Jump to content
Melius Club

maxnalesso

NVA: esiste ancora?

Recommended Posts

bic196060
2 ore fa, maximo ha scritto:

Infatti, si è limitato a questo, senza effettuare alcuna prova di ascolto.

non mi pare si sia "limitato" nel linguaggio, come ho già detto, dopodichè uno che scrive quel che ha scritto, senza ascoltare il risultato ottenuto, non ha alcuna credibilità in quanto non ha chiaro che ogni realizzazione in campo audio ha l'obiettivo di rprodurre la musica, ed il metodo sperimentale alla base della ricerca scentifica, si basa proprio su un ricircolo tra ipotesi, esperimento, verifica dei risultato. Lui si è "semplicemente" dimenticato (o ha preferito ignorare) di verificare sul campo i risultati, li ha pesantemente (ed ineducatamente) "criticati" facendo inutile sarcasmo sulle idee sottostanti (che, lo ripeto, IO CONDIVIDO e sicuramente ho le competenze di capire ciò di cui sto parlando).

Tornando a Mr. Dunn, le sue realizzazioni sono considerate molto musicali da TUTTI quelli che le hanno ascoltate o possedute. E nessuno ha mai lamentato guasti o incendi, così come nessuno è obbligato ad acquistarle.

Dato che ha sempre venduto AL DI FUORI DEI CANALI STANDARD, non stupisce che sia inviso al circolo dei professionisti dell'aiend.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
2 ore fa, bic196060 ha scritto:

Dato che ha sempre venduto AL DI FUORI DEI CANALI STANDARD, non stupisce che sia inviso al circolo dei professionisti dell'aiend.

ah ecco vedi questa per esempio non la sapevo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@ciprino non so io il mio l'ho preso usato qui in Italia, so che esiste (su subito.it in questo momento ce ne è in vendita uno se non sbaglio, con un difetto nel frontale), da quel che ho capito potevi comuqnue ordinare anche uno special, cioè se lo vuoi con diversi ingressi ed il selettore, lo chiedi e te lo faceva. Ripeto, per come ho capito, la mia esperienza diretta è stata nel circuito dell'usato.

Come facciano ora (ammesso che l'attività prosegua) che Mr. Dunn è mancato non so.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciccio61

@bic196060 hai cercato poco e male. Diego Nardi è stato responsabile prodotti e responsabile dell’assistenza tecnica di audio note Italia. Dire che “ha fatto un po’ assistenza per audio note” è decisamente riduttivo e fuorviante (intenzionalmente?). Se hai cercato un po’ non dubito che tu abbia inoltre trovato svariate tracce della sua intensa attività di progettista di amplificazioni audio. Nardi inoltre ha fama di avere delle opinioni un po’ fuori dal coro e di esprimerle con modi alquanto rudi. 

Ma questo nulla toglie alle sue capacità e competenze nell’ambito della progettazione audio. 

Comunque non ho niente a che fare con Nardi e non intendo continuare a perorare la sua causa. 

Solo che visto che per me come per te la forma è sostanza, ci tenevo a mettere le cose nella giusta prospettiva. Le opinioni vanno rispettate anche se non coincidono con le nostre e per confutarle non basta sminuire o denigrare la controparte. Cosa che peraltro di questi tempi va molto di moda.

p.s. Sono anch’io un ingegnere laureato il che non c’entra nulla. Nardi non so, ma non capisco cosa ti faccia pensare il contrario. Forse di nuovo la volontà di sminuire una controparte?

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxxx

@ciccio61 Grazie per aver puntualizzato alcune informazioni rilevanti su Diego Nardi.

Ha pubblicato progetti ben suonanti ed eseguiti da molte persone su CHF, il più famoso il pre Linea dolce Linea.

È uno che ne capisce parecchio, onesto (intellettualmente e nei fatti) e per nulla propenso a spacciare per oro cose trite e ritrite.

Per nulla affabile, va messo nella schiera di persone competenti, preparate e dotate di personalità e convinzioni, ma dai modi "rustici", stile Bartolomeo Aloia.

Ha lavorato sempre con valvolari, eppure è uno che guarda le misure, perché un buon progetto dovrebbe essere buono per il tecnico e per chi ascolta. Non ci dovrebbe essere contrapposizione

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@ciccio61 ho messo Diego nardi in Google e l'unico riferimento al fatto che abbia fatto assistenza per audio note e' una cosa detta in un 3d. Nulla sul fatto che sia stato responsabile di alcunché. Pochissimo di prodotti, anzi zero, alcune foto di valvolari tipici da diy,  Ome ce ne sono migliaia e sa il cielo come vanno. 

Io non denigro nessuno, reputo denigratori lo scritto che ha fatto su NVA, infarcito di espressioni da bullo di periferia. Io mi sono sentito offeso dal suo scritto. 

Lo scritto e' lì da leggere. 

Se vi piace quella gente lì problemi vostri. 

Rimane il fatto che ogni volta che si parla di NVA salta fuori l'elettricista di turno che spiega che fa schifo, che lui invece sa come si fa. Che è il sunto di quel che scrive nardi, dall'alto della sua reputazione mondiale 😂😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

comunque mi sono incuriosito, e sono andato a leggermi delle disamine tecniche.

premesso che non ho le basi per capirne la costruzione, è venuto fuori che da acceso in 

stand by sul secondario ci sono circa 36 volt, ma quando funziona scende a 18 volt. qualcuno

avrebbe idea del perché ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
max 67
Il 3/8/2019 Alle 07:09, homesick ha scritto:

una pasta sonora per certi versi simile ai classe A pura.

Puoi argomentare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
homesick

@max 67 

Ci provo ... nella mia esperienza gli ab entry level possono essere rigorosi , precisi nella messa a fuoco ma il suono non è mai ricco e rappresentativo del messaggio sono fin nell'ultima dettaglio.

I classe A da me provati ma anche un ottimo valvolare hanno quel gusto , quel calore , la cosiddetta musicalità che li distinguono da un ab.

Per capirci quella capacità mentre ascolti in bel solo di chitarra , di chiudere gli occhi e vedere le note galleggiare nell'aria.

Ecco un Nva si avvicina a questa rappresentazione e considerato che per ora si portano a casa con pochi fogli da cento , se non si hanno diffusori ostici io una chance gliela darei.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
Il ‎03‎/‎08‎/‎2019 Alle 18:26, audio2 ha scritto:

è venuto fuori che da acceso in 

stand by sul secondario ci sono circa 36 volt, ma quando funziona scende a 18 volt.

qualcuno ha avuto modo di pensare a questa cosa qui ? @smile @sm63 @walge @pro

@SHAR_BO  scusate se vi tiro di mezzo tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SHAR_BO

Quando il circuito funziona ed assorbe il trafo si siede.

Oppure il ponte raddrizzatore sta cedendo.

Oppure i cap di filtro dell'alimentazione sono andati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

grazie, quindi una specie di cesso ben sonante..

Share this post


Link to post
Share on other sites
corrado

@SHAR_BO parla di tensione sul secondario, quindi incolperei il trasformatore ed escluderei ponte e condensatori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
smile

@audio2  Scusa ma non seguivo... di che modello esattamente stiamo parlando?
C'è una foto dell'interno?

Share this post


Link to post
Share on other sites
smile
Il 3/8/2019 Alle 00:03, bic196060 ha scritto:

Ma vi pare scritto da una persona civile? 

A me sembra scritto da una persona comunque competente (anche se sta sui cosi a tutti, me compreso, che mi sono trovato a battagliare con alcune sue fisime su una nota rivista, ma quello che è giusto è giusto), stanco di vedere rottami malfatti spacciati per miracoli.
Sottoscrivo tutto quanto scritto nell'articolo citato.

Ricordatevi che un'elettronica, prima o poi, per un motivo o per un altro, si guasta.

E se tutto è balordamente incollato, a ripristinarla sono problemi seri...

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@smile parlo di civiltà, o se preferisci, buona educazione.

Poi, ho letto in seguito a questo 3d, cercando con google per capire chi sarebbe, un paio di cose che ha scritto, e per quanto riguarda la MIA opinione, basata sia sulle MIE esperienze che sulla MIA preparazione tecnica, non lo considero affidabile in quanto dichiara, come verità assolute, cose su cui io ho opinione diversa. E oltre che non affidabile, arrogante, che è un mix devastante.

Ma IO non mi permetto di dare dell'"idiota" (IDIOFILO è una chiarissima espressione) a chi non concorda con me.

E reputo disdicevole che una rivista pubblichi tali linguaggi.

Nessuno ti obbliga ad acquistare NVA se non ti va bene che ci sia colla invece che viti, le informazioni sono tutte pubblicamente disponibili, per cui nessun segreto. E' invece incivile offendere chi lo fa. Punto, due punti e a capo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@corrado si, era apparso su suono molti anni fa una prova del AP30, che diceva proprio questo. L'estensore dell'articolo ne faceva una disamina tecnica, esprimendo diverse perplessità sulle scelte (ma sempre con un linguaggio civile). Alla fine veniva anche riportato il responso di ascolto, molto positivo, magico. La sintesi era, l'oggetto è realizzato in un modo che dal punto di vista elettrotecnico è una contraddizione unica rispetto ai canoni standard, il risultato sonoro è sorprendetemente buono. Si evidenziava quindi una divaricazione profonda tra tecnica "standard" e risultato sonoro. Trovo quella recensione dotata di una onestà intellettuale che NON trovo nello scritto citato in questo 3d.

Per chi ha mente aperta, un invito alla riflessione.

Cosa preclusa ai talebani del "so la legge di Ohm, quindi io so io e voi non siete un caz**" (liberamente citato da Il Marchese del Grillo).

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

@audio2 perché dici cesso? tu lo sai vero che nessuno degli apparecchi giapponesi consumer fa quello scherzo (abbassamento della tensione sul secondario), eppure suonano da schifo? Chi ti dice che non sia uno dei motivi per cui quell'oggetto suona bene (nei limiti delle sue potenzialità in termini energetici)?

Nei forum si riporta di chi, pensando di "migliorare" le rpestazioni, ha sostituito il trasformatore con uno più grosso e performante, ottenendo una peggioramento del suono e ritornando quindi all'originale.

Come dire, c'e' qualcosa di più che 4 formule di un manuale di elettrotecnica, per far suonare bene una elettronica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
56 minuti fa, smile ha scritto:

di che modello esattamente stiamo parlando?
C'è una foto dell'interno?

è l' ap 10, la foto dovrebbe essere questa

image.png.647b9bf01d78f67c65f234a7ad32471b.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
11 minuti fa, bic196060 ha scritto:

perché dici cesso? tu lo sai vero che nessuno degli apparecchi giapponesi consumer fa quello scherzo (abbassamento della tensione sul secondario), eppure suonano da schifo? Chi ti dice che non sia uno dei motivi per cui quell'oggetto suona bene (nei limiti delle sue potenzialità in termini energetici)?

ero sarcastico riportando le impressioni di altri. dei trafi degli altri o dei giappi che non abbassano la tensione sotto carico non sapevo, per questo chiedevo. siccome da quello che ho capito è proprio l' ap10 di tutta le serie nva quello costruito peggio ma anche quello che suona meglio, che c'era un' idea dietro lo avevo intuito anche io, solo che non so catalogarla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bic196060

l'AP10 è costruito come tutti gli altri, o se vuoi sono costruiti tutti con le medesime filosofie/criteri c ome vogliamo chiamarli.

Nelle poche immagini in rete che si trovano, si vede che anche ap30 o AP50 sono fatti nello stesso modo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maximo
Il 3/8/2019 Alle 09:58, bic196060 ha scritto:

non mi pare si sia "limitato" nel linguaggio, come ho già detto, dopodichè uno che scrive quel che ha scritto, senza ascoltare il risultato ottenuto, non ha alcuna credibilità

Ah certo, questo è pacifico- E' stato più che prolisso senza aver effettuato un minimo riscontro pratico

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
5 ore fa, audio2 ha scritto:

è l' ap 10, la foto dovrebbe essere questa

image.png.647b9bf01d78f67c65f234a7ad32471b.png

.

Ragazzi, scusate ma io sono assolutamente basito....ma di che stiamo parlando? 😮😬

.

...la costruzione e manifattura di una elettronica audio (venduta anche commercialmente) cosí, non si proprio vedé!!!🙈🙈

.

Onestamente, fossi anche un importatore o semplice rivenditore me ne guardei bene anche dal venderli, oltre che per il buon nome, anche per le possibili implicazioni legali in caso di accidentale folgorazione o principio di incendio.

.

E questo prescindendo dalla circostanza che suoni una chiavica o magnificamente bene.

.

..........un trafo di oltre 2 Kg. di massa ancorato sfruttando il rivestimento plastico per incollaggio!!! Ma sú dai....riprendiamoci il lume del buon senso e della ragione!!

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

infatti vendeva tutto da se, ma è sempre sopravvissuto, il che secondo me implica che c'era sia il risultato sonoro che pure una qual certa affidabilità.

quanti cantinari sui generis che dicevano di fare qualità estrema sono campati due giorni ?

ps: siccome non so, a cosa servirebbero quelle due resistenze volanti su filo nudo che percorre l' interno dell' ampli come i tralicci dell'alta tensione ? 

ci sono pure gli stuzzicadenti metallici di supporto…. 🤣 dai regà, comincio a pensare che dunn era un vero genio.

( intanto smile dopo aver visto le foto ha avuto una sincope.. )

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

sono fotogenici pure i finali incollati per terra sul fondo senza dissipatori, sembrano tante piccole bare di un mini camposanto

per dispositivi elettronici..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
12 minuti fa, audio2 ha scritto:

ps: siccome non so, a cosa servirebbero quelle due resistenze volanti su filo nudo che percorre l' interno dell' ampli come i tralicci dell'alta tensione ?

.

Sono le resistenze di attenuazione per collegare il Jack cuffie da 6,35 mm poste sul frontale!!!

.

Manco un partitore resistivo!!!🤣🤣🤣😂😂

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @

.

Veramente il Gran Visir dei tecnici progettisti stó Richard Dunn...ammesso sia mai esistito o sia stato mai il presunto padre putativo di queste ..."elettroniche".

.

Io me ne guarderei bene dal solo a lasciarlo supporre!!!

.

index.jpg.23a1f38a6bd6f2c09950f6f9dc6074c3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
MmassimoM

Mr. Dunn ascoltava le sue elettroniche, molti altri no

Share this post


Link to post
Share on other sites
smile

@audio2 Continuo a sostenere l'opinione di Nardi (non necessariamente lui): una chiavica pericolosa.

@bic196060  Scherza con i fanti ma lascia stare gli elettroni.

PS sulla sostituzione del trasformatore: sono TANTI (troppi) quelli che, esorecensionisticamente convinti di avere un signor impianto, al cospetto di qualcosa che suoni meglio (ma meglio davvero) ne hanno paura e tornano psicologicamente a casina... chi vuol capire capisca, gli altri acquistino pure quello che gli va.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Statistiche Forum

    297333
    Total Topics
    6541720
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy