Jump to content
Melius Club

Ultima Legione @

Sonus Faber: novitá e cambi di fine stagione

Recommended Posts

saltato

image.png.ed6c5a46d204807c7f0d5800fcba80b1.png

questo è il massello

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

@saltato 

Parlo senza mai aver visto i diffusori Olympica di persona.

Ho posseduto le Cremona prima serie e le pareti del cabinet erano costruite in massello di acero con la struttura interna in multistrato se ben ricordo.

Il top ed il basamento erano sempre in massello.

Se la serie Olympica è l'evoluzione della serie Cremona, mi auguro e voglio credere che sia stata utilizzata la stessa tecnica costruttiva.

Non dovesse essere così non giustifico assolutamente il prezzo di listino.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

@speaktome74 neanche le Cremona erano di massello!!!

MDF impellicciato !!

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Ma non diciamo fesserie. Ti stai sbagliando di grosso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

@speaktome74 appunto!!

Ho cambiato un woofer , e quindi te lo dico con sicurezza !

Mdf impellicciato 

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Ragazzo… il baffle rivestito di similpelle dove alloggiano gli altoparlanti sicuramente in MDF! (O in multistrati?). 

Tutto il resto invece era di legno massello! Le pareti in acero ed il retro se non erro in tiglio.

Lo scheletro interno in multistrati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

@speaktome74 ascolta!!!

Stop!

Ti confondi con le Amati!

Le Cremona sono impellicciate 

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Insisto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Ho trovato in rete la descrizione della serie Cremona M:

Lute shape design, combination of sandwich construction obtained using hand selected wood layers and solid maple, quality   graded and oriented for carefully optimized resonances control. Sub-structural ribs are strategically placed for absolute rejection of spurious vibration and standing waves control.

Design a forma di liuto, combinazione di costruzione sandwich ottenuta usando strati di legno selezionati a mano e acero massiccio, qualità classificata e orientata per un controllo delle risonanze accuratamente ottimizzato. Le nervature sub-strutturali sono posizionate strategicamente per il rifiuto assoluto di vibrazioni spurie e controllo delle onde stazionarie.

Per deformazione professionale (sono un ex falegname e lavoro attualmente nel settore legno-arredo come disegnatore tecnico di produzione), ti racconto che tanti anni fa quando ho posseduto le Cremona, ho smontato un woofer per vedere come era realizzato l'interno di quel capolavoro di fine ebanisteria.

Ricordo benissimo che all'interno si vedeva la venatura in orizzontale del legno su tutti i vari settori.

Se tu affermi che invece è di MDF impiallacciato, allora è veramente ben fatto e mi ha ingannato...

Quello che però non capisco è perché impiallacciare anche all'interno spessi (40mm?) blocchi di MDF sagomati (non stiamo parlando di pannelli dritti in spessore di 20mm che devono per forza di cose essere impiallacciati sui 2 lati per evitare che si imbarchino)?

Solamente un pazzo lo farebbe. Un costo e un accorgimento inutile solo per fuorviare l'acquirente curioso come me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Le attuali only e le nova sono in mdf, che io sappia. Sarebbe quasi impossibile realizzare una sifatta costruzione a settori orizzontali sovrapposti in legno massello. Infatti neppure il linguaggio formale-costruttivo convince del tutto, almeno a giudicare dalle foto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Mi sono riguardato bene le immagini:

La prima serie Olympia (quella col frontale in similpelle), è costruttivamente paragonabile alle Cremona.

La nuova serie Olympia invece effettivamente ha qualcosa di strano… 

Troppa perfezione; le venature del frontale seguono esattamente quelle delle pareti laterali come fossero un unico blocco.

Ignoro la tecnica di costruzione ma probabilmente esternamente è totalmente impiallacciata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

@saltato

La foto da te allegata mostra la sezione verticale del cabinet che senza ombra di dubbio denota la presenza di MDF come affermavi.

2 ipotesi:

a) 2 strati di MDF Flex sp.20mm curvi pressati e poi impiallacciati.

b) 2 pannelli "piani" di MDF sp.20 pressati (posizionati non perpendicolari al frontale) ai quali sono stati incollati strati (blocchi) impilati di massello sagomati dei quali però è impossibile vedere la sezione orizzontale.

L'interno poi tutto nero… che senso ha? Forse è una vernice anti rombo?

Scuoto la testa.

Ma questa foto è relativa alla prima serie o alla M? (vedo delle Elipsa a fianco e potrebbero essere quindi temporalmente le M)

Quando ho smontato il woofer delle mie Cremona prima serie mi sono trovato l'interno come l'esterno e non verniciato nero.

La serie M è sicuramente costruita in modo diverso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

@speaktome74 anche le elispa sono in mdf

cremona tutte le serie mdf

image.png

guarnieri no...

Share this post


Link to post
Share on other sites
_Subzero_

Scusata l ignoranza, non sono esperto in falegnameria. Vorreste dirmi che le Olympica con quella finitura wengé super chic non sono altro che fatte di compensato e poi ricoperte di un sottile strato di legno pregiato con quelle venature? Visto l importo immaginavo fosse legno massello 😠 

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

La nuova serie Olympica Nova tempo proprio di si!

Per le Olympica precedenti e Cremona M sto indagando.

Attenzione: non per forza di cose il legno massello è da considerarsi il materiale migliore.

Se non ben essicato / stabilizzato, sapientemente selezionato, lavorato e assemblato, col tempo potrebbe dar vita a problemi quali spaccature, assestamenti ecc..

Quello che anche io non giustifico è il prezzo di listino così alto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

L' MDF e' meglio del massello in virtu' di tutte le necessita' dello stesso. Al netto delle boiate delle doghe accordate.

Non vedo in quelle costruzioni, aldila' della perizia, quale particolare tecnologia ci possa essere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cagliostro

Non sono un falegname, nè un costruttore di diffusori, ma mi sembra in passato di aver letto, su una qualche rivista audio, che è impossibile realizzare un cabinet tutto in legno massello per diffusori da pavimento, e che comunque il MDF (multistrato), oltre ad essere notevolmente più facile da lavorare, garantisce migliori risultati, solidità e tenuta nel tempo.

Non sarebbe, quindi, una scelta giustificata dal risparmio economico, ma da precise ragioni tecniche.

Personalmente, mi sembra che a volte l’audiofilo si faccia trascinare da falsi miti. Sarebbe un po’ come scandalizzarsi che le forchette sono realizzate in vil metallo invece che nel più figo legno di baobab, dimenticandosi che il metallo è il materiale perfetto alla bisogna.

Uno dice: “sì, ma il prezzo?”.

Suvvia! Ma da quando i nostri giocattoli hanno un listino commisurato al costo dei materiali che li compongono? Allora anche qualsiasi amplificatore non dovrebbe costare più di 500 euro 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@speaktome74 

Le prime Amati, le Guarneri homage, le prime Cremona erano di massello. Le Cremona m e i successivi modelli citati non l'hanno più impiegato.

Erano davvero modelli artigianali, piccoli strumenti musicali. Non si può fare in una produzione grande come l'attiale Sonis Faber, a parte certi particolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Il materiale per la costruzione dei cabinet influisce eccome sul suono finale. Il peggiore, a detta di molti, è proprio il MDF perché ruba informazioni ad ampio spettro. Chiunque abbia provato a costruire la stessa medesima configurazione di altoparlanti in cabine diversi, lo può confermare. Legno massello, legno multistrato, e MDF, ma anche in alluminio massiccio o resina o cemento producono suoni diversi. 

Il migliore per i cabine risulta il multistrato di betulla o faggio, con resine fenoliche. Non a caso costa un botto.

ah anche le lacchè influiscono e le vernici...

il vantaggio del MDF? Costa pochissimo ed è facilmente lavorabile perché omogeneo e non si deforma.

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato
2 ore fa, ClasseA ha scritto:

prime Cremona erano di massello

no,le cremona prima serie e m sono in mdf inpellicciato

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Saltato, tu avevi le Cremona prima serie o M? Il woofer che hai sostituito era lo Scan Speak con membrana in cellulosa e grafite?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@saltato 

Le m , le prima serie massello, fonte articolo Suono 🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites
saltato

Si sono sbagliati 

Share this post


Link to post
Share on other sites
speaktome74

Allora i miei esemplari erano una serie speciale? Primissima serie? Prototipo? Pre-serie? 🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71
Il 8/9/2019 Alle 18:17, _Subzero_ ha scritto:

A me comunque fa impazzire il rosso red Violin 🤤

+1

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71
Il 9/9/2019 Alle 20:56, GianGastone ha scritto:

be' il Partenone e' un po' grosso...

mi ci starà in casa... ? 🤔

Share this post


Link to post
Share on other sites
cactus_atomo

la polemica sul legno massello non ha molto senso, dal unto di vista audio. la differenza di costo del materiale massello rispetto al materiale mdf è di poche decine di euro, la vera differenza la fa la lavorazione, assai più complicata nel massello. 

un diffusore in massello è un ottimo argomento di markrting, 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    295423
    Total Topics
    6463848
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy