Jump to content
Melius Club

ar3461

buona tavola Bistecca fiorentina, come cuocerla al meglio?

Recommended Posts

maximo
23 ore fa, ulmerino ha scritto:

Tornando in topic, la fiorentina piu' buona che ho mangiato e' stata all'Osteria de'Pazzi

Troppo cara l'Osteria, per quel che offre. Poi personale un tantino spocchioso e antipatico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
ulmerino

@maximo io ci sono stato l'ultima volta un paio di anni fa, mi sono trovato benissimo, 90 euro due fiorentine belle grosse (1kg e 1,4kg)  e veramente buone con contorni e una bottiglia di Chianti...al centro di Firenze non e' male dai...

Tra l'altro erano quasi le 15:00 e ci hanno fatto mangiare senza problemi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
Il 8/11/2019 Alle 22:56, Panurge ha scritto:

Il Chianti, mah...

È sempre il vignaiolo che fa la differenza 

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

E pure l' uva che ci metti. Per non dire dei vitigni migliorativi.

Il Chianti non esiste piu'. Fine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
3 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Per non dire dei vitigni migliorativi.

Questa non l'ho capita Sergio...

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

Volovo scrivere vitigni, scusa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Ho la diffidenza sabauda verso i misciun

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
1 ora fa, Cano ha scritto:

@GianGastone hai scritto vitigni...non capisco il termine...migliorativi 

Scusa ho fatto casino, la formula e' in effetti vitigno migliorativo ossia cosa diversa e alloctona o comunque fuori tradizione per tagliare un vino. Gli specialisti sono i toscani ma ormai anche tutti gli altri. Pratica per rendere affine al gusto del momento oppure indotto il prodotto. Ma a mio parere poi di cosa parliamo? Ma la cosa piu' grave che la legislazione non obbliga a dichiarare cosa c'e' effettivamente dentro se non indicare che c'e' anche altro. In pratica dovrei comprare senza sapere cosa compro. Ora, sei fai conto che essenzialmente i vigneti migliorativi nel Sangiovese sono i Cabernet, Merlot, Petit Verdot, Syrah e non ce ne' uno che mi piaccia...Vale anche per il Sangiovese di Romagna che e' dove vivo. Lo proibirei per legge aanche in purezza a parte rarissime eccezioni (ne conosco tre), per consumo privato e non in vendita. Fa un po' i tuoi conti...

E comunque il Chianti non mi piace, anzi proprio non mi piace il Sangiovese eccetto qualcosa fuori dalla Romagna. I Brunelli mi sono troppo femminei.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano

@GianGastone mah...Sergio 

Il disciplinare esiste poi in quali percentuali li mettono a.mio avviso non ha grande importanza 

Comunque generalmente il produttore lo dichiara, almeno i vitigni presenti 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cano
17 minuti fa, GianGastone ha scritto:

Syrah

Ecco...sarei d'accordo, mai piaciuto 

Mai piaciuto però fino a quando non mi è capitato di bere un Cornas di Thierry Allemand

Forse il miglior rosso che abbia bevuto finora 

Sorprendente 

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone
1 ora fa, Cano ha scritto:

@GianGastone mah...Sergio 

Il disciplinare esiste poi in quali percentuali li mettono a.mio avviso non ha grande importanza 

Comunque generalmente il produttore lo dichiara, almeno i vitigni presenti 

In genere non e' norma scrivere cosa e quanto per sigola tipologia aggiunta, massimo ti scrivono che il miscelone non supera il 15%. E gia' qui a mio parere non ci siamo, poi sempre a mio parere invece ha grandissima importanza. Prendi un Franc, gia' un 3/5% si fa sentire pensa un fino a 15%.

Per non dire dell' accomodante e aggiustante Merlot.

Insomma per farla breve quando acquisto devo leggere molto chiaramante in purezza senza altro. Problema mio naturalemente.

Pero tieni presente che ad esempio nell' Amarone alcuni mettono addirittura il Nebbiolo. Sconcertante.

Poi comunque tra i rossi di mia conoscenza stando in Francia a mio gusto solo e solamente Pinot Noire. Che costando un botto quasi non lo bevo, solo per questo visto che e' straordinario.

Peraltro in Italia compro solo Nebbiolo, taluni Amaroni, rarissimi Rossi di Montalcino, rarissimi Primitivi, il Nerello Mascalese dell' Etna e alcune ancora piu' rare eccezioni di poche altre tipologie come ad esempio il Kurni e il Graticciaia.

Outsider il Rossese. Per paradosso a me che non amo i bianchi di mio gusto ne trovo anche di piu'.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maximo

Magari esistessero soltanto i  migliorativi... Parecchi produttori fanno uso del mosto concentrato

Share this post


Link to post
Share on other sites
maximo
Il 10/11/2019 Alle 09:50, ulmerino ha scritto:

io ci sono stato l'ultima volta un paio di anni fa, mi sono trovato benissimo, 90 euro due fiorentine belle grosse (1kg e 1,4kg)  e veramente buone con contorni e una bottiglia di Chianti...al centro di Firenze non e' male dai...

Difatti questo prezzo per tale quantità mi lascia perplesso...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

40 euro è il prezzo di una costata da un kg di  plebeo (ma ottimo) angus irlandese in una cittadina di provincia subalpina,  Per Firenze e di chianina mi pare un quasi regalo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
maximo

Infatti

Share this post


Link to post
Share on other sites
hitch
4 ore fa, Panurge ha scritto:

40 euro è il prezzo di una costata da un kg di  plebeo (ma ottimo) angus irlandese

@Panurge ottima e ottimo prezzo ma con gli stessi soldi compro circa 4 kg di ottimo diaframma...altro che fiorentina 

Boja fàuss 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

@Hitch naturalmente prezzo  ristorante. Il diaframma è un taglio di terza se non sbaglio, facile farlo diventare una suola.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Turandot

1,6 kg di puro godimento

fi.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost
32 minuti fa, Panurge ha scritto:

Il diaframma è un taglio di terza

@hitch @Panurge la famosa "straecca"...

Share this post


Link to post
Share on other sites
bost

@Turandot bella, per me comunque darei una scaldata ulteriore: la parte interna (per me) troppo cruda...😜😛

Share this post


Link to post
Share on other sites
Turandot

Non posso negare che a me piaccia cruda. 

Alcune volte taglio il controfiletto e ne faccio una tartara. Un filo di olio, pepe e sale. Goduria massima

Share this post


Link to post
Share on other sites
andpi65
Il 10/11/2019 Alle 11:39, GianGastone ha scritto:

proprio non mi piace il Sangiovese eccetto qualcosa fuori dalla Romagna.

Se capiti a Savignano sul Rubicone fatti un giro da Spalletti e prova un Villa Rasponi o,  se lo vuoi in purezza , un Rocca di Ribano .

http://www.spalletticolonnadipaliano.com/it/

Share this post


Link to post
Share on other sites
hitch
2 ore fa, Panurge ha scritto:

Il diaframma è un taglio di terza se non sbaglio, facile farlo diventare una suola

@Panurge di terza scelta perché chi macella le bestie se li pappa prima... Basta saperlo cuocere e si dirà addio alla fiorentina o costata, fidati 😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

Ma io vado matto per i tagli di seconda e terza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

@hitch il quarto anteriore è una miniera

Share this post


Link to post
Share on other sites
hitch

@Panurge guarda che spettacolo 

Screenshot_20191111-180854.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
GianGastone

Ho una lingua di bove proprio ora in pentola. Ci bevo una vino ungherese bianco, vediamo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Panurge

3 o 4 minuti direi, non di più.

Adesso, GianGastone ha scritto:

Ho una lingua di bove proprio ora in pentola

Gran cosa

Share this post


Link to post
Share on other sites
hitch

@Panurge calore violento e un paio di minuti per lato 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    297399
    Total Topics
    6544924
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy