Jump to content
Melius Club

Johnny1982

DNA Stratus ... arrivato impressioni e prove di ascolto ecc ecc

Recommended Posts

marillion

@Johnny1982 Ti do ragione sulle 6080. Ne ho avute diverse coppie (anche telefunken) nei vari anni e non sono molto distanti come suono alle più costose 7236 o 5998. 
Difficile trovare 6080  non rumorose però, specie le NOS

Ho sempre pensato che valga la pena divertirsi più con il tube rolling delle valvole di segnale. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@marillion le avevo prese un po' per curiosità quelle 6080 ... dopo però avevo trovato delle altre coppie di 5998 ... comunque la spesa era bassa per le RCA 6080 ... 40€ quindi ... no problem

Share this post


Link to post
Share on other sites
marillion

@Johnny1982  Sicuramente le 5998 sono valvole più pregiate. Però a 10 volte il costo di una buona coppia di 6080...magari ci si pensa su e per un suono non molto distante.. ci si accontenta. Tutto qui. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@marillion giusto perché le ho trovate a 250€ le 5998 ... a 400€ non le avrei prese sinceramente ... ora ne ho 2 coppie di riserva a conti fatti dovrebbero bastarmi finchè campo ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
marillion

@Johnny1982 le valvole NOS, anche se usate ..stanno raggiungendo cifre proibitive.
Di fatto la maggior parte dei costruttori si stanno “convertendo” a progetti basati su valvole di corrente produzione. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@marillion però anche su progetti basati su valvole non NOS ... capita che li provi con le NOS e puf suonano meglio ... comuqnue le 5998 oramai costano tanto ... però di 6080 a buoni prezzi se ne trovano tante ...

giù le 2A3 , fortuna dovrebbero durare abbastanza ... se no una coppia NOS ti svena

Share this post


Link to post
Share on other sites
marillion

@Johnny1982 2A3, 300b e 845..

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Sempre e comunque, il NOS è inarrivabile. Quello europeo (tedesco, inglese, francese, olandese e in certi casi ungherese ), pur essendo limitato nell'offerta e soprattutto nei numeri è irripetibile.  Ex post, pur con alcuni limiti, anche quello russo aveva qualcosa da dire ma stando su livelli molto diversi

Le moderne interpretazioni sono, nella migliore delle ipotesi, una ripiego spesso mortificante.

@Johnny1982 hai fatto bene a cercarti una raddrizzatrice RCA (pure avallata dal costruttore). Se ti capiterà per un colpo di fortuna una Brimar come quelle fotografate, ti prego di considerarle. 

Se vuoi caratterizzare l'ampli verso tinte rotonde e morbide, la scelta della 2A3 biplacca risulterà vincente. Spero ti possa capitare l'opportunità di provare le monoplacca vere. Sono le 2A3 più simili alle mitiche AD1 TFK come impronta sonora.

In sintesi, hai fatto un salto epocale con questo amplificatore a tubi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u

Il problema delle monoplacca e' che contrariamente alle biplacca (che sono dei muli), sono di salute cagionevole...

Io stesso, in quelle rare occasioni in cui le usavo ero un po' in ansia 😛

Ma su un ampli cuffia, in effetti non c'e' la necessita' di sfruttarle al massimo, bisognerebbe vedere il DNA quanto gli fa dissipare.

Particolare del filamento ad "arpa" delle mie Fivre
 

2A3-2.jpg.e50a439c0d832dcd38f0c395e68af27b.jpg

...simile a quello delle AD1 Telefunken.  :)

AD1-1.jpg.dc9603e4f8e6e9d2d9daf853878a0eea.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

@2slow4u Le FIVRE erano di salute più cagionevole. Le RCA monoplacca, forse, un poco meno anche se gli stress termici in un bulbo così piccolo non erano una passeggiata. 

Devo rimettermi a usare le AD1 TFK. Sono anni che non ne accendo più una. :) 

La magia dei barium tubes devo riascoltarla. Solo a vederle, comprendi come i tedeschi si approcciavano alla progettazione e alla costruzione dei tubi. Qualunque realizzazione americana, sembra più "tirata via" dal punto di vista costruttivo ( e non solo). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u
2 ore fa, mariovalvola ha scritto:

Le FIVRE erano di salute più cagionevole. Le RCA monoplacca, forse, un poco meno


Non ne sono convinto, la Fivre di quegli anni produceva ottimi tubi, secondo me al pari della stessa RCA che gli concedeva le licenze.

E' proprio la struttura ad essere un po' ardita.

Se un tubo cosi' "comune" in breve tempo fu stravolto, un motivo evidentemente c'era, e non era solo economico (produrre la 2A3 originale era semplicemente molto piu' complesso, vedi filamento e struttura di supporto).

La AD1 Tfk, bellissimo tubo, costruttivamente e tecnologicamente.

Si sa, gli americani sono sempre stati un po' cosi'...sono stati i primi, ma lo sono sempre stati anche nella massificazione/riduzione costi. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Mi scuso per l'OT.

Certamente. La struttura era ardida ma la costruzione italiana era sempre più scarnificata. Come indicatore facilmente percepibile basta guardare l'evolversi della riduzione delle miche. Ricordiamoci anche del periodo autarchico.

A tal proposito avevo letto un vecchio articolo di Radio industria del 1936 ( mi pare ) dove si accennava a un problema di congenita fragilità dei filamenti nei tubi FIVRE ufficialmente dichiarata risolta. Ora i filamenti di una 2A3 monoplacca sono realmente sottili se confrontati con quelli  di tutte le altre finali normali (45 e 50). Pur accesa con infinite attenzioni (ma senza Coleman), una mia Fivre, tanti anni fa, durante il normale funzionamento subì la rottura del filamento (dopo alcune ore di accensione). Non mi era mai capitato. Ho acceso e usato quasi tutti i triodi antichi. Dalla RE604 all'AD1 (TFK Philips e Tungsram), le 2A3 monoplacca Cunningham, ecc. Mi successe solo con questa Fivre.

La stessa struttura ad arpa del filamento, costruttivamente era un bel problema. È stata abbandonata nel tempo da tutti i costruttori.  Le AD1 Philips erano più semplici da costruire, Le RE604 TFK non globe avevano un filamento convenzionale ( non erano neppure più dei barium tubes)

I triodi tedeschi simili alla AD1 ( la Ed?) non avevano più queste ricercate strutture . :) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@mariovalvola si ovvio se capita una Brimar a prezzo decente la prenderò volentieri ... la RCA aveva un costo comunque accettabile 60€ ...

in realà quella che ho preso rca non è una 5U4G ma una 5U4GB , leggevo che la 5U4GB puoi sempre sostituire la 5U4G perché da un pelo più corrente mentre il contrario non sempre sia possibile...

speriamo non ci voglia troppo tempo prima che arrivi dalla uk

sono comunque soddisfattissimo di questo ampli ... oltre al costo non certo irrisorio è valsa comunque la pena della lunga attesa ...  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@mariovalvola @mariovalvola le mie RCA sono a 2 plate , questo fine settimana metto un po' di foto sulla mia pagina instagram e le metto poi anche qui ...

da come dite la monoplacca avrei qualche brivido a prenderla :'D anche perché non mi sembravano così facili da trovare e soprattutto non mi sembrano per niente economiche il che potrebbe portare a grossi bestemmioni 

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Quando le 2A3 monoplacca si pagavano 50.000-70.000 lire era un'altra cosa.  :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@mariovalvola mi sa che i prezzi sono saliti di circa 20 volte 😢


secondo me potrebbe essere anche un interessante ampli il nuovo starlett di DNA ... per chi non è interessato alle planari esose ... 


http://www.dnaudio.com/DNA-Starlett-headphone-amplifier.html

Stratus:
1- Winged "C" (SED) 5U4G rectifier
1- Sovtek 6N1P dual triode input/driver tube
2- Shuguang 2A3B directly heated triode power tubes

starlett
6CG7/6FQ7 input/driver tube
6DG6/6W6 triode-wired output tubes
5AR4 rectifier tube

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u
2 ore fa, mariovalvola ha scritto:

Quando le 2A3 monoplacca si pagavano 50.000-70.000 lire era un'altra cosa


Erano comunque gia' ben rare, trovarne una era un gran colpo di... 😛

Share this post


Link to post
Share on other sites
2slow4u
5 ore fa, mariovalvola ha scritto:

una mia Fivre, tanti anni fa, durante il normale funzionamento subì la rottura del filamento (dopo alcune ore di accensione). Non mi era mai capitato.


Son cose che possono capitare col NOS.

A me capito' con una biplacca RCA e con una VT25 WE e con una rara KC3.

Sono incidenti imprevedibili.

Chiuso l'OT, mi scuso anche io.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marillion

@2slow4u è sempre un piacere leggere esperti in valvole. Anche in OT 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
marillion

@mariovalvola vedi sopra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

@Johnny1982 mi daresti, per cortesia, le misure esatte del telaio? Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@mariovalvola quando torno a casa te le prendo ...

l'altezza ovvio varia in base alle valvole che si montano ...

comunque ha dimensioni "importanti" è molto più grosso di come sembra dalle foto

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Grazie ma per altezza intendevo quella del solo telaio. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Johnny1982

@mariovalvola 8 cm altezza più 1cm di piedini

Le altre misure 33 e 43 cm

Share this post


Link to post
Share on other sites
mariovalvola

Grazie mille. Gentilissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Statistiche Forum

    298585
    Total Topics
    6591225
    Total Posts

Facebook

About Melius Club

Melius Club è il ritrovo dei cultori di tutte le passioni sospese tra arte e tecnica, appassionati sempre alla ricerca del miglioramento. Melius Club è l'esclusivo spazio web dove coltivare la propria passione, condividere informazioni, raccontare esperienze, valutare prodotti e soluzioni col supporto attivo della comunità degli appassionati.

Riproduzione audio e video, fotografia, musica, dischi, concerti, cinema, teatro, collezionismo e restauro di preziose apparecchiature vintage: qui su Melius hanno spazio tutte le passioni.

 

 

Il servizio web Melius.Club viene offerto al pubblico da Kunigoo S.R.L., start-up innovativa attiva nel settore Internet of content and knowledge, con codice fiscale 07710391215.
Powered by K-Tribes.

Follow us

×
×
  • Create New...

Important Information

Privacy Policy