Jump to content
Melius Club

Nomzamo

Qualcuno ha nominato il prog inglese degli anni 70......

Recommended Posts

ediate

Bella segnalazione, non li conosco (Phil Ryan sì). Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Share this post


Link to post
Share on other sites
pinkflo2

Gli Spring li adoro! Disco stupendo, gli altri non li consocevo

Share this post


Link to post
Share on other sites
musicaando

Bella segnalazione.

L'album con" Once on a Windy Day" l'ho riascoltato poco tempo fa.

Bellissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

I Bachdenkel ,attivi per un decennio dal 68 al 77 hanno fatto due dischi.Il primo, Lemmings mi piace particolarmente anche se il tributo a band come i Pink Floyd o i Soft Machine è particolarmente evidente.

Un album senz'altro da riscoprire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo
19 minuti fa, musicaando ha scritto:

Bella segnalazione.

L'album con" Once on a Windy Day" l'ho riascoltato poco tempo fa.

Bellissimo.

Si,purtroppo  i Gracious hanno avuto meno successo di quello che avrebbero meritato, secondo me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974

@Nomzamo sei un grande, mi hai fatto conoscere due album di cui non sospettavo nemmeno l'esistenza. Gli Spring sono i miei preferiti tra i minori del prog.

Allora porto alla ribalta di questo thread i miei secondi preferiti:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo
2 ore fa, massimo1974 ha scritto:

Allora porto alla ribalta di questo thread i miei secondi preferiti:

Bella segnalazione i Cressida!Una delle band più significative dell'epoca  che manca alla mia discografia.Tra i più "sinfonici" di tutti da quello che ho ascoltato in passato.

Rimedierò vista anche la rimasterizzazione dei dischi...

👍

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

@massimo1974 Stavo ascoltando la bellissima Time For Bed e pensavo a quanto talento c'era in un gran numero di musicisti negli anni 70.Io conosco tantissimi gruppi prog dagli anni 80 ai giorni nostri e ci sono anche dischi magnifici nel rock progressivo contemporaneo ma la perizia  e il talento nel suonare gli strumenti che c'era all'epoca si sono persi col passare del tempo.Mi sono reso conto che paradossalmente (ma mica tanto)si possono fare dei bei dischi anche con molta meno capacità di suonare gli strumenti...più avanti posso fare anche qualche esempio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Cirkus "One".Qualche rimando crimsoniano,o almeno, il lato più accessibile dei KC...

Disco bellissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974

@Nomzamo due considerazioni: la prima è che i dischi vendono molto poco quindi i turnisti di studio vengono pagati meno e i più bravi preferiscono andare in tour che in studio per guadagnare di più; la seconda è che l'elettronica (applicata soprattutto alla sezione ritmica) riesce a far suonare non bene - ma preciso - anche un musicista non al top.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo
1 minuto fa, massimo1974 ha scritto:

la seconda è che l'elettronica (applicata soprattutto alla sezione ritmica) riesce a far suonare non bene - ma preciso - anche un musicista non al top.

Hai perfettamente centrato il discorso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Chiudo le segnalazioni di oggi proponendo una vera perla.Forse uno dei dischi più belli non del prog cosiddetto minore ma di tutto il prog degli anni 70.

Linda Hoyle,grandissima voce che spaziava dal delicato all'aggressivo con una facilità disarmante purtroppo fu operata alle corde vocali e fu costretta a chiudere la sua carriera con un solo disco all'attivo,lasciando gli Affinity in braghe di tela.Ma quest' unico disco vale la pena averlo assolutamente.Collaborazione oltretutto con John Marshall dei Soft Machine.

Album di una varietà pazzesca anche se la componente folk jazz è quella che lo caratterizza maggiormente.

Chi non ce l'ha già lo compri a scatola chiusa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974

@Nomzamo non sapevo dei problemi di salute della Hoyle, comunque nel 1971 ha inciso un album da solista per la Vertigo dal titolo Pieces of Me, con i Nucleus come band (senza Ian Carr). L'album è stato rieditato su CD dalla Akarma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
tomcri

Akarma?= TAROCCHI !!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974

@tomcri è gratuita la tua equazione? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pass

Avevo quasi dimenticato gli spring 

Gran bel disco, grazie di avermelo ricordato

Tra l'altro io possiedo appunto una ristampa akarma e non suona affatto male

Share this post


Link to post
Share on other sites
cla71

I comus con un altra pietra miliare ...1971

ciao

cla

6DB7F208-B15B-4B89-8E51-55790BB0F5F3.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
cla71

Direttamente dal mio avatar

gnidrolog con lo splendido lady lake

Ciao

cla

C4D001A3-C552-425C-8FE3-A12273227458.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Mi fa specie definire "minori" due grandissimi dischi come Lady Lake e First Utterance...

In effetti però è così...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Gryphon!

I Gentle Giant in salsa folk medioevale.Imperdibili

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974

Rilancio con un gruppo della scuderia Neon (la medesima dei Spring), un'etichetta dalla vita breve (1 anno e 11 album) ma gloriosa.

PS la copertina è di Keef, il grafico che ha curato anche la copertina di Affinity.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

@massimo1974 Indian summer lo avevo citato all'inizio del 3d.Mi hai dato anche un melius!😉

Non importa,ti aspetto per altre segnalazioni interessanti...

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Second Hand.Credo uno dei dischi più spiazzanti che abbia mai ascoltato.Non catalogabile in  alcun sottogenere del progressive rock ma allo stesso tempo è un disco la cui poliedricità lo colloca probabilmente ovunque.L'unico particolare è l'assenza della chitarra dopo l'abbandono di Gibson uno dei componenti e fondatore della band che lasciò per volere della madre.Gli altri dissero che secondo loro era insostituibile e difatti non lo sostituirono se non con un turnista.Hanno comunque lasciato una perla al mondo del rock.Ascoltare per credere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974
6 ore fa, Nomzamo ha scritto:

@massimo1974 Indian summer lo avevo citato all'inizio del 3d.Mi hai dato anche un melius!😉

Non importa,ti aspetto per altre segnalazioni interessanti...

Saluti

sarà l'età che avanza, comunque repetita iuvant. Grande segnalazione i Second Hand. Allora beccatevi questi (sempre Neon)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo

Gli unici del trittico di cui non ho mai avuto il disco.Altro che minori!!!!

Questo per dire quanta roba buona è rimasta fuori dal giro...almeno parzialmente...in quegli anni zeppi di grandi musicisti.

Prosit.

Share this post


Link to post
Share on other sites
massimo1974
44 minuti fa, Nomzamo ha scritto:

Gli unici del trittico di cui non ho mai avuto il disco.

collezioni vinili oppure cd?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nomzamo
29 minuti fa, massimo1974 ha scritto:

collezioni vinili oppure cd?

Cd.A parte qualche vinile preso tra il 79 e l'80.diciamo fino all'83/84 và(essendo del 64 non ho vissuto in "diretta" la grande epopea del rock),il resto sono acquisti diciamo postumi,tutti in cd.

Tu?

Share this post


Link to post
Share on other sites
cla71

@massimo1974 album fantastico

ciao

cla

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    294934
    Total Topics
    6441338
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy