Jump to content
Melius Club

ifer

cronaca e costume Giacca e cravatta

Recommended Posts

ifer

Mi sembra che giacca e cravatta stiano definitivamente tramontando.

La vedo solo ad agenti immobiliari, Conte e Di Maio e qualche libero professionista ancora convinto che l'abito faccia il monaco.

Prevale l'abbigliamento più minimal alla Marchionne, Zuckerberg o se preferite alla Salvini ante Conte 2.

Ma più in generale per i comuni mortali pullover con o senza camicia o anche felpe con zip e t shirt.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Schelefetris

dipende sempre dal lavoro che si svolge. tutti affermiamo che l'abito non fa il monaco ma poi, a seconda dei casi, valutiamo il vestiario per rapportarci.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

Dipende anche da luoghi e circostanze. 

All'assemblea Regionale Siciliana sono richieste giacca e cravatta anche ai visitatori.

Non vige però, questa prescrizione per i visitatori della Cappella Parlantina, sebbene ricompresa nello stesso sito.

Ricordo ancora quando un ex simpatizzante di sinistra, mi chiese come si annodasse la cravatta ( oltre ad una mia cravatta) proprio perché doveva accedere all'ARS come visitatore .

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

sul lavoro: diciamo che prima erano uno status symbol se potevi metterle, oggi se puoi non metterle

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum

In udienza e’ obbligatorio. In Consiglio di Stato e’ consigliata alta sartoria

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62

in alcuni contesti lavorativi contemporanei (advertising, comunicazione, creativi) giacca e cravatta non sono tollerate.

Da Bardi comunque mi aspetto almeno  un Attolini

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

E' il metodo più rapido per vestirsi al mattino senza rovelli su abbinamenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
melos62
Adesso, Panurge ha scritto:

E' il metodo più rapido per vestirsi al mattino senza rovelli su abbinamenti.

esatto, va bene per lavoro, battesimi, matrimoni e funerali, più comodo di così...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Il massimo del comfort quando si può stare sui 350-400 grammi al metro, grammatura classica biellese. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ifer

Però non mi portate esempi estremi:

Assemblea Regionale Siciliana, se non ricordo male la Sicilia è regione a statuto sociale . Poi in estate là ci sono 40°.

Consiglio di Stato: alta sartoria? Caste, lobbies, massoni etc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink

Cravatta ... ma stiamo scherzando ?

Ho notato che ormai solo i fuffologi la indossano nei posti di lavoro.

Al Consiglio di Stato piuttosto che i figurini farebbero meglio a non pilotare sentenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum
5 minuti fa, bombolink ha scritto:

Al Consiglio di Stato piuttosto che i figurini farebbero meglio a non pilotare sentenze.

Ti consiglio di eliminare questa considerazione diffamatoria nella sua genericita’. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
appecundria
1 ora fa, ifer ha scritto:

senza camicia o anche felpe con zip e t shirt

Oltre i 50, solo se sei un miliardario californiano della new economy.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink
mozarteum

Sono tre o quattro episodi. La tua frase e’ allusiva in modo generalizzato. Ma fai tu, a me mica cale

Share this post


Link to post
Share on other sites
spersanti276

L'ultima volta che mi sono paludato in giacca e cravatta è stato il 20/7/1986 giorno del mio matrimonio. Burrasca su Roma mai vista.

Parenti barricati sotto al portico di S.Giorgio al Velabro che anni dopo verrà fatto saltare in aria.

I segni nefasti c'erano ma tutto si compì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink
9 minutes ago, mozarteum said:

Sono tre o quattro episodi. La tua frase e’ allusiva in modo generalizzato. Ma fai tu, a me mica cale

È ovvio che non mi riferisco all'organo intero ma direi che quanto emerso nelle cronache non sia certo edificante, fermo restando le responsabilità personali che non mi pare siano riferite agli usceri con tutto il rispetto.

Quindi ribadisco: meno vestitini carini e più sostanza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

@mozarteum minimo sindacale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
paolosances

@ifer il valore climatico non è circostanza esimente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Savgal

Una premessa fondamentale, l'abito fa il monaco. Ciascun ruolo richiede un abbigliamento consono e le persone valutano nei rapporti anche come è vestito l'intelocutore e, nella mia esperienza, si comportano di conseguenza, ne siano o meno consapevoli. Nel mio caso, la giacca è di ordinanza per quasi tutto l'anno, la cravatta da novembre a marzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin

Personalmente in giacca e cravatta non mi sento a mio agio, come se l'abbigliamento non mi corrispondesse, non mi rappresentasse. Il risultato è che sembro goffo, impacciato. Il mio compromesso per le rarissime occasioni formali, se proprio non riesco ad evitarle, sono le camicie alla coreana o il dolcevita garattiniano (nel mio caso pulito) sotto alla giacca, e finora me la sono cavata. È anche vero, però,  che di mestiere non faccio l'AD. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
mozarteum
16 minuti fa, paolosances ha scritto:

il valore climatico non è circostanza esimente.

Lino e cotone, cappello panama l’eleganza e’ possibile anche d’estate in Sicilia se uno vuole

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo67

Per quasi 10 anni ho usato quasi solo t-shirt e felpe, che la mia donna se ne fregava.

A quella di adesso piace che metta la giacca (cravatta non richiesta, decido in autonomia), anche coi jeans, ed ho rispolverato ciò che avevo nell'armadio. 

In alcune non entro più, in altre si. Meno male.

Quindi: che giacca sia, tanto non mi da alcun fastidio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink

In linea di massima concordo ma è pur vero che oggi molti mascherano limiti personali con il vestitino carino.

L'abito non fa solo il monaco, ma anche il cretino.

Share this post


Link to post
Share on other sites
qzndq3

Per anni ed anni ho avuto l'obbligo di abito scuro, cravatta e rasatura fresca di giornata. In seguito è stato accettato lo spezzato e barba curata con unica eccezione il Venerdì in ufficio se non si ricevevano clienti e per la frequenza dei corsi in sede. Oggi il dress code aziendale non richiede più la cravatta, è però altamente suggerito abbigliamento formale quando si è in presenza di clienti. Agli eventi è richiesto abito scuro.

Personalmente ho abbandonato la cravatta una decina di anni fa, ad eccezione, appunto, quando devo presenziare ad eventi con i clienti.

Circa 30 anni fa dovetti partecipare ad una iniziativa aziendale, una sorta di training a Plano, uno dei docenti ci disse di metterci comodi, tutti togliemmo la giacca ed allargammo il nodo della cravatta, io arrotolai le maniche della camicia. Il docente si avvicinò a me e mi disse sottovoce: "Ho detto di mettervi comodi, ma non troppo, per favore rimetti a posto la camicia". A quei tempi, almeno negli States, alle donne era richiesto il tailleur con la gonna e non erano consentiti i pantaloni. Io stesso rischiai una pesante reprimenda perché mi presentai con la barba non fatta, venni graziato perché ero arrivato dall'Italia poche ore prima.

Per assurdo ho tre clienti che operano nel settore dell'alta moda,  da loro è praticamente obbligatorio l'abbigliamento casual. Onestamente è una gran rottura di bolas trovare gli abbinamenti adeguati, molto più veloce indossare camicia chiara, giacca blu e pantaloni scuri. Cravatta nell'armadio ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Martin
6 minuti fa, qzndq3 ha scritto:

Per assurdo ho tre clienti che operano nel settore dell'alta moda,  da loro è praticamente obbligatorio l'abbigliamento casual.

Pochi anni fa dovetti, mio malgradissimo, assistere ad una presentazione a Milano.  Dalle mail di invito vidi che partecipava anche il facility-manager di un notissimo brand dell'alta moda. Primo sguardo ai partecipanti, e pareva di essere ad un meeting di tecnocasa, tranne il sottoscritto ed uno che era ancor più zaccone: Era quello del notissimo brand della moda...

🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Per i corti e larghi meglio la giacca del maglione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296855
    Total Topics
    6522013
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy