Jump to content
Melius Club

dogma

Differenza diffusori bipolo tripolo dipolo

Recommended Posts

ontherun

PAP... abbiamo anche dei simil cloni italiani... molto 'simil'... componentistica parecchio economica... realizzazione tuttavia apprezzabile. Prezzo tutto sommato allineato (onesto). 

Mamili

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Con le stesse cifre (e anche meno) in DIY ci si fanno dei cloni con gli stessi componenti utilizzati da PAP (driver & x-o)... basta farsi due conti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

per quei pannelli li ci vuole tanta aria attorno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pro

@Gici HV 

Con 2 woofer già le ho. 😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@pro Le intravedo ora nella foto del profilo...😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@dogma per chiarirti meglio, le dipolo per eccellenza, piu diffuse e conusciute sono le magnetoplqnari, ossia le Magneplanar, e tutte le loro sorelline e sorellone, come le Apogee, le elettrostatiche come Quad, Stax, Martin Logan, etc.  Un pannello che vibra mell’aria.  Le bipolo storiche sono le Allison, anche se un vero bipolo dovrebbe avere gli altoparlanti davanti e dietro, come le grandi Infinity e altre.  Il vantaggio del bipolo e di simulare la spazialità dei dipolari senza dover impiegare grandi superfici ne tw a nastro, come nelle Opera con tw posteriori.  Non ne riescono però ad eguagliare la naturalezza di emissione.  Pensa ad una cosa... una chitarra, un’arpa, un tamburo, una batteria sono tutti strumenti dipolari.  Anche le chitarre elettriche in realtà lo sono, in quanto gli amplificatori e casse sono quasi sempre aperti dietro.  Un concerto rock medio o piccolo invece è un fenomeno bipolare, in quanto gli strumenti vengono amplificati e diffusi tramite casse anteriori e spie posteriori.  Un concerto rock grosso e invece in pratica un fenomeno ad emissione puramente frontale, in quanto l’emissione posteriore diventa trascurabile.  Le casse dipolari sono progettate per aumentare appunto la spazialità emettendo lo stesso suono, in fase, su più fronti.  Le casse tripolari praticamente non esistono (tranne che in progetti omnidirezionali come nelle mitiche primissime Apocalipse Now di Aloia poidiventate bipolari, ma inizialmente addirittura quadripolari) ma sono solo escamotage di design per fare un bipolo senza spendere tanto per 2 woofer!

Share this post


Link to post
Share on other sites
ontherun
4 hours ago, stel1963 said:

un vero bipolo dovrebbe avere gli altoparlanti davanti e dietro, come le grandi Infinity

un po' di storia tecnica di Infinity...

Le Infinity, grandi o piccole che fossero, erano spesso progettate come dipoli seppur non completamente; ad es, nella IRS, "the big one", che rappresenta l'esempio più evidente, gli Emim, naturalmente progettati (e funzionanti) a dipolo venivano affiancati (in tutti sensi) dall'array di Emit che non lo erano altrettanto, (Arnie [Nudell] non mi risulta abbia mai chiarito perché non li avesse resi come gli Emim... forse non glielo hanno mai chiesto), per cui un altro array di Emit (in numero minore) veniva montato in controfase sul lato posteriore del baffle. Risultato, diffusore monopolare in sezione bassa, full dipolo dal mid basso a salire. 

La stessa regola valeva per tutti i modelli della serie IRS più o meno coevi delle 'big one'... sia quelli precedenti, i vari RS I/II(B), 2.5/4.5, sia quelli successivi... Beta, Delta, Gamma; gli ultimi più recenti modelli che hanno potuto fregiarsi dell'appellativo IRS, e cioè, Omega, Sigma, Epsilon nonché i due modelli serie Renaissance, adottavano un'emissione a dipolo controllato per quanto riguarda l'Emim mentre per l'Emit veniva usata la consueta mossa di montare uno o più esemplari sul retro. 

Come molti sanno l'eredità delle grandi Infinity (le IRS) è stata presa da Gary Koh che ad inizio 2000 ha rilevato ciò che rimaneva (dichiarata fallita ☹️) della Genesis fondata da Arnie e Paul [McGowan] all'indomani della fuoriuscita di Arnie dalla Infinity (già inglobata nel gruppo HK) e dalla quasi contemporanea chiusura della PS Audio di Paul. Oggi Gary continua a proporre sul mercato modelli che, degni rappresentanti della filosofia di Arnie, rappresentano senza ombra di dubbio il gotha nel mondo dei diffusori (almeno per chi condivide questa filosofia). Ultimamente anche McGowan sta cercando di portare sul mercato una linea di diffusori ispirata al grande Arnie... Arnie's 'legacy' (non per niente verranno chiamati AN... 1, 2, 3)... forte dell'aver ricevuto in eredità l'ultimo progetto a cui Arnie stava lavorando e utilizzava nel suo impianto come riferimento (vedi foto in fondo);

da quello riportato dai vari report degli show dove il primo esemplare di AN1, il più piccolo, è stato fatto sentire al pubblico (seppur ancora in stato di prototipo) e per ammissioni dello stesso McGowan nel suo forum New PS Audio speakers (Arnie's 'legacy') purtroppo i risultati non si sono rivelati così brillanti come alla PS Audio si aspettavano ed ora sembrerebbe che tutto l'intero progetto sia stato ripensato (già dal design dell'AN1) con la collaborazione di nuovi designer e tecnici (uno in particolare, proveniente dalla ex B&G... Bohlender &... si sta occupando del progetto di un nuovo midrange planare). 

4 hours ago, stel1963 said:

 Le bipolo storiche sono le Allison,

altra inesattezza... le Allison non possono essere classificate come bipolari, certamente non storiche, se inteso come classiche/per antonomasia; le Allison, almeno la serie più prestigiosa, le One, Two... Four, erano state progettate per interagire con l'ambiente a diretto contatto con le varie pareti... alcuni modelli infatti erano pensati per essere installati ad angolo altri appoggiati al front wall, tutti a pavimento escluso il Four. Allison chiese e probabilmente ottenne uno o più brevetti per il modo particolare con cui le emissioni di questi modelli  interagivano con le pareti dell'ambiente d'ascolto. 

Se vogliamo citare un marchio che probabilmente ha fatto la storia nel mondo dei bipolari ed è sinonimo senz'altro di diffusore bipolare questo potrebbe essere la Mirage con i suoi M1, 3... e poi i vari OM6, 8... , pubblicizzati però come omnipolari. 

Il nostro amico @dogma  leggendo alcuni interventi qui dubito possa farsi un quadro obiettivo corretto sui particolari tipi di emissione e loro problematiche riguardo ai quali aveva chiesto lumi. Magari quando non si sa esattamente di cosa si stia parlando o non si è sicuri forse sarebbe meglio evitare di postare cose poco o per niente corrette, giusto per non creare più dubbi o ancora peggio far intendere una cosa per un'altra. 

Arnie's_prototype_G3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@ontherun ciao.  Mi spiace essere stato approssimativo, e molto generalista. Era per non subissare di info. Ma penso che le descrizioni anche se sintetiche al massimo siano state abbastanza chiare.  Adoro le infinity anche se ho sempre avuto magnetoplanari, trombe e casse normali perché i grandi sistemi infinity erano per me all’epoca inabbordabili.  Ma avevo alcuni genitori di amici che avevano sia le risorse che lo spazio per averle, e mi hanno sempre molto colpito, insieme ai vumeter azzirri ed ai pannelli di vetro dei mac che spesso gli venivano abbinati (america anni 80’).  Grazie per le info e la storia, che mi mancavano in buona parte.  A cio che mi ricordo però l’emissione delle infinity grandi era pricipalmente frontale e bipolare, tranne per l’emim a volte usato come emettitore dipolo.  Le Mirage invece le ho avute, ma sono ormai sconosciute ai più, e si, avendo gli altoparlanti posteriori in fase con quelle anteriori, possono essere un esempio ottimale di bipolare che poi è un omnidirezionale e omnipolare.  Tecnicamente, le Allison da parete sono bipolari, in quanto emettono il suono, tutto, inclusi i bassi, da due pareti orientate in direzioni opposte, esempio quanto più vicino possibile ai vari diffusori “bipolari o tripolari” in commercio per il surround al giorno d’oggi.  Inoltre, come tutti i dipolari e i bipolari/omnidirezionali, si affidano anche esse alla riflessione sulle pareti.  Certo che per noi il bipolare vero è altro, e le mirage ne sono il perfetto esempio.  Spieghiamo dunque a @dogma le problematiche? Accenniamo al fatto che sono diffusori che come i dipoli, hanno bisogno di grande spazio dietro di loro? Sono spesso non facili da pilotare e da abbinare agli ambienti? Hanno un suono “tutto loro” che può far impazzire o non piacere per nulla?   Credo di aver accennato per bene alla differenza tra sistemi classici e dipoli e bipoli (e ci siamo dimenticati gli omnidirezionali con altoparlanti orientati verso l’alto o il basso e i coni di diffrazione/diffusione!!!) raffrontandoli a diversi approcci nella musica dal vivo.  Poi, di casse sconosciute ai più di tipo dipolare e bipolare, a parte le varie magnetoplanari ed elletrostatiche, ce ne sono a bizzeffe e molto ben suonanti.  Ma come diffusione ne hanno poca.  Quindi è inutile parlarne come esempi a qualcuno che non le ha mai sentite nominare. Credo che spiegare, anche se in modo superficiale e sintetico, e dunque spesso approssimativo, sia meglio che non spiegare nulla ma anche di spiegare i n modo troppo tecnico e lungo.  Un caro saluto.  Fabrizio. 

Ps: se hai delle irs e non sei lontano, mi piacerebbe davvero un invito ad ascoltarle.  Grazie!   Ppss ... e le ESS con il meraviglioso tweeter di Heil? Ma quanti nuovi utenti lo conoscono? Effettivamente trovare esempi ben conosciuti non è facile!

Share this post


Link to post
Share on other sites
dogma

Grazie delle spiegazioni, adesso ho di cui studiare. 

Però non mi è ancora chiaro come si faccia a conciliare le esigenze di spazio posteriore dei BIpolari con dei progetti di installazione a muro dei surround. 

Per caso i surround in circolazione non sono dei veri BIpolari? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci
11 ore fa, dogma ha scritto:

Però non mi è ancora chiaro come si faccia a conciliare le esigenze di spazio posteriore dei BIpolari con dei progetti di installazione a muro dei surround.

Si usano per i surround laterali, i surround back normalmente non sono bipolari.

E' che adesso bisognerebbe aprire un altro thread sulla storia dei surround e di come sono aumentati di numero e di posizionamento, aprendo lo spazio a soluzioni tecniche diverse... :).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@audio2 anche secondo me...

...ma per la visione di film con più persone,quelle decentrate potrebbero percepire il parlato non centrato sullo schermo, cosa molto fastidiosa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963

@dogma be', tecnicamente si, sono dei bipolari (e assolutamente non dei dipoli) ma come dice @ontherun i veri bipolari emettono da due lati oppostibe si tengono lontani dalle pareti.  Ora, non ne so un gran che di surround, ma credo proprio sia meglio spendere lo stesso per un altoparlante che abbia 1 buon tw e 1 buon midwoofer, piuttosto che in esercizi meramente commerciali come casse straeconomiche co 4 altoparlanti scadenti.  Un buon tw a cuppla ha otmai una diffusione laterale decisamente ampia, e se addossato al muro, emette praticamente quasi a 180 alle mediolte.  Dinque meglio meno altoparlanti che più altoparlanti ( a parità di prezzi).  Peraltro come @audio2, anche io guardo i film con soli 2 altoparlanti.  Quindi niente che arrivi da dietro o dai fianchi, ma quello che arriva da davanti suona molto bene (klipsch).  Ma... vado molto al cinema con i miei figli e spesso scelgo le sale in base alla loro qualità sonora e di proiezione ( gran parte delle sale hanno impianti scadenti, ma dove l’audio è davvero curato, ragazzi che effetti sui film della marvel!!!)

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

@audio2 no, non sei il solo con buona pace degli effetti speciali 3d. Quando ne ho voglia vado al cinema!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci
Il 14/8/2019 Alle 11:53, audio2 ha scritto:

son rimasto solo io a pensare che due diffusori a gamma completa, posizionati e  pilotati veramente come si deve

possano servire a qualsiasi scopo ?

No, c'è sempre qualcuno che cerca di svitare una vite con la testa a croce usando un giravite a lama piatta :).

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

infatti io faccio anche quello, basta scegliere la lama piatta giusta, il contrario però non si può fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlexR78

Ho una coppia di Mirage Om-7 che sono dipolari e suonano una meraviglia. Woofer solo anteriore mentre medi e alti sia anteriori che posteriori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci
2 ore fa, audio2 ha scritto:

infatti io faccio anche quello, basta scegliere la lama piatta giusta,

Allora sei irrecuperabile :D.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

@Fabio Cottatellucci @Gici HV @audio2 se fate un reparto di irrecuperabili mettete anche me. Ieri m'è toccato girar viti col coltello. Stile MacGyver 🤨

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

xD

Share this post


Link to post
Share on other sites
dogma

@Fabio Cottatellucci come mai dici che solitamente i back surround non sono bipolari? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci
Il ‎17‎/‎08‎/‎2019 Alle 12:20, giangi68 ha scritto:

se fate un reparto di irrecuperabili mettete anche me. Ieri m'è toccato girar viti col coltello. Stile MacGyver

Poi dice che nell'usato arrivano apparecchi con le viti sbertucciate... chissà perché 9_9.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabio Cottatellucci
10 ore fa, dogma ha scritto:

come mai dici che solitamente i back surround non sono bipolar

Se si hanno anche i surround laterali spesso si opta per back surround "diretti"; è una questione di suono in zona d'ascolto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stel1963
Il 19/8/2019 Alle 00:36, dogma ha scritto:

@Fabio Cottatellucci come mai dici che solitamente i back surround non sono bipolari?

@dogma come dice @Fabio Cottatellucci Si opta normalmente per la radiazione diretta per 3 ragioni:  1: essendo appoggiati alla parete, se hanno dei buoni altoparlanti con una buona dispersione sono già praticamente bipolari.  Infatti emettono a 180* e oltre i 180 c’e il muro.   2: i segnali laterali sono pensati per essere individuati precisamente, una maggiore dispersione crea riflessioni che incasinano l’individuazione 

del suono e rovinano l’eggetto surround.  3 : un bipolo costa quasi il doppio, oppure è realizzato con altoparlanti molto Piu economici quindi a parità di prezzo più scadenti.   Dunque sono una mera operazione commerciale volta a svuotare i portafogli degli utenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297400
    Total Topics
    6544629
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy