Jump to content
Melius Club

Savgal

cronaca e costume Comune di Roma, i dipendenti: «Non facciamo le fotocopie»

Recommended Posts

31canzoni

Se la cosa fosse vera sarebbe incommentabile. Da come è scritto l'articolo, pieno di contraddizioni, non sembra sia vera. Un po di informazione in ogni caso pessima ci mancava.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferdydurke

Bisogna assolutamente consentire i licenziamenti nel pubblico impiego...se metti a casa 50 impiegati comunali, vedrei che poi le fotocopie le faranno tutti senza fiatare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Ma andiamo, c'è sicuramente una ditta che deve fare il lavoro. D'altra parte normalmente la digitalizzazione degli archivi è appaltata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
5 ore fa, audio2 ha scritto:

salto fuori io a suggerire un taglio secco del 25% degli stipendi agli stataloids e la proposta non riscuote questo successo

Perché fare di tutta l'erba un fascio è qualunquismo, roba che fa il vecchietto arterioserotico in fila alle poste, magari davanti all'impiegato che si fa un cu** a quadretti a ripetere 10 mila volte al giorno ad altri mille rincoglioniti  "una firma dove c'è la crocetta graaazie...".

Ripeto, se hai il coraggio, ripeti questa putt***ta al medico del pronto soccorso che ti cura l'unghia incarnita e che magari ha già una notte di turno sulle spalle e se ne fa tre o quattro supplementari perché il reparto è sotto organico. 

Oppure ripetilo all'insegnante che per quattro soldi si deve sorbire quel furbacchione di tuo figlio. 

(Naturalmente parlo in seconda persona impersonale). 

Impiegati del comune di Roma: immagino che abbiano un mansionario. Se la mansione è prevista dal mansionario, che il dirigente muova il cu** e li faccia lavorare. I metodi per farlo esistono. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

e sentiamo, come la fai la distinzione visto che non se ne esce. se al medico del pronto non sta bene, che emigri pure come già suggerito, qui ne verranno altri da fuori

a metà stipendio o meno, così facciamo contenti tutti, ma proprio tutti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

com'è finita poi con quei comuni del centro/centro sud non ricordo, dove a seguito retata in grande stile metà del personale aveva timbrato ed era

in giro pro domo propria ? licenziati o che ? poi ne restava l' altra metà dentro gli uffici, dove a sentir loro, se ti sentivi lavoravi altrimenti dipendeva da te.

manco a oggi le comiche. poi se qualcuno mi spiega, ma veramente perché non riesco a capire, cos'è quella menata che i navigator della campania sono

senza contratto mentre tutti gli altri lo hanno. a parte colpa del pd e di de luca cosa c'è sotto ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savgal

@wow 

I dipendenti pubblici pare che non siano parte del "popolo", bensì della élite. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

savgal, infatti ci sono le caste pure tra poveri, operai e impiegati, non sono tutti uguali, vedi art 18 e mille altre cosucce.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
1 ora fa, audio2 ha scritto:

com'è finita poi con quei comuni del centro/centro sud

La botta da civiltà superiore non poteva mancare... 

La colpa è sempre di altri... 

Una firma vicino alla crocetta graaazie... 

CASINÒ E IN OSTERIA, MA NON IN UFFICIO - Al casinò, in osteria, a fare shopping. Ovunque, ma non in ufficio, come se avessero sviluppato una sorta di allergia alla scrivania. E al lavoro. L'ennesimo gruppetto di 'furbetti del cartellino' è stato scoperto dai carabinieri che hanno notificato a 14 dipendenti della Regione Friuli Venezia Giulia, distaccati nella sede di Gorizia, l'avviso di conclusione indagini: devono rispondere di truffa ai danni di ente pubblico e false attestazioni di presenza.

LA RETATA, ACCHIAPPATI IN 8 ALL'UFFICIO DOGANE DI AREZZO - Talvolta la truffa è circoscritta a un singolo dipendente, in altre situazioni invece più colleghi sono in 'combutta', per una 'truffa solidale'. E' successo così all'ufficio delle dogane di Arezzo, dove è partita un'indagine penale che ha coinvolto otto dipendenti per violazione nell'attestazione della presenza in servizio. 

IL DIRIGENTE NON SI GIRA DALL'ALTRA PARTE, DIVENTA DETECTIVE - In Toscana, alla Regione, è stato il 'capo' ad "accertare" il raggiro, avviando e concludendo l'iter per il licenziamento di, anche qui, otto dipendenti. Idem nell'azienda sanitaria di Piacenza, dove è stata una coordinatrice a "contestare personalmente il fatto, recandosi presso la piscina, in cui nuotava" il dipendente in questione che, si legge sempre nel report, "durante il turno di lavoro e mentre si trovata in timbratura si è più volte dedicato ad attività di svago in un impianto sportivo" . 

Aosta, andava a pranzo senza timbrare l'uscita: indagata dottoressa dell'Asl

Idraulici in nero durante l'orario di lavoro in Comune: arrestati a Brescia due furbetti del cartellino

Milano, furbetto del cartellino licenziato fa ricorso e perde. Il sindaco: "Segnale per i disonesti"

Scandali  assenteismo al Comune di Piacenza, 15 impiegati ora rischiano il licenziamento

Bologna, furbetti all'Ibc: 28 sotto la lente della Finanza

Furbetti del cartellino all'ospedale di Ovada, 22 impiegati, medici e infermieri indagati per truffa

Timbravano e poi in palestra: università di Parma licenzia quattro tecnici

https://www.repubblica.it/argomenti/Furbetti_del_cartellino

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

comunque chi sbaglia paga, che sia furbetto, assenteista, evasore, nullafacente... 

Ma risparmiateci il mugugno continuo... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
1 ora fa, audio2 ha scritto:

savgal, infatti ci sono le caste pure tra poveri, operai e impiegati, non sono tutti uguali, vedi art 18 e mille altre cosucce.

Yaaaaaawn...

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
7 ore fa, audio2 ha scritto:

vediamo chi

fa chi pontifica chi muore di fame e chi no.

Tu cosa fai di bello? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

io vivo del mio e non devo ne chiedere ne rispondere a nessuno.

poi faccio anche il giardiniere d' estate e il boscaiolo d' inverno, ma questa è un' altra storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow

Pontifichi

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
appecundria
2 ore fa, audio2 ha scritto:

menata che i navigator della campania sono senza contratto mentre tutti gli altri lo hanno

La Regione non li vuole. Dato che il ministero li seleziona ma la Regione li paga, la Regione Campania non vuole accollarsi il costo di questo personale non previsto a bilancio. De Luca è stato esplicito, come suo stile senza cerimonie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

quindi alla fine niente navigators in campania ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

Vedi 🙂 [edit, ho aggiunto il passo dell'ambasciatore coreano, da vedere)

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
7 minuti fa, audio2 ha scritto:

niente navigators 

De Luca non vuole questo stock di precari che si vanno a sommare ai precari Anpal (per un totale di tremila persone a libro paga) senza che non sia chiarito bene cosa fanno, con quali mezzi e con quali prospettive future

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2

si per carità, se vuole fare che faccia pure, a me tange anche poco per dire la verità, solo che se c'è un sistema nazionale questo non

mi sembra il modo migliore per avere un anticipo di autonomia

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria

@audio2 a me sembra proprio una scelta in autonomia (poi magari è sbagliata).

Comunque, da contribuente, il bilancio della Regione è in via di risanamento a prezzo di sanguinosi tagli alla spesa e esosi aumenti delle imposte locali, buttare soldi per pagare la campagna elettorale a Di Maio non mi pare il caso.

Se sono così importanti che li pagasse il ministero (anche se stanno cercando di accollarli all'Inps).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bizio

Sono l'unico componente di una famiglia (genitori, fratelli, zii, cugini, nipoti ecc) che lavora in azienda privata. Gli altri tutti stato o parastato. be', pur volendo bene a tutti i miei familiari, ogni qualvolta si tocca l'argomento lavoro non esiterei a imbracciare un lanciafiamme. Non si possono proprio sentire. Diciamo che il mio campione rappresentativo è statisticamente valido per mandare tranquillamente a stendere chi dice di non fare di tutta l'erba un fascio.

Ultima chicca in ordine di tempo: il suocero, ex dirigente statale con pensione di 5000 cocuzze mensili, che quasi si fa venire un infarto perché gli hanno tolto non so che benefit che prendeva da dipendente.

Gli unici che si sono trasformati sono i lavoratori delle Poste. È riuscito nel miracolo l'ex AD Passera, che solo per questo dovrebbe essere pagato profumatamente e mandato in giro per l'Italia a commissariare la qualunque.

Il che insegna che non è che non si possa fare, è che non si vuole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
10 ore fa, audio2 ha scritto:

questo per dirla tutta, non solo quello che fa comodo

Nessuno lo mette in dubbio e ne sono perfettamente consapevole. Sei tu chehai scritto, 

12 ore fa, audio2 ha scritto:

com'è finita poi con quei comuni del centro/centro sud non ricordo, dove a seguito retata in grande stile metà del personale aveva timbrato ed era

in giro pro domo propria ? licenziati o che

come a confermare ancora una volta l'estraneità anche territoriale al problema. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
10 ore fa, audio2 ha scritto:

forza che le piante organiche non sono sufficienti, e mò basta  altrimenti finisce la banda.

Certo, le piante organiche sono insufficienti perché sono tutti assenteisti. 

(Al centro sud)

Che brutta vita che fate voi tuonatori... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
9 ore fa, audio2 ha scritto:

sistema nazionale

Quale sarebbe il sistema nazionale? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico
14 ore fa, wow ha scritto:

Impiegati del comune di Roma: immagino che abbiano un mansionario. Se la mansione è prevista dal mansionario, che il dirigente muova il cu** e li faccia lavorare. I metodi per farlo esistono. 

L’unico che ricordi che ha tirato fuori il mansionario l’ho cacciato in 1h. 

Preso lo scatolone, i suoi tre mesi di stipendio per rottura di contratto e lo abbiamo anche salutato che siamo educati anche coi fannulloni. 

Prendeva netti 4700 Chf. x 13 

Ci sono dei lavori da fare, si fanno. Punto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
adriatico
3 ore fa, Bizio ha scritto:

delle Poste.

le Poste non sono più statali. È pure quotata, lo stato è solo un’azionista... è pure andata alla grandissima negli ultimi anni

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
2 ore fa, wow ha scritto:

Quale sarebbe il sistema nazionale? 

mi riferivo ai navigator ed ai centri per l' impiego. poi che gli stia sul cuculo dima, che non funzioni niente e che il tutto serva a poco

è un altro discorso, ma se in tutte le altre regioni hanno implementato la cosa lo fai anche tu perché si presume che tu lo debba fare,

in quanto  non solo non hai il diritto di sabotare il processo, ma il dovere di farlo funzionare, perlomeno io la vedo così. poi personalmente

non solo lo farei rimuovere all' istante dalle sue funzioni ma lo metterei pure ai ceppi tal e quale al furmiga, ma queste sono idee mie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
12 minuti fa, adriatico ha scritto:

è pure andata alla grandissima negli ultimi anni

col piccolo problema che taglia taglia taglia sono solo disservizi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gpb
11 minuti fa, adriatico ha scritto:

Prendeva netti 4700 Chf. x 1

Ci vengo domattina...che c'è da fare? Pulire...spazzare...scansionare documenti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    295488
    Total Topics
    6466769
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy