Jump to content
Melius Club

Ultima Legione @

Sonus Faber: novitá e cambi di fine stagione

Recommended Posts

Ultima Legione @

.

Aria nuova e mutamenti di stategia e marketing in quel di Arcugnano: ...insieme ad un significativo restyling tecnico e stilistico della prestigiosa collezione Olympica (anche solo esteticamente ancora piú seducente e raffinata), un completo azzeramento di tutte le collezioni entry level Venere (del quale a parte l'accattivante e ben suonante modello  "S" nessuno probabilmente soffrirá veramente la mancanza) ma anche le internazionalmente apprezzate e interessanti Chameleon come anche le convenienti e ben suonanti Principia.

.

L' onere e la responsabilitá del segmento entry-level, al momento, rimane quindi ora affidata alla equilibrata e magnificamente ben suonante collezione Sonetto.

.

Insomma, un bel colpo di spugna su tutto ció ideato e progettato pur sempre in casa ma esternalizzato e prodotto in Cina, con un completo e totale ritorno alla esclusiva costruzione in terra veneta.

.

Olympica.thumb.JPG.4f88fdcba48e1c524450cb2b4de6f484.JPG

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
vassago

Ho le venere s e mi ritengo soddisfatto, qualcuno ha avuto modo di confrontarle con le sonetto VIII?

Share this post


Link to post
Share on other sites
giannifocus

era ora aggiungerei...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
2 ore fa, piergiorgio ha scritto:

immagino non ti riferisca all'orribile finitura dell'immagine qui sopra, spero...

.

😁😁

.

Stimato Piergiorgio,...temo proprio di sì invece!!.

.

Ma giustamente e sacrosantemente i gusti e il senso dell'estetica sono assolutamente soggettivi e personali.

.

Quello che però posso garantire è la circostanza che di fronte a tante proposte dell'agguerrita concorrenza, con forme, volumi, profili e singoli dettagli, ancor prima che figli di un effimero concetto di estetica ma assolutamente funzionali alla loro "funzione", viste da vicino, toccate con mano e usate, sono macroscopicamente e oggettivamente al di sopra di ben più di un palmo di tanti oggetti di altri acclamati brand, quasi al pari di un abito di alta sartoria confrontato con uno da grande magazzino.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ultima Legione @
3 ore fa, vassago ha scritto:

Ho le venere s e mi ritengo soddisfatto, qualcuno ha avuto modo di confrontarle con le sonetto VIII?

.

Mai in confronto diretto ma solo in differita e su setup audio diversi, ma per quanto possa valere, a parte una nuance musicale un filino più accattivante e una Timbrica che su diversi repertori musicali, nel caso della Sonetto VIII, mi è sembrata più seducente e raffinata, in realtà personalmente non ho colto una eclatante superiorità, ma anzi una marcata ed evidente familiarità del sound.

.

Comunque sia, entrambi, diffusori di assoluto livello e grandissime potenzialità, ma di un certo impegno che impongono quindi una attenta verifica preliminare dell'idoneo ambiente di ascolto e una robusta amplificazione, al di sopra di ogni sospetto di mediocrità e con la dote, al di là del banale dato della Potenza di targa, di una generosa erogazione in Corrente.

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
3 ore fa, Ultima Legione @ ha scritto:

Insomma, un bel colpo di spugna su tutto ció ideato e progettato pur sempre in casa ma esternalizzato e prodotto in Cina, con un completo e totale ritorno alla esclusiva costruzione in terra veneta.

.

@Ultima Legione @ dove hai letto questa informazione ? Per pura curiosità.

Ammetto che non sono mai stato un grande amante del Brand, ma dopo che era passato di proprietà in proprietà ... mi ero proprio perso non considerandolo più che alla stregua di un Brand “high end” da collezionare in un fondo speculativo.

Hanno cambiato strategia invece ? Racconta, se puoi, che sono curioso 😊😊👍🏻 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@Ultima Legione @ 

Immagino che i prezzi lieviteranno ancora andando a posizionare il brand in un segmento alto del mercato. Lo spirito di Serblin del resto è stato rivisto, modificato e ampliato da tempo con l'internazionalizzazione del brand e l'applicazione della cura artigianale a contesti più industriali.

Quindi non esisteranno più entry level della Sonus Faber?

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

a mio modesto modo di vedere, il catalogo Sonus Faber era troppo ampio, con prodotti che coprivano lo stesso segmento di mercato e finivano per cannibalizzarsi a vicenda. una azienda vende ai negozianti e una offerta troppo ampia sconcerta il cliente

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Per me è ancora troppo abbondante.
Perché non tornare alle origini?

In futuro si potrebbe arrivare a 3 sole linee (escluso qualche serie speciale / commemorativa / custom)

economica (da 1000 a 3000 euro listino)

media (da 3500 a 12000 euro listino)

alta (da 15000 a 50000 euro di listino)

e finirla qui… 

Sopra queste cifre (di listino) è una presa per i fondelli.

Non parlo solo per Sonus Faber.

Riscrivere la storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
vassago

be' c'è chi è disposto a spendere più di 50000 euro per dei diffusori, l importante è che valgano quella cifra 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV
53 minuti fa, vassago ha scritto:

l importante è che valgano quella cifra

Ecco,qui ci sarebbe da fare un lungo discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

Volere occupare tutte le nicchie potrebbe non essere economicamente valido.

In questo senso negli ultimi anni abbiamo assistito ad una certa freneticita' in casa Sonus. Per solito accade quando la propieta' e' in qualche modo un astrazione.

Ma poi ora in Sonus chi decide?

Share this post


Link to post
Share on other sites
_Subzero_

Io ho avuto le cremona auditor e le olympica 2, entrambe esteticamente stupende. Spero in un nuovo monitor di gran livello nella prossima linea. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabel
16 ore fa, speaktome74 ha scritto:

Sopra queste cifre (di listino) è una presa per i fondelli.

Nel Sud-Est asiatico (soprattutto Cina) e Medioriente, se non costano minimo quella cifra non le prendono neanche in considerazione. E SF vende soprattutto in quei mercati oramai.

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Purtroppo è un dato di fatto.

Una quarta linea "Inarrivabile" ci starebbe anche, ma solo per quel tipo di clientela.

Senza prezzo di listino, senza limiti. Diffusori costruiti per il solo capriccio "di averli più costosi dei tuoi" (non necessariamente migliori). 

Budget e trattativa riservata. Progetto custom su misura. Tempi di realizzazione da stabilire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
44 minuti fa, gabel ha scritto:
17 ore fa, speaktome74 ha scritto:

Sopra queste cifre (di listino) è una presa per i fondelli.

Nel Sud-Est asiatico (soprattutto Cina) e Medioriente, se non costano minimo quella cifra non le prendono neanche in considerazione. E SF vende soprattutto in quei mercati oramai.

Mi sa che Sonus si debba ridefinire, il segmento piu' basso evidentemente non e' remunerativo aldila' della Cina o comunque mercato del lusso.

E nel segmento piu' basso le casse devono suonare bene a maggior ragione.  A mio avviso da qualche anno a questa parte non avviene.

Poi sbagliero' ma pensare prima al design e poi cercare di far suonare bene costringi il progettista a fare qual che puo' fare, poco. Che poi da un lato gli altoparlanti custom saranno anche un plus di immagine,  ma non siano delle gran cose a mio parere e' un fatto. Come e' un fatto che Tezzon non mi pare essere, al netto degli obblighi del mobile, dicevo non mi pare essere cosi' geniale. Basta aver l'occasione di misurarne (bene) qualcuna e poi ascoltare per rendersi conto di talune cose come dire non proprio ben riuscite.

Rumorosissimo resta l' esercizio Ex3ma. Quali ricadute ha portato? Nessuna. Che fine ha ha fatto il tw in berillio diamante?

E poi troppa disomogneita' dei progetti.

In pratica che cos'e' tecnicamente Sonus Faber? Credo che la domanda oggi debba essere questa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro
Il 6/9/2019 Alle 08:52, piergiorgio ha scritto:
Il 6/9/2019 Alle 08:04, Ultima Legione @ ha scritto:

esteticamente ancora piú seducente e raffinata

immagino non ti riferisca all'orribile finitura dell'immagine qui sopra, spero...

Mi tocca quotare Piergiorgio. La finitura “nocciolina” in foto la trovo anch’io orribile.

Rovina irrimediabilmente il fascino dell’oggetto (e personalmente mi farebbe passare la voglia). Sarebbe come voler comprare una Porsche, e vedersela proporre in rosa salmone.

Io ho le Olympica III, precedente serie, nere, laccate piano, prese poco prima che (incredibilmente) togliessero quella (splendida) finitura dal mercato.

Ad Arcugnano mi dissero che stavano eliminando la “black piano” perché aveva poco mercato, ne vendevano percentualmente pochissime, e quindi in quanto non incontrava i gusti della gente.

Vista la foto sopra della finitura nocciolina, che evidentemente va dietro alle preferenze dei più, mi spiace dire che la gente ha veramente dei gusti di m...da.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlexR78

Ho sempre avuto un debole per SF, e devo dire che la finitura nocciola non mi dispiace, la preferisco al laccato nero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@AlexR78 

In effetti, messo in bel salone,  un pianoforte Steinway & Sons color nocciolina ci starebbe molto meglio, piuttosto che laccato nero 😁

Si scherza, eh!, i gusti sono gusti, e i miei sono evidentemente in netta minoranza; tanto è vero che in SF hanno eliminato del tutto la finitura piano black.

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Le finiture delle collezioni entry-level e medie di Sonus Faber seguono le tendenze dell'arredamento moderno italiano ed europeo.

Le finiture delle collezioni più importanti seguono invece le tendenze pacchiane tipiche dell'arredamento classico, style & luxury apprezzate dai nuovi ricchi russi, arabi, cinesi ecc..

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlexR78

@Cagliostro ovvio però che se hai uno Steinway & Sons guardi anche altri diffusori, non lentry o fascia media SF.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@AlexR78 

No, il discorso era un altro (non ho in casa un pianoforte). Volevo intendere che certi "strumenti da musica", come un pianoforte o dei diffusori di una certa stazza, stanno benissimo in finitura nero laccata, ma diventano ridicoli in nocciolino.

Ce lo vedi uno Steinway in nocciolino? 

Farebbe il paio con la Porsche color rosa salmone 😜

Share this post


Link to post
Share on other sites
_Subzero_

Io spero sia venuto male il tono di colorazione dell'immagine 🤢. Oppure proporranno diversi colori... Questo fa tanto mobile dell IKEA... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

@_Subzero_ 

L’alternativa è questa, color wenge (ma con quello che costano i diffusori, sia di questa che di altre marche, al posto loro prevederei maggior scelta nelle finiture, senza maggiorazione di prezzo; perché ‘sti due colori che hanno scelto sono difficilissimi da calare in qualsiasi ambiente moderno, che non sia arredato con mobili stile “Luigi XIV”):

5E79F859-1267-4DE7-B4C5-2E88F08AE5EB.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

No, dico, ma vogliamo mettere? 🙂

95686B9B-3F26-4DAD-BCC1-642D81A27736.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites
corrado

Se ne vendono di più di quei 2 colori, fanno bene a proprorli. Certo magari mettere un alternativa, magari su richiesta, in modo da non dover avere invenduto di qualche colore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maverick
8 ore fa, Cagliostro ha scritto:

Mi tocca quotare Piergiorgio. La finitura “nocciolina” in foto la trovo anch’io orribile.

Rovina irrimediabilmente il fascino dell’oggetto (e personalmente mi farebbe passare la voglia). Sarebbe come voler comprare una Porsche, e vedersela proporre in rosa salmone.

Io ho le Olympica III, precedente serie, nere, laccate piano, prese poco prima che (incredibilmente) togliessero quella (splendida) finitura dal mercato.

Ad Arcugnano mi dissero che stavano eliminando la “black piano” perché aveva poco mercato, ne vendevano percentualmente pochissime, e quindi in quanto non incontrava i gusti della gente.

Vista la foto sopra della finitura nocciolina, che evidentemente va dietro alle preferenze dei più, mi spiace dire che la gente ha veramente dei gusti di m...da.

non posso che quotare, da vecchio appassionato e possessore del marchio.

Il noce lucidato od opaco delle prime edizioni, delle Minima o delle Guarneri, o ancor meglio il rossiccio ad esempio delle Stradivari o delle Elipsa Red lo trovo splendido ed elegantissimo, .. già il nero laccato mi piace meno, .. ma è indiscutibilmente più elegante di questa finitura "nocciolina" che trovo anch'io decisamente brutta.

Ma che possiamo fare contro i gusti della gente ? ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
_Subzero_

@Cagliostro Be queste son già meglio dai.. Io avevo le Oly2 di un colore simile e stavano bene, ma ho un ambiente particolare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
_Subzero_

A me comunque fa impazzire il rosso red Violin 🤤

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    295423
    Total Topics
    6463860
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy