Jump to content
Melius Club

maxnalesso

NVA: esiste ancora?

Recommended Posts

maxnalesso

Con mio sommo rammarico ho scoperto che la pagina ebay di NVA non esiste più e che dal sito non è possibile ordinare:  che voi sappiate,  l'azienda è fallita?

Mi spiacerebbe davvero perché faceva dei prodotti dal rapporto q/p incredibile,  in particolare i superminimalisti pre passivi ...

Grazie,

Max

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

mah...non saprei, in ogni caso a me non piacciono,

magari suonano bene (come tanti altri...) ma hanno una pessima costruzione e sul rapporto Q/P dissento pure

in quanto con cifre simili trovi di meglio quantomeno sul piano della costruzione e dell'assemblaggio.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio
11 minutes ago, magoturi said:

magari suonano bene (come tanti altri...) ma hanno una pessima costruzione e sul rapporto Q/P dissento pure

in quanto con cifre simili trovi di meglio quantomeno sul piano della costruzione e dell'assemblaggio.

cioè tu tra un ampli costruito male ma che suona bene ed uno costruito bene ma suona male preferisci il secondo ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@piergiorgio no, come ho scritto prima, tra due ampli che suonano diversi ma, se ben interfacciati, entrambi bene,nella stessa fascia di prezzo,preferisco quello meglio costruito ed assemblato.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio

nva, per quel poco che ho potuto ascoltare anni fa, per me suona bene; l'AP30 lo consigliavano in abbinamento alle concertino prima serie, ad esempio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
liuk_ts

@piergiorgio però dicono che la costruzione era ai limiti di norma... 

Meglio una cosa che suona male o una che suona bene e ti incendia la casa? (vabbè dai la mia è provocazione) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio

se non fosse stato a norma non li avrebbero potuti commercializzare, non sono come alcune cinesate distribuite con il marchio 'CE' (China Export)

non mi risultano incidenti dovuti a malfunzionamenti di apparecchi NVA, almeno io non ne ho mai letto notizia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
liuk_ts

@piergiorgio infatti ho detto nei limiti, non fuori norma, sui cinesi in parte ti quoto in parte no perché così facendo vai a fare il mio stesso gioco (per il quale mi stai facendo la lezioncina) quello dei luoghi comuni... 

Anche i cinesi non sono tutti uguali!... 

Ad ogni modo non è che deve per forza prendere fuoco la casa, ma converrai con me che se i centri assistenza e riparatori esistono è perché le cose si guastano, e comprare un oggetto costruito in modo discutibile non è un buon inizio... 

Senza polemica eh, 

Bless... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio

nessuna polemica, nessuna lezioncina e nessun luogo comune, ci mancherebbe...acquistavo apparecchi dalla cina quando il forum di videohifi non esisteva ancora, ne so qualcosa su quello che fanno ed hanno fatto :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder

Non voglio mettere il dito nella piaga ma alcuni anni fà mi ero interessato anch’io a questo marchio, un mio amico me li ha fatti ascoltare e mi sono piaciuti ma ho desistito per due motivi, la costruzione ed il fatto che dovevo usare per forza i suoi cavi, sia chiaro che non sono amante dei cavi (ho cablato il mio impianto con 100€ ed è tutto dire) ma questo tipo di coercizione non mi andava giù.

Share this post


Link to post
Share on other sites
31canzoni

Possibile che con quel che paghiamo mediamente gli apparecchi si sia ancora al "cioè tu tra un ampli costruito male ma che suona bene ed uno costruito bene ma suona male preferisci il secondo ?"

Compro un oggetto che in primis deve essere costruito con tutti i crismi, e che poi suoni bene pure (ma qui siamo sul soggettivo).

Non si può ancora parlare di roba fatta in cantina alla...carlona.

(Al netto di NVA, di cui manco conoscevo l'esistenza).

Share this post


Link to post
Share on other sites
piergiorgio
51 minutes ago, 31canzoni said:

Possibile che con quel che paghiamo mediamente gli apparecchi si sia ancora al "cioè tu tra un ampli costruito male ma che suona bene ed uno costruito bene ma suona male preferisci il secondo ?"

non stiamo parlando di hi-end, si tratta di apparecchi entry-level peraltro si trovano più problemi tra i primi che i secondi

56 minutes ago, 31canzoni said:

Compro un oggetto che in primis deve essere costruito con tutti i crismi, e che poi suoni bene pure (ma qui siamo sul soggettivo).

personalmente non apro mai un apparecchio per vedere come è fatto dentro prima di acquistarlo, se voi lo fate...meglio per voi

58 minutes ago, 31canzoni said:

Non si può ancora parlare di roba fatta in cantina alla...carlona.

(Al netto di NVA, di cui manco conoscevo l'esistenza).

di quello si sta parlando, marchio storico inglese degli anni '90, non di roba hi-end o fatta in cantina, non sviamo come al solito il discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
homesick

@floyder ho avuti in prestito l'Nva ap30 per dei mesi , lo usavo con i cavi che avevo all'epoca , nulla di dedicato , ne conservo un ottimo ricordo.

Poi credo che i cavi consigliati dal costruttore non abbiano prezzi elevati ma anche senza vanno bene uguale un po' come per Naim.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

Il fatto è che facevano dei pre passivi molto interessanti:  io avevo provato il più costoso (8/900 euro,  pensate che cifra spropositata!) con doppi potenziometri di ottimo livello e...  abbiamo avuto delle belle sorprese in un paio di impianti! 👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

richard dunn il capo e proprietario di nva è mancato da poco, stanno avendo un momento di transizione ma la volontà sarebbe quella di continuare,

però al momento c'è anche incertezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

Comunque in commercio ci sono parecchi amplis che suonano altrettanto bene e sono meglio costruiti ed assemblati...per questo motivo non ho mai tenuto in considerazione questo marchio.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sankara

Il piccolo AP10 suona da Dio

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060
9 ore fa, liuk_ts ha scritto:

infatti ho detto nei limiti, non fuori norma, sui cinesi in parte ti quoto in parte no perché così facendo vai a fare il mio stesso gioco (per il quale mi stai facendo la lezioncina) quello dei luoghi comuni... 

Anche i cinesi non sono tutti uguali!... 

Ad ogni modo non è che deve per forza prendere fuoco la casa, ma converrai con me che se i centri assistenza e riparatori esistono è perché le cose si guastano, e comprare un oggetto costruito in modo discutibile non è un buon inizio... 

Senza polemica eh, 

Bless... 

inutile dire senza polemica quando ogni frase E' una polemica.

Ciò detto, vero che i cinesi non sono tutti uguali, ma la produzione in Cina è problematica (anche una famosa casa farmaceutica italiana ha avuto problemi e dovuto ritirare un farmaco perché contaminato, da quel che so la produzione faceva con gli stessi macchinari i medicinali e prodotti per agricoltura).

In ogni caso mentre la produzione cinese è un universo dove ci sta il buono ed il pessimo (IMO 90% sta nel pessimo e forse 10% nel buono, nulla nell'eccellente), qui si parla di un unico produttore, NVA, quindi il discorso non è statistico.

I prodotti NVA seguono una filosofia originale, ed estrema.

I prodotti sono a norma.

Dire nii limiti, come fosse un difetto, E' più di una critica, E' un nonsenso.

Un prodotto o è a norma o non lo è. Gli NVA lo sono. Punto.

La costruzione, anche se usa componenti MINIMALISTI allo stremo, NON è economica perché ogni oggetto è assemblato a mano, personalmente (o era vista la notizia della dipartita di mr Dun), e non da uno schiavo cinese che lavora 18 ore al giorno e vive in uno scantinato.

L' affidabilità: non ho anche io notizie di oggetti particolarmente proni al guasto, io ho un AP10 vecchia serie che avrà almeno 20 anni (l'ho preso usato l'anno scorso) e funziona perfettamente senza mai essere stato aperto.

Per il suono, ha un suo fascino particolare, io alterno l'NVA AP10 ad un Sansui AU777 in un impiantino minimalista, per certi versi l'NVA ha un suono ancora più bello, anche se più "limitato". E scusate se è poco.

Poi concordo che se uno vuole versatilità, se vuole look (io se dovessi disfarmi del sansui o dell'NVA mi disferei dell'NVA perché il mix di bellezza, sensazione di costruzione di enorme qualità, fascino storico etc etc fa vincere il sansui a mani basse. Ma sul suono ...

E l'NVA AP10 si compra(va) nuovo a poce centinaia di €, credo intorno ai 5-600€.

Se oggi fosse commercializzato un integrato costruito come il Sansui AU777 costerebbe 5.000€ se non 10.000€, vedi i vari integrati Accuphase o Luxman alto di gamma.

Poi nel vintage si trovano ampli integrati a poche centinaia di € che suonano benissimo, sono costruiti in modo lussureggiante e suonano bene (bene quanto un NVA? ... non so...diversi IMO).

Ritengo che se si è appassionati di hifi, non si possa non aver ascoltato un NVA. Definirli "fatti in cantina alla carlona", come detto da qualcuno è IMO veramente poco rispettoso per chi per decenni ha portato avanti una filosofia di suono contro tutte le mode e tutto il marketing, ed è sopravissuto, merita almeno l'onore delle armi. Non poteva vincere, come dimostra il cumulo di luoghi comuni scritti in questo breve 3d.

PS contrariamente a tanti altri marchi, mai sentito di qualcuno che avendo sentito suonare un ampli NVA non lo abbia definito ben suonante, unanimemente.

non può essere una coincidenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

Nessuno sta dicendo che non suona bene ma che non è il solo a suonare bene,altri concorrenti sono meglio costruiti ed assemblati...tutto qua.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
buranide

Stiamo parlando di questo tipo di costruzione, niente viti, solo colla...

int2.jpg

46639310.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@magoturi si tu hai espresso questa opinione, che condivido in quanto come detto se devo buttare dalla torre il mio NVA AP10 o il Sansui AU777, butto l'NVA. E ci ho aggiunto, oltre che meglio costruiti, più belli, perché anche questo fa parte dle "valore" di un oggetto. Se no guideremmo tutti la Duna.

Altri hanno detto cose invece IMO semplicemente inutilmente polemiche, senza fondamento.

Dalla ventilata inosservanza alle normative, al rischio di incendiare la casa...anche sui cavi, Dunn specifica che stante le scelte estreme di progetto, è necessario usare cavi a bassa capacità (non è l'unico che lo dice).

Io lo uso sia con una coppia di cavi suoi (comprati SUCCESSIVAMENTE all'ampli per curiosità), che dei normali, buoni, cavi bifilari. Nessun problema. Se poi qualcuno non è in grado di capire questa semplice specifica, e lo traduce in "sono costretto a usare i suoi cavi se no va a fuoco", be'...

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

quegli ampli li avevano il contenitore in legno incollato perché non fosse apribile per motivi di sicurezza, infatti dentro c'erano fili non isolati

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060
3 minuti fa, buranide ha scritto:

Stiamo parlando di questo tipo di costruzione, niente viti, solo colla...

int2.jpg

esatto, e poco circuito stampato, cavi rigidi NON isolati, percorso della cablatura attentamente e direi ossessivamente studiato. Nessun componente magnetico nel telaio che "intrappoli" le radiazioni che ogni conduttore percorso da corrente non continua irradia inevitabilmente e che se rimangono intrapppolate nello chassis metallico (gabbia di Faraday) inquinani i circuiti vicini ...etc etc

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

non dico sia la bibbia, non dico sia l'unica strada per ottenere oggetti bensuonanti, però lui con 4 componenti costruisce oggetti che, a  fronte della rinuncia ad alcune cose (finitura, versatilità, alte potenze ...) restituiscono un suono da fare invidia a qualsiasi amplificazione indipendentemente dal prezzo, tanto di cappello

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
7 ore fa, bic196060 ha scritto:

restituiscono un suono da fare invidia a qualsiasi amplificazione indipendentemente dal prezzo, tanto di cappello

Condivido in pieno !!

Ed aggiungo:  se vi capita,  provate i loro pre passivi superminimalisti:  se siete fortunati con la sinergia "elettrica" fra sorgente e finale, scoprirete una trasparenza assoluta da far invidia a preamplificatori attivi da svariate migliaia di euro 👌

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@bic196060 OK, tutto chiarito a questo punto aggiungo che l'NVA l'ho ascoltato pure io diverse volte e mi e' piaciuto, soprattutto il sorprendente picolo AP10, il 777 lo adoro in TOTO!!

SALVO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
floyder
14 ore fa, bic196060 ha scritto:

inutile dire senza polemica quando ogni frase E' una polemica.

Ciò detto, vero che i cinesi non sono tutti uguali, ma la produzione in Cina è problematica (anche una famosa casa farmaceutica italiana ha avuto problemi e dovuto ritirare un farmaco perché contaminato, da quel che so la produzione faceva con gli stessi macchinari i medicinali e prodotti per agricoltura).

In ogni caso mentre la produzione cinese è un universo dove ci sta il buono ed il pessimo (IMO 90% sta nel pessimo e forse 10% nel buono, nulla nell'eccellente), qui si parla di un unico produttore, NVA, quindi il discorso non è statistico.

I prodotti NVA seguono una filosofia originale, ed estrema.

I prodotti sono a norma.

Dire nii limiti, come fosse un difetto, E' più di una critica, E' un nonsenso.

Un prodotto o è a norma o non lo è. Gli NVA lo sono. Punto.

La costruzione, anche se usa componenti MINIMALISTI allo stremo, NON è economica perché ogni oggetto è assemblato a mano, personalmente (o era vista la notizia della dipartita di mr Dun), e non da uno schiavo cinese che lavora 18 ore al giorno e vive in uno scantinato.

L' affidabilità: non ho anche io notizie di oggetti particolarmente proni al guasto, io ho un AP10 vecchia serie che avrà almeno 20 anni (l'ho preso usato l'anno scorso) e funziona perfettamente senza mai essere stato aperto.

Per il suono, ha un suo fascino particolare, io alterno l'NVA AP10 ad un Sansui AU777 in un impiantino minimalista, per certi versi l'NVA ha un suono ancora più bello, anche se più "limitato". E scusate se è poco.

Poi concordo che se uno vuole versatilità, se vuole look (io se dovessi disfarmi del sansui o dell'NVA mi disferei dell'NVA perché il mix di bellezza, sensazione di costruzione di enorme qualità, fascino storico etc etc fa vincere il sansui a mani basse. Ma sul suono ...

E l'NVA AP10 si compra(va) nuovo a poce centinaia di €, credo intorno ai 5-600€.

Se oggi fosse commercializzato un integrato costruito come il Sansui AU777 costerebbe 5.000€ se non 10.000€, vedi i vari integrati Accuphase o Luxman alto di gamma.

Poi nel vintage si trovano ampli integrati a poche centinaia di € che suonano benissimo, sono costruiti in modo lussureggiante e suonano bene (bene quanto un NVA? ... non so...diversi IMO).

Ritengo che se si è appassionati di hifi, non si possa non aver ascoltato un NVA. Definirli "fatti in cantina alla carlona", come detto da qualcuno è IMO veramente poco rispettoso per chi per decenni ha portato avanti una filosofia di suono contro tutte le mode e tutto il marketing, ed è sopravissuto, merita almeno l'onore delle armi. Non poteva vincere, come dimostra il cumulo di luoghi comuni scritti in questo breve 3d.

PS contrariamente a tanti altri marchi, mai sentito di qualcuno che avendo sentito suonare un ampli NVA non lo abbia definito ben suonante, unanimemente.

non può essere una coincidenza.

Ho la vaga sensazione che il polemico è un altro (chissà chi ..) di questi pistolotti non ne abbiamo bisogno, potevi evitare, conosciamo i mercati imdustriali ed i cantinari, qui nessuno ha scritto che non sono a norma o suonano male, ma avremo pur il diritto di dire la nostra anche se non cozza con la tua ( mi pare di aver capito che li possiedi da anni senza problemi, buon per te ) il sottoscritto fino a qualche mese fa possedeva un Kelvin Labs con molta soddisfazione (altro giocattolino di pochi etti) prova inconfutabile che non ho preconcetti su nessun tipo di apparecchi, sempre che tu lo conosca.

.

Hops, dimenticavo ... PUNTO.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciprino

Recentemente ho avuto la possibilità di ascoltare a lungo un integrato ap 10. Un suono incredibile, rispetto al prezzo ridicolo. Richard Dunn era un genio, ma cosa me ne faccio di un ampli integrato con un Solo ingresso?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lamberto7276

Costruiti male??? 

Screenshot_20190802-180143.jpg

Screenshot_20190802-180526.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

mi sa che parliamo di un altro prodotto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Statistiche Forum

    297511
    Total Topics
    6549732
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy