Jump to content
Melius Club

milani_elek

INNUOS (mini,zen,zenith,statement...)

Recommended Posts

araxis

Grazie,tutto chiaro

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN
3 ore fa, milani_elek ha scritto:

Il blog  a che serve se no? 😅

@milani_elek grazie mille 💪🏻☀️

Non avevo capito perché parlavi dello switch Melco “audiophile” (che immagino tu abbia visto su Darko Audio) e per questo non mi spiegavo il 2 telai neozelandese ... adesso mi è chiaro, invece 🍾😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
Il 26/10/2019 Alle 11:31, araxis ha scritto:

Ma è un reclocker usb,un master clock ocxo  e doppio alimentatore lineare .

Tenendo presente che non si trova un master clock a meno di 1500 euro,e'pure conveniente se ha l'uscita master clock per il dac.

Leggo: ''this is a USB data clock, not to be confused with a sample rate clock that runs inside a DAC.''

Quindi credo che non vada confuso con un Master Clock esterno, che è un'altra cosa. Questo clock ocxo si occupa solo dell'USB. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
karnak

@milani_elek

grazie mille per l' interessante contributo : anche io sto eliminando il fido MacBook per la fruizione dei file e dello streaming e sono in attesa di un Lumin T2 che ho ordinato qualche giorno fa. Ho preferito una soluzione con dac a bordo per semplificare  e adesso sono in fase di scelta della parte storage, per cui penso di affidarmi a Melco, in particolare all' N100. Di questo NAS mi piace la possibilità di poter abbinare il suo ripper/lettore cd D100 e il fatto di avere a bordo due porte di rete indipendenti : una va alla presa di rete domestica e l'altra direttamente al Lumin. Inoltre è un apparecchio concepito appositamente per l' audio, per cui mi aspetto una resa migliore rispetto ad un NAS generico collegato ad un pur ottimo switch. 

Colgo l' occasione per ringraziare anche il gentilissimo @stefanobt76, che con i suoi suggerimenti mi ha instradato verso un giusto setup risparmiandomi qualche delusione e abbreviando la ricerca.

Mi auguro che il tutto suoni bene : entro la prossima settimana dovrei ricevere il materiale ordinato e sono davvero curioso di sentire le differenze rispetto alla mia precedente configurazione (Macbook con disco esterno USB come storage + DAC Sugden DAC4).

P.S.: il Lumin l'ho già ordinato, il Melco conto di ordinarlo dopo aver fatto una prova con il mio HD esterno collegato direttamente alla USB del T2, questo per poter apprezzare il sicuro innalzamento di prestazioni con la connessione di rete. Da più parti, non solo in questo 3ead, mi si dice ( e non ho dubbi visto l' uniformità dei pareri ) che la Ethernet è sensibilmente superiore alla collaudatissima USB. Son davvero curioso di sentire cosa ne verrà fuori. La presenza sul Lumin di entrambi gli ingressi dovrebbe permettere un confronto A/B quasi al volo. Vediamo che succede in termini di SQ, stage e quant'altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
milani_elek

@karnak Complimenti! Non ho dubbi sull'enorme miglioria complessiva che sentirai provenire dal sistema. Grazie per dedicarci qualche minuto scrivendo qui le tue impressioni.
Attenzione però a non dare affrettati giudizi sulla "superiorità" della Ethernet vs USB. In realtà (almeno quello che io ho sperimentato ecc.) ogni strada è buona ma per USB si necessita di un "trattamento" (hardware) superiore e non di poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
karnak

@milani_elek

Sì, anche io sono sicuro di migliorare : il mio setup attuale per la liquida non è il migliore che mi è passato per casa, soprattutto da lato DAC, inoltre il pur ottimo Sugden non è particolarmente sinergico con il mio Burmester 032. Credo anche che i tempi siano maturi per uno streamer di rete rispetto ad un pc, soprattutto se non hai le conoscenze o la voglia di smanettare su un PC : la configurazione hd+mac+dac , complice anche il fatto che il mac ha oramai 12 anni, cominciava a darmi qualche problemino e l'upgrade già in preventivo del DAC 4 ( acquistato quando avevo il Sugden A21 SE SIGNATURE e con cui era decisamente più sinergico ), hanno fatto il resto : l'altro giorno leggevo gli interventi del gentilissimo @stefanobt76 e mi sono convinto ( in verità con qualche lieve modifica rispetto a quanto suggerito ), a curare diversamente storage e posizionamento dei componenti, nonchè all' utilizzo della connessione di rete e di cavi con un minimo di qualità tipo i SUPRA CAT 8. Il resto, si vedrà : l'HD USB c'è già, far la prova tra i due ingressi non mi costa nulla e posso farla a parità di setup, stesi cavi e quant'altro. Il passaggio all'XLR per il segnale con cui il mio 032 va a nozze, per esempio, lo voglio fare in un secondo tempo proprio per valutare step  by step ogni incremento qualitativo. Intanto valuto il T2 con USB, poi proviamo ad inserire  un hd di rete uso audio e, infine, quando tutto sarà a posto, sostituirò i miei fidi Acrolink con lo stesso modello in bilanciato. Non mancherò, se interessa, di scrivere qualche impressione sul T2 che sono davvero curioso di ascoltare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanobt76

@karnak Ciao Roberto, è stato un piacere anzitutto per me credimi. A questo punto restiamo in attesa del tuo feedback sul nuovo set-up per la liquida e sul T2 in particolar modo. Ne sentirai davvero...delle belle, my 2cents. Un caro saluto, Stefano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pippo87
4 ore fa, karnak ha scritto:

nonchè all' utilizzo della connessione di rete e di cavi con un minimo di qualità tipo i SUPRA CAT 8

Attenzione: un cavo Ethernet con le “normali” connessioni RJ45 non riuscirà MAI ad andare oltre alla CAT 6 ... per andare oltre sono necessari connettori diversi (ed ovviamente prese diverse sugli apparecchi ...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
karnak

Probabilmente del CAT 8 interessa solo la schermatura? Oppure ho capito male io la denominazione del cavo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanobt76

@karnak puoi usare tranquillamente i Supra Cat8 Roberto, se l'obiettivo non è quello di sfruttare appieno la larghezza di banda di quella Cat per uso streaming/audio ...ma di avere un cavo ethernet di buona (io dico più che buona) qualità realizzativa/complessiva e performante dal punto di vista dell'effetto sulla SQ, ad un costo umano e non esoterico. Cosi come lo sarebbe anche un ottimo Meicord, giusto per citarne uno in Cat6...

Share this post


Link to post
Share on other sites
karnak

@stefanobt76

Grazie Stefano, avevo immaginato che i CAT8 fossero preferibili per la qualità intrinseca di cavi e connessioni senza nessuna pretesa di trasportare maggiori dati. Interessanti i MEICORD, non li conoscevo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass

Una domanda a chi è più esperto di me in questo ambito: quali sono, per sommi capi, le principali differenze tra i sistemi INNUOS e Antipodes? perché scegliere uno oppure l'altro? Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
milani_elek

@BasBass innanzi a tutto i neozelandesi sono più costosi mentre Innuos ha un catalogo che scende anche in "basso" con la serie "mini" che prevede anche per stare basso l'alimentazione separata come upgrade.
Già lo ZEN (non ZENITH) è abbastanza "economico".

Secondo, tutti gli Innuos (se non sbaglio) hanno il CDR (R=ripper) mentre Antipodes audio la parte "ripping" è (nelle ultime versioni se tralasciamo cataloghi vecchi) un device a sé stante.

Poi, a parità di gamma... non lo so' e come fai a confrontare? Quasi impossibile in Italia.

La mia l'ho detta... per quanto riguarda che cosa e come c'è "dentro"... lascio la parola agli esperti.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass
6 ore fa, milani_elek ha scritto:

non lo so' e come fai a confrontare? Quasi impossibile in Italia.

Eh lo so, mi rendo conto della difficoltà...

Onestamente la funzione ripping non sarebbe così fondamentale per me, i CD che possiedo li ho già tutti rippati con XLD e non mi metterei sicuramente a rifare tutto il lavoro, per i pochi che acquisto ancora (preferisco spendere i soldi per comprare vinili...) posso tranquillamente continuare a fare come ho fatto finora.

Ho visto che gli Antipodes sono parecchio costosi, non ho capito però lo street price del modello CX a quanto possa arrivare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
milani_elek

..attenzione che... (sembra... a me sicuramente ma non chiedermi di più...) anche il ripping e cioè il software e le OPZIONI che si accendono SUONANO.
Lo so'... lo so'... Non posso più fare a meno del ripping dell'INNUOS e mi verrebbe la voglia di cancellare tutte quelle fatte precedentemente.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites
araxis

Confermo ripping da Innuos curatissimo 

Confermato anche da tante opinioni in rete ,che lo mettono al primo posto su questa funzione!

Si anche questo fa' la differenza all'ascolto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
franz159

@araxis 

> ripping da Innuos curatissimo

Non ho dubbi, confermato da tante opinioni.

> differenza all'ascolto

Rispetto a cosa? Rispetto allo stesso CD rippato in maniera diversa, che ne so con EAC? Mi permetto di dubitare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
araxis

In rete qualcuno dice che nel ripping è superiore a Naim,ma io non posso verificare non conoscendolo.

Io ho fatto qualche prova veloce rispetto a eac fatto su pc desktop e purtroppo la differenza si sente.Ma non ci penso nemmeno lontanamente a rippare di nuovo i cd.Ma sto rippando di nuovo i miei preferiti.Sono macchine serie ,funzionano veramente bene

Share this post


Link to post
Share on other sites
BasBass

Forse l’avete già scritto, rippate in FLAC o in WAV??

Share this post


Link to post
Share on other sites
araxis

Flac

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pippo87

Flac

Share this post


Link to post
Share on other sites
milani_elek

Flac al 90% ma anche un 10%  .wav  (sto a cercare però anche i file DSD... mi interessa...  Voi dove, semmai?)

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim
Il 20/10/2019 Alle 19:22, AlbertoPN ha scritto:

Bene, ci sono anche i video su YouTube, dove si vede che la prova è stata fatta con una catena audio di buona qualità in cui suonava un server Statement liscio e poi si frapponeva proprio il Phoenix fra l’uscita USB ed il DAC utilizzato.

Anche tramite l’audio registrato si percepisce all’istante la differenza qualitativa in meglio che apporta l’uso del reclocker ... ma allora lo Zenith Statement suona “male” ? Se il Phoenix è la stessa sezione di isolamento, alimentazione e clock della USB usata nello stesso prodotto, come fa a farlo suonare in modo così clamorosamente migliore ?

Aiutatemi a capire per piacere. 

Nel video, che credo sia lo stesso che ho visto io, il reclocker Phoenix è testato in aggiunta allo Zenith e non allo Statement (che era nel ripiano sotto e non connesso). Fa ascoltare lo Zenith da solo e poi con il reclocker usb, e, se ho capito bene, sostiene che aggiungendo il Phoenix, diminuisce il distacco rispetto al top di gamma The Statement; quest'ultimo, ha già al suo interno il reclocker, ora disponibile come componente separato per essere aggiunto agli altri modelli del catalogo.   

Share this post


Link to post
Share on other sites
AlbertoPN

@naim dovrei andare a cercare il video e forse domani lo faccio, ma sono abbastanza sicuro che facessero I/O da uno Statement, che era l’unico altro Innuos sui rack (lo riconosco per il doppio telaio ed il colore champagne dello chassis).

Da li la mia forte (“forte” 🤨😂) perplessità in materia. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
franz159

@araxis Scrivi: "Io ho fatto qualche prova veloce rispetto a eac fatto su pc desktop e purtroppo la differenza si sente.".

In altre parole, nelle tue prove, hai verificato che a parità di CD rippato,   i file risultanti dal ripping fatto su pc con eac sono diversi dai file risultanti dal ripping fatto con apparecchio Innuos. Ho capito bene?

Share this post


Link to post
Share on other sites
naim

@AlbertoPN il video di cui parlavo è questo. In ogni caso il Phoenix Re-clocker nello Statement è incorporato, e non avrebbe senso aggiungerne un secondo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
SuonoDivino
8 hours ago, franz159 said:

In altre parole, nelle tue prove, hai verificato che a parità di CD rippato,   i file risultanti dal ripping fatto su pc con eac sono diversi dai file risultanti dal ripping fatto con apparecchio Innuos. Ho capito bene?

Basta usare un qualunque programma che fa il compare byte per byte, tipo: https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=27&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiRnpKeneTlAhVE6qQKHbh-CrAQFjAaegQIChAB&url=https%3A%2F%2Fdownload.cnet.com%2FBeyond-Compare%2F3000-2242_4-10015731.html&usg=AOvVaw0rKVqZyjQyrctMTWUG0mXD

Si possono paragonare i due file in formato flac o ri-convertirli in WAW e confrontare questi ultimi. Le due cose sono perfettamente equivalenti essendo flac lossless.

Se i due file risultano uguali va in frantumi il mondo dei sogni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mla

@SuonoDivino Ciao, non credo si possa usare un programma di confronto file byte a byte, che tra l'altro tutti gli "Unix like" hanno già incluso, vedi "cmp" e "diff", perché i metadati saranno probabilmente diversi ed i parametri impostabili dai programmi di ripping stessi ne modificano il contenuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Arnaldo
Il 29/10/2019 Alle 07:20, karnak ha scritto:

il suo ripper/lettore cd D100

Qui oltre ad apprezzare la gnocca orientale...si può vedere cosa c'è dentro il Melco D100.

http://www.360doc.com/content/19/0306/15/31043285_819627691.shtml

un BDXL della Pioneer

https://www.geek.com/chips/pioneers-new-optical-drive-offers-6x-128gb-bdxl-disc-recording-1449451/

Share this post


Link to post
Share on other sites
SuonoDivino

@mla in un file waw le differenze vere sono facilmente identificabili. Ovviamente per chi si prendera la.briga di andare a vedere come e strutturato un file waw.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297558
    Total Topics
    6552008
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy