Jump to content
Melius Club

Gaspyd

al maschile Cuffie, Amazon mi ha "rifilato" un reso !!!!

Recommended Posts

magicaroma

Ci mancherebbe! Ma senza vergognarsene. Quando gliel’ho  ho fatto notare ha negato fino alla morte

Share this post


Link to post
Share on other sites
magicaroma

E senza la tarantella “oggi faccio l’ordine, il tempo che spedisco, quattro/cinque giorni dovrebbe essere qui”

Share this post


Link to post
Share on other sites
Illbegood

@stefanino Se un negoziante mi rifila un demo senza dirmelo è quasi una frode perché il prodotto è usato sebbene la garanzia parta dalla data di acquisto. Esigo un prodotto nuovo e sigillato, a meno che non mi venga detto prima di perfezionare l'acquisto, a quel punto decido se acquistarlo così, chiedere uno sconto o chiedere di ordinarne uno nuovo. Se il negoziante non riesce a far fronte ai costi, chiuda o cambi mestiere, non devo essere io a farne le spese.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

... se ci ripenso, probabilmente il miglior acquisto di hifi che ho fatto è stato un ex-demo con tutti i segni delle battaglie trascorse: Rigature, alette storte, versione coi trasformatori "vecchi",  tarature un po' andate... lo pagai 1/3 del prezzo. In preda di audiofili amorazzi fugaci cercai più volte di cacciarlo di casa, ma alla fine vinse ogni confronto, ed è ancora lì a contemplare il fiume che trascina i corpi dei suoi sfidanti...

🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
criMan

@magicaroma Magari uno dei piu' grossi di Roma?

Share this post


Link to post
Share on other sites
criMan
2 ore fa, stefanino ha scritto:

i prodotti demo devono essere venduti

nessun negoziante ha margini per operare come molti anni fa

Ci credo!

Basta che il cliente X sappia cosa sta acquistando.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
2 ore fa, stefanino ha scritto:

i prodotti demo devono essere venduti

Sicuro, però lo dici prima e lo fai pagare come ex demo (quindi qualcosa in meno del nuovo: non pretendo la metà, ma un po' meno del nuovo sì).

Se me lo spacci per nuovo col prezzo del nuovo, potrei avere qualcosa da ridire.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

@lufranz @Illbegood 

sto parlando di cio' che accade non del cosa dovrebbe accadere

Il primo ex demo che beccai fu da un noto negoziante del centro di Milano (inizio anni 80)

Li fu chiaro e disse che non aveva stock , che il demo gli serviva ma se proprio lo volevo me lo avrebbe venduto a malincuore (quindi non chiedermi lo sconto)

Il giorno stesso mio fratello vece un passaggio e vide lo stesso modello di nuovo sullo scaffale. Stessa risposta "non ne ho piu' ma se vuoi ti vendo questo però a prezzo pieno"

(ma come, non aveva esaurito lo stock?)

Poi meta' anni 80 appresi un'altra tecnica per non avere l'onere dell "ex demo" ovvero dell'extra sconto

I prodotti demo venivano fatti ruotare  in modo che fossero sempre in ottime condizioni quindi reimballati e messi nel magazzino vendite

.

Quello che mi fece incazzare a suo tempo fu scoprire che i negozianti acquistavano diversi pezzi ottenendo uno sconto in merce sul primo ordine (esempio X ampli fatturati + uno omaggio) proprio perché uno era destinato, nelle intenzioni del fornitore, a essere una unità demo.

Allora lo facevano per maggior lucro e arricchirsi, oggi lo fanno perche' senza quel maggior lucro e' facile tirare giu la saracinesca.

Poi si puo' dire anche "che cambino mestiere". Mi sembra che in generale lo stiano gia' facendo da almeno un decennio.

.

Futuro? Demo room. Tu hai spazi io azienda ti affitto un pezzo di scaffale (o se ho soldi faccio una mia demo room). Poi che il cliente ordini tramite Amazon o altri venditori online mi frega nulla.

Basta che questi venditori mi dicano dove consegnano (citta' / CAP) in modo che io possa valutare se quello scaffale che ho affittato in parte o il negozio che ho preso in toto "funziona"

Futuro non lontano, alcuni brand dell'illuminotecnica e dell'arredo di design lo stanno gia facendo da qualche anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
magicaroma

@criMan lui ha la nomina gli altri fanno i fatti (passami l’orribile gioco di parole). No, non era “er bananaro” come lo chiama un mio amico, anzi, ce ne fossero come lui; sai di andare in un suk e ti prepari mentalmente, io lo trovo anche divertente. Vabbè non è successo niente, è un negoziante serio e preparato, gli avevo fatto una battuta salace, così in amicizia e mi ha ripagato con questa piccola ripicca. Può succedere che ti alzi con la luna storta, pazienza 

Share this post


Link to post
Share on other sites
xalessio
6 ore fa, Martin ha scritto:

ed è ancora lì a contemplare il fiume che trascina i corpi dei suoi sfidanti...

Meraviglioso. Di che si tratta? 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin
4 minuti fa, xalessio ha scritto:

Meraviglioso. Di che si tratta?

Il brutto anatroccolo è un finale Bryston 3B. Non è bello ma mi piace, e quando si tratta di cacciare gli attributi,  Il vecchietto si fa ancora "dare del Lei".

Share this post


Link to post
Share on other sites
xalessio

@Martin ho visto come è costruito internamente. Incute un certo timore in effetti...💪

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gaspyd

OK ho proceduto alla richiesta di reso con cambio prodotto.

Amazon ha già spedito le cuffie e a me ha dato 30 giorni di tempo per restituire le prime … 🤩

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bizio

Sarà una mia impressione ma, ultimamente, in Amazon qualcosa scricchiola. La gestione dei resi, se non è fatta come si deve (e probabilmente questa gestione è il loro segreto meglio custodito, quindi nessuno sa esattamente come stanno le cose), ha un effetto devastante. 

Di recente ho fatto un paio di acquisti che non mi hanno lasciato proprio soddisfatto in tal senso e la mia fede ha vacillato quel tanto che basta da chiudere il rubinetto. Basta poco eh...

Share this post


Link to post
Share on other sites
papàpaolo
Il 5/11/2019 Alle 12:14, stefanino ha scritto:

Basta che questi venditori mi dicano dove consegnano (citta' / CAP) in modo che io possa valutare se quello scaffale che ho affittato in parte o il negozio che ho preso in toto "funziona"

Futuro non lontano, alcuni brand dell'illuminotecnica e dell'arredo di design lo stanno gia facendo da qualche anno.

Lavoro nell'arredamento e confermo, le vendite online  del mio brand vengono girate al negozio più vicino al cliente, le piccole vendite vengono gestite totalmente online, se c'è bisogno di montaggio interveniamo noi del negozio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
5 ore fa, Bizio ha scritto:

La gestione dei resi, se non è fatta come si deve (e probabilmente questa gestione è il loro segreto meglio custodito, quindi nessuno sa esattamente come stanno le cose), ha un effetto devastante. 

le persone che hanno approfittato della politica resi "ampia" di amazon sono decine di migliaia.

Tre casi tipici

a) prendo un oggetto su amazon il 3 di novembre

Il 4 arriva e lo uso per XX giorni (il limite del reso)  lo rendo, ovviamente ne acquisto uno pari o migliore il giorno prima

Prodotto nuovo forever

b) non so che oggetto prendere, ne prendo tre , li uso per i gg consentiti prima del reso, allo scadere ne rendo 2 e mi tengo quello che mi aggrada.

c) vado in ferie , prendo la fotocamera Amazon figa, la uso per 10gg, rientro e la rendo perche' "nun me piace"

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

In un corso di e-commerce dissero che i resi per falsa motivazione potevano raggiungere in certi settori il 20% del consegnato. L'abbigliamento guida la classifica, seguito dalla "wearable electronic". 

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

se il 20% e' per falsa motivazione e quel 20% reso deve essere scontato del XX %

e' evidente che chi vende deve prendere due contromisure

-restringere la politica resi

- mettere a costo la perdita (o mancato margine) conseguente il reso ovvero aumentare i prezzi

quando becco quello che dice "io prendo tanto poi rendo" mi scappa sempre un "sei un ladro di merrda"

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin
1 ora fa, stefanino ha scritto:

-restringere la politica resi

- mettere a costo la perdita (o mancato margine) conseguente il reso ovvero aumentare i prezzi

Si, il corso evidenziava il trade-off tra questi due punti. Una generosa politica dei resi era utile per vincere un grosso fattore limitante l'accesso di nuovi clienti, ma comportava inevitabilmente un aumento dei prezzi, che  allontanava clienti. 

È passato qualche anno e forse le cose sono cambiate,  l' e-commerce si è diffuso.

Nella palazzina uffici dove lavoro, il flusso dei consegnini di amazon e similari (e dico solo degli acquisti privati) è pressoché continuo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
magicaroma

@stefanino D) volevo comprare una cuffia usata ma ero indeciso, il venditore mi ha detto “prendila su Amazon, se ti piace la restituisci e compri la mia”. Sigh!

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
Adesso, magicaroma ha scritto:

il venditore mi ha detto “prendila su Amazon, se ti piace la restituisci e compri la mia”. Sigh!

spero che tu non abbia comperato (da lui) la cuffia

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
35 minuti fa, Martin ha scritto:

il flusso dei consegnini di amazon e similari (e dico solo degli acquisti privati) è pressoché continuo

nella azienda di mia moglie hanno dovuto mandare circolare vietando consegna presso ufficio

finche' sono una decina passa ma quando arrivi a 80-100 ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
magicaroma

@stefanino ho seguito il suo consiglio; l’ho presa su Amazon, mi è piaciuta e me la sono tenuta.

Vabbè, ma la mia è deformazione professionale, se un oggetto corrisponde alla descrizione e non presenta difetti non lo restituisco mai.

p.s. Anche se non credo che Amazon merita di questi riguardi

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino

be' piu' che riguardo ad Amazon direi che nessuno merita di essere truffato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo 62

@Illbegood Togliamo pure il quasi. E cosa dire dei televisori tenuti accesi tutti i giorni per qualche ora e venduti dopo mesi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
djansia
5 ore fa, stefanino ha scritto:

le persone che hanno approfittato della politica resi "ampia" di amazon sono decine di migliaia

Se non sbaglio chiudono l'account a chi esagera. Non conosco i termini o comunque le modalità di verifica (sempre attraverso software di analisi?) ma ho letto che lo fanno. Vero è che in più posti leggo di chi fa così davvero spesso e con oggetti abbastanza costosi, ma non ho mai letto che poi gli hanno chiuso l'account.

Share this post


Link to post
Share on other sites
stefanino
1 minuto fa, djansia ha scritto:

ma ho letto che lo fanno

a posteriori, ma adesso la politica resi (specialmente su item tipo smartphone) e' diversa e il rimborso non e' piu' immediato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bizio

Io applicherei la politica del reso senza riserve o costi aggiuntivi solo per gli oggetti non conformi alla descrizione, danneggiati, non funzionanti, senza sigilli sugli imballi originali, arrivati con eccessivo ritardo rispetto al previsto (un oggetto che deve essere regalato non può arrivare dopo il compleanno...).

Per tutto il resto, applicherei un margine sul rimborso che equivale poi allo sconto applicato all'acquirente successivo (l'oggetto va in wharehouse).

Così, chi ha il viziaccio di "fare le prove", o smette o paga quello che è giusto per aver provato; poi l'acquirente successivo è ben consapevole del motivo per il quale l'oggetto è scontato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jj@66
13 ore fa, Paolo 62 ha scritto:

cosa dire dei televisori tenuti accesi tutti i giorni per qualche ora e venduti dopo mesi

Quoto, mi è capitato un paio di volte (un televisore e un portatile) di aver chiesto l’articolo e mi è stato proposto l’acquisto dell’oggetto a prezzo pieno: declinato entrambe le volte in quanto facevo notare che si trattava di prodotti usati e pertanto non vendibili come nuovi.. chiaramente il commesso, essendo un dipendente e seguendo le direttive aziendali, non ha potuto applicare nessun tipo di scontistica e ho rinunciato ai prodotti, ma il sentore è che tendenzialmente hanno direttive che gli impongono di smaltire i prodotti esposti dopo un certo periodo, quindi una vera e propria politica aziendale suppongo.

.

Tornado al tema del thread, una politica dei resi così ampia fa si che Amazon rimetta in circolo prodotti non intonsi, a me è capitato solo un paio di volte: con una batteria per fotocamera e un cofanetto di Vasco Modena Park, in entrambi i casi ho ricevuto la proposta o di reso o di sconto, dopo aver appurato che entrambi gli articoli erano “usati ma pari al nuovo” ho accettato di tenerli, a fronte di uno sconto del 30% circa.

Ci tengo a sottolineare che sono cliente Amazon dal 2010 e ho effettuato un solo reso nel corso di questo decennio, un cd arrivato in condizioni veramente disastrate e nel giro di 24 ore è arrivata la sostituzione.. per contro ho comprato diverse volte prodotti usati e sono sempre rimasto soddisfatto, sopratutto cd hai quali sostituivo la custodia ed erano praticamente nuovi. 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297030
    Total Topics
    6529522
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy