Jump to content
Melius Club

Casperx

Sarà una mia impressione ma ...Grateful Dead

Recommended Posts

Casperx

A me sembra che, in questi lidi, si parli davvero troppo poco di una delle più grandi band di rock, psichedelia, blues, bluegrass e chi più ne ha più ne metta: i Grateful Dead. Per me sono l’olimpo ed, anche se è difficile, vista la produzione sterminata, cerco di comprare tutto ciò che, di nuovo, esce di Jerry Garcia e soci ...

poche band hanno avuto il significato che hanno avuto i Grateful Dead. Ovviamente a mio modesto parere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Piero51

Sono completamente d'accordo con te, sono stati un grandissimo gruppo , i capostipiti della musica improvvisata che spaziava in ogni genere ,nello stesso brano si poteva trovare jazz, rock,country,funky e psichedelia. Ancora oggi alcuni dei suoi membri originali ,anche se invecchiati e appesantiti portano avanti la loro musica innestando validi giovani , mi riferisco soprattutto a Dead and Company,ma anche Phil Lesh & Friends,Phil Lesh & The Terrapin Family Band.

Comunque penso che oltre ai Dead è tutto questo genere di musica improvvisata che temo non interessi le masse, figurati nell'epoca dell'ascolto zapping chi vuoi che si prenda la briga di ascoltare brani di 12/15 minuti ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

i Grateful Dead oltre che un gruppo musicale seminale ed atipico, anche per l'epoca, era una grande famiglia, uno stile di vita...i loro concerti erano piu' degli eventi mistici che delle semplici serate di buona musica, a cominciare dall'allestimento del palco, impressionante, il wall of Sound e' incredibile anche oggi, cosi' come la qualita' sonora che usciva da quelle montagne di diffusori e la musica che si sviluppava in modo diverso da un concerto all'altro...musica allo stato puro, senza (o con pochissime) costrizioni, assimilabile in ambito rock, al free jazz...sono stati degli innovatori...certo che, come gia' detto sopra, l'ascolto dei Dead presuppone una buona dose di predisposizione e tempo, era musica non soggetta a nessuno star system o regole...ispirazione ed arte...

image.png.874c12c5e0bd65d50c0f0984599bd368.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
bluesman74

Uno dei miei gruppi preferiti, semplicemente immensi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso

Praticamente erano sempre in tour e praticamente registravano ogni concerto ... i live incisi sono tantissimi ... 

Ho ascoltato parecchio di loro, ma non riesco a farmi coinvolgere più di tanto ...forse non sono ancora pronto ...

Mi piace questa, che probabilmente i fan duri e puri odieranno, quanto è orecchiabile ...😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso

@Casperx Dovresti cambiare il titolo del 3d e mettere Grateful Dead, in modo che molti più seguaci possano partecipare. Io ho aperto il 3d per caso.   

Share this post


Link to post
Share on other sites
magnaco

A me piace Dark Star

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
16 minuti fa, zoso ha scritto:

i live incisi sono tantissimi ... 

Celebre anche la loro tolleranza nei confronti dei "tapers", ai quali lasciavano spazio per registrare di tutto e di più.

pine.thumb.jpg.c7ed830d551239a9253ad7e807e15be3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso
1 minuto fa, LaVoceElettrica ha scritto:

Celebre anche la loro tolleranza nei confronti dei "tapers", ai quali lasciavano spazio per registrare di tutto e di più.

Molta meno tolleranza aveva Peter Grant ... anzi rischiavi la pelle  ...😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
rock56
14 minuti fa, zoso ha scritto:

Dovresti cambiare il titolo del 3d e mettere Grateful Dead, in modo che molti più seguaci possano partecipare. Io ho aperto il 3d per caso

@Casperx io metto sempre il "TAG" , tipo

[Grateful Dead] ..sarà una mia impressione ma...👍

Io dei Grateful Dead non ho neppure un disco (pecca, grande pecca), ma li conosco per averli ascoltati in varie occasioni (radio, amici).

anzi, no, uno c'è: "Dylan & Dead"...

Ricordo che un album che mi piaceva era "American Beauty", sicuramente ci farò un pensiero: leggendo questi argomenti mi ricordo ciò che manca...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@rock56 Maurizio, se devi cominciare con i Dead comincia bene...

index.jpg

Live/Dead, io ho il doppio vinile originale "d'epoca". Gruppo immenso, non ci sono altre parole per definirli.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rock56
1 minuto fa, ediate ha scritto:

se devi cominciare con i Dead comincia bene...

subito con un Live?

Share this post


Link to post
Share on other sites
magnaco
22 minuti fa, ediate ha scritto:

Live/Dead, io ho il doppio vinile originale "d'epoca". Gruppo immenso, non ci sono altre parole per definirli.

Confermo il disco è molto bello...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx
1 ora fa, zoso ha scritto:

Dovresti cambiare il titolo del 3d

Non so come si fa ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx

Confermo il giudizio di @ediate...

i grateful Dead sono una band da live, da lunghissime session improvvisate ogni volta ... Comunque, a parte Live/Dead che è un capolavoro, anche Europe 72 è un grandissimo album ... ma tutti i live ... dove prendi non sbagli mai 

Share this post


Link to post
Share on other sites
spersanti276

@magnaco e grazie...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gabrilupo

Con le dovute differenze penso che lo stesso discorso si possa fare con l'Almann Brothers Band, sia riguardo la musica suonata (forse meno psichedelia) che il riscontro che trova su questi lidi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

"Live Dead" è un capolavoro, ma "American beauty" lo considero il loro miglior album da studio, secondo me non può mancare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx

Vedi i gusti ? Io dei GD, in studio, preferisco Workingman’s Dead 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx
3 ore fa, Gabrilupo ha scritto:

Con le dovute differenze penso che lo stesso discorso si possa fare con l'Almann Brothers Band, sia riguardo la musica suonata (forse meno psichedelia) che il riscontro che trova su questi lidi.

In genere, secondo me, stiamo dimenticando troppi gruppi seminali della West Coast: Doors, Jefferson Airplane, QuickSilver Messenger Service è così via 

Share this post


Link to post
Share on other sites
giov.rossi

A me piace anche In the Dark. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
lormar

Live/Dead uno dei dischi più amati. Su Qobuz ci sono un infinità di live dei GD. Una sequenza ininterrotta di versioni diverse di “St.Stephen” mi ha fatto rischiare il divorzio ed ho dovuto sospendere l’ascolto dopo neanche dieci versioni...Avrei voluto fare la stessa cosa con “the eleven ” e “keep your lamp” ma temo non sia cosa!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx

I Grateful Dead sono immensi ... non c’e altro modo per definirli.

Da ogni punto di vista 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio
8 ore fa, Casperx ha scritto:

preferisco Workingman’s Dead 

Molto bello anche quello...ma è difficile trovare un album veramente brutto dei Dead...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casperx

Mah ... tra cofanetti, live qui e live lì, avrò una cinquantina di dischi dei GD. Qualcuno mi piace di più,

qualcuno meno, qualcuno è registrato meglio, qualcuno peggio, ma non riuscirei a definirne nessuno “brutto”

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@Gabrilupo 

13 ore fa, Gabrilupo ha scritto:

l'Almann Brothers Band, sia riguardo la musica suonata (forse meno psichedelia)

La Allman Brothers Band è un altro grandissimo gruppo, ma suonavano soprattutto blues mischiato a rock e country, con qualche invasione nel jazz, specie nei live. La psichedelia non era il loro genere. Gruppo capitanato dai fratelli Allman (Greg e Duane), annoverava altri grandi musicisti (la formazione del gruppo fino al 1971, anno della morte di Duane Allman mentre il gruppo stava registrando "Eat A Peach", è la migliore in assoluto). Morto il leader, è stato difficilissimo per loro trovare un altro chitarrista solista di quell'enorme livello, tanto che non l'avrebbero mai rimpiazzato. Due album su tutti (con Duane Allman): "Eat a Peach", e lo straordinario, immenso "Live At Fillmore East"; l'album uscito vent'anni dopo, "The Fillmore Concerts", contiene le registrazioni complete dei due giorni di esecuzioni al Fillmore, mentre l'album originale contiene solo una selezione delle due serate. Il resto, purtroppo, poca roba, salverei solo "Brothers And Sisters". Ma l'eredità musicale lasciata da Duane Allman è, musicalmente e per l'impatto su molti altri chitarristi rock-blues, immensa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296168
    Total Topics
    6493603
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy