Jump to content
Melius Club

maxnalesso

Electrocompaniet AW 180

Recommended Posts

Suonatore

@releone71 Dipende Quali MIT. Teniamo presente che costruiscono cavi per la Spectral, che notoriamente non ama cavi capacitivi. Io che ho Spectral, ho avuto esperienze negative con i 750 vecchi, positive con gli ultralinear... Poi sono passato ad altro (Silcable...)

Tornando in tema EC, personalmente le volte che li ho sentiti, mi hanno sempre dato l'impressione di un suono pieno ed eufonico con basso presente ma poco controllato... mai piaciuti, soprattutto con la classica. Da Audiograffiti ho ascoltato le Tympani con amplificazione Spectral e devo dire che con la classica sono rimasto sconvolto! (Non per altro il sig R. Fryer titolare di Spectral, le ha nel suo impianto personale da una vita...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
56 minuti fa, Suonatore ha scritto:

Teniamo presente che costruiscono cavi per la Spectral, che notoriamente non ama cavi capacitivi.

Quei MIT erano costruiti appositamente per Spectral per sopperire alla mancanza della rete di zobel nei finali. A differenza dei MIT standard, che impiegano batterie di condensatori con effetto filtrante, quelli erano dei MIT per così dire "anomali", frutto dell'accordo commerciale tra due ditte. Poiché, appunto, è risaputo che Spectral non può impiegare cavi con alti valori di capacità, si colse l'occasione per mettere negli scatolotti la rete di zobel che manca ai finali Spectral. Marketing. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gioangler

Max se sei di Roma e ti carichi in macchina le megis te le faccio ascoltare io con i 180. Saluti 

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

@gioangler Ti ringrazio davvero tanto,  ma purtroppo sono di Varese,  un poco lontanuccio ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Resto in tema sennò andiamo in OT.

L'amico max chiede ampli validi con le 1.7 magneplanar.

Ovviamente va tenuto conto dell'ambiente d'ascolto se assorbente riflettente etc etc.

Per me,ripeto per me..le naggies vanno a nozze (da molte prove fatte e max lo sa) 

Con ampli tipo:

Spectral

Plinius

Krell

Jeff rowland

Norma audio

Accustic art

Classē  audio

Gryphon

McCORMACK..DNA 225.

Insomma ampli che come impostazione sonora vanno in una certa direzione.

Allora secondo me i diffusori tirano fuori il massimo che possono.

Dico questo a prove fatte personalmente, che ovviamente non sono verità assoluta e vangelo.

Ognuno ha i suoi gusti ci mancherebbe, un mio conoscente manda le 3.6 con due finali mcintosch MC 275 messi in mono ed è molto soddisfatto...quindi i gusti sono gusti..personalmente ho ascoltato quell'impianto decine di volte non trovando un parametro

Che sia uno di mio gusto,e il proprietario lo sa ma a lui piace.

Più che cavi con le 1.7 ci vuole il finale giusto.

Andando di usato si trova un bel Jeff rowland model 112 oppure un mcCORMACK DNA 225 a poco più di 2.000 euro ed è un bel sentire davvero spendendo il giusto.

Buona domenica a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

aggiungo primare a32

Share this post


Link to post
Share on other sites
gioangler

Scusate! Ma con delle misure che posto in calce mi dite invece quali diffusori non si riescono a pilotare? Per me c é qualcosa che non va... primo. Secondo poi ma coloro che si sono espressi hanno avuto modo di fare la prova richiesta ? AW 180 e Meggis 1.7...? A me sembra questo il quesito. 

Saluti 

E534D135-470E-4691-9673-7E24DB1F621F.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71
2 ore fa, Rossano.Marche ha scritto:

Resto in tema sennò andiamo in OT.

Il discorso sui cavi si è dilungato più di quanto prevedessi. Non era mia intenzione ma, come spero si sia capito, ho dovuto chiarire che non si tratta di fissazioni da cavofilo bensì di un'esperienza vissuta che ha svelato uno scenario (intolleranza ai cavi capacitivi) non segnalato dalla ditta.

Il mio, peraltro, è un discorso di carattere generale che vuol mettere in guardia l'utente EC e non entra nel merito dell'abbinamento con le Maggies, che non ho mai avuto modo di verificare personalmente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
transaminasi
2 ore fa, releone71 ha scritto:

chiarire che non si tratta di fissazioni da cavofilo bensì di un'esperienza vissuta 

Prova a scrivere queste cose in fine tuning (peró prima mettiti il casco).

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@transaminasi bah...facciano ciò che vogliono. Ognuno è libero di spendere i propri soldi come vuole. Se ritiene che il cavo X dia all'ascolto maggiori soddisfazioni del cavo Y, non sarò certo io a convincerlo del contrario. Per me tutto è lecito, purché si rispettino parametri di decenza e sicurezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso
15 ore fa, gioangler ha scritto:

ma coloro che si sono espressi hanno avuto modo di fare la prova richiesta ? AW 180 e Meggis 1.7...?

Ciao... confermo che Rossano ha avuto proprio gli Aw180 con le Maggies,  per cui è sicuramente un parere autorevole.

Che poi,  come dice giustamente lui,  c'è anche una questione di gusti personali,  questo non ci piove:  è infatti il motivo per cui io pretendo sempre di provare i prodotti a casa prima dell'acquisto... se il negoziante (o il privato) non acconsentono,  amici come prima:  io sto bene anche così,  e il mio interlocutore perde una potenziale vendita 😘

Share this post


Link to post
Share on other sites
gioangler

Max siamo d’accordo sui gusti personali e nessuno li discute, ma tu sai che il web non dimentica ... fare una ricerca con il titolo che hai giustamente inserito e far emergere che i monofonici EC AW180 non sono in grado di gestire un carico come le 1.7 oppure hanno una gamma bassa poco controllata, ... e ancora ... un qualcosa di vecchio ... perdonami ma non é vero. Chi ci legge dalle altri parti del mondo ... visto che parliamo di oggetti venduti in tutto il mondo probabile ci scambi per sordi. Il gusto poi ripeto non si discute.

piuttosto quando si parla di Maggies (per chi le ha tenute) dovrebbe dire che il collocamento in ambiente é molto più importante rispetto ad individuare una sezione finale decente che é L ultimo anello della catena. Saluti 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Per come la vedo io l'ambiente d'ascolto è importante per qualsiasi diffusore e un appassionato questo lo sa benissimo.

Per quello che riguarda le magneplanar a mio parere,primo anello l'ambiente d'ascolto. Secondo anello assolutamente il finale di potenza o l'integrato... Insomma il motore... Poi si può giocare all'infinito con il resto dei componenti ma cambierà in maniera non proporzionale alle aspettative... Quindi secondo me prima ambiente poi finale di potenza..queste sono cose che ho personalmente

Testato sulla mia pelle..prima con le mg 12... Poi con le 1.6.. Poi le 1.7.. Poi finalmente mansardone con tanto spazio e le 3.7 i...poi

Purtroppo il terremoto con tutto il casino e stanza grande rovinata..mi sono ripreso le 1.7 i messe in una stanza molto più piccola.

Tutto questo in molti anni che ascolto con queste casse..come ho già detto in altro post..con le maggies ci vuole il motore giusto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Immag0018 (1).jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Eccole le mie nella stanza piccola...ora purtroppo è  così.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Questo è  un gran bel finale...però con le 1.7 secondo i miei gusti non ci siamo.

E quando lo provavo lo provavo eh...per due mesi ha suonato con le 1.7 non due ore.

Saluti.

Foto0054.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto75

buongg a tutti, io non ho mai avuto le maggies che a quanto capisco sono casse un po' particolari da pilotare. Però posso dire che per anni ho avuto il finale ampliwire DMB100 (quello con le maniglie dorate per capirci) e con il suo pre 4.7 tutto cablato nordost mi ha sempre dato soddisfazioni, gli ho attaccato di tutto, dalle rogers a 15 Ohm alle minima amator, minima vintage, ESS AMT 1D con xover modificato (2.7 Ohm minimo) ed altre...mai avuto un problema di basso non controllato e/o suono scuro o ambrato.

Occhio però ad alcune cose:

1) EC è moooolto schizzinoso per il preamplificatore per cui consiglio vivamente di attarci il suo (il mio 4.7 tra l'altro modificato dalla casa dava velocità e dettaglio)

2) cavi come i nordost o comunque similari vanno (almento nel mio setup) benissimo

3) è vero che non sono classe A. Se uno guarda bene il loro schema ritrova moltissime similitudini con la circuitazione STASIS, fatta di due distinti stadi di guadagno. Uno che normalmente si defisce a "tranconduttanza" che si occupa del consistente guadagno in corrente e al di fuori di qualunque anello di feed-back negativo e un secondo che si occupa dell'amplificazione in tensione chiuso attraverso un contenuto feed-back parallelo, mediante il circuito R-C, che alla fine di tutto l'ambaradan consente il fondamentale "zero feed-back" su questa banda di frequenze, intervenendo solo sulle basse e medio-basse frequenze e minimizzando la nefasta e deleteria "Distorsione da Intermodulazione" proprio nella banda più critica ad alta frequenza.

Queati sono finali con alto livello di polarizzazione che amplificano in tensione, che attendibilmente credo li porta a lavorare, per i primissimi watt di potenza adirittura  in classe "A" (richiedendo quindi ridotte escursioni di corrente).

Tecnicamente sono finali fantastici, ma un po' difficili da portare al massimo delle prestazioni ed occhio alla regolazione del bias...molto del loro suono (bello o brutto) dipende se sono stati regolati bene. Per quello che penso che quei finali AW 180 non fossero al loro massimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Ciao Alberto 

Sono d'accordo con quello che dici in linea di massima.

Io per quattro anni e più ho mandato le thiel 2.4 con gli aw 180 e come sappiamo questo brand è  notoriamente ostico nel pilotaggio.

Ma tutto andava benissimo...poi sono uscite le magneplanar  1.7 ed io avendo posseduto prima per un annetto le mg 12 poi per due anni le 1.6,mi sono recato in negozio per ascoltare le nuove arrivate..piaciute è comprate...pensavo che tutto sarebbe andato alla grande con gli aw 180..invece no...(le mg 12..le 1.6...le mandavo all'epoca con integrato audio analogue maestro 150) 

Però ripeto spesso è  questione di gusti e soprattutto penso di timbrica idonea (per me) del finale per le magneplanar. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ipoci
On 8/10/2019 at 8:17 AM, maxnalesso said:

Oppure possiede modelli simili (tipo AW250

Lassa stà (tradotto, lascia stare) ... Io ho avuto il AW250R ... 

.

Un cordiale saluto, Massimiliano

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@ipoci @Rossano.Marche @alberto75 Mi rivolgo a tutti e tre quotando quanto scritto da alberto75, sia per quel che riguarda la questione della classe A (aprii un topic in merito anni fa),

sia per la questione della regolazione del bias. EC ha attraversato parecchi momenti bui in passato ed il controllo di qualità ha lasciato molto a desiderare. Più di un utente si è lamentato della questione bias e fra questi l'utente Federico/tunedguy57, autorevolissimo tecnico, può testimoniare come un finale di sua proprietà fosse afflitto dall'inconveniente. Suonava senza lode e senza infamia perché il bias era regolato - cito testualmente - a valori da "radiolina a transistor".

Ciò premesso, è vero che sulla carta bestioline come gli AW180 o lo AW250 non dovrebbero avere la minima difficoltà con le Maggies, però è anche vero che la riuscita degli accoppiamenti tra amplificazione e diffusori spesso è un mistero inspiegabile. Gli esempi sono tanti: dalle Dahlquist DQ10, alle Quad ESL, alle Rogers LS3/5. Tutti diffusori che, in teoria, dovrebbero cantare, pilotati da amplificazioni muscolose. Eppure sono notoriamente schizzinosi. Non si accontentano di un qualsiasi amplificatore correntoso, bensì pretendono l'amplificatore giusto. Potrebbe anche essere il caso delle Maggies, che io ad onor del vero ho sempre ascoltato collegate a finali di scuola americana, e delle elettroniche EC che, viceversa, ho sempre apprezzato collegate a diffusori dinamici quali Focal, Triangle, Thiel e, ultimamente, i danesi Gato. Questa la mia modesta opinione.

Vi lascio con due video reperiti in rete. A sentirlo in queste dimostrazioni l'ensemble pare funzionare, ma chissà...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rossano.Marche

Il discorso non fa una piega.

Infatti personalmente ho sentito andare a meraviglia diffusori tipo b&w,focal, etc etc..(impostazioni del genere) con mark levinson.

Electrocompaniet,,boulder,pass lab,parasound,..le mie ex thiel 2.4 con amplificazioni del genere erano favolose.

Strano a credere ma con le magneplanar io preferisco altro..forse per la timbrica.. Stiamo parlando di eccellenti macchine in assoluto, ma come sempre non c'è una ricetta buona per tutto.

Ogni tanto ascolto come muletto delle Cremona auditor con il finale usher che tengo quasi sempre spento.. Con questi diffusori (Cremona auditor) il finale va a meraviglia..ma se lo attacco alle 1.7 butto tutto dalla finestra dopo dieci minuti.

Eppure sono 150 watt..

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@alberto75 Dimenticavo. Anch'io, fra i vari EC che ho avuto, ho mantenuto lo AW 100 DMB (oltre al TCAPA di Otala). Il mio è addirittura una primissima versione con le finiture tutte nere e il led di accensione rosso. C'è da dire che questo finale fa da ponte tra i primissimi AmpliWire, piuttosto algidi, e la serie Classic dal carattere decisamente morbido e arrotondato. A mio modesto avviso è fra le realizzazioni più equilibrate della ditta norvegese.

Share this post


Link to post
Share on other sites
releone71

@Rossano.Marche 

3 minuti fa, Rossano.Marche ha scritto:

Eppure sono 150 watt..

Eh, ma quelli dello Usher son 150 Watt debolucci. Mi pare l'argomento sia stato affrontato più di una volta in passato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    295488
    Total Topics
    6466771
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy