Jump to content
Melius Club

djansia

C'era una volta ... a Hollywood

Recommended Posts

djansia

Boh? Per carità ottimo praticamente tutto. Attori (tanti, anche in cameo brevissimi), scenografie e come lui racconta la storia, le storie e via discorrendo. Le citazioni a chili. Un bellissimo omaggio al cinema. Ok, Tarantino ama il cinema e i cinema. Però boh ... cioè, perché quel finale? Quell'ultima mezz'ora cosa significa e perché l'ha "girata" in quel modo? Mi ha sinceramente "confuso".

Ovviamente non possiamo parlarne per via dello spoiler. 

Oh, mi raccomando: consiglio a tutti di vederlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
homesick

Torno ora a casa dal cinema .

Il finale per me è quello che risolleva di molto il giudizio finale .

A mio avviso ha il suo senso , conoscendo la storia reale , una sorta di rivalsa in cui lo spettatore si immedesima .

Forse un po' cliché coi buoni...

Il resto del film è godibile , scorre ma non troppo , solite scene chicca di Tarantino , tipo quella con Bruce Lee e Pitt sul set.

A caldo però , della seconda fase della storia di Tarantino , Bsg in avanti è quello che mi ha esaltato di meno , della serie non quanto mi verrà voglia di rivederlo.

Poi magari nei prossimi giorni a freddo potrei anche in parte rivedere il giudizio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ordelle

Film inutile, noioso all’inverosimile, Tarantino che rifà Tarantino. Dopo Kill Bill il vuoto cosmico. Non si può né  si deve difendere ad oltranza nulla, questo è 1film che al di là della perfetta e maniacale ricostruzione della Las Angeles anni ‘70 per il resto è NULLO !!!!  ...  

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
19 ore fa, homesick ha scritto:

Il finale per me è quello che risolleva di molto il giudizio finale .

A mio avviso ha il suo senso , conoscendo la storia reale , una sorta di rivalsa in cui lo spettatore si immedesima

Però il modo in cui ha deciso di rappresentarla questa "rivalsa" mi ha lasciato spiazzato. In certi momenti (la visita al ranch, ex set per esempio) è serioso (musica che sottolinea la pericolosità del posto e di quella gente, l'ansia e la suspance che crea con il montaggio), ma in quel finale "tarantinato" crolla tutto, si ribalta tutto. Non voglio dire che ha smorzato il valore di quel dramma e la storia stessa. Capisco che abbia forse voluto dire "se solo il cinema avesse potuto metterci una pezza, allora avrei voluto che andasse così", però a mio parere ha esagerato. C'è troppa "ironia". Mi metto nei panni di Polanski e mi vengono un po' di pensieri.

Per il resto l'omaggio alla Tate lo trovo davvero bello, sensibile.

19 ore fa, homesick ha scritto:

tipo quella con Bruce Lee e Pitt sul set

😁😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
homesick

@djansia alla fine è sempre Tarantino , anche Django e theightfull finiscono in maniera molto "Pulp".

Alla fine in questo film rende omaggio al cinema di Hollywood dei 50 60 , al cinema italiano ma anche al "suo" cinema" con quel finale .

Share this post


Link to post
Share on other sites
magicaroma

Bellissimo, di maniera, ma comunque grandioso. Il finale significa una sola cosa; Tarantino se me frega della storia (vedi anche Bastardi senza gloria), lui con il cinema vuole salvare il mondo

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica

Per piacermi è bastato sentire tutte quelle hit del periodo e, soprattutto, vedere tante belle macchinine e macchinone.

Anche qui, Tarantino ha giocato di citazioni: la Cadillac è la stessa di "Le iene" (appartiene a Michael Madsen) e la Karmann-Ghia è quella usata da Uma Thurman in Kill Bill vol.2.

Share this post


Link to post
Share on other sites
homesick

@LaVoceElettrica dovrei risentirlo con attenzione ma il suono usato nel film per la karmann più che di un 4 cilindri ad aria tipico Volkswagen , sembrava quello di un 8 americano messo male.

Ma in america hanno solo quello in testa 😀 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pino

Visto ieri sera,ben fatto,ottime ricostruzioni,finale inconsueto,ma tipico di Tarantino.

Durante la scena finale molti tra il pubblico ridevano divertiti, ( mia moglie allibita ) segno che si aspettavano quel tipo di conclusione.

Considerando la attuale tipologia di film provenienti dagli U.S.A.,Guerra,Eroi di guerra,Marvel,Eroi nello Spazio,ed i vari Remake,e 'Digitalizzazzioni' di vecchi cult,questo è un film,a tratti meditativo,malinconico, frizzante,inquietante, che vale la pena di vedere sul grande schermo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
3 ore fa, homesick ha scritto:

sembrava quello di un 8 americano messo male.

A me non ha dato quell'impressione. Mi ha dato subito l'idea del 4 boxer, ma pasticciato.

Tant'è che un insider ha detto che gli avevano messo un Subaru, ovviamente pasticciato.

Il V8 messo male ce l'ha la Fairlane degli hippy. Ma quella era messa male dappertutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

Visto ieri, mi è piaciuto molto,  certo aiuta conoscere la vera storia della strage per comprendere il finale e il rovesciamento spiegato dal titolo favolistica. Virtuosismi a iosa, nelle riproduzioni di tanti postiches televisivi e cinematografici  e anche nella citazione dello stile italiano degli anni 60, vero omaggio al non citato primo regista italiano di spaghetti western (mi è piaciuta la sprezzatura di evocare... per sottrazione)

Grande prestazione di Di Caprio e un irresistibile Brad Pitt, nel film dal carattere identico a quello del suo cane, fa tutto ciò che deve, umilmente ed efficacemente, senza tante domande, anche con Bruce Lee 😂 

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

Bellissima anche la resa dei set cinematografici dove realtà e finzione hanno un confine non netto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62
12 ore fa, magicaroma ha scritto:

Tarantino se me frega della storia (vedi anche Bastardi senza gloria), lui con il cinema vuole salvare il mondo

È una interessante lettura

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

Chissà che avranno detto Polanski e gli eredi di Bruce Lee...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hironobu
42 minuti fa, melos62 ha scritto:

Chissà che avranno detto Polanski e gli eredi di Bruce Lee...

La figlia di Bruce si è arrabbiata (eufemismo)... 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
LaVoceElettrica
4 ore fa, Hironobu ha scritto:

La figlia di Bruce si è arrabbiata (eufemismo)... 

Avrà cominciato a gridare "Uataaan!!!" a destra e a sinistra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
Il 23/9/2019 Alle 01:04, magicaroma ha scritto:

Tarantino se me frega della storia (vedi anche Bastardi senza gloria), lui con il cinema vuole salvare il mondo

In Bastardi però è l'obiettivo dichiarato e si tiene anche sul vago e fantasioso, pur citando personaggi esistiti. Qui la storia è accaduta, mica fantasiosa e non puoi salvare il mondo continuamente perché lo hai già fatto in un film. Forse due (Django)?

Inquadrata come un "omaggio" la digerisco di più la faccenda, però qual finale forse è troppo grottesco. Non sto facendo il bacchettone perché riconosco che l'ironia ce l'ha messa davvero, in fondo il tutto inizia con un "trip" di uno dei protagonisti.

Il 23/9/2019 Alle 14:36, Hironobu ha scritto:

La figlia di Bruce si è arrabbiata (eufemismo)

Sul serio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hironobu
1 ora fa, djansia ha scritto:
Il 23/9/2019 Alle 14:36, Hironobu ha scritto:

La figlia di Bruce si è arrabbiata (eufemismo)

Sul serio?

Si. Puoi trovare delle conferme in rete. 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
Il 23/9/2019 Alle 01:04, magicaroma ha scritto:

Bellissimo, di maniera

Ma Tarantino è il re, anzi l'imperatore della "maniera"...

Vedrò presto questo film quindi sto dando una scorsa veloce ai post non rivelatori del topic che leggerò bene dopo la visione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferdydurke

A me è piaciuto molto, non è al livello di Kill Bill o di Pulp Fiction ma è comunque un film godibilissimo, divertente, ben recitato e con una ricostruzione accuratissima degli anni 70...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge
21 ore fa, analogico_09 ha scritto:

Ma Tarantino è il re, anzi l'imperatore della "maniera"...

Vasari o Giulio Romano? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
aleniola

A me è piaciuto molto, soprattutto per il finale. 

La prima parte è un bel racconto degli anni d'oro di Hollywood, con un Di Caprio a mio avviso strepitoso nella stratificazione del personaggio (un attore che interpreta un attore mentre fa l'attore..).

Finale esaltante per il senso di giustizia e almeno per me, l'effetto sorpresa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
1 ora fa, Panurge ha scritto:

Vasari o Giulio Romano? 

Il paragone si può fare meglio restando nel cinema, quindi direi che uno dei più distinti capiscula del manierismo filmico sia lo stesso Tarantino che a volte risente delle influenze kenrusseliane per via di certi guduriosi e stravaganti "eccessi" meta-kitch, grottesco-visionari...

(Con l'occasione, siamo in arti visive.., defilatamente segnalo questa mostra “CON NUOVA E STRAVAGANTE MANIERA” GIULIO ROMANO A MANTOVA)



 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Un certo manierismo lo vedo già nei western di Leone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09
6 minuti fa, Panurge ha scritto:

Un certo manierismo lo vedo già nei western di Leone.

Vero, e Tarantino si rifà anche ad altri registi italiani di "genere" che erano di maniera ma anche con delle trovate di prima mano che il suddetto raccoglie e riciccia a sua volta in modo personale... Ne parliamo magari meglio, ora devo andare e timbrare il cartellino da supplente badante applicato aggiunto della mia anziana genitrice...

Share this post


Link to post
Share on other sites
FedeZappa

Ho apprezzato la ricostruzione storico-scenografica minuziosa ma sinceramente sono il tipo di cose che non mi fanno strappare i capelli in un film semiserio come questo.

Per fare un paragone, se notassi incongruenze storiche (impossibile) in un film come Elephant man di Lynch o Full metal jacket di Kubrick, non sarei disposto a tollerarle, mentre per "C'era..." non spostano il mio giudizio globale sul film per cui...la produzione poteva anche risparmiare dei soldi.

Spettacolari invece Pitt (divertentissimo) e Di Caprio, sul quale e' inutile aggiungere altro.

Se Pacino, Kurt Russell e compagnia bella sono disposti a lavorare per 2 spicci, e a fare parti minori pur di lavorare con Tarantino, buon per lui e per il marketing ma sono pressoché ininfluenti.

Il film non arriva ai livelli dei miei 3 preferiti (le iene, pulp f. e bastardi) ma per me ha uno dei finali migliori mai visti.

Demenziale, irriverente e esplosivo: io avrei reso lo splatter ancora più estremo ma va bene così.

Nel complesso mi sono divertito un bel po', per la precisione alla fine ridevo a crepapelle, e tanto mi basta 😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

Tornato da poco dal cinema, a caldo, da tarantinista di ferro, ho dovuto attendere il lungo e (s)travolgente finale per vedere finalmente un film di Tarantino e uscire dal torpore durato oltre due ore vussute come un freddo e statico esercizio di stile registico e interpretativo, dove la cinefilia, il citazionismo a iosa, già nel titolo..,  mi è apparso troppo mentale, poco ispirato e appassionato, oramai un clichè telefonato.

Buone le ricostruzioni d'epoca ma la luce e il colore sono così opachi.., quasi spenti, dimessi, più che onirici o retrò.

Per me, escusa la parte finale (diciamo la "seconda parte" dopo l'idiotissimo intervallo che fanno solo nelle sale italiane per vendere gelati e pop corn) che da solo non basta a ribilanciare il tutto, è il primo film discutibile di Tarantino, sicuramente il più anomalo, il meno organico, dove il geniaccio potrebbe aver maturato e "manifestato" un nuovo "modo" filmico che potrei non aver afferrato e in tal caso non mancheranno le occasioni di riveredere ben caffeinato "C'era una volta..." prestando maggior attenzione specialmente alla prima parte a mio avviso molto più debole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferdydurke

Sicuramente non è il miglior Tarantino, ma, con quello che passa il convento oggi, c’è di molto peggio

Share this post


Link to post
Share on other sites
dover

@analogico_09 pienamente d'accordo con la tua disamina. 

Un film a mio avviso inutile e noiosissimo, dove un finale strepitoso non basta a giustificare 2  e piu ore di "girarsi addosso" in cui l'unica cosa da salvare (anzi da oscar) sono le prove attoriali, ma una storia inesistente/insistente, un nulla di eventi nella sceneggiatura, un continuo susseguirsi di microspot ben realizzati (ci mancherebbe altro) messi uno in fila all'altro a mo di videoclip. 

Lo so sono molto critico e impietoso, ma io amo Tarantino e mi sono sentito preso in giro, di qui il mio giudizio forse "esagerato". 

Share this post


Link to post
Share on other sites
analogico_09

@dover Si, riflettendo a freddo, ri-confermo, quasi due ore di siparietti slegati e privi di un centro di confluenza narrativo e immaginifico significativo ed organico 

La cesura tra le due ore circa di noia (l'ho provata e lo dico anche se mi dispiace molto di aver dovuto provarla, forse qualcuno ricorda come "difesi" strenuamente il Tarantino di The Hateful Eight che veniva anche legittimamente criticato in negativo) e l'ottimo finale "trash" è troppo netta e inattesa nel separare due segmenti filmici diversissimi, inconciliabili, il primo non preparatorio del secondo, il secondo non "catartico" rispetto al primo: sono come due film a se stanti.

Anche le prove della strepitosa coppia Di Caprio/Pritt - i quali ce la mettono tutta pur di "credere" a una messinscena sottotono rispetto a tanto fasto interpretativo che peraltro non riesce a compiere il miracolo di salvare il film -, rischiano di non finire negli annali degli attori del cinema perché si avverte nel fondo un retrogusto di "freddezza" e di scarso "cum-patimento" del (melo)dramma filmico, e che pertano sfociano nel virtuosismo recitativo ammirevole ma nella buona sostanza fine a se stesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296206
    Total Topics
    6495440
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy