Jump to content
Melius Club

Pifa63

Diffusori emozionanti cercasi

Recommended Posts

Webby

Ciao, mi accodo alla discussione!
Come suggerito ho letto un po' di recensioni sulle duevel, sembrano molto interessanti. Volevo chiedere a chi ha esperienza i diffusori omnidirezionali se esistono marche e modelli che non hanno bisogno dell'integrazione per le basse frequenze, in sostanza che siano full range e abbiano un basso molto potente e presente. Senza essere mastodontiche.
Prendendo ad esempio Fear inoculum dei Tools, che poi non scende neanche tanto in basso, che venga riprodotta in modo travolgente
Poi chiedo, in generale, come mai nessuno tra i diffusori emozionanti abbia menzionato le JBL, è solo un caso?
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pifa63

@magoturi delle Zuaudio ho letto belle recensioni, tu le hai ascoltate personalmente?

Share this post


Link to post
Share on other sites
magoturi

@Pifa63 Si, diversi modelli e mi piace l' effetto live che danno oltretutto sono un carico molto facile.

SALVO

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pifa63

Scusat ho fatto un pasticcio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pifa63

@dadox , a parte il fatto che trovo stupenda l’immagine del “toccare il cielo con le orecchie” 😁, poi sono assolutamente d’accordo che la stanza deve, o almeno dovrebbe essere il primo elemento di una catena audio da mettere a punto. Purtroppo a differenza degli altri componenti é quello che meno possiamo scegliere o cambiare, anche se possiamo migliorarlo. Mi sono ripromesso, se mai dovessi cambiare casa, di mettere fra le priorità, che pregiudicano la scelta, la sala della musica. Dovrei però vedere se anche la mia dolce metà è dello stesso avviso. 😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox
3 ore fa, Pifa63 ha scritto:

Dovrei però vedere se anche la mia dolce metà è dello stesso avviso

Quell’incognita te la volevo risparmiare...😱😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
qzndq3
On 10/24/2019 at 4:55 PM, Pifa63 said:

Dovrei però vedere se anche la mia dolce metà è dello stesso avviso

Ed è lì che capisci se hai sposato bene o meno ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pifa63

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

L'emozione più facilmente si associa a diffusori ad efficienza medioalta o alta. I devore ad esempio,  grana non finissima ma gustosi come una sangria ben fatta. Anche Zu, Snell, audionote, wlm, klipsch, con caratteri diversi, sono coinvolgenti. Le Living voice sono simili alle proac come finezza di grana e qualità timbrica,  ma vanno anche con pochi watt valvolari,  mi sembrano più eleganti ma compassate nel suono rispetto agli esempi più esuberanti che ho citato. Ovviamente devi ascoltare. Altrimenti rischi delusioni o incompatibilità di carattere, frustranti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@Pifa63 @bolz69 @bombolink @Mr.Alexis @ulmerino @paolosances ciao a tutti.Io ho abbandonato da tempo i diffusori convenzionali, cosiddetti domestici e sono passato, con enorme piacere, ai monitor professionali da studio,da musicista ,da palco ecc...provate 2 bei monitor jbl,proel ,behringer ecc...POCA SPESA TANTA RESA! Hanno solo 2 difetti ,a mio avviso...primo le dimensioni, secondo,per goderne al meglio ci vuole un ampli che spinga un po'.Per il resto li trovo fantastici.Anche per le casse vale la stessa regola che vale per lo strumento riproduttivo, LE DIMENSIONI CONTANO ECCOME SE CONTANO😀😀😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@Webby 

ottime jbl tra le mie preferite 👌

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@dadox grande saggezza dadox! Il luogo e le tue orecchie fanno la differenza. OGNUNO HA I SUOI GUSTI,chi ama il suono limpido ,chi ama una sonorità più profonda roronda ecc...ognuno è audiofilo a modo suo...mammamia odio questo termine AUDIOFILO non lo reggo più!

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink

@Guglielmo 61 la tua è una scelta che ci può stare e privilegia alcuni aspetti di quello che è sempre un compromesso come la riproduzione musicale.

Non è però che il resto del mondo stia sbagliando ehh...

Peraltro tra un monitor da studio ed uno da palco ci corrono molte differenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

@Guglielmo 61 La gente deve ficcarsi in testa che ognuno ha 5 sensi che reagiscono in maniera differente l'uno dall'altro, da individuo a individuo. Per cui tutto può essere il contrario di tutto. Le aziende ci fanno su i miliardi grazie a questa cosa. Anche le gelaterie, le pizzerie, i negozi di occhiali...etc etc...Per chi non ha capito, nessuno si trova mai al 100% d'accordo sul gusto...pizza, gelato etc, così come la percezione dei colori, o le sensazioni tattili, la reazione a certi odori, figuriamoci l'udito, che viene mandato in confusione con le migliaia di apparecchi che possono creare combinazioni prestazionali in misura spropositata...roba da diventare cretini...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Webby

@Guglielmo 61 Ciao Guglielmo,
visto che sono, tra le altre cose, indeciso proprio su un paio di carico due, quale torre mi consiglieresti? Provato le 580\ 590 studio? Per ultimo, se sei mai riuscito a confrontarle con un bel paio di klipsch e se mi puoi spiegare per quali motivi hai preferito le jbl.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@bombolink @dadox @Webby buonasera a tutti.sono perfettamente d'accordo con dadox,come ho già detto,ognuno è audiofilo a modo suo, non solo per gli impianti,anche per le cuffie ad esempio. IO ne ho 2 paia,una shenaiser una ,akg,suonano bene entrambe ma hanno una timbrica diversa.le senhaiser hanno un suono più rotondo diciamo più morbido,mentre le akg,hanno un suono diverso,più nitido più dettagliato su medi e alti,ma comunque, suonano bene entrambe,è solo una questione di gusti.Per quel che riguarda l@Webby ho avuto modo di ascoltare diversi diffusori, compresi klipsh,che ho trovato oltremodo molto ben suo anti.La mia è una considerazione rapporto qualità prezzo. Non ho potuto fare a meno di notare,che molto spesso,i monitor professionali da studio o da discoteca cosiddetti full range ,hanno una sonorità che a mio avviso supera la maggior parte dei diffusori cosiddetti domestici. Non necessariamente devono essere jbl,ho avuto modo di ascoltare anche altri monitor simili ,proel db technology behringer, dap audio ecc...e li preferisco. Anche a basso volume,sarà per la dinamica,sarà per una questione di dimensioni io li trovo fantastici  (ma ripeto....è una mia impressione personale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@Guglielmo 61 diffusori che fanno della quantità la loro caratteristica principale. 

Ci sono monitor pro amplificati che suonano benissimo,purtroppo le cifre in ballo sono altre... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@Gici HV è sempre una questione di gusti mio caro ,io sto facendo funzionare 2 Cap e 2 proel con un sansui au 717 e con un Marantz pm 75 e ti garantisco che anche a basso volume suonano benissimo 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@Guglielmo 61 meglio per te se ti soddisfano.

Io ho sentito altri pro passivi in negozio,non ricordo i modelli ma di costo simile,li ho trovati grezzissimi,altra storia ad esempio Adam sv3 ma i costi sono altri...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

Tempo fa ho incontrato un amico che non vedevo da anni ci siamo incontrati per caso a Bergamo,stavo lavorando da un cliente che abita nello stesso stabile.il pomeriggio sucessivo, mi ha invitato in casa a prendere un caffè e a vedere la sua modesta collezione Hi-Fi. Preso il caffè e visionati gli strumenti in sala  (tra cui spiccava un bellissimo tris revox, ampli tuner bob) mi porta in un'altra stanza adibita in parte a studio, in parte a zona relax (divano,vinili e angolo ascolto)e mi mostra il suo angolino preferito, quello che lui chiama ,il suo altare della musica. Una consolle con due ripiani dove danno bella mostra di se :un piatto thorens , un piatto technics, un lettore s.a.c.d.Marantz,un pre Cambridge audio molto minimal,talmente minimal da non avere ne un controllo toni ne una presa per le cuffie,un finale a valvole ,di cui non ricordo il marchio, ma sicuramente ben suonante e costoso,e 2 casse molto piccole dimensioni a.x.l.x.p   25 x15 x 20.Lo accende e comincia a pontificare. ...senti che dettagli,senti che voci...ECC...Come ti sembra mi fa?Andrea ,gli faccio...pillola rossa o pillola blu?Brutta verità o bella bugia?Se vui sentire un complimento, ti dico che è una meraviglia, se vuoi la verità,le cose stanno così:Primo,un pre (strumento che per eccellenza gestisce il suono )senza un controllo toni ne una presa per le cuffie, a me pare una cacata, secondo, io avrei scelto (se devo sposare un valvola ad un transistor )un pre a valvole e un finale a transistor, terzo le casse hanno alti e medi ottimi ,ma manca qualcosa,metti un sub.Non l'avessi mai detto.MA SCHERZI.?  Mi fa lui...la simbiosi è perfetta e le casse, sono da audiofilo e le ho trovate usate a 2000 EURO, ma nuove costano piu di 3000.Cosaaaaaa??! Gli dico...2000 euro PER 2 scatolette così? .!Se le hai prese perché lo spazio è quello e non ci stanno più grosse,o perché vuoi fare bella figura con gli amici e mostrare che hai speso una cifra, non discuto,ma se mi dici che le hai comprate perché suonano meglio di 2 klipsh o di 2 jbl alte un metro, allora hai dei seri problemi di udito mio caro.Quando vai ad un concerto, il contrabbasso ha una cassa di risonanza grossa come una valigia, il piano ha una cassa di risonanza grossa come una scarpiera, voci,tastiere, chitarre eccc...sono collegate a dei Marshall grossi come armadi. COME puoi pretendere di riprodurre tutto questo con degli altoparlanti da 10 cm? Lo vedi?  OGNUNO È MEDICO DI SE STESSO È OGNUNO HA I SUOI GUSTI quello che per te è il top,per me può essere una cacata e viceversa .P.S le casse in oggetto sono simili a queste!

elac-as-61.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@Guglielmo 61 che manchino sicuramente i bassi ai mini non ci piove,anche se ho sentito le Tablette sonorizzare una stanza medio grande con dei bassi impensabili.

I bassi piacciono anche a me ma se vanno a spasso per la stanza e i medio alti ti trapanano le orecchie,allora meglio il mini...    magari con il sub,come tu hai giustamente suggerito.😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@Guglielmo 61 

Ciao. Divertente :) . Concordo su quasi tutto. Tra l'altro hanno inventato il subwoofer che può dare grosse soddisfazioni, anche se ci vuole un po' di orecchio per posizionarlo bene e trovare la frequenza di incrocio più adatta.

I mini da soli sono castranti, uccidono la musica. Ne ho avuti in passato, ma mai più. 

È anche vero quello che dice @Gici HV  bisogna anche ricercare la qualità oltre che la completezza di suono. Medi e alti grezzi, aspri, fastidiosi devono essere evitati. È in quel senso che l'audiofilo può anche attingere dal pro ma deve arrivare a livelli di raffinatezza sonora maggiori. Si può e si deve. A volte i cavi, la sorgente, la qualità dell'amplificazione fanno una udibilissima differenza. Anche nel pro differenze ce ne sono a parità di tipologia. Vedi i monitor che suonano tutti diversamente... pur essendo tutti monitor!

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox
8 ore fa, Guglielmo 61 ha scritto:

OGNUNO È MEDICO DI SE STESSO È OGNUNO HA I SUOI GUSTI

Quando cercai di coinvolgere mio padre in questa passione mi sentii rispondere: “ Non mi serve tutto questo, se voglio ascoltare musica mi basta la radio in cucina”. 😳😮 

Questo giá la dice lunga su che tipo di rapporto ho da sempre avuto con mio padre...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gici HV

@dadox idem il mio povero papà,fornaio,con la sua fida radio Philips accesa tutta la notte e che si portava dappertutto...😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guglielmo 61

@Webby @Gici HV  @dadox @ClasseA ciao a tutti,ora vi spiego perché ho scelto di passare ai monitor professionali da studio. Anni fa, (anni 90),oltre ad avere diversi strumenti hifi cosidetti domestici,avevo in taverna, un impiantino potente,che usavo per le feste tra amici e per suonare (ai tempi,strimpellavo  la chitarra e cantavo,ad onor del vero, anche bene).Nulla di speciale, pochi strumenti comprati usati per 4 lire da Ghisleri,un noto negozio di strumenti musicali sito in quel di Bergamo. Un mixer behringer, un finale di Potenza crest audio e 2 monitor professionali da studio jbl al quale avevo collegato,un paio di microfoni,chitarra,una piccola tastiera Yamaha,un giradischi grundig,vecchio e brutto assai,ma funzionante, e una piastra rec technics, altrettanto vecchia.Un bel giorno,un canale del crest ,mi ha abbandonato. Per sopperire alla sua mancanza (lo ho parcheggiato per un po in un centro assistenza ),mi sono detto...a mali estremi...prendo uno degli integrati che ho di sopra,provvisto di stadi pre / main separati e momentaneamente lo uso come finale abbinato al mixer.Non sarà certo un abbinamento consueto,consono,ortodosso ,MA NON È CERTO ILLEGALE! , tentar non nuoce...è sempre meglio che niente.Considerate le dimensioni e la potenza operativa delle jbl non ho potuto fare a meno di pensare,qui serve l'artiglieria pesante,qualcosa che spinga forte.Scartati subito il Marantz 1122 dc e il buon pio sa 8500 mk 2 ,che se pur buoni,dichiarano solo 65 watt per canale,sono rimasti solo 2 candidati, il Marantz pm 75,che ne dichiara 100 e la bestia nera di Tokio,sansui au 717 che ne ha 85 ed è bello grosso.Siccome il pm 75 è l'unico dei sopra citati a possedere il telecomando, che mi fa comodo per la tv,ho deciso di usare il San per questo scopo. Gli stacco la spina,lo separo dalle 2 acoustic research,alle quali è rimasto legato fedelmente per anni (spero non abbia sofferto troppo😀😀😀)e l'ho portato giu. Mentre scendevano le scale,gli ho sussurrato, tra le alette di raffreddamento...Non preoccuparti, non resterai giu per molto,è solo una sistemazione temporanea,cerca di capirmi,è un caso disperato,uno stato di necessità ,quaggiù, abbiamo bisogno di te! Sono certo che ha capito,difatti,una volta arrivati in Taverna,mi è sembrato piu tranquillo 😁😁😁.Lo Cablo,gli riattacco la spina e decido di farlo girare a volume molto basso per almeno 20 minuti giusto per scaldarsi e per ambientarsi un po.Sarà perché le jbl ,oltre alla forza,avevano anche un'ottima dinamica, sarà perché gli 85 watt della bestia nera di Tokio sono solo sulla carta e in realtà, ne dimostra di più,fatto sta che già dalle prime note mi sono stupito, non avrei mai immaginato che anche a volume così basso i 2 monitor si potessero muovere così. Non vi dico quando ,dopo una mezzoretta ho alzato il volume. ...AZZ...NON CREDEVO ALLE MIE ORECCHIE! Spettacolo! E non è finita qui, quando ho provato a vedere un film con il loudness HO GODUTO,una bellezza, meglio di un home theatre. È proprio il caso di dire che non tutti i mali vengono per nuocere, grazie ad un guasto, ho fatto una bella scoperta.Da quel giorno,ho lasciato le chario,le ar,e le infinity per gli integrati piu piccoli e per il San e il Marantz ho usato sempre e solo monitor professionali da studio belli grossi,con coni da 38 cm.Già che ci sono...QUALCUNO MI PUÒ SPIEGARE PERCHÉ OGNI QUALVOLTA CAPITA UN GUASTO AD UN AMPLIFICATORE 99 VOLTE SU 100 CAPITA AL CANALE DESTRO?È una domanda che mi faccio da anni a cui non ho trovato ancora una risposta 👋🎶🎵🎼

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297558
    Total Topics
    6552010
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy