Jump to content
Melius Club

Tody

Consiglio cd old stile

Recommended Posts

releone71

@cactus_atomo il mio vetusto Philips CD 350 è uno dei più famosi affetti da moria dei segmenti del display. Anni addietro @HDVS/Giacomo mi procurò il display di ricambio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@cactus_atomo sinceramente non saprei...quel lettore funziona comunque bene ed anche se poco luminoso si legge ancora, quindi non mi sono posto il problema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cabrillo

X fortuna il mio CD 460  ha il display perfetto insieme a tutto il resto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@oscilloscopio @v15 Oh, ragazzi, parliamo sempre di Philips, quindi di roba "economica". Sono stati grandissimi inventori, dalla Compact Cassette al CD, ma come costruttori erano un po'... così così (anzi, tanto "così così", ma oggi sembra che sia stato un costruttore top: semplicemente, non lo era).

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ediate Alcune cose realmente valide le hanno fatte, ma si perdono nell'infinità di prodotti a basso costo che hanno buttato sul mercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ediate

@oscilloscopio Sì, infatti mi riferivo proprio a questo. I pre-finali Philips della serie Laboratory erano invece veramente notevoli: credo ne abbia una o due coppie Spartaco @cowboy

Share this post


Link to post
Share on other sites
v15
8 ore fa, ediate ha scritto:

ma come costruttori erano un po'... così così

Mah,  insomma...😁😁

canaboon-img600x400-14896464591489646459.34777821kjojh7782.jpg.5fe5bfe0d60fbb5c19b1f9bb7b6ad8da.jpg

8 ore fa, ediate ha scritto:

credo ne abbia una o due coppie Spartaco @cowboy

No, le ha Giovanni @gbale

Share this post


Link to post
Share on other sites
lufranz
14 ore fa, v15 ha scritto:

il display con i segmenti che in alcuni casi tendono a "morire".

Il mio primo lettore è stato un Philips midi di quell'epoca, forse era un CD450 o comunque un modello molto simile per estetica.

Allora si potevano permettere di dare solo 6 mesi di garanzia.

Dopo 7-8 mesi cominciarono a morire i segmenti del display, uno alla volta.

Mi chiesero 70.000 lire di allora per il ricambio.

Vendetti il lettore così come era a un amico e con il ricavato comprai un Sony, che mi servì fedelmente e senza il minimo problema per circa 15 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ontherun
On 11/7/2019 at 11:22 AM, lufranz said:

Faccio presente che "finire" un laser non è facile, spesso i problemi imputati al laser hanno origine diversa (elettronica). Un diodo laser ha oltre 10.000 ore di vita utile, significa stare acceso 24 ore al giorno ininterrottamente per un anno di fila, 365 giorni su 365 (366 se bisestile 😁)

Di lettori col laser veramente andato ne avrò visti due o tre in tutti questi anni.

Spesso è un problema di taratura... una volta presi un'inchiapp... da un centro ass. Pioneer che puntualmente ogni 3/4 anni voleva cambiare il laser del mio PD93 quando questo iniziava a saltare in qualche traccia... la seconda volta mi feci dare il presunto laser rotto /esaurito e lo portai da un mio amico tecnico che lavorava in un laboratorio anche per Philips (sebbene non nel settore audio)... appena poté lo affidò (laser e lettore) ad un suo collega che lavorava in centro assistenza (anche) audio Philips e dopo neanche una settimana l'amico mi riferì i risultati... il laser non aveva niente, semplicemente andava tarato, tanto che mi restituì il lettore con il 'vecchio laser' tarato e rimontato così da tenere il nuovo come eventuale ricambio... non fu mai necessario utilizzarlo, la volta successiva mi feci tarare dinuovo il laser poi quando decisi di dar via il PD93 (me ne pento ancora oggi) inserii nella vendita anche il laser (quasi un omaggio visto il prezzo a cui vendetti il lettore e quello a cui invece se lo vendono oggi... praticamente 2 volte e mezza !!! Non so se essere😠 o 😭

Share this post


Link to post
Share on other sites
liedolo6

Ho preso qualche giorno fa in Uk il mio primo CD Philips, un CD373 monta TD1541 e CDM2 e dovrebbe essere in ordine da quanto dice il venditore, pagato poco circa una 50 di euro spedito. Sto anche osservando i CD104 ogni tanto si vedono intrno alle 100 sterline...

Qualcuno per caso conosce il CD373 ?? Non ho trovato granche' in rete...

Share this post


Link to post
Share on other sites
oscilloscopio

@ontherun Stesso problema con il mio Technics SL-P770 ma grazie all'aiuto degli amici forumer e schema service alla mano ho modificato la taratura (peraltro senza strumenti) ed è tornato a funzionare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ontherun

Rimanendo su Pioneer, una macchina, molto più recente del mio vecchio PD93, da prendere in seria considerazione è la PD D9, tra l'altro è anche SACD; si può considerare un Wadia a prezzo (quasi) da supermarket... con due favolosi Wolfson 8741 (considerati da molti la creme de la creme tra i dac chip più recenti) ed una meccanica non da meno (soprattutto avendo la fortuna/riguardo di trovare/prendere un esemplare con meccanica 100% cast alloy... puro metallo... probabilmente alluminio) personalmente lo considero tra le migliori macchine uscite negli ultimi 10/15 anni. Peccato il display parecchio minimale (misero direi) e la mancanza di uscite bilanciare (strano per un DAC a doppio chip 2ch/cad).

Se ne trovo un esemplare in ottime condizioni a prezzo mi sa che me lo metto in casa... non so perché ma ultimamente mi sta tornando una gran voglia di supporto fisico 😊

edit: la D9 e non la D6 (di cui peraltro so poco) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ontherun
17 hours ago, ediate said:

Oh, ragazzi, parliamo sempre di Philips, quindi di roba "economica". Sono stati grandissimi inventori, dalla Compact Cassette al CD, ma come costruttori erano un po'... così così (anzi, tanto "così così", ma oggi sembra che sia stato un costruttore top: semplicemente, non lo era).

[OT] ma credo ci stia. 

Philips è stato un grande gruppo, un colosso (lo è ancora ? Probabilmente non più) dell'elettronica in generale (non solo consumer, era attiva anche nel settore dell'ottica [controller], degli elettromedicali [lo è tuttora], probabilmente anche in attività relative alla ricerca spaziale etc etc) che più che sulla produzione di propri prodotti finiti basava e oggi forse ancor più basa i propri utili sulla ricerca e sulla produzione inside e non (anche sotto altri marchi... una volta erano una pletora, forse oggi molti meno) di componentistica da vendere insieme alle sue infinite licenze (voce forse primaria) per permettere ad altre società (nelle quali spesso ha anche interessi finanziari) di produrre a loro volta prodotti che a volte Philips neanche produce. Questo almeno fino all'altro ieri, oggi le cose sono un po' cambiate, neanche di poco. 

Definirlo come grande produttore, e men che meno top, forse non è proprio la terminolgia più esatta... diciamo che è stato un grandissimo gruppo dove la ricerca (finalizzata a creare importanti standard quasi sempre di rilevanza planetaria... e di conseguenza lucrose licenze) con tutto quello che ne consegue è sempre stata la maggiore risorsa. 

Philips senza ombra di dubbio rimarrà uno dei top player nella storia dell'elettronica (nel più ampio senso della parola) di tutti i tempi... ricordo che è nata nel lontanissimo 1891 !; oggi sebbene abbia scorporato ormai quasi tutte le attività che non siano quelle inerenti all'unico settore di cui si occupa ormai esclusivamente (elettromedicali ma anche qualche ramo dell'ottica applicata) continua tramite appunto tutte quelle più o meno piccole società a cui ha venduto le sue mille attività interessi in altrettanti settori seppur oggi probabilmente solo dal punto di vista finanziario... quote societarie, azioni, diritti etc... ancora utili comunque. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ontherun
9 hours ago, v15 said:

Mah,  insomma...😁😁

canaboon-img600x400-14896464591489646459.34777821kjojh7782.jpg.5fe5bfe0d60fbb5c19b1f9bb7b6ad8da.jpg

17 hours ago, ediate said:

credo ne abbia una o due coppie Spartaco @cowboy

No, le ha Giovanni

Bellissimi ! Linea pulitissima e ancora oggi definibile attuale. Modello ? Immagino il DAC sia un multi (4... 8x ?) 1541/A Gold Crown... 

Update: trovato ! È la versione Philips del Marantz CD12LE. 

Qui una breve recensione fatta da Ken Kessler all'epoca... 

Qui invece diverse recensioni di apparecchi di produzione olandese...

Interessante/utile andare a dare un'occhiata anche nel vecchio sito di Lampizator (alias mr. Fikus) quello raltivo al modding; molte informazioni tecniche soprattutto per sapere e vedere quale componentistica (sigle) venisse impiegata in molti degli apparecchi qui menzionati... molti Philips/Marantz, Sony... soprattutto quelli '1541 based' di cui Mr. Fikus era/è grande estimatore... ma anche Arcam/Cambridge e diversi insospettabili giapponesini. 

Links (verificati):

Main (archivio)

60 progetti /modding (di Lampization)

Lista alfabetica modelli CD/DAC 'lampizzatati'

😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
bear_1

...mi sembra che anche Revox usasse meccanica Philips sui Lettori Cd

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    296856
    Total Topics
    6521490
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy