazz e una brava persona...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Nel capitalismo non si ha spesso nemmeno l'essenziale... perlomeno quello.., e con la pancia vuota lo spirito umiliato, hai voglia nutrire speranze e fare sogni irrealizzabili... Nella Russia di allora c'era molta cultura, letteraria, teatrale, musicale.., a volte "controllata" ma la gente che aveva il minimo garantito che non aveva l'assillo della fame e delle bollette rapinatrici fa pagare se gustava più diffusamente e con maggior serenità la cultura, ovvero lo spirito, che costava pochissimo.. Esclusi ovviamente  siberia e gulag... o come si scrive,  ma mica che noi non ce ne ebbimo ed ancora abbiassimo  qui in occidente dei luoghi oscuri dei castighi severi, indiscriminati e duri. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
3 ore fa, analogico_09 ha scritto:

Nel capitalismo non si ha spesso nemmeno l'essenziale... perlomeno quello.., e con la pancia vuota lo spirito umiliato, hai voglia nutrire speranze e fare sogni irrealizzabili...

Casi estremi senz’altro ma mediamente direi che, soprattutto in Europa visto che sono economie di mercato anche le nostre ma anche negli USA, si sta molto meglio che nella Russia comunista e nella Cuba di Castro o nella Cina comunista di quegli anni, poi il pelo nell’uovo possiamo trovarlo scovando alcuni limiti nel capitalismo, ma se l’occidente oggi se sta soffrendo è solo per l’eccesso di benessere e non certo per la fame o la miseria, al contrario chi si sta sollevando e sta conquistando spazio e mercati ed un livello maggiore di benessere, facendo crescere la propria economia in modo esponenziale, sono proprio quei paesi che stanno emergendo da condizioni di arretratezza sociale ed economica e da una condizione pregressa di miseria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

dati giugno

disoccupazione 3,6%+occupazione ai massimi degli ultimi 50 anni

paga oraria media in costante aumento e' arrivata alle soglie dei 28 dollari per ora.

Un vero disastro...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@maurodg65 paragoni così stringenti è diretti non si possono fare, america, russia, cuba, e la cina che è un mondo a se tra mondi diversi.., ci sono condizioni storiche differenti, percorsi di emancipazione ed autodeterminazione delle nazioni e dei popoli epocali che relativizzano tutto... Che il sistema capitalista abbia solo dei peli nell'uovo ed "alcuni limiti, mi pare un racconto buonista per il santo natale... Un po' di benessere in più elargito a caro prezzo mentre nel mondo si muore ancora di fame e si sta sotto la verga del feroce sfruttamento, dove una minima parte di ricchi prospera e il resto arranca, vivicchia o soccombe, non mi pare meritevoke di essere portato come esempio del nuovo grande umanesimo capitalistico. Io non ho negati i gravi limiti degli assetti sovietici, cuba non è come la Russia.., tutto va storicizzato, ripeto, perché è già tutto finito, falliti, vinti.,implosi.. quelli dell'est...amen..,   mentre il capitalismo che non ha ideali ma solo interessi e finalità speculative e di sfruttamento seguita a vivere e a mantenere il mondo in condizioni di profonde disuguaglianze... Io non ne sono felice.. ma ciascuno é libero di esserne contento se nato in Germania o francia... forse chi nasce nelle interminabili periferie del mondo non si sentirà così baciato dalla fortuna. 

Discorso terra terra sorta di mera introduzione al problema che rimandiamo a quando il clima rinfreschera'...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb

@analogico_09 l'errore dell'URSS fu di non costituire una capacità produttiva propria, e l'assurdità dei piani quinquennali con produzioni suddivise

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb
1 ora fa, stefanino ha scritto:

Un vero disastro

140 mln di statunitensi classificati come low income o sotto la soglia della povertà

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
4 ore fa, maurodg65 ha scritto:

Facevano una vita di m***a, non gli mancava l’essenziale ma non avevano nulla di quello che alla fine da un senso alla vita, all’uomo non può bastare mangiare, lavorare ed avere un tetto sopra la testa, alla fine senza sogni, senza speranze, senza ambizioni resta solo aspettare la morte.

assolutamente d'accordo

 c'è una via di mezzo tra il comunismo e 140 mln di statunitensi sotto la soglia della povertà ...

Ad esempio le democrazie europee...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
2 minuti fa, wow ha scritto:

assolutamente d'accordo

E chi non lo sarebbe.., ma cio' che viene stigmatizzato non riguarda solo il sovietismo che come si diceva sopra  e' morto mentre il capitalismo globalizzatov seguita a produrre miserie, tante, e nobilta', poche.., speranze e sogni cirbernetici non sono proibiti.. anzi vengono virtualente incentivati... con quello che costano pet pterseli permettere.., speculano pure su quelli...

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
1 minuto fa, analogico_09 ha scritto:

il capitalismo globalizzato

possiamo dire che è il meno peggio?

(hai visto la fiction Chernobyl?)

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob

Insomma i numeri...come al solito...vengono piegati alle intenzioni e alle necessita'.

140 mln vorrebbe dire che quasi meta' della popolazione degli Stati Uniti si trova sotto la soglia della poverta' ?

Ma insomma mi verrebbe da dire BUUM!

Dai,  un minimo di credibilita', di verosimiglianza...non parlo di te eh, ma della fonte dove l'hai letto

1 ora fa, gpb ha scritto:

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob

E' straordinaria l'epoca in cui viviamo...

La terra e' piatta, i vaccini fanno male e meta' degli americani e' sul punto di morire di fame.

-

Ma io sono troppo vecchio per capirla...mi sembro il mio povero zio,1916, per il quale il jazz era musica di 4 negri drogati; o mio padre buonanima...

ma loro avevano 80 anni, io gia' a 62 non riesco a stare al passo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
16 minuti fa, dariob ha scritto:

meta' degli americani e' sul punto di morire di fame.

morire di fame magari no, ma non stanno messi benissimo. per dire che un lavoratore a bassa paga come il tipico addetto

walmart può avere i requisiti reddituali per avere i buoni pasto/spesa sociali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dariob

Massi', collettivizziamo, istituiamo i vari soviet e aboliamo la proprieta'; e' l'unica speranza... poveri americani.

Qualcuno dovrebbe farlo presente al biondone commander in chief.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
2 ore fa, wow ha scritto:

possiamo dire che è il meno peggio? 

(hai visto la fiction Chernobyl?)

Volendo.., come si dice, chi si accontenta gode. Però il fatto è che quella roba lì che sarebbe stata il più peggio, non c'è più, se non nella testa degli stranamore spesso anche commendatori che hanno sempre lo spauracchio del comunismo in bocca a fini propogandistici, per spaventare l'elettorato medio con ancora la paura dei cosacchi in p.za s.pietro...
Il capitalismo invece è vivo e vegeto, e quindi bisognerebbe dire che è l'unico sistema, economico, politico, sociale, culturale, umanistico, ecc meno peggio che ci resta... e vince perché gareggia da solo... 😏Personalmente trovo preoccupante questa polarizzazione di tutto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb
2 ore fa, dariob ha scritto:

fonte dove l'hai letto

Governo americano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
3 ore fa, gpb ha scritto:

l'errore dell'URSS fu di non costituire una capacità produttiva propria, e l'assurdità dei piani quinquennali con produzioni suddivise

L'ottusa burocrazia della nomenklatura post-staliniana...

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

doppione

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    294296
    Total Topics
    6409869
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy