Jump to content
Melius Club

Petersim

Jbl 4319..che sorpresa ?

Recommended Posts

Petersim

Buongiorno a voi.

Da poco ha avuto la possibilità di ascoltare le Jbl 4319 in ambiente controllato. La sensazione è stata di estrema musicalità. Confesso che pensavo di aver di fronte una produzione "povera" di Jbl, pensando che le prestazioni delle Jbl importanti (4315, 4430, L300 ecc.) e storiche non fossero avvicinabili dalla moderna produzione, condizionato, forse, anche dalla mia ricerca di un esemplare del genere.

Invece è stata proprio una piacevole sorpresa. Ho avuto la sensazione di un altoparlante che ha mantenuto la presenza corposa sulle basse frequenze tipica della jbl di annata, guadagnando, però, e questa è stata la netta sensazione, in raffinatezza sulle altre frequenze.

Ora vi chiedo, considerando che la ricerca di una jbl di annata non so se avrà mai fine, al momento mi consigliate di passare da una coppia di control monitor 4411 alle 4319 ? L'unico limite è che non ho la possibilità di confrontarle direttamente e per questo ho paura di fare un  salto nel buio, sempre condizionato dalla mia prevenzione verso l'ultima produzione jbl.

Grazie per vostre risposte

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Ho scritto in  passato alcune volte delle 4319,  che ho provato per diversi giorni nel mio impianto.

Mi sono piaciute molto,  e le avrei comprate se non avessi gia'  un  impianto che mi soddisfa.

Sono stato un JBLlista  d.o.c. (4315, 4320, 4343,  oltre a tante altre ascoltate "bene").

Hai colto nel segno, le 4319 mantengono certe peculiarita'  tipiche della grande serie Monitor dei seventies aggiungendovi  una notevole raffinatezza che non sconfina mai nella puntigliosita radiografante.     E la capacita'  di suonare forte - molto forte - senza apparente compressione e'  mantenuta,  se non migliorata.

Consiglio secco:   prendile e non te ne pentirai. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Con quale amplificazione le hai provate ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

Una volta con un Levinson ML29 (non ricordo il pre) ed altra volta con pre e finale Spectral, mi sembra il dmc 180

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo quindi consigli il "passaggio" dalle 4411 alle 4319 ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Le 4411 non le ho mai ascoltate ma, se non ricordo male, dovrebbero essere l' equivalente monitor delle L 112.

Secondo me, le 4319 spingono l' asticella più in alto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo si ricordi bene. Le 4411 sono l'equivalente monitor delle "domestiche" L112

Share this post


Link to post
Share on other sites
ffabri1969

Ottimi diffusori le 4319, molto validi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo arrivate le 4319

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Bene !

Con calma,  dicci tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo dopo 7 ore di ascolto, rectius immersione.

Pilotate da impianto full AM Audio con finali mono in classe A collegati in bilanciato.

Sono posti su stand con punte alti 40 cm.

Il dato musicale che subito sorge è la notevole qualità e superiorità del medio rispetto ai precedenti diffusori; le voci sono veramente eccellenti.

Il tweeter fa egregiamente il suo lavoro, gli alti sono cristallini e, forse, anzi sicuramente, sono leggermente superiori anch'essi anche se tale superiorità risulta essere maggiormente sfumata rispetto a quanto avvertibile con le medie frequenze, che risultano davvero eccellenti.

I bassi son abbastanza asciutti, non invadenti (oserei dire) come il classico basso JbL che è un po' "gonfiato". In queste 4319  il  basso è  più "stretto", più asciutto. Oserei definirlo anche più veloce come tutto il diffusore del resto.

Danno quasi la sensazione, se mi è permesso, dei diffusori inglesi. Hanno molta più raffinatezza delle 4411 e,  per questo, mi hanno ricordato l'ascolto delle harbeth m30.1.

Anche se rispetto a queste scendono maggiormente sulle basse frequenze ma mantengono la stessa raffinatezza.

Un altro dato importante che mi è saltato in evidenza è la completa "sparizione" dei diffusori (particolare che risultava anche con le Jbl 4411) ed una scena leggermente più elevata.

Comunque un ottimo inizio

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim 👍

Ne ero certo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD

Farei una prova con gli stand senza punte, magari con dei piedini in gomma o feltro. I finali mono di AM Audio sanno essere molto pungenti in alto (cosa che a me dava fastidio in alcuni casi, sopratutto in piena classe A), ed a casa mia avevo risolto togliendo le punte ai diffusori sostituendole con le soundcare e successivamente con piedoni in teflon (ancora meglio).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@AlfonsoD sai che hai ragione. A volte avverto anche io un particolare del genere. Infatti alzare molto il volume (anche se accade di rado) equivale non solo allo spostamento delle pareti, ma in alcuni casi ad una leggera trapanatura delle stesse.

Proverò a togliere le punte ma non ai diffusori ma agli stand logicamente

Grazie per il suggerimento

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlfonsoD

Io avevo delle punte sotto il lettore cd che mi aiutavano ad asciugare il suono con il finale che avevo prima (sempre AM audio ma l'A50), quando ho preso gli A80, non riuscivo a capire da cosa derivasse quel suono acido ed insopportabile, alla fine, tolte le punte è andato tutto a posto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
agyga

Ciao.

Io posseggo questi diffusori ormai da qualche anno, prima amplificati da un Roksan Kandy K2 BT, poi da un Hegel H160 e ora da un finale MC152.

Che dire... sono stato soddisfatto sin da subito e con tutte le amplificazioni con cui li ho accoppiati. A mio parere si tratta di diffusori piuttosto equilibrati con un basso presente ma controllato e un'ottima sezione relativa alle medie e alte frequenze.

Da qualche tempo mi sto dibattendo nell'interrogativo se fare un upgrade o meno dei diffusori ma non ho ancora fatto una scelta in merito e non credo sarà facile trovare un adeguato sostituto (a costi umani) delle JBL 4319.

Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites
codex

@Petersim 

Ho posseduto con grande soddisfazione le 4319, amplificate con ML 326S e finale 532H.

Il pezzo forte di questi diffusori è proprio il driver dei medi, a cupola rovesciata, che rende l'insieme particolarmente equilibrato ed accattivante.

Quando sono uscite, le 4319 venivano proposte - sul mercato giapponese - con stand metallici colorati in azzurro come le griglie, alti 42 cm. e senza punte.

Togliendo queste ultime, dovresti attutire l'eccesso di alte frequenze ed ottenere anche un basso lievemente più corposo.

Occhio alla posizione del tw, è piuttosto direttivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@codex @AlfonsoD sai che hai ragione. A volte avverto anche io un particolare del genere. Infatti alzare molto il volume (anche se accade di rado) equivale non solo allo spostamento delle pareti, ma un po' alla "trapanatura" delle stesse.

Provo e vi informo. Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@codex ok grazie. Complimenti.per l'impianto. Lo hai ancora in questa configurazione ?

Ed io che pensavo che le 4319 fossero una scelta di ripiego.

Avevo avuto un paio di anni fa la 4429 (anche se con ampli non adeguato) e non mi avevano fatto la stessa sensazione positiva delle 4319.

Chissà forse era colpa dell'amplificatore perché, sulla carta, dovrebbero essere superiori alle 4319

Share this post


Link to post
Share on other sites
codex

@Petersim 

No, l'impianto (era il secondo, in realtà) è stato dismesso per mancanza di tempo...

Quando sono uscite le 4319 ho avuto la possibilità di ascoltare quasi tutta la serie, dalle piccole sino alla grande 4365.

Ebbene, le 4319 mi sono sempre parse le più equilibrate, soprattutto perché quelle superiori avevano anche il driver dei medi caricato a tromba, quindi estremamente direttivo.

Pensa che il medio delle 4365 aveva un angolo di dispersione in altezza di soli 40°, ed infatti c'erano differenze evidenti semplicemente mettendosi in piedi o da seduto.
Mi fu spiegato che era una precisa scelta progettuale, trattandosi comunque di diffusori monitor.

Tornando alle caratteristiche della 4319, il driver dei medi è simile a quello adottato sui diffusori Revel (ad es. le Ultima Studio), studiati e collaudati con amplificazioni ML, almeno all'epoca: una sinergia, pertanto, praticamente perfetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
agyga

Io le utilizzo con degli stand autocostruiti in MDF portante alti 50 cm + legno con le superspikes. Credo che il "trapanamento" possa essere anche portato dall'ambiente. Nel mio caso non ho rilevato questo genere di problematica considerando anche che utilizzo dei supertweeter batpure.

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo
2 ore fa, agyga ha scritto:

utilizzo dei supertweeter batpure.

Ciao

Addirittura ?

Come mai ?   Le 4319, come peraltro anche le vecchie studio monitor a 3/4 vie, non sono carenti in alto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
agyga

Trovo che in qualche modo "completino" il suono.

Molto probabilmente si tratta di una questione psicologica ma la loro presenza mi sembra migliori la scena.

Ciao
Andrea

Share this post


Link to post
Share on other sites
ClasseA

@Petersim 

Sul trapanamento degli alti,  che è un peccato mortale dell'hifi, incidono ambiente, materiale del pavimento e assenza tappeto e le punte. Personalmente odio tutte le punte indistintamente. Anche il materiale dello stand incide. E infine ovviamente l'amplificazione e i cavi di potenza.

Facci sapere 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@ClasseA ok allora devo iniziare con tappeto e punte. Installerò il primo con sommo dispiacere della moglie (causa peli del cane) ed eliminerò le seconde, provando ad appoggiare gli stand sul pavimento con delle basette in teflon

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo ti lancio una "provocazione",  considerato che hai almeno ascoltato approfonditamente entrambe.

Se dovessi operare  una differenza (attenzione, in valore assoluto, senza riferimenti a prezzo, classe di appartenenza ecc.) tra le jbl 4315 e le attuali 4319 quale modello sceglieresti e perché.

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Bella domanda, considerando che tra i due ascolti passano un bel po' di anni e amplificazioni ...

Forse sceglierei ancora le 4315, ma di poco.   Bisogna considerare che le 4315 nascevano in un altra categoria (4 vie), ma le 4319 - grazie al progetto piu" attuale - gli si avvicinano molto come qualità, e forse le superano un po' nella piacevolezza dei medi, risultando meno chirurgiche.  Perdendo però in basso, dove le 4315 potevano contare su un volume maggiore e su un medio-basso da 20 cm che si raccordava perfettamente al woofer da 12".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Petersim

@eduardo quindi l'appartenenza ad una classe superiore, pur se con parecchi anni di progetto sul groppone, la vince sempre.

Spero di non riuscire mai a rinvenire una coppia di 4315, altrimenti nascerebbe subito il dubbio.

Nel frattempo ho trovato una coppia di l220.

O tanto o nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites
eduardo

@Petersim Ho avuto a casa anche le L 220.

Tieni presente che sono grosse, ed hanno una impostazione diversa dalle Studio Monitor.

Diciamo, generalizzando un po', che sono un po' meno chirurgiche e un po' più "emozionanti".   Insomma, meno monitor.

Non pensare di pilotarle con pochi watt;  sono casse che amano esserne inondate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296206
    Total Topics
    6495390
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy