Jump to content
Melius Club

maxnalesso

Carver C1

Recommended Posts

maxnalesso

Ciao a tutti,

ho per casa questo "strano" pre,  con tasto per "processore olofonico", divisione di toni fra i canali,  phono mm-mc ...

Qualcuno di voi lo ha mai avuto/provato?  Cosa ne pensate?

Nei prossimi giorni lo confronto con il mio storico Yba2 e, se ho tempo,  anche con il Mitsubishi DA-P20...  ma per ora è collegato senza fare stressanti prove a confronto.

Attendo vostri pareri in merito 😎

Ciao,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

Strano che nessuno ne sappia nulla... eppure 30 anni fa non era proprio un pre "da 4 soldi",  dato che costava 2 milioni di lire e quindi era nella lista dei "papabili" di classe media,  insieme ai vari Adcom, Audiolab, Exposure, Musical Fidelity, Nakamichi, ecc...

http://www.audiocostruzioni.com/r_s/pre/carver-c1-mp-1.5/carver.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

di carver ho ascoltato a suo tempo diversi finali ma nessun pre mi spiace

Share this post


Link to post
Share on other sites
willyllino

Se ti può essere utile il mio parere, ho avuto il pre C 3 e il finale TFM 15.Molto carino e versatile il pre, suono assolutamente dignitoso, ma non a livello del finale, a mio avviso di ottimo livello sotto tutti gli aspetti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Superciuk

Più di 35 anni fa... ad un Sim Hifi fu presentato il pre Carver con suono OLOFONICO!

Andai allo stand dove era esposto e chiesi come funzionava il tutto.

Mi aspettavo una risposta piena di tecnicismi, sofismi vari e quindi una spiegazione

complicatissima. Invece con mio sommo stupore mi risposero in modo conciso

e semplice che mi fece capire in sola parola la filosofia olografica di Carver, la parola fu:  BOH!

Aloha

Mattia

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@Superciuk Io vedo soltanto dei buoni finali con alimentazione in classe H: soluzione interessante se viene fatta bene e con componenti di alta qualita'...i pre li conosco poco ma quei pochi che ho ascoltato mi son piaciuti.

SALVO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Superciuk
3 minuti fa, magoturi ha scritto:

@Superciuk Io vedo soltanto dei buoni finali con alimentazione in classe H: soluzione interessante se viene fatta bene e con componenti di alta qualita'...i pre li conosco poco ma quei pochi che ho ascoltato mi son piaciuti.

SALVO.

Ai tempi i finali Carver dichiaravano vattaggi altissimi e molti storcevano il naso riguardo il loro suono. In pratica per la classe H e Carver ai tempi accadde

quello che più recentemente è accaduto per la classe D...

Aloha

Mattia

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@Superciuk no, la classe H è una normalissima classe AB che usa un trasformatore con secondari separati: uno che alimenta a tensione più bassa con condensatori che sopportano tensione più bassa, detta alimentazione si occupa del finale fino ad una certa potenza, dopodicché subentra il secondo ramo a tensione più alta che si occupa della restante potenza, svantaggi: nessuno, vantaggi: puoi usare condensatori più piccoli di capacità (e nella bassa tensione anche sopportanti minor tensione...) e quindi più veloci, inoltre, essendo più piccoli, costano meno e con la stessa spesa puoi prenderne un tipo migliore a tutto vantaggio delle prestazioni, della durata e dell'immagine del marchio, tuttora diversi amplis tradizionali di qualità usano tale soluzione ed uno di questi è Rega ma, vedendo il valore molto basso delle capacità di filtro dei Roksan

ed altre piccole capacità disseminate, un altro marchio di qualità che usa alimentatori in classe H (evoluzione della classe G) potrebbe essere lui...discorso diverso per la classe digitale (T o D...) ad alto  rendimento dello stadio finale, quella ha la sua tipologia di resa sonora che invede nella classe G o H e' classe AB che può essere anche classe A per i primi watts in base alla potenza dell'ampli...evidentemente allora la gente ha fatto un po' di confusione...

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
Superciuk

Resta comunque il fatto che i prodotti Carver, tranne il cubo ( siccome figo, sopravvalutato ) non ebbero grande considerazione.

Fecero scalpore i finaloni a valvole i Silver Seven, che ai tempi mi riferirono ( io non li ho mai ascoltati ) suonare sotto le aspettative visto il progetto.

Ebbi solo modo di vederli in un negozio ( come usato ). E facevano impressione.

Aloha

Mattia

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@Superciuk Si, in Europa non ebbero il successo sperato

I potentissimi finaloni valvolari non li ho mai visti se non nelle pagine delle riviste ma cio' indipendentemente dalla classe H dove invece i sintoampli Hitachi anche con la precedente classe G ebbero successo un po' dappertutto.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

i valvolari costavano due spropositi anche con il metro di oggi. i finali di carver sono interessanti, ma non hanno una qualità omogenea, all'epoca i finali vendevano assai meno degli integrati, tutto sommato i pochi che ho ascoltato in tempi lontani non mi fecero impazzire

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks

I finali carver, oltre ad essere in classe H (o G), ossia con la commutazione di diversi rail di alimentazione,, sono anche "magnetic field", ossia la tensione alternata di alimentazione , tramite un apposito circuito rivelatore, nel caso di aumento della potenza media assorbita, "strizza", tramite un triac, il trasformatore (che, in genere , è

 piuttosto piccolo in questa serie di finali).

Un Carver 500t (se ben ricordo la sigla), l ho avuto in riparazione proprio per guasti allo strano circuito di alimentazione.

Comunque suonava ...con una potenza che sembrava non finire mai.

Il pre olofonico esiste anche marchiati Phase linear, e credo che Bob Carver lo abbia sviluppato quando collaborava con P L

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@TheoTks Confermo: Bob collaborò tanto per la costruzione di quel pre, comunque la classe H, se ben fatta, va' alla grande (se non erro anche il mio Sansui au alpha 907dr lo è...tempo fa ti ho inviato lo schema mediante messaggio privato ed è uguale all'alpha mr ed altri  di pari potenza ma,al contrario del Carver, usa un grosso trasformatore Tamura schermato oltre ad una componentistica di prim'ordine) diversi apparecchi di qualita' oggi usano la classe H in alimentazione ma nessuno senza l'olografia brevettata da Bob Carver che, personalmente, non amo molto...

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@TheoTks Ciao Franco, tutto Ok ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks
16 minuti fa, oscilloscopio ha scritto:

Ciao Franco, tutto Ok ?

mah...speriamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tunedguy57

Avuto in riparazione un C1 vari anni fa.

Pieno zeppo di integrati 4558, uno di questi era partito.

Suono incolore senza infamia e senza lode...neanche male: avrebbe potuto essere fastidioso e stancante.

Riparai anche un PL ( sempre opera di Carver).

Costruito in modo da somigliare ad una casa fatta con carte da gioco, con schede interconnesse ma soprattutto inter-SCONNESSE.

Non uno dei momenti illuminati del progettista.

Del resto nella storia sono stati ben pochi validi progettisti di amplificatori di potenza in grado di progettare ottimi preamplificatori.

Quanto al cubo M400 ed M400t li ho avuti entrambi, e confermo che sembrava che la potenza non finisse mai. 

Collegati anche alle DM6, notoriamente carico bestiale (bassa impedenza, bassa sensibilità) riuscivano a farle volare.

Come suonavano? 

Non erano malvagi, ma generavano il fronte sonoro più piatto che mai abbia ottenuto da un amplificatore.

Era impossibile discernere dei piani sonori...la cosa negli anni 80 era considerata già assai grave, motivo per cui continuai a portarmI a casa finali su finali...tutti migliori dei Carver quanto a soundstage, ma nessuno con quelle strabilianti doti dinamiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pserci
14 ore fa, TheoTks ha scritto:

mah...speriamo.

Dai Franco!! 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pserci

Ho avuto per un certo tempo un finale 2.0t. Molto neutro e controllato, forse troppo per la mia memoria. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
tunedguy57

Franco: cossa te ga? No te sta ben? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks

Ciao Federico; eeh, acciacchi dell' età (no go più 20 ani) 😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@TheoTks Dài Franco, siamo tutti con te! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
max 67

@TheoTks non sapevo

mi dispiace molto

forza e coraggio👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@TheoTks Dai che sei una roccia...😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
TheoTks

OK, Grazie a tutti, ci troveremo a Marzaglia

Scusate OT

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@TheoTks Non potete immaginare quanto piacere mi farebbe incontrare parecchi di voi a Marzaglia...purtroppo non sono in condizioni fisiche da poter affrontare quasi 1200 km.

Stammi bene Franco, sei una persona squisita! 🙂

SALVO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
max 67
26 minuti fa, magoturi ha scritto:

Franco, sei una persona squisita!

Assolutamente da conoscere👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
rock56
23 ore fa, magoturi ha scritto:

Non potete immaginare quanto piacere mi farebbe incontrare parecchi di voi a Marzaglia

..la cosa è reciproca!👍

1200Km? di dove sei?

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@rock56 Catania.

Share this post


Link to post
Share on other sites
rock56
15 minuti fa, magoturi ha scritto:

Catania.

👍

...in effetti è un po' lunga la strada...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294901
    Total Topics
    6439500
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy