Jump to content
Melius Club

gigi60

Riscoperte: Albarry Music pre e finali mono

Recommended Posts

gigi60

Nel 1982/83 circa,nel pieno dell ormone dell' hifi, ho avuto i deliziosi Albarry,poi sostituiti logicamente e dopo decenni ed avere speso decine o centinaia di ......

mi ritrovo adesso ad ascoltare, deliziarmi e godere del loro bellissimo suono e look gli Albarry che avevo 35 anni fa!!!!!

Ed intanto sono arrivato quasi a 60 anni.

Che forse Fabio Sabbatini abbia ragione?

IMG_8919.jpg

IMG_8920.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
bombolink

Non so chi sia Fabio Sabbatini ma gli Albarry sono universalmente apprezzati dagli audiofili di mezzo mondo, un motivo ci sarà ...

Peraltro ci sono in giro dei kit che li migliorano ulteriormente non di poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

@cactus_atomo e ti fanno pure scrivere sul forum con le tue idee, dovrebbero bannarti 😉.

Trovo molto condivisibile la tua posizione e per fortuna del settore non siamo maggioranza. Non c'è stato upgrade più o meno desiderato o indotto che non abbia portato a delle rivoluzioni.

Le caramelle Rossana, pardon gli alberry, sono oggetti molto ben suonanti tornati in auge dopo 30 anni, mica tanti progetti vivono una seconda giovinezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto75

@cactus_atomo si vede che sei un fisico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

@cactus_atomo la tua chiosa mi ricorda la storia del tizio che si comprò un portafogli cosi costoso che non aveva piu nulla da metterci dentro..😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

@Bill non sono d'accordo, molte tecnologie applicate all'hifi hanno conosciuto il periodo d'oro in quel periodo ma il processo di sviluppo tecnologico non ha termine e nel campo dei diffusori i margini di miglioramento sono enormi specie nelle fasce medio economiche. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gigi60

@bombolink 

Fabio Sabbatini scrive qui ogni 10 secondi in tutti i thread,

come fai a non conoscerlo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
gigi60

@cactus_atomo 

La voglia di cambiare viene quando hai la possibilità' di provare a casa tante cose.

Nel 1976/78 avevo cose piccole ma decenti,poi ho preso ARC D 90 B e mi ha sconvolto.

Sostituito poi con ARC D 250,un' altra cosa.

Un anno dopo un amico mi porta da provare Jadis 80,non ancora conosciuti ed importati in Italia,era un ingegnere IBA a Montpellier vicino alla Jadis,e li il mio mito e sogno ARC e' crollato.

Il D 250 in confronto aveva un suono sgraziato e innaturale.Presi quindi i Jadis.

Passato poi a ML 6B e N20,un altro passo importante, con la fonte del sudore e di più' ero arrivato ad avere Sound Lab A1 e sub B1 con 4 coppie di N 20 a ponte,2 per cassa.

Veramente impressionante.

Nel 1990 ho avuto la fortuna/sfortuna di conoscere Be Yamamura,che a breve si era insidiato a casa mia per costruirmi qualche pezzo e poi un impianto completo.

Dopo un mese che ci frequentavamo gli avevo chiesto,care Be,come ti sembra il mio impianto?

Risposta,caro Gianni,suono terribile.

Mi ha distrutto.

Ho venduto tutto e preso un impianto ed aveva ragione,

Fatto un pre e finale 8 telai,push pull di 845,mai visti in italia triodi all' epoca,solo su riviste giapponesi,ed il suo suono non era confrontabile con ML.

Anche diffusore,ha messo un tweeter/supertweeter tad 703 modificato e le sound lab in confronto sembrava non avessero acuti.

Andato via dall' italia per vari motivi ed avendo avuto problemi di guasti,ho venduto tutto e passato al top Audio tekne,meno prestazionale in tutti i parametri ma un pelo più naturale e musicale,poi ANJ e Kondo,ecc,ecc

Sono pero' stato bravo a comprare sempre a prezzi molto buoni e a rivenderli in modo decente

Share this post


Link to post
Share on other sites
giangi68

@Bill non è robetta economica. Il top era top anche 50 anni fa. Se sposti il budget a valori da proletario otterrai dei risultati ben differenti. Oggi puoi comporre un setup decente con meno di 1000 € nei primi ottanta prendevi un rack infimo a non meno di 1.300.000  lire che pochi non erano.

PS il mio tuner Kenwood costava nel 73 575.000 lire, mia madre operaia non li prendeva in un mese...

Share this post


Link to post
Share on other sites
cla71

@gigi60 magari le thrax c mettono del loro a rendere il tutto molto godibile. Le avevo sentite ... 👏🏻
ciao

cla

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bill

Io faccio riferimento al livello del sistema oggetto del 3D

Che poi al giorno d'oggi con un bluetooth Bose e un telefonino si ottengano risultati decenti è innegabile, ma se parliamo di fascia medio-alta credo sia più che attendibile la mia affermazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto75

@gigi60 cavoli quanta bella roba che ti è passata in casa, complimenti!

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
2 ore fa, Bill ha scritto:

sorgente Elcaset

Molto interessante, in anni non sono ancora riuscito a mettere mani su un Elcaset.

Spero di colmare la lacuna :)

Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pepe57

Ciao Gianni.

Ricordo i finali Albarry, l avevo presi in un negozio in Piazza De Angeli a Milano.

Il pre non lo avevo. Ai tempi, con le casse di allora, piuttosto "smunte" in alto (Anllison One) che gli avevo abbinato il risultato non mi convinse poi molto (mi piacevano di più i vecchi nata linea 600). Probabilmente oggi, con casse più performanti il loro carattere timbrico si sposa meglio portando il risultato del sistema ad un equilibrio ed estensione tonale superiori.

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
2 ore fa, gigi60 ha scritto:

La voglia di cambiare viene quando hai la possibilità' di provare a casa tante cose.

Nel 1976/78 avevo cose piccole ma decenti,poi ho preso ARC D 90 B e mi ha sconvolto.

Sostituito poi con ARC D 250,un' altra cosa.

Un anno dopo un amico mi porta da provare Jadis 80,non ancora conosciuti ed importati in Italia,era un ingegnere IBA a Montpellier vicino alla Jadis,e li il mio mito e sogno ARC e' crollato.

Il D 250 in confronto aveva un suono sgraziato e innaturale.Presi quindi i Jadis.

Passato poi a ML 6B e N20,un altro passo importante, con la fonte del sudore e di più' ero arrivato ad avere Sound Lab A1 e sub B1 con 4 coppie di N 20 a ponte,2 per cassa.

Veramente impressionante.

Nel 1990 ho avuto la fortuna/sfortuna di conoscere Be Yamamura,che a breve si era insidiato a casa mia per costruirmi qualche pezzo e poi un impianto completo.

Dopo un mese che ci frequentavamo gli avevo chiesto,care Be,come ti sembra il mio impianto?

Risposta,caro Gianni,suono terribile.

Mi ha distrutto.

Ho venduto tutto e preso un impianto ed aveva ragione,

Fatto un pre e finale 8 telai,push pull di 845,mai visti in italia triodi all' epoca,solo su riviste giapponesi,ed il suo suono non era confrontabile con ML.

Anche diffusore,ha messo un tweeter/supertweeter tad 703 modificato e le sound lab in confronto sembrava non avessero acuti.

Andato via dall' italia per vari motivi ed avendo avuto problemi di guasti,ho venduto tutto e passato al top Audio tekne,meno prestazionale in tutti i parametri ma un pelo più naturale e musicale,poi ANJ e Kondo,ecc,ecc

Sono pero' stato bravo a comprare sempre a prezzi molto buoni e a rivenderli in modo decente

Ciao, 

dispiegamento di mezzi/risorse molto impegnativo, non c'è che dire!

Un percorso durato anni.

Ho visto le fotografie del tuo sistema titolare (credo) con diffusori Montagna ed elettroniche CH Precision e R2R Studer, nulla da dire se non complimenti (soprattutto per il bobinone).

Fatto questo "prequel" in cosa ti senti "scemo"?!

Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
gigi60

Scemo perche' sono innamorato di questo impiantino con gli Albarry,anche se con questi favolosi diffusori Thrax,e potrei convivere con loro per molto tempo,e se penso da quando gli ho venduti ad oggi,il tempo passato,migliaia di ore a provare,tanti soldi andati,ecc,ecc,mi fa un po effetto,mi sembra di essere tornato al punto di partenza,anche se sono stati momenti indimenticabili della mia vita alcune esperienze passate

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto1954

Ma sono gli Albarry da 40 watt o i fratelli maggiori da 100 watt?

Share this post


Link to post
Share on other sites
networkcode
1 minuto fa, gigi60 ha scritto:

Scemo perche' sono innamorato di questo impiantino con gli Albarry,anche se con questi favolosi diffusori Thrax,e potrei convivere con loro per molto tempo,e se penso da quando gli ho venduti ad oggi,il tempo passato,migliaia di ore a provare,tanti soldi andati,ecc,ecc,mi fa un po effetto,mi sembra di essere tornato al punto di partenza,anche se sono stati momenti indimenticabili della mia vita alcune esperienze passate

Io penso che il percorso fatto non sia mai tempo perso, rimane nel bene e nel male come esperienza.

Se poi, come dici e non dubito, ti sei divertito allora quei soldi sono stati spesi bene.

Molte volte fa parte del viaggio avere qualche ripensamento e tornare indietro, ciò di certo non porta a distruggere quello che è stato costruito sino a quel momento!

Sai come la penso riguardo il mondo dell'HiFi, da tecnico disincantato, però qui si tratta di bei momenti passati e, come tali, vanno rispettati!

Alessandro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
alberto1954

@Bill 

I diffusori Stax ricordo dichiaravano una efficenza molto bassa    Non pensavo che l'Audio Research D79   ce l'avrebbe fatta... invece da quello che dici...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gigi60

40 watt

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
3 ore fa, Bill ha scritto:

E' inutile girarci intorno le cose migliore in Hi Fi sono state fatte nel trentennio 60-90

mi par di tornare indietro nel passato quando mio nonno sosteneva che nonostante le guerre affrontate il suo vissuto da giovane era migliore del mio, io ridevo perché mi pareva impossibile, ora col senno di poi per molti versi mi ritrovo a dire le stesse cose alle new generations e sostengo lo stesso per quanto riguarda l' hi- fi.

Non si inventa nulla dall'oggi al domani si può solo perfezionare a piccoli o piccolissimi passi quanto già era stato inventato e mi rendo conto che Valerio ha pienamente ragione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
BEST-GROOVE
4 ore fa, cactus_atomo ha scritto:

mi domando da cosa nasce questa voglia di cambiare,

Enrico  forse tu non sai che @gigi60 è stato uno tra i pochissimi a ricevere  dai padrini come regalo per il suo battesimo una pre e finale McIntosh a valvole,  è nata da li una volta cresciuto la smania di cambiare. xDxD

Share this post


Link to post
Share on other sites
gigi60

Se mi regalavano in ANJ invece dei mc intosh magari cambiavo pochissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
giacomino

@gigi60 Le caramelle Rossana?😅😅🤣😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
gorillone

Certo di soldi ne hai investiti tanti, devi avere una gran passione!

Share this post


Link to post
Share on other sites
FabioSabbatini
5 ore fa, bombolink ha scritto:

Non so chi sia Fabio Sabbatini

Un troll, probabilmente

In questo ambito poi, un troll eretico: sostiene che uno più uno fa due

Non crede ai poteri audio di pecette perette e cremette

Ma il sistemino del post uno non stupisce affatto che suoni meravigliosamente bene

Sarebbe strano se così non fosse

Share this post


Link to post
Share on other sites
alexis

Non c’é il Rotel, non può suonare bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297308
    Total Topics
    6540812
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy