Jump to content
Melius Club

Sign in to follow this  
bost

cronaca e costume Rubio e la tragedia dei poliziotti a Trieste

Recommended Posts

camaro71

@zoso non perdo nemmeno tempo a risponderti

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
10 minuti fa, ivantaggi78 ha scritto:

la grande maggioranza dei delinquenti non sarebbe a piede libero...e ciò di cui parliamo non sarebbe mai successo…

guarda che non è successo mentre tentavano di arrestarlo dopo una pericolosa fuga a rotta di collo seguita da periglioso

inseguimento a sirene spiegate, ma dentro le mura della questura o commissariato che fosse, e si era consegnato lui da se

medesimo, anche se tramite l' aiuto del fratello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso
37 minuti fa, ivantaggi78 ha scritto:

...e ciò di cui parliamo non sarebbe mai successo...

Quindi in passato l'omicida di Trieste ha beneficiato di sconti di pena.  Puoi dimostrarlo ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso
7 minuti fa, camaro71 ha scritto:

non perdo nemmeno tempo a risponderti

C.V.D.

Share this post


Link to post
Share on other sites
camaro71

@zoso non ho da dimostrare niente a nessuno compreso a te

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso
2 minuti fa, camaro71 ha scritto:

@zoso non ho da dimostrare niente a nessuno compreso a te

C.V.D. secondo episodio, prima stagione. Stay with us ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
zoso

Il precisare che si tratta di una sola persona, non è pignoleria. E' importante specificarlo perché evidenzia che qualcosa non ha funzionato. Uno solo che ha fatto tutto questo in una Questura, sfiorando una strage.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gionzi

E' vero, è stato uno soltanto a prendere le pistole e sparare; inoltre c'è la sorpresa dovuta al fatto che questo non sia stato arrestato con le mani nel sacco, ma si sia presentato spontaneamente agli agenti: in tale situazione non ti aspetteresti un'azione come quella di impossessarsi di una pistola e cominciare a sparare.

Questo non era un esagitato che da un'ora minacciasse tutti di morte, eh, era una sorta di pentito del reato commesso che si presentava confessando di sua spontanea volontà, o almeno così pareva.

Tutto ciò fa abbassare la guardia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
flamenko

Chi ha fatto la scuola di polizia, o anche solo quella per allievi ufficiali, sa bene che una ossessione degli istruttori (e di conseguenza degli allievi) è la custodia dell'arma sempre in ogni occasione anche quando si dorme.

In questa vicenda c'è qualcosa che ancora non sappiamo. Il povero Rubio lo lascerei tranquillo tra i suoi camionisti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Aggiungo che porsi qualche domanda non implica necessariamente disistima della Polizia.  Anzi: Quanto più alta è la considerazione per la professionalità e la correttezza della istituzione e degli uomini che la compongono, tanto più inspiegabile appare il fatto accaduto. Ridurre tutto al  gesto di un folle non è una risposta soddisfacente a mio avviso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
41 minuti fa, djansia ha scritto:

Telecamere nei commissariati, nelle questure e nelle caserme? Ho sentito al TG che non ci sono in posti come quelli e un po' mi ha sorpreso. Se ci fossero state, visto che l'assassino sembra non voglia collaborare, probabilmente le indagini sarebbero già chiuse.

Sono posti "delicati" lo capisco, ma a mio parere sarebbe meglio metterle.

quello che leggevo gli inquirenti viste le immagini delle telecamere esterne e nell'atrio avrebbero pochi dubbi sulla lucidita' e determinazione a uccidere del delinquente.

Quindi il fatto che non ci siano telecamere non sembra corrispondere a verità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

leggevo che sarebbe stato il fratello a denunciarlo e farlo arrestare

da cui il trasferimento a bordo di una volante in commissariato

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
7 minuti fa, stefanino ha scritto:

Quindi il fatto che non ci siano telecamere non sembra corrispondere a verità.

L'omicidio dei due poliziotti non è stato ripreso, all'interno (lungo i corridoi, nelle varie stanze, ecc.) non ci sono telecamere. Del modo in cui si è impossessato delle armi e come ha ucciso, per esempio, si può solo ipotizzare per il momento. Che fosse determinato a farlo non credo ci siano dubbi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
2 ore fa, ivantaggi78 ha scritto:

Ma davvero ci stiamo preoccupando di quello che dice un coatto che in tv si strafoca??   

il coatto ha un suo mini seguito, quindi nel suo piccolo dicendo scemenze puo'  far danno.

vedo con piacere però che dopo le esternazioni la sua share non impressionante (1,6%) e' scesa a un 1%.

Ottimo segnale: anche chi apprezza le trasmissioni trucidone alla fine un po' di buon senso sembra averlo e consegna  a rubio un sonoro schiaffone.

Da chef stellato a chef ceffonato.

Olè !

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
2 ore fa, flamenko ha scritto:

Chi ha fatto la scuola di polizia, o anche solo quella per allievi ufficiali, sa bene che una ossessione degli istruttori (e di conseguenza degli allievi) è la custodia dell'arma sempre in ogni occasione anche quando si dorme.

Per chi ha un’età, in questo forum ce ne sono molti, basta ripensare anche al servizio di leva da militari.

2 ore fa, flamenko ha scritto:

In questa vicenda c'è qualcosa che ancora non sappiamo.

Sembra il dejavú del thread sull’assassinio del Carabiniere a Roma, non sappiamo nulla tranne che un soggetto ha sparato e due poliziotti sono morti, che è stata usata l’arma di una vittima o di entrambe e che il tutto è avvenuto all’interno della Questura, poi si fa viaggiare la fantasia per fantasticare sulle ipotesi più improbabili.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
2 ore fa, Martin ha scritto:

Aggiungo che porsi qualche domanda non implica necessariamente disistima della Polizia. 

Certo, ma voler fare gli investigatori senza avere informazioni dirette di prima mano, come accade per gli inquirenti che indagano per competenza istituzionale, si rischia di ottenere quel risultato anche non volendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
4 minuti fa, maurodg65 ha scritto:

poi si fa viaggiare la fantasia per fantasticare sulle ipotesi più improbabili.

infatti credo sia meglio  stare alle dichiarazione degli inquirenti che hanno ascoltato chi c'era e hanno visto le immagini delle telecamere

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
5 ore fa, piergiorgio ha scritto:

secondo qualcuno è così, evidentemente.

TAC

Share this post


Link to post
Share on other sites
audio2
11 minuti fa, maurodg65 ha scritto:

si rischia di ottenere quel risultato anche non volendo.

mauro, come detto prima da qualcuno, lo scopo è che non succeda di nuovo. ma perché è successo ? perché in sala interrogatori o dove era era c'erano le pistole, 

se non ci fossero state non sarebbe successo. è la stessa logica che si applica dove dentro le carceri ove gli agenti non sono armati, solo quelli in garitta sul muro

di cinta lo sono,  e se non è cambiato qualcosa non possono sparare ad un detenuto neanche se sta provando a scappare, ma solo per dare l' allarme o per autodifesa.

tornando alle procedure, vanno cambiate in modo che non possa succedere ancora, e la procedura deve essere dumb proof, perché non si sa mai e bisogna stare tranquilli

3 volte. poi detta papale papale il qualcosa che non sappiamo e forse mai sapremo è se le pistole le avessero alla cintura ed il tipo li ha disarmati o erano posate sullo schedario

per comodità personale ed al tipo è bastato alzarsi dalla sedia ed allungare un braccio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurodg65
15 ore fa, audio2 ha scritto:

mauro, come detto prima da qualcuno, lo scopo è che non succeda di nuovo. ma perché è successo ? perché in sala interrogatori o dove era era c'erano le pistole, 

se non ci fossero state non sarebbe successo.

Che strane che sono queste discussioni, per i fatti di Roma ci si interroga sul fatto che i due Carabinieri fossero disarmati, mentre sui fatti di Trieste si pone il dubbio “ è forse meglio che i poliziotti siano disarmati?”. Che i tragici fatti di Trieste siano avvenuti nella sala interrogatori piuttosto che nell’ingresso della Questura non lo sappiamo, ma continuiamo a fare ipotesi senza avere dati certi su cui basarle, il punto è se a senso continuare o se non sia meglio aspettare la conclusione delle indagini per esprimersi sulla base dei fatti, ma la realtà è che in fondo dei fatti, delle prove, delle certezze non interessa più nulla a nessuno, tutto è diventato fine a se stesso, l’importante è dire cosa si pensa e postarlo in rete.

Share this post


Link to post
Share on other sites
claudiofera

Che strane queste discussioni..quasi come se si volesse dar per scontato che... voler far luce su"certi fatti" sia cosa scandalosa...e che certi ragionamenti : debbano per forza rimanere all'interno di un "cerchio magico" (purtroppo ,capita anche che il cerchio sia piuttosto opaco...è gia successo,e allora non basta manco un litro di vetril per far pulizia)...Fatte salve le necessità investigative..questi non saranno mica corpi autoreferenziali..Oh!,terra terra..son strutture al servizio di tutti noi..Forse ,qualcuno pensa" viceversa" ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin
6 minuti fa, claudiofera ha scritto:

qualcuno pensa" viceversa" ?

La vecchia mentlità per cui il "buon" cittadino è quello che rimane allineato e coperto alla versione ufficiale dei fatti e senza farsi troppe domande che "non gli competono" è dura a morire. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
Il 6/10/2019 Alle 22:16, buranide ha scritto:

A cominciare da quella del fratello di Matteo Demenego: «Tieni sempre la guardia alta quando giri perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello. Uomo di m... Ti auguro di perdere un tuo caro».

La risposta del fratello dell'agente ucciso è assolutamente inaccettabile. Con tutte le attenuanti del caso e con tutta la carità cristiana è da denuncia.

Il problema è questa specie di esibizionismo verbale amplificato dai social al quale nessuno riesce a sottrarsi: Rubio poteva tacere, ma le sue dichiarazioni sono condivisibili e per niente offensive, il fratello non ha capito nulla e ha sbroccato di brutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferrocsm
43 minuti fa, Martin ha scritto:

La vecchia mentlità per cui il "buon" cittadino è quello che rimane allineato e coperto alla versione ufficiale dei fatti e senza farsi troppe domande che "non gli competono" è dura a morire

Ancora più duro a morire è quel volerci mettere il becco a tutti i costi e a cadaveri ancora caldi da parte di tutti, siano essi parenti stretti o chef in vena di un più o meno giusto protagonismo e a scalare poi veniamo noi semplici utenti della rete che tutto sappiamo, e poi @Martindetta papale papale dentro a quelle caserme c'è da sempre stata omertà e quindi da sempre ci tocca abbeverarci a quanto da dentro lasciano trapelare, a meno che si trovi qualcuno che sempre da dentro voglia andare a rompere quel muro di silenzio e omertà. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost
39 minuti fa, wow ha scritto:

Rubio poteva tacere, ma le sue dichiarazioni sono condivisibili e per niente offensive, il fratello non ha capito nulla e ha sbroccato di brutto.

d'accordissimo, credo di aver aperto questo Th per questo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
hitch

Mi spiace tantissimo ed esprimo la mia solidarietà ai colleghi della PS.

Detto questo mi sembra che (ri)dire le stesse cose per i fatti di Roma è, quantomeno, superfluo e cioè: l'addestramento alla difesa personale è quasi inesistente.

Va bene saper usare l'arma in dotazione ma DEVE esserci anche un addestramento per immobilizzare e rendere innocua la persona in arresto, senza dimenticare che bisogna saper far fronte ad una eventuale aggressione da parte del fermato.

Discorso fondina in dotazione alla PS:  è deficitaria per una tenuta in sicurezza dell'arma in dotazione. Basta un pochino di scaltrezza e te la portano via senza problemi.

Mi sembra che erano già stati dubbi su questa forma e custodia dell'arma stessa.

Non si può e non deve morire così

Un abbraccio alle famiglie dei due ragazzi  

Share this post


Link to post
Share on other sites
ferrocsm
55 minuti fa, bost ha scritto:

credo di aver aperto questo Th per questo

@bost lungi da me il volerti accomunare a questo protagonismo che sta caratterizzando questa e altre tragedie, ci mancherebbe altro che non se ne potesse discutere, è che a me personalmente il cavalcare queste tragedie da parte dei media (aggiungendoci anche le paturnie che fanno sempre notizia di parenti e in questo specifico caso pure dello chef Rubio) per una settimana o poco più salvo poi dimenticarsene completamente fino alla prossima, mi sanno tanto di protagonismo fine a se stesso e che mi ricorda tanto quel pseudo giornalismo alla D'Urso che si ciba solo di dati auditel andando a ricercare lo scandalo a tutti i costi anche dove non ci dovrebbe essere in modo di accontentare la più vasta platea di fruitori pomeridiani avanti con gli anni e a cui non bastano più i cantieri da sorvegliare, anche perché le amministrazioni comunali senza più pecunia faticano a metterglieli insieme.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
18 ore fa, maurodg65 ha scritto:

Sembra il dejavú del thread sull’assassinio del Carabiniere a Roma, non sappiamo nulla tranne che un soggetto ha sparato e due poliziotti sono morti,

Mauro, la Polizia fa il suo (utilissimo) lavoro, i mezzi di informazione fanno il loro basandosi, nella fattispecie, sulle dichiarazioni ufficiali e i cittadini sono liberissimi di formarsi la propria opinione, in considerazione del fatto che stiamo anche parlando di come vengono spesi i soldi della collettività e di lavoratori che ci rimettono la vita.

Questo caso è più leggibile di quello di Roma, stando alla versione ufficiale. Se due agenti vengono disarmati all'interno di un commissariato e ci rimettono anche le penne, se permetti, è un caso lampante di scarsa preparazione, addestramento o dotazioni. Questa non è una critica al lavoro degli agenti che, per carità, immagino si facciano anche un discreto mazzo con carichi e condizioni di lavoro massacranti.

Spesso non ci si aggiorna/addestra per mancanza di tempo, di risorse, per difficoltà a coprire le esigenze di servizio, per i turni massacranti. Non capisco perché questo tipo di critiche più o meno basate su fatti (non parlo del chiacchiericcio social),  rivolte più che altro ai vertici (più o meno politici), debba essere letta come una critica all'operato degli agenti o della Polizia come istituzione.

Ai Rambo de nonantri faccio notare che alla mancanza di professionalità (dovuta ai motivi sopra descritti) non si ovvia con uno scadimento delle garanzie democratiche: il fatto (grave) è che in Italia molti continuano ad avere questa mentalità residuale da regime che vede le FFOO come strumento per l'affermazione autoritaria del potere. Non è così.

Un'altra piccola considerazione. La storia recente di Polizia e Carabinieri, sempre a livello di vertici,  non è stata sempre limpidissima. Ben venga il lavoro (svolto con professionalità) degli organi di informazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
wow
12 minuti fa, hitch ha scritto:

l'addestramento alla difesa personale è quasi inesistente.

meno male. Credo che in quanto proveniente da un addetto ai lavori (anche se ex), questa sia una costatazione molto attendibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Statistiche Forum

    296206
    Total Topics
    6495390
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy