Jump to content
Melius Club

piedic

Ha senso avere un impianto da n...mila milioni se poi l'80% del Software non ne è all'altezza?

Recommended Posts

mozarteum

A me interessa il suono verosimile non quello bello. Le voci liriche ad esempio sono stupende dal vivo ma non hanno alcun calore audiofilo. Io le voglio sentire cosi’ non abbellite.

una registrazione di Toscanini suona sempre meglio su un ottimo impianto. L’ impianto di livello conviene sempre

Share this post


Link to post
Share on other sites
antonew

Esatto, il punto è:potrei innamorarmi di Toscanini :

Carneade! Chi era costui?

..da un ascolto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
fabbe

@ClasseA penso di conoscere il suono che ti piace, mi sono ricordato che anni fa' collegai un finale a valvole da 7w in classe A costruito da mio figlio a delle casse con una sensibilità di circa 94/96 db. Il suono era effettivamente molto piacevole, caldo e suadente, voci bellissime ma colorato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maxnalesso

Direi che le 2 scuole di pensiero si sono evidenziate con chiarezza:

1) l'impianto deve essere il più fedele possibile alla registrazione

2) l'impianto deve suonare bene a prescindere dalla registrazione

Tra l'altro, volendo essere realisti,  questa cosa la possiamo già verificare mettendo a confronto le 2 modalità di approccio alla musica riprodotta,  che sono quella professionale (studio monitoring) e quella amatoriale (audiofilo e/o musicolfilo).

Se tutti volessimo l'impianto CORRETTO,  senza dubbio avremmo in casa monitor amplificati attivi delle migliori marche in circolazione (e i prezzi non sono certo popolari...),  ma poi il nostro gusto personale,  che purtroppo vedo menzionato poche volte, non sarebbe soddisfatto e quella "determinata" impostazione sonora che ci piace ce la andiamo a cercare altrove... chi 5 watt con le trombe, chi 500 watt con multivia RD,  chi elettrostatici,  chi ecc.ecc.ecc...

Quindi penso che le posizioni siano inconciliabili,  come chi preferisce la BMW serie 7 rispetto al top level Range Rover:  2 filosofie di auto diametralmente opposte,  che esistono proprio perché esistono i GUSTI,  non perché una sia meglio dell'altra.

E ATTENZIONE:  oggettivamente è certamente meglio una BMW serie 7 di una Suzuki Jimny 4x4, finchè un giorno non vi capita di districarvi in stradine di montagna durante una bella nevicata ...  chi ha orecchi,  intenda! 😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

Le REC non suonano come  si vorrebbe...causa SDR ( sistemi di riproduzione..con  errori  )...causa REC  ( rec non destinate a determinati Sistemi  e\o fatte con i piedi)..causa SU (Sistema uditivo .. vedi Risposta uditiva di ognuno)...causa..SP  (sistema percettivo  vedi risposta percettiva di ognuno..vedi diverso peso   ai diversi parametri soggettivi)...causa SA ( sistema acustico) vedi interferenze tra risposta della REC e risposta della stanza...!!! concludendo.. ad OGNUNO le PROPRIE..attribuendo il " giusto" valore alla parola " Fedeltà(NON PRENDERLA TROPPO SERIAMENTE"!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
c10m

@maxnalesso Sono d' accordo con te: alla fine è questione di gusti personali. Quello che non accetto è che per qualcuno i propri gusti siano oggettivamente "belli" e "piacevoli".

Share this post


Link to post
Share on other sites
iBan69

E poi ... ci sono anche gli estimatori della Fiat Duna!

I gusti sono gusti... chi siamo noi per discuterli? 😄

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

@iBan69 ..anche per l hifi é giunto il.tempo... di nuovi paradigmi..!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
stanzani
16 hours ago, ClasseA said:

Ci sono tv 4k  che rendono bene con le basse definizioni e altri che rendono bene col 4k o al limite col full hd ma male con definizioni più basse.

Il calore aggiunto è il dsp. Passare da ad a quattro cappa significa inventarsi un pixel ogli 50. Il dsp e non tanto il pannello  fa la differenza nel passaggio da ad ad HD. Fine OT. P.s. Nell'audio il dsp non è bene accetto a causa dell'età media ... Elevata

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
1 ora fa, stanzani ha scritto:

Nell'audio il dsp non è bene accetto

Come tutto ciò che non si conosce, non si capisce e/o non si vuole né conoscere né capire, lo si denigra 

Molto più "intellettuale" ed "artistico" esaltare cavetti pecette cremine femtomagie vetrini e formati audio poco performanti ma  di facile presa nazionalpopolare (tipo il vinile)

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

@FabioSabbatini Vedi però un DSP ...può :

...aggiungere " del buono"  ( nella miriade delle interferenze costruttive/distruttive)

...togliere "del cattivo" (come sopra)

...aggiungere "del cattivo" ( es. artefatti, distorsioni...ove non si operi in attenuazione..etc)

...togliere "del buono" ( es. potenza disponibile, qualità su determinati  parametri oggettivi ..etc)

Con tutte le combinazioni intermedie possibili!!!! 

Come dire "la cura" ( che non serve necessariamente...vedi ad esempio una stanza acusticamente curata) può funzionare alla grande...senza particolari/+/- rilevanti effetti collaterali..ma "anche no"..

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
6 minuti fa, extermination ha scritto:

Vedi però un DSP ...può

I vantaggi ENORMI in termini di qualità e di piacere di ascolto messi a disposizione da ottimi dsp (non tutti sono ottimi dsp) per chi vuole investire quel (relativamente poco) tempo e denaro per utilizzarli bene sono tali e tanti che i difetti spariscono, in pratica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

@FabioSabbatini 

17 minuti fa, FabioSabbatini ha scritto:

I vantaggi ENORMI in termini di qualità e di piacere di ascolto

Ripeto ..Ma anche no ...anche se ...per tutta una serie di ragioni...su chi ha provato a farne uso... prevalgono i Si !!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ligo

I DSP sono dispositivi di Classe BSU (Bisogna Saperli Usare).😃

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

@Ligo Non solo quelli!

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

Diciamo che a determinate condizioni , in gamma bassa, hanno un eccellente rapporto qualità di ascolto/prezzo

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
6 minuti fa, extermination ha scritto:

Ma anche no

Si può benissimo sostenere che dalla Fiat panda alla Mercedes classe G non ci sia nessun miglioramento

Io penso però che se uno ha la patente e prova entrambe...con un minimo di impegno...forse qualche miglioramento riesce a notarlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
19 minuti fa, FabioSabbatini ha scritto:

Si può benissimo sostenere che dalla Fiat panda alla Mercedes classe

Non c'azzecca!! come dicevo ..a  determinate condizioni , in gamma bassa, hanno un eccellente rapporto qualità di ascolto/prezzo..e senza "competenze"(non su DSP..ma su elettroacustica ed acustica) ... Non si può fare di meglio!!!

Ad ogni modo in tutti i casi necessita un  "professionista".. del "sapere " e del "fare" !

Share this post


Link to post
Share on other sites
dadox

In caso di alti esborsi, é normale sperare (dico sperare, non pretendere) che il disco, il cd, la liquida suonino secondo desiderio. Certo é che ci si abitua ad ascoltare materiale studiato appositamente per consentire all'impianto di dare il meglio, e poi per caso o per esigenza ci si ritrova ad ascoltare software commerciale inciso così così, la sensazione di 🤮 sta dietro l'angolo. Serve solo un po' di elasticità mentale, altrimenti ci si scopre malati di stereo, e non appassionati di musica. L'hifi é poi solo una emulazione della realtà. Basta capirlo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
1 minuto fa, dadox ha scritto:

altrimenti ci si scopre malati di stereo

Patologia diffusa ma Non ancora riconosciuta e/o classificata ...a fini terapeutici!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
19 minuti fa, extermination ha scritto:

in gamma bassa, hanno un eccellente rapporto qualità di ascolto/prezzo

Senza dsp o ciai la Rocco Lounge o qualcosa di analogo o te devi accontenta' de brutto

🙂

Inoltre è utile per molte altre cose

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination

@FabioSabbatini  Guarda che "predisporre"  di una sala di ascolto e di un sistema di riproduzione che presentino un buon andamento della risposta frequenza/tempo/energia ( basse comprese) Non è una cosa dell'altro mondo ne in termini di fattibilità ne di prezzo!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
6 minuti fa, extermination ha scritto:

Non è una cosa dell'altro mondo

Ovvio,

Di questo mondo si sta parlando

Share this post


Link to post
Share on other sites
extermination
3 minuti fa, FabioSabbatini ha scritto:

Ovvio,

Baci e Abbracci!

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini

@extermination 

Pace e bene

Share this post


Link to post
Share on other sites
jimbo

Non ha senso, a meno che si è appassionati di classica o jazz acustico dove le incisioni sono mediamente buone.Per pop e musica moderna nisba le incisioni fanno pietà,inascoltabili in impianti seri,buone per le radio in macchina m3e e smartphone,meglio i cd registarti 25-30 anni fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stebroc
9 ore fa, maxnalesso ha scritto:

Direi che le 2 scuole di pensiero si sono evidenziate con chiarezza:

1) l'impianto deve essere il più fedele possibile alla registrazione

2) l'impianto deve suonare bene a prescindere dalla registrazione

Tra l'altro, volendo essere realisti,  questa cosa la possiamo già verificare mettendo a confronto le 2 modalità di approccio alla musica riprodotta,  che sono quella professionale (studio monitoring) e quella amatoriale (audiofilo e/o musicolfilo).

Se tutti volessimo l'impianto CORRETTO,  senza dubbio avremmo in casa monitor amplificati attivi delle migliori marche in circolazione (e i prezzi non sono certo popolari...),  ma poi il nostro gusto personale,  che purtroppo vedo menzionato poche volte, non sarebbe soddisfatto e quella "determinata" impostazione sonora che ci piace ce la andiamo a cercare altrove... chi 5 watt con le trombe, chi 500 watt con multivia RD,  chi elettrostatici,  chi ecc.ecc.ecc...

Quindi penso che le posizioni siano inconciliabili,  come chi preferisce la BMW serie 7 rispetto al top level Range Rover:  2 filosofie di auto diametralmente opposte,  che esistono proprio perché esistono i GUSTI,  non perché una sia meglio dell'altra.

E ATTENZIONE:  oggettivamente è certamente meglio una BMW serie 7 di una Suzuki Jimny 4x4, finchè un giorno non vi capita di districarvi in stradine di montagna durante una bella nevicata ...  chi ha orecchi,  intenda! 😊

Per quanto mi riguarda, l'impianto deve essere fedele alla registrazione. Pur considerate le molte le variabili in gioco che modificano il suono,  (ambiente, timbrica diffusori) è così che ci si avvicina di più ad ascoltare l'opera come intesa dall'artista. D'altra parte l'impianto dovrebbe suonare bene a prescindere dalla registrazione, o quantomeno non peggiorarla. E 'questo forse il punto centrale: se un impianto fa la radiografia dell'incisione, se mostra più dettagli di quelli che ci sono nella realtà, allora avremo problemi. Non so se quest'espressione rende l'idea, ma il paragone calzante lo fece l'utente cactus atomo: se guardo un quadro, lo faccio nell'insieme, non col microscopio. Ecco, un impianto che ci fa ascoltare al "microscopio" non mi pare una buona idea. Al contrario, se il sistema è fedele, ma anche equilibrato, dovrebbe restituirci i suoni più vicini a come sono nella realtà. (oltre a come furono pensati dall'artista)

Sul punto n.2 continuo però ad avere molti dubbi... se un'incisione è pessima l'impianto non fa miracoli, vero, ma magari è comunque meglio che sul "compattone", nel senso che alzi il volume hai meno distorsione, e i dettagli, pur di poco, aumentano. Poi, che tante incisioni siano discutibili, specie in ambito pop/rock è un fatto, che buona parte di queste siano cosi brutte da essere inascoltabili ne è un altro. L'80% di incisioni orribili mi pare una percentuale eccessiva. Forse non è l'esempio migliore,  ma alcuni dei remaster più discussi di questi giorni, Battisti, Dalla, Pino Daniele, mi sembrano incisioni pop/rock più che godibili su un impianto da n milioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stebroc
19 ore fa, c10m ha scritto:

Per me un disco degli Oasis, per fare il primo esempio che mi viene in mente,  suona meglio in un impianto di livello basso che in uno che ti sputa in faccia tutte le magagne della registrazione. 

Questa affermazione ha senso, e l'ho vista più volte fare a persone esperte e credibili. Nel mio caso, facendo un test con "Back to Black" della Winehouse, altro esempio di disco con magagne, suona meglio sull'impianto di casa che nella scadente autoradio di serie. Magari escono più magagne, ma qualche aspetto migliora. Poi c'è da considerare le scelte produttive, che molte volte sono causa di cattive incisioni.

Ad ogni modo, dato per scontato che un pessimo software venga peggiorato da un ottimo hardware, si dovrebbe dedurre un fatto; all'impiantone (se uno può comprarlo) per ascoltare incisioni dall'ottimo al discreto, si dovrebbe affiancare un impiantino per dischi "con magagne".

Share this post


Link to post
Share on other sites
jimbo

Prendiamo ad esempio Donald Fagen,uno che del perfezionismo tecnicoe musicale.. ne ha fatto una ragion di vita.Confrontiamo The Nightfly 1982 con l'ultimo Sunken Codos 2012-Son pasati oltre 30 anni,d'accordo il primo ha un basso un po leggerino,ma si era agli albori del digitale,ma ancora adesso che suono...l'ultimo sembra finto,batteria spenta,immagine inesistente o quasi,e non mi si venga a dire che questo è il suono che voleva Fagen,balle...galattiche😁,alla faccia del progresso

Share this post


Link to post
Share on other sites
Jazzlover
3 ore fa, Stebroc ha scritto:

dato per scontato che un pessimo software venga peggiorato da un ottimo hardware,

Un ottimo impianto non aggiunge e non toglie nulla alla registrazione, la riproduce fedelmente. Non si comprende il motivo per il quale dovrebbe peggiorarla o migliorarla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296841
    Total Topics
    6520100
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy